Cacciari: “Io strumentalizzato da Rai-Mediaset. Molti medici e giuristi con me”

Cacciari: “Draghi se ne strafotte e pensa solo ai soldi del Pnrr. Covid in mano a partiti litigiosi che non contano più un cazzo”

(Alberto Maggi – affaritaliani.it) – “Massimo Cacciari non parla più di Covid. Sono stufo di farmi strumentalizzare da giornali e tv, da questa Ansa di Stato. Ormai è impossibile in Italia fare una discussione tecnica, impossibile. A questo punto parlino gli scienziati”. Affaritaliani.it contatta l’ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari per un commento sul Super Green Pass appena varato dal governo e la sua reazione è netta. Chiara. Categorica. Cacciari è stanco di come le sue parole vengano strumentalizzate dai media.

Chi l’ha delusa di più? La Rai? Mediaset? La7? “Tutti, indifferentemente. Rai, Mediaset, tutti. Chi più e chi meno, con pochissimi giornalisti, una minoranza, che si rendono conto del delirio in cui viviamo. Ma non hanno voce. Abbiate pietà di me, basta”.

Il filosofo critico verso il Green Pass e i provvedimenti del governo per arginare la diffusione del Covid aggiunge: “E’ diventato impossibile discutere con chi comanda in questo Paese, prendiamone atto. Basta. E quindi parlino gli esperti e gli scienziati. Io di Covid non parlo più”.

Il Pd, un tempo il suo partito, è il più convinto nelle restrizioni contro il Covid… “Il Pd è sempre lo stesso, con Draghi Gentiloni Mattei. Una forza di governo, qualunque sia il governo”. E Salvini che ha accettato il Super Green Pass anche in zona bianca? “Fatti suoi, non mi è mai interessato niente di Salvini e non ho mai avuto nulla a che fare con lui”.

Poi l’ex primo cittadino di Venezia aggiunge: “Non riesco più a stare dietro alla quantità di mail e di messaggi di appoggio che mi arrivano ogni giorno da parte di virologi, medici, giuristi. Il prossimo 8 dicembre ci riuniamo di nuovo – dopo l’incontro dell’11 novembre scorso a Torino – e creeremo un centro di informazione. Parleremo solo da quella fonte con pareri tecnici di scienziati. Sono anni, ripeto anni, che denuncio la deriva dell’accentramento dei poteri, lo svuotamento del Parlamento e l’esecutivo che di fatto diventa legislativo senza alcuna distinzione di poteri. Una crisi della democrazia in atto da almeno vent’anni che si sta oggi evidenziando in tutta la sua gravità, come hanno spiegato molti filosofi, a prescindere dal Covid. Ma visto che ormai esiste solo il virus, parlino gli scienziati“.

Che cosa pensa del premier Draghi? L’ha delusa? “Draghi se ne strafotte, lui pensa a gestire i 250 miliardi di euro in arrivo dall’Europa. Con i suoi tecnici pensa solo a come non perdere e a come spendere i soldi del Pnrr. E di quello dovremmo parlare. Il Covid viene gestito da qualche ministro con i partiti che litigano tra loro e che non contano più un cazzo. Poveri noi”, conclude Cacciari.

19 replies

  1. NO CARO CACCIARI. TI SBAGLI. I PARTITI , PURTROPPO CONTANO PERCHE’ , PURTROPPO, ANCORA TUTTO PASSA ATTRAVERSO QUELLI , ANZI I LORO GRUPPUSCOLI DIRIGENTI , CHE HANNO MONOPOLIZZATO IN MODO ESCLUSIVO LA VITA POLITICA DELL’INTERO PAESE.. P U R T R O P P O CONTANO, ANCHE SE ORA NON SONO PIU’ NIENTE NEL SENSO DI COMUNITA’ ORGANIZZATA DI PERSONE CON SIMILI PROSPETTIVE POLITICHE E PROGRAMMATICHE.

    Piace a 1 persona

  2. E la 7 ??? E Sky?? Tutti uguali… tremendamente e criminalmente una voce unica, un coro di incompetenza guidato da una mano invisibile
    Quindi è normale che chiudano i tg… sono tutti uguali , ne basta e avanza uno!!

    Piace a 1 persona

    • Voi benedetti dal siero sapete solo vomitare insulti e scoreggiare qualche dato inventato…mai una risposta scientifica baciata dal sacro dubbio??!! Solo certezza preconfezionate da quattro medici e centinaia di burocrati!! Questa si che è scienza…. talmente scienza che si ritrasforma in religione!! Già visto e sentito….ma voi la storia l avete almeno letta??

      "Mi piace"

      • Il dubbio , anche sistematico va bene, ne sono un cultore, ma ad un certo punto la situazione ti porta a dover decidere.

        "Mi piace"

  3. Mille volte grazie a Cacciari , che insegna a non genuflettersi al potere che schiaccia la liberta’ e annulla la volonta’. Una dittatura della scienza a senso unico, nessun contraddittorio.Silenzio sui morti e reazioni avverse dei vaccino, appena piccoli inciampi di percorso.

    "Mi piace"

    • sto ancora attendendo che siano mostrate le cataste di cadaveri e i centri medici
      pieni di persone debilitate dalle mitologiche reazioni avverse (che ci sono, solo gli stupidi
      affermerebbero il contrario, ma sono qualità e quantità ben differenti da quelle che fa supporre lei)
      che si sono avuti a seguito delle 7.576.591.513 dosi di vaccino somministrate

      se i decessi fossero anche solo lo 0.01% farebbero (con 2 dosi a persona) 378.829 decessi
      praticamente un poco più di quelli avvenuti in Russia (266.337) e in Italia (133.537) per covid da inizio pandemia

      fortunatamente la percentuale probabilmente è minore dello 0.0001% (stima, non valore sicuro)
      così a caso, publichealthontario.ca – covid-19-aefi-report – Adverse Events Following Immunization
      riporta 3.8 casi di eventi “Serious” ogni 100.000 dosi somministrate
      ma evento serio non corrisponde necessariamente alla morte del paziente, infatti i decessi sono stati 8
      non mi è noto lo stato di salute pregressa dei deceduti, quindi non lo posso riportare

      Piace a 2 people

      • Uno dei pochissimi interventi con dati precisi e fonti oggettive. Gli altri sono tutti un press’apoco , oppure “ho sentito che…”, “il professore di vattelapesca dice…..”

        "Mi piace"

      • Marco Boh,

        con questo post hai dimostrato ampiamente quel che sei.

        Un miserabile.

        ”e i decessi fossero anche solo lo 0.01% farebbero (con 2 dosi a persona) 378.829 decessi
        praticamente un poco più di quelli avvenuti in Russia (266.337) e in Italia (133.537) per covid da inizio pandemia”

        Cioé secondo te i morti sarebbero irrilvenanti, cosa sarà mai, più o meno Hiroshima e Nagasaki messe insieme.

        Non sai nemmeno quale sia la differenza di rischio tra gente sotto i 20 anni per il COVID e per il vaccino, fai un tutt’uno perché sei un cialtrone e non differenzi tra fattore di rischio per gente sotto i 20 o sopra gli 80.

        La % dei morti sotto lo 0,0000000000001% te la inventi te ovviamente, perché non capisci niente di cosa sta accadendo.

        Ma che te lo dico a fare. La stessa AIFA ha raccolto oltre 100.000 reazioni avverse e oltre 500 morti.

        Più oltre 12.000 reazioni gravi.

        Eppure, per te sono rari come il Gronchi Rosa.

        Segno che tu, a parte che postare compulsivamente non conosci anima viva, perché personalmente ho visto ben 5 casi di reazioni avverse gravi, di cui due mortali.

        E non conosco una città intera.

        Ti dovresti vergognare, ma che te lo dico a fare?

        "Mi piace"

    • Lo svuotamento di poteri del Parlamento non è mica stato ordinato dal medico.
      È il Parlamento in pieno autonomia che rinuncia alle proprie prerogative le quali rimangono lì intatte e inalterate perché nessuno le ha tolte di mano ai nostri rappresentanti alla Camera e Senato.
      Il problema, semmai, è la qualità scadente dei nostri eletti che rinunciano a svolgere il loro ruolo di proposta e controllo dell’esecutivo, preferendo lasciare mano libera ai premier diventando solo dei ratificatori.
      Ma qui la colpa è di chi li ha portati in parlamento. Cioè nostra. Vedremo di far meglio al prossimo giro.
      Che c’entrano gli scienziati che fanno il possibile per affrontare il virus?
      Cacciari si faccia un partito se vuole un ritorno alla centralità del parlamento, non qualcosa che assomiglia ad un assembramento di novax.

      Piace a 2 people

  4. non ho capito che servono i giuristi in ambito medico
    il virus trema difronte alle loro elucubrazioni? dubito
    ci aiutano a superare le problematiche di salute che esso comporta? sono sicuro di no
    quindi, personaggi utili come un martello per unire dado e vite

    sui medici che si alleano con Cacciari, ogni categoria ha i suoi elementi che devono fare in modo di qualificarsi
    come originali, in questo caso però c’è il serio rischio, vista la grande fascia di persone catalogate
    come giovani anziani, anziani e grandi vecchi, che facciano dei danni ai loro assistiti, tradendone la fiducia.
    purtroppo la fucilazione in pubblica piazza è stata abolita
    e la gogna, previa implumatura con pece, è in disuso.

    "Mi piace"

    • Anche qui, eh?

      Ti dò una notizia: la scienza dà i mezzi, poi è la POLITICA che decide se e COME usarli.

      Vedi bomba nucleare.

      Ma uno come te può essere davvero così ottuso, o ti diverti a sembrarlo?

      La gogna dovrebbero farla fare a gente come Gallera, Fontana e i medici che hanno contato balle prima sulla non pericolosità del COVID e adesso vogliono vaccinare tutto il mondo, con la stessa cieca e idiota sicumera.

      Insomma, quel tipo di non pensiero che piace tanto a te.

      "Mi piace"

  5. Mi capita a volte di essere d’accordo con Cacciari e questa è una di quelle. Però, il professore filosofo dovrebbe dedurre dalle proprie furiose reazioni che le tv non sono veicolo d’informazione ma di volgare propaganda governativa se non rappresentante d’interessi corporativi d’alto lignaggio. Lui invece da questi mezzi è lodato ,riverito e spesso ospitato per rappresentare lo status quo,non chi si oppone.

    "Mi piace"

  6. Questo è uno degli scienziati che non piacciono al bolognese con la testa a tortello:

    di Alessandro Mantovani – Il Fatto Quotidiano) – Tra gli studiosi più perplessi sulle vaccinazioni dei bambini c’è Antonio Cassone, membro dell’American Academy of Microbiology ed ex direttore delle Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità. Come molti suoi colleghi ha sollevato dubbi sul trial di Pfizer-Biontech per i numeri troppo esigui.

    Non c’erano bambini a sufficienza?

    Questo non può essere. Un anno e mezzo fa c’erano frotte di adulti che finivano in ospedale e morivano. Pfizer e Biontech fecero un trial con 15 mila vaccinati e 15 mila placebo, poi sono arrivati a 30 mila vaccinati. Noi abbiamo creduto ai dati perché c’era potenza sufficiente nello studio. A maggior ragione avrebbero dovuto fare un buon trial con i bambini, di cui ben pochi vanno in ospedale.

    Perché non l’hanno fatto?

    C’è stata pressione, forse, sugli enti regolatori, forse anche dai genitori. Proteggiamo i bambini perché vadano a scuola e consentano ai genitori di andare al lavoro. Sono benefici reali. Lo studio del New England Journal of Medicine parla di 1.550 vaccinati e 750 con il placebo, più altri 500 soggetti ancora sotto esame. Circa tremila. Hanno visto una buona efficacia, nessun effetto collaterale grave e hanno detto ‘andiamo avanti’. Negli Usa ci sono molti meno adulti vaccinati che da noi: il terrore è che se il virus circola molto tra i bambini si rischia di infettare gli adulti. Dimenticano che gli adulti si ammalano, hanno più virus e spesso infettano i bambini. La Food and drug administration (Fda) degli Usa è un ente molto serio, ma ci chiediamo il perché di tanta fretta. Facendone così pochi hanno avuto tre casi di malattia tra i vaccinati e 16 nei placebo. Ma è solo una stima media dell’efficacia, c’è un intervallo di credibilità statistica: dal 60 al 97%. Nella realtà può essere più alta o anche molto più bassa. Secondo punto è la sicurezza: 1.550 vaccinati sono pochi per vedere un effetto collaterale grave che potrebbe essere uno su mille; devi averne almeno due-tremila.

    Hanno preoccupato molto miocarditi e pericarditi tra i ragazzi dai 12 anni in su. Quante sono state?

    Sono state osservate negli adolescenti maschi vaccinati soprattutto fra i 12 e i 16 anni: una ogni cinquemila per lo più dopo le seconde dosi; secondo alcune statistiche anche meno, molto vicino a uno a mille-duemila. Ma i bambini da 5 a 11 anni potrebbero essere meno sensibili, non lo sappiamo, né conosciamo il rischio di altri effetti avversi gravi. Il trial non li esclude, siamo tutti d’accordo, anche l’editore di Science che però dice ‘andiamo avanti’. Non si è rispettata la regola secondo cui la sperimentazione si fa con numeri che diano certezze sul rapporto rischi-benefici. In emergenza si può anche accettare un rapporto rischi-benefici appena favorevole, ma si deve sapere qual è. Qui non si sa. Hanno preso un rischio, può essere che sia ragionevole e andrà tutto bene. Il produttore poteva fare altri 5.000 soggetti, il tempo ci sarebbe stato, mi meraviglia che non lo dicano i pediatri.

    Andrea Crisanti ha detto che presto avremo i dati da Israele, anche stavolta il vero trial è quello?

    Non è un trial, stanno vaccinando e basta. Ma Crisanti ha ragione. Per Natale dovremmo sapere qualcosa in più.

    Qui sembra che non inizino prima perché mancano le dosi pediatriche.

    Se aspettiamo qualche mese è un fatto positivo. Anche Silvio Garattini (Istituto Mario Negri, ndr) dice di aspettare.

    Secondo l’Iss in Italia abbiamo avuto 5.800 under 12 in ospedale per Covid-19, 119 in terapia intensiva e 19 deceduti. Sono bambini con altre patologie? Quali?

    Non è specificato. Sono patologie che abbassano un po’ le difese immunitarie. Possono essere patologie cardiache o renali, altre malattie croniche, diabetici, obesi… Anche l’Iss dice che molti sono bambini con fattori di rischio grave.

    Il presidente della Società di pediatria tedesca, Jörg Dötsch, consigliava di vaccinare solo i bambini più fragili.

    Anche Danimarca e Svezia, che vaccinano i bambini molto più di noi, non volevano dare adesso il vaccino agli infradodicenni. È senz’altro corretto vaccinarli se hanno fattori di rischio.

    "Mi piace"