Autonomia differenziata, il cadavere riesumato da un blitz della Lega

(CLAUDIO MARINCOLA – quotidianodelsud.it) – Accompagnata all’uscita dalla porta principale, l’autonomia differenziata è pronta a rientrare dalla finestra. Con il solito blitz leghista è riapparsa sotto forma di disegno di legge, un collegato alla nota di aggiornamento al Def. Un fantasma pronto a riprendere forma tutte le volte che il fanatismo elettorale lo richiede.

Ma questa volta sotto le sembianza del “federalismo spinto” ci potrebbe essere dell’altro. La scappatoia esistenziale di una parte del Carroccio. Le bandiera del popolo padano sono rimaste negli armadi, basterebbe spolverarle e riportarle in piazza per tornare alle origini.

Il blitz è stato ispirato dai soliti governatori oltranzisti, il lombardo Attilio Fontana e il veneto Luca Zaia e con la benedizione di Giancarlo Giorgetti. Una rete di protezione in vista del possibile flop alle amministrative. Il dopo Salvini insomma è già cominciato. Se il sogno di una Lega sparsa su tutto il territorio nazionale sfuma, come dicono i sondaggi, si torna all’antico.

Salvini, dicono le malelingue, si è esposto nella difesa del suo ex digital-guru Luca Morisi per non lavare i “panni sporchi”. La caduta dal podio è vicina. Ed ecco allora rispuntare il vecchio disegno, i confini segnati dal sacro fiume Po, l’occhio strizzato agli elettori delle regioni del Nord, la resurrezione del bossismo, come raccontato da questo giornale qualche giorno fa.

FEDERALISMO AD OROLOGERIA

La riesumazione dell’autonomia differenziata, dunque, come effetto collaterale. La Lega che si slega. Ed ecco che, depotenziato dalla crisi sanitaria, logorato dal protagonismo dei governatori, il federalismo ad orologeria si materializza nella sua forma più estremista. La versione già bocciata del primo governo Conte. L’interpretazione più talebana dei criteri di attuazione dell’articolo 119 della Costituzione.

Un nuovo assetto federale per regolare il rapporto economico-finanziario tra lo Stato e le autonomie territoriali. Che vuol dire superamento del sistema di finanza derivata, maggiore autonomia di entrata e di spesa agli enti decentrati. E al diavolo i princìpi di solidarietà, riequilibrio territoriale e coesione sociale che dovrebbero guidare tutte le scelte del PNNR secondo i dettami Ue.

Non c’è da stupirsi se ancora una volta l’attenzione dei governatori e della Lega – ma non solo – riguarda la parte economico-finanziaria dell’autonomia differenziata. La legge n. 42/2009 ha introdotto il principio di territorialità per regolare l modalità di attribuzione alle Regioni del gettito dei tributi regionali e delle compartecipazioni al gettito. Ed è questo che fa gola, la possibilità di tener conto del luogo di consumo, localizzazione dei cespiti, prestazione del lavoro, residenza del percettore. In una parola la fiscalità regionale, ovvero la fiscalizzazione dei trasferimenti statali alle Regioni e alle Province.

Attuare il federalismo per i leghisti di ieri e di oggi – detto in soldoni – ha sempre voluto dire questo: incassare i dané e tenerseli in cassaforte considerando propri anche quelli destinati alla perequazione. Da qui la richiesta di rideterminare l’aliquota dell’addizionale regionale Irpef per garantire alle Regioni a statuto ordinario entrate corrispondenti ai trasferimenti statali soppressi. Ciò che prima ti veniva passato per trasferimento dallo Stato si può trattenere a monte.

A pensarci bene non è molto diverso dal principio declinato in ambito sanitario con il decreto legislativo n. 68 del 2011. E i risultati sono, purtroppo, sotto gli occhi di tutti; disparità di trattamento, disuguaglianza, assenza di medicina territoriale, ospedali tagliati, trattamenti economici differenziati, migrazione sanitaria, viaggi della speranza etc, etc.

Da giorno in cui la Lega ha iniziato a cavalcare quella che doveva essere la tigre dell’autonomia poco o niente s’è fatto. Arranca la determinazione dei fabbisogni standard, indicatori tratti da una banca dati, informazioni che provengono dal territorio per costruire un meccanismo perequativo. Non si riesce a dare forma e contenuto ai Lep, i livelli essenziali delle prestazioni previsti dal Pnrr: per farlo bisognerà aspettare almeno fino al 2026.

In compenso, come se nulla fosse, si torna a parlare del luminoso destino che attenderebbe le regioni del Nord pronte ad affrancarsi dal centralismo cristallizzante. Il solito tormentone, la solitaria accelerazione di un partito in crisi di identità. Il ritorno a scoppio ritardato di un modello che lo stesso Salvini aveva riposto nel guardaroba tra gli abiti dismessi. Indumenti logori, lisi, già usati.

Le iniziative assunte ormai vari anni fa, in un altro clima politico e sociale, in un’altra Italia, da alcune Regioni, in particolare Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna spacciate per atti di fondazione. Referendum-farsa ai sensi dell’articolo 116, comma 3, della Costituzione.

COME FINIRÀ?

In passato blitz di questo tipo si sono conclusi con un nulla di fatto. E così dovrebbe essere anche questa volta. Tanto più che una bocciatura netta al disegno leghista è arrivata anche dagli esperti nominati dalla ministra agli Affari regionali, Mariastella Gelmini.

Una commissione di docenti, giuristi e tecnici che ha giudicato il passaggio di alcune competenze, come ad esempio l’istruzione, impraticabile. Anche perché l’impianto generale scelto per il riconoscimento dell’autonomia differenziata dovrà essere uguale per tutti. E invece i percorsi per arrivare all’autonomia sono molto diversi fra loro.

RISPOLVERATE LE PRE-INTESE

Nella scorsa legislatura furono firmati tre accordi separati. In realtà pre-intese senza alcun valore giuridico dall’allora segretario Gianclaudio Bressa, esponente del partito democratico.

Una strada diversa è stata invece quella scelta dall’ex ministro agli Affari regionali, anche lui dem, Francesco Boccia, un sistema di legge quadro, la definizione di un perimetro entro il quale declinare le varie forme di autonomia. Poi la Pandemia ha smontato tutto, messo a nudo le crepe, smascherato gli egocentrismi, i personalismi gli sprechi e le inefficienze proprio delle regioni e dei governatori che più di altri agitavano il vessillo dell’autonomia.

LO SCONTRO CON FICO

Fin qui il passato e anche il presente, con l’ultima recente riesumazione ad uso interno leghista. Con il sospetto che questa volta intorno al tema del federalismo si possa costruire una sorta di alleanza.

L’asse Giorgetti-Gelmini è cosa fatta (e non promette nulla di buono). Vorrebbe saldarsi con un fronte moderato al quale si sta avvicinando sempre di più Luigi Di Maio, il ministro sempre più stressato dai conflitti del M5S, sempre più insofferente all’alleanza con il Pd. Lo scontro con Roberto Fico a Napoli, il sostegno ai “propri” candidati lo tiene molto più occupato delle questioni internazionali, uno scontro che va oltre l’orizzonte stretto delle prossime elezioni amministrative.

Il regionalismo differenziato potrebbe essere contropartita per un accordo più ampio che taglierebbe fuori Giuseppe Conte. Il regionalismo differenziato come contropartita. Un negoziato scellerato sulla pelle del Mezzogiorno.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

4 replies

  1. Riesumata la secessione dei ricchi: così Draghi premia la “Lega nordista”

    Riesumata l’autonomia differenziata. Voto di scambio. Il federalismo dei soldi non c’era nella Nadef entrata in cdm: è stato aggiunto dopo. Un gentile omaggio a Giorgetti, Zaia, Fedriga e Fontana. Dono elettorale agli anti-salvini. La Nadef. Nella versione finale torna l’autonomia, assente nella bozza entrata in Cdm: il favore a Zaia, Giorgetti & C.

    (di Marco Palombi – Il Fatto Quotidiano) – Mercoledì Luca Zaia era a Gambellara, in provincia di Vicenza, a spiegare ai suoi sostenitori che sull’autonomia per il Veneto “abbiamo due riunioni importanti in Regione questo fine settimana, poi la prossima settimana penso di essere a Roma”. In quelle stesse ore il Consiglio dei ministri aveva analizzato la Nadef, la Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza, ovvero il testo in cui il governo dice al Parlamento e al Paese tutto quel che vuole fare. E qui torniamo a Zaia: nel testo entrato in Cdm e di cui tutti hanno scritto il giorno dopo non c’era traccia dell’autonomia; in quello che giovedì pomeriggio è stato pubblicato sul sito del Tesoro, invece, il primo tra i provvedimenti collegati alla prossima legge di Bilancio è il ddl “Disposizioni per l’attuazione dell’autonomia differenziata di cui all’articolo 116, comma 3, Cost.”. E sempre giovedì, ancor prima della pubblicazione della Nadef, il presidente veneto spiegava che “Draghi sa che autonomia è assunzione di responsabilità: Draghi è un presidente che punta alla responsabilità, se vuole fare lotta agli sprechi deve puntare all’autonomia”.
    Tradotto: torna la “secessione dei ricchi” che fu quasi approvata sotto il Conte 1 (governo gialloverde) per poi rallentare nel successivo esecutivo guidato dal professore grillino. La pandemia e le pessime prove delle Regioni nel garantire il diritto alla salute ai loro cittadini – Lombardia su tutte – parevano aver definitivamente archiviato la pratica, ma – un po’ come il cuore – la politica ha le sue ragioni che la ragione non conosce.
    Quella che ha spinto Mario Draghi a inserire al primo posto tra gli impegni del suo governo l’autonomia differenziata, a ben guardare, ha però più a che fare coi rapporti di forza che coi sentimenti: è la libbra di carne che il premier paga alla Lega nordista che gli ha fatto il discreto favore di uccidere politicamente Matteo Salvini. Ora, giubilata la forza “lepenista” nazionale, bisogna che gli alfieri del federalismo degli sghei e dei danè abbiano qualcosa da vendere al confuso corpaccione del partito che fu di Bossi.
    Per capire a che punto è la partita serve un breve riassunto. Nel 2017 Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, sulla base della confusa riforma del Titolo V del 2001, avanzarono delle proposte di “autonomia differenziata”: le due Giunte leghiste hanno di fatto chiesto di poter decidere da sole su tutte e 23 le materie indicate dalla Costituzione (Stefano Bonaccini è stato leggermente più moderato), ovviamente pretendendo anche i relativi finanziamenti. Una secessione di fatto dei territori più ricchi che finirebbe per impoverire le altre Regioni e, soprattutto, il governo centrale.
    La faccenda in questi anni s’è arenata su un fatto non da poco: la (pessima) riforma del 2001 non ha disegnato una procedura per devolvere i poteri. In questo caos, il governo Gentiloni firmò un (pessimo) pre-accordo con le tre Regioni senza dire come implementarlo; il Conte 1 provò la (pessima) strada di considerare le intese finali identiche a quelle tra lo Stato e le religioni; il Conte 2 immaginò la via di una più equilibrata “legge quadro”, approvata anche in Conferenza Stato-Regioni, che però non vide mai la luce; oggi il governo Draghi parla di un “ddl Disposizioni per l’attuazione dell’autonomia differenziata”.
    In attesa del testo (“non ce n’è ancora uno condiviso”, dice Zaia) i segnali non sono buoni. Intanto a gestire la partita c’è oggi la lombarda Mariastella Gelmini, ministra degli Affari regionali, favorevole all’autonomia differenziata come richiesta dalla sua Regione, quella guidata da Attilio Fontana. Indizio ancora peggiore è che poche settimane fa l’esecutivo ha deciso di distribuire i 5 miliardi del Fondo di perequazione per le aree svantaggiate senza definire prima i cosiddetti “livelli essenziali delle prestazioni” (Lep): non si possono fare, ha detto il Tesoro, benedetto dalla ministra per il Sud Mara Carfagna.
    Il problema è che la Costituzione vigente prevede, prima di devolvere alcunché, proprio di definire i Lep su assistenza, trasporto pubblico e norme generali sull’istruzione (quelli in materia di salute, i Lea, esistono già): senza quelli, i diritti dei cittadini italiani cambieranno a seconda della loro zona di residenza ancor più di quanto non accada già oggi. Quale temperie migliore per far passare una fregatura del genere di quella del governo di tutti?

    Piace a 1 persona

  2. Qui arriveremo a rimpiangere il “deficiente”, tanto più se è vero il capo dei “controlloridaldidentro” si appresta all’ennesimo tradimento (in questo caso verso gli interessi della sua terra, superato – sic! – anche dalla Carfagna!) inciuciando con il secessionista Giorgetti. In ogni caso, siamo fottuti.

    "Mi piace"