Crolla la favola del modello Italia

Altro che «vantaggio» sugli altri Paesi: il green pass ormai è un danno. I contagi fanno saltare il tracciamento, le quarantene e i tamponi non reggono più: allo studio modifiche. Siccome il vaccino non ferma la trasmissione, le nuove restrizioni saranno inutili. Però il governo tira dritto a caccia di capri espiatori: non solo chi non è inoculato, pure chi non ha tre dosi. Scuola nel caos.

(Camilla Conti – laverita.info) – Come uscire dalla tempesta perfetta tra ingorghi dei tamponi, blocco del sistema di tracciamento, Ats impallata, medici di base in ferie e ondata di contagi? Bisogna ridurre i tempi di quarantena per chi ha già ricevuto il booster. L’ipotesi circola al ministero, ed è stata filtrata alle agenzie di stampa ieri pomeriggio: in sostanza, si starebbero ricambiando di nuovo le regole, già confuse. Attualmente la quarantena per un vaccinato venuto in contatto con un positivo è di sette giorni che potrebbero essere ridotti – a tre o cinque – se il vaccinato ha già ricevuto la terza dose. E si starebbe pure studiando come rivedere il periodo di quarantena per chi ha completato il ciclo vaccinale con due dosi.

Con oltre mezzo milione di italiani positivi al Covid e almeno il doppio che si stima siano bloccati a casa per precauzione, ad avere fatto la terza dose è però meno del 30% della popolazione. Di certo, una «riflessione sul numero di persone in quarantena» è stata fatta ieri mattina dal commissario straordinario, Francesco Paolo Figliuolo, con il ministro della Salute, Roberto Speranza. A dirlo è stato ieri lo stesso generale, aggiungendo che «gli scienziati, insieme all’Istituto superiore di sanità, stanno studiando per cercare di capire cosa mettere in campo». Dal ministero è però arrivata la voce del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, che ha preso tempo: «È necessaria una revisione delle regole della quarantena ma non è questo il momento. Credo che sia auspicabile ma probabilmente tra 10 o 15 giorni da oggi», ha detto a Sky Tg24 spiegando che «è verosimile che Omicron sia oltre il 50-60% del virus che circola nel Paese. Con due varianti che circolano nel Paese, la Delta e la Omicron, non si possono togliere le persone dalla quarantena. Bisogna vedere come si comporta la Omicron, bisogna vedere quando e a chi ridurre l’isolamento. Non appena avremo dati più conclusivi, anche le regole sulla quarantena dei bambini, degli alunni, degli studenti si potranno rivedere. Potrebbe essere anche tra sette, dieci giorni, con l’anno nuovo, probabilmente prima della riapertura della scuola». Il Comitato tecnico scientifico, convocato per domani, si esprimerà sulla richiesta di ridurre la quarantena per i contatti stretti che abbiano già ricevuto la terza dose del vaccino. Una decisione dovrebbe arrivare nei primi giorni di gennaio, quasi sicuramente prima della fine della vacanze di Natale. Con il 26% dei contagi tra gli under 20, la vaccinazione ancora in corso – sono stati raggiunti finora 3,7 milioni di ragazzi tra i 12 e i 19 anni, uno su cinque, e 170.000 bimbi tra i 5 e gli 11 anni – e 10.000 classi in quarantena prima delle vacanze, è comunque già cominciato il pressing per un piano per il rientro, dalla gestione dei contatti dei positivi in classe alle mascherine Ffp2 per arginare meglio la circolazione del virus, che i presidi chiedono per tutti, studenti e docenti.

E mentre sulle durata delle quarantene la palla passa al Cts, al coro intonato per primo dall’infettivologo Matteo Bassetti («Deve cambiare tutto, non possiamo contrastare il Covid di dicembre 2021 con gli strumenti normativi del dicembre 2020», ha detto chiedendo di predisporre quarantene solo per i positivi) ieri si sono aggiunti politici e governatori. Ma alzando ancora di più l’asticella. Per Matteo Renzi, la «prima regola è se sei vaccinato non vai in quarantena in caso di contatto con un positivo. Seconda regola: acceleriamo sui vaccini, anche sulle terze dosi, anche senza prenotazioni. Terza regola: se ci sono restrizioni, facciamole solo per i no vax, perché non è giusto che i vaccinati paghino il conto delle scelte dei no vax», ha detto in un video su Facebook il leader di Italia viva. Per la presidente dei senatori di Forza Italia, Anna Maria Bernini, «il problema da affrontare subito è la regola dei tamponi e delle quarantene, che va rivista se non vogliamo che a metà gennaio ci siano milioni di italiani chiusi in casa solo per aver intercettato un positivo. Sarebbe una sorta di lockdown surrettizio in grado di bloccare il Paese», ha aggiunto, «bisogna giocare d’anticipo, e se servono restrizioni, disponiamole solo per i no vax, visto che senza di loro l’Italia sarebbe ancora tutta in zona bianca». Anche in casa della Lega concordano con Bassetti: «Condivido la riflessione
che vada rivista la quarantena per i vaccinati. Massima sicurezza senza bloccare il Paese», ha scritto su Twitter il presidente del Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga. «È ragionevole cominciare a fare una riflessione sulla quarantena per il vaccinato: va rivista», ha detto anche il presidente del Veneto, Luca Zaia. «Riflessione necessaria» anche per il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e per quello della Liguria, Giovanni Toti.

Resta da capire cosa succederà quando riapriranno le scuole. E come gestire le «super quarantene» o le quarantene «base» anche perché dal 10 gennaio scatterà la riduzione a quattro mesi del periodo tra seconda dose e booster, creando un nuovo effetto imbuto nelle prenotazioni. Così come si vedrà se il passo successivo sarà quello di prevedere un super green pass anche per andare a lavorare. Va intanto ricordato che il Fondo per l’indennità di malattia destinato ai lavoratori in quarantena a causa Covid è stato finanziato solo fino al 31 dicembre. Saranno stanziate nuove risorse o si risparmierà cambiando le regole sulle quarantene? Vedremo.

7 replies

    • E perché non Gallera?
      Ci vogliono persone competenti come loro, meglio ancora su in aggiunta turbolento e ladre.
      Pertanto pure Fontana lo promuovere da sgovernatore a ministro della salute.
      E richiamerei Angelino Alfano, attuale presidente del maggior gruppo attivo nella sanità privata, come sottosegretario con deleghe agli investimenti.

      "Mi piace"

      • Perche’ Salvini, a differenza degli altri, si troverebbe piu’ a disagio e farebbe danno in maniera piu’ squarciona. Poi, dopo il primo incidente, qualche decina di morti ed una sommossa di parenti al Ministero della Sanita’ capitanata da Conte, benedetta da Dibba e descritta da T. Merlo. A quel punto trenta malati terminali radunati su Telegram da una mente diabolica e trotzkista si fanno saltare nell’arco 24 ore, uccidento i Mastella, i Giorgetti, l Moratti, gli Onorato, gli SVP, gli Iannone, i Lollobrigida, i consiglieri ARS, i Renzi, Briatore, Sisto, Casellati, Alfano, (in Svizzera pure, massacro in casa Ilva) eccetera. E poi si vende il tutto come NFT.
        L’idea e’ mia e voglio il 5%.

        "Mi piace"

  1. allora avverta subito la Francia che ne sta discutendo per una possibile introduzione
    dopo le feste
    così non faranno il nostro errore mortale

    la Gelmini vede la congiunzione Neutrini con gli Spike come positiva per la terza decade
    solo se in congiunzione con Urano se questo ha casa a Ginevra, per gli altri un poco di sfortuna alle porte

    "Mi piace"

  2. È allucinante.come di fronte ad.ogni problema si sposti l’attenzione su altro. Piuttosto che discutere su come arginare il contagio e sul perché siano fallite le misure di contenimento, si discute di come ridurre le.quarantene, tema tutto socioeconomico che va in contrasto con l’obiettivo.primario. Se si vuole ammettere che Omicron è meno pericoloso, allora.sj riveda l’intero paradigma di.prevenzione, non solo ridurre la quarantena .

    "Mi piace"