Polo anticancro presso l’ospedale di Sant’Agata de’ Goti (BN)

(di Angelo Agrippa – corrieredelmezzogiorno.corriere.it) – Nel corso di una riunione convocata dal presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca sul potenziamento dell’ospedale di Sant’Agata de’ Goti con il sindaco di S. Agata, Sebastiano Riccio, il presidente di Confindustria Benevento, Oreste Vigorito, il direttore del Dipartimento Salute della Regione, Nino Postiglione, i direttori generali del’Azienda ospedaliera San Pio, Mario Ferrante e dell’Asl di Benevento, Gennaro Volpe è stato non soltanto confermato quanto già previsto dal decreto 41/2019, quindi il mantenimento di tutte le funzioni già attivate con gli attuali 96 posti letto e l’attuale Pronto Soccorso. Ma soprattutto che l’ospedale sarà potenziato con l’istituzione del Polo per le patologie neoplastiche in collaborazione con l’Istituto Tumori Pascale e con il professore Paolo Ascierto. «Sarà istituito il polo della riabilitazione per lungo degenze dotato di tutte le più moderne tecnologie. Sarà attivato il day surgery e il week surgery per tecniche chirurgiche relative ad attività di media intensità — è stato comunicato dalla Regione —. Nei piani superiori dell’ospedale, a cura dell’Asl, saranno realizzate le strutture dell’Ospedale di comunità e della Casa della salute, con poliambulatori e la centrale operativa e Guardia medica. Nel corso della riunione, in relazione anche all’ospedale di Sant’Agata, è stato confermato il finanziamento della Regione per la Fondovalle Isclero, per migliorare e potenziare i collegamenti tra la Valle Caudina e la Valle Telesina».