Il giurista Celotto: “I no vax possono essere esclusi dal servizio sanitario nazionale”

(affaritaliani.it) – Il green pass “va dato soltanto a chi ha completato la profilassi o a chi è guarito”. E’ il parere di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica di Roma, espresso in un’intervista a Il Messaggero: “Senza la vaccinazione di massa, pensare di convivere con il virus è una pia illusione”, dice Ricciardi, il quale sostiene che “la bassa endemia la otterremo quando avremo il 95 per cento dei vaccinati”.

COVID, RICCIARDI: “LA PANDEMIA FINIRA’ NON PRIMA DEL 2024”

“Bisogna ridurre la circolazione virale e interrompere la catena di contagio comunitaria. Non si devono registrare casi almeno per un certo periodo di tempo. Ma è una lotta continua, non possiamo abbassare la guardia”, sostiene Ricciardi, il quale prevede che “la primavera del 2022 può essere una tappa importante per i paesi ricchi. Ma è chiaro che rimangono scoperti i paesi poveri, e allora di questo passo la pandemia finirà non prima del 2024. Mentre si allestiscono decine di miliardi di dosi di vaccini, c’è il rischio di una variante che li buca”. 

COVID, SI FA STRADA L’IPOTESI DI ESCLUDERE I NO VAX DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Nel frattempo si fa strada anche l’idea di escludere i no vax dal servizio sanitario nazionale. ”Appare ormai chiaro ai più che l’unica risorsa che abbiamo a disposizione per sconfiggere il Covid è la vaccinazione. Purtroppo, una agguerrita minoranza della popolazione rischia di mettere a repentaglio l’obiettivo dell’immunità di gregge, raggiungibile solo se l’80% dei cittadini si immunizza. Mi sono già detto favorevole, più di una volta, all’obbligatorietà del vaccino, ma ad ogni obbligo deve corrispondere una sanzione per mancato adempimento. Quale la più opportuna per chi, coi propri comportamenti mette a rischio la salute di tutti? Una risposta l’ha data il costituzionalista Alfonso Celotto: l’esclusione dal servizio sanitario nazionale, garantendo solo le cure urgenti ed essenziali”. Così Franco Dal Mas, senatore di Forza Italia, componente della commissione giustizia. “E’ vero, secondo la Carta, la salute è un diritto dell’individuo, un diritto che però vale come l’obbligo, di stesso rango costituzionale, dell’adempimento di doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale, come appunto la vaccinazione. E allora la strada può dirsi tracciata, ove necessario, per evitare nuove morti e chiusure, abbiamo lo strumento, i vaccini, ed anche la pena per chi non lo usa, l’esclusione dal servizio sanitario nazionale. Alla politica, adesso, il compito di prendere decisioni coraggiose”, conclude Dal Mas. 

53 replies

  1. Il giurista Celotto: “I no vax possono essere esclusi dal servizio sanitario nazionale”

    "Mi piace"

  2. Non sono d’accordo con l’idea del giurista, però voglio far notare ai no vax che le avete frantumate da mesi col cherry picking sui competenti.
    Ogni volta che un giurista affermava cose tipo “i dpcm sono illegali”, era tutto uno spammare tale opinione come prova provata che fosse vero: se lo dice un giurista vuol dire che è vero!!!
    Ribelliamoci!!! Le ghigliottine!!! Libertààààààààààààààààà!!!

    Sarebbe anche ora di capire che una rondine non fa primavera, soprattutto quando si parla di medici/scienziati.

    "Mi piace"

    • sarebbe l’ora di capire che un diritto costituzionale non è abrogabile con un DCPM, anche. O ti sfugge qualcosa?

      "Mi piace"

      • Vai in procura a denunciare, con le tuo prove inconfutabili, e chiedi un risarcimento danni per i tuoi diritti costituzionali violati illegalmente.
        Che stai aspettando?

        "Mi piace"

      • E chi ti dice che non l’abbia già fatto, ‘guido’?

        O pensi che l’italia sia fatta da persone da 4 soldi come te?

        "Mi piace"

      • Eh, ma il sig. (sic) Guido è uno che si balocca coi sillogismi, a suon di bombe atomiche e cinture di sicurezza, mica ha tempo da perdere di andare in Procura a denunciare i gagé no-vax per tentata strage! Lui è una persona seria e ci cazzia qui su Infosannio facendoci un cul0 così dalla sua cameretta…

        "Mi piace"

      • E quando ci sarà il maxi processo ai dittatori che ti hanno privato illegalmente dei tuoi diritti costituzionali?

        "Mi piace"

      • @SM notizia di ieri:
        La cugina di un vostro conoscente…
        Morta di crepacuore….
        Queste storielle da quattro spicci stanno diventando ripetitive e rilanciate solo dai miserabili propagandisti del fronte free virus.

        Come si chiamerebbe la deceduta.
        Dove vivrebbe.
        Quanti anni avrebbe avuto.
        Che tipo di vaccino le avrebbero somministrato.
        Di quali patologie pregresse soffrisse.
        Quale sarebbe stata la causa del decesso.
        I risultati di un eventuale esame autoptico che diagnosi avrebbero evidenziato.

        Una volta risposto alle singole domande elencate potremmo confrontarci.
        PER ORA SONO SOLO BUGIE CHE LEGGO IN TANTI FORUM.
        E guarda caso vengono postate da soggetti come minimo di mezz’eta’, ultra cinquantenni.

        Servizio giornalistico e FOTOGRAFICO del New York Times pubblicato a marzo 2020 a Bergamo, quando quella provincia fu investita dalla pandemia come in nessun altro posto al mondo.
        A perenne memoria di quelle vittime e come monito per tutti gli sciagurati miserabili che, per puro puro protagonismo narcisista, rifiutano l’aiuto loro offerto con il vaccino.
        Quelle vittime, i loro nomi, potendo scegliere si sarebbero sicuramente vaccinati invece di morire soffocati per mancanza di ossigeno 😥😢😓

        "Mi piace"

      • X Jerome:

        io hb riportato un caso REALE raccontatoci da un nostro conoscente. Tu dici che non ci sono correlazioni o che è inventato di sana pianta? Bene, mi dispiace solo che non abitiamo tanto lontani, sennò un bel giorno vieni da me, ti ci porto di peso dal suddetto conoscente e poi te lo racconta lui, dopodiché, ti preavviso, ti riaccompagno alla stazione per un orecchio e con un cappello da SOMARO in testa.

        Chiaro o no?

        Non accetto di essere definito bugiardo da un cialtrone che appare solo per attaccare briga.

        Quanto alle vaccinazioni, spiegaci, caro saccente e ignorante, come mai Israele ha PIU’ CASI adesso di quanti ne avesse 1 anno fa! E con i morti al llivello dell’autunno scorso. Ma come: NON ERANO TUTTI VACCINATI? Ebbene, oramai l’efficacia del vaccino la danno al 39% in Israele, quando la FDA dovrebbe autorizzare i vaccini solo se sono almeno il 50% efficaci, parola di PETER DOSHI.

        Quindi non accetto discorsi come quelli che fai te, che tra l’altro, sono quelli che ho fatto IO contro i negazionisti tout-court della pandemia per oltre 1 anno. Ci manca solo di essere accusato di essere un negazionista ad chi come te non fa altro che il NEGAZIONISTA di ogin cosa che disturbi la narrativa della ‘vaccinazione salvifica’.

        "Mi piace"

  3. Notizie di ieri: un nostro conoscente ha raccontato di sua cugina, 54 anni. Ha fatto il vaccino e 15 giorni dopo è morta. Non aveva problemi di salute, ma è stata accoppata da un attacco di cuore, di cui non aveva mai sofferto.

    Una ragazza di nemmeno 20 anni si è ritrovata un’infiammazione al cuore, sempre poco tempo dopo il vaccino.

    ORA, io non so se questa sia conseguenza diretta o meno della vaccinazione, ma visto e considerato quanto spesso si ‘senta dire’ di queste curiose conseguenze, vorrei tanto sapere con che faccia lo stato ti toglie le cure mediche solo perché non accetti un rischio che fa comodo a CONFINDUSTRIA per far ‘ripartire il paese’.

    "Mi piace"

    • Giusto. Anche a Napoli nessuno porta il casco in motorino. E via dicendo. Dopo aver visto “24 Hours Party People” sapete che vi dico?

      Vediamo chi miore, e vediamo chi resta vivo.

      "Mi piace"

      • Ecco perché per lo Stato si ammalano e muoiono SOLO i non vaccinati:

        “La maggior parte dei casi segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni sono stati identificati in soggetti non vaccinati. La Tabella 3 riporta il numero assoluto e la percentuale di persone vaccinate nella popolazione generale e di casi di infezione da SARS-CoV2, di casi ospedalizzati, ricoverati in terapia intensiva e deceduti per stato vaccinale negli ultimi 30 giorni. Sono classificati come:
        o casi non vaccinati tutti i soggetti notificati con una diagnosi confermata di infezione da virus SARS-CoV-2 che non hanno mai ricevuto una dose di vaccino SARS-CoV-2 o che sono stati vaccinati con prima o mono dose entro 14 giorni dalla diagnosi stessa, ovvero prima del tempo necessario a sviluppare una risposta immunitaria almeno parziale al vaccino. Considerando che il periodo di incubazione (il tempo che intercorre tra il primo contatto con il virus e la manifestazione dei sintomi della malattia) dell’infezione da SARS-CoV2 può richiedere fino a 14 giorni, è anche possibile che alcuni casi, abbiano contratto l’infezione prima della vaccinazione stessa.
        o casi con ciclo incompleto di vaccinazione tutti i casi notificati con una diagnosi confermata di infezione da virus SARS-CoV-2 e documentata dopo 14 giorni dalla somministrazione della prima dose, in soggetti che hanno ricevuto solo la prima dose di un vaccino che prevede una seconda dose a completamento del ciclo vaccinale (vaccini Pfizer-BioNtech, Moderna e Vaxzevria),. In questo gruppo sono inclusi anche i soggetti che hanno ricevuto la seconda dose ma nei quali la diagnosi è avvenuta entro 14 giorni dalla seconda dose. Si evidenzia che un ciclo di vaccinazione incompleto fornisce una protezione inferiore rispetto ad un ciclo di vaccinazione completo.
        o casi con ciclo completo di vaccinazione tutti i casi notificati con una diagnosi confermata di infezione da virus SARS-CoV2 documentata dopo 14 giorni dal completamento del ciclo vaccinale (quindi 14 giorni dal completamento della seconda dose per i vaccini Pfizer-BioNtech, Moderna e Vaxzevria o 14 giorni dalla somministrazione dell’unica dose per il vaccino Janssen/Johnson&Johnson).
        Prodotto dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS), Roma, 11 agosto 2021”

        Fai clic per accedere a Bollettino-sorveglianza-integrata-COVID-19_11-agosto-2021.pdf

        (La mie domande restano sempre le stesse, dai camion dell’esercito pieni di bare, dalle rsa, dai morti soli in casa: possibile che non si proceda a sistematiche autopsie? Ci troviamo a fronteggiare un virus sconosciuto? Sarebbe utile studiarlo? Studiarne gli effetti? Valutare gli effetti delle cure messe in campo? Perché non si fanno le autopsie? Perché i cadaveri vengono sistematicamente cremati?)

        "Mi piace"

    • ORA, io non so se questa sia conseguenza diretta o meno della vaccinazione,

      … pertanto, nel dubbio, assumo che lo sia e mi comporto di conseguenza. E se trovo chi ha inventato il pensiero razionale, gli faccio un bias così.

      Piace a 2 people

      • Certamente. Si chiama principio di precauzione. Era uno dei capisaldi della medicina, un tempo. Adesso invece è il tempo delle decisioni irrevocabili.

        "Mi piace"

      • TI hanno già risposto sotto, ma aggiungo che la signora in questione non aveva problemi di salute pregressi e hanno tutto il diritto di sospettare una causalità vista la distanza ravvicinata della vaccinazione.

        Te che penseresti al posto loro? Sfiga?

        Ce ne sono troppe di situazioni del genere, un coetaneo della signora è morto mesi fa, era pieno di emorragie interne eppure stava bene prima del vaccino.

        Ma a giudicare da come fanno presto a dire che uno è morto di COVID e quanto sono prudenti ad attribuire al vaccino lo stesso accredito, è chiaro che non stiamo parlando di scienza NEUTRALE rispetto alla dichiarata volontà di risolvere con i vaccini un problema IRRISOLVIBILE, perché con i coronavirus non c’é immunità di gregge che funzioni e lo sanno bene in Israele, dove la Delta ha demolito ogni certezza di quelle che sbandierano in Itaglia.

        "Mi piace"

  4. In un paese normale, democratico, civile, quando c’è una grave malattia che mette in pericolo i propri cittadini, lo stato mette a disposizione le sue risorse per il bene di tutti.
    Gli ospedali, le cure, i medici, tutto a disposizione. Se poi arriva un vaccino ecco che mette a disposizione anche il vaccino, gratis per tutti.

    Che bella la civiltà.

    Paghiamo le tasse, lavoriamo anche per lo stato e lo stato ci ripaga così.

    Ma c’è sempre chi quelle cure o gli ospedali non li vuole. Avvertito insiste, non li vuole.
    Peccato.
    Ma siamo liberi e quindi chi non li vuole non li usa. Sta a casa aspettando che le cose vadano avanti, sperando bene.

    C’è anche chi non vuole il vaccino. Strano no?
    Ma ognuno ha le sue idee, c’è chi non si fida, chi ha paura degli aghi, va bene. Uno stato civile non obbliga nessuno (anche se potrebbe farlo per il bene comune, lo dice la costituzione) e chi non vuole vaccinarsi non si vaccina. In un paese normale va così.
    Ma come facciamo ora a far convivere tutti? Per rispettare le libertà di ognuno e le scelte personali bisogna trovare un modo che non discrimini nessuno ma garantisca tutti.
    Se io vaccinato (che ho scelto di proteggermi dalla malattia) voglio andare in giro, nei bar, al cinema, incontro chi non è vaccinato (che ha scelto di non proteggersi dalla malattia) rischio di ammalarmi per la scelta di un altro. In pratica le due scelte entrerebbero in contrasto, si scontrerebbero e non sarebbe giusto né limitare la libertà del vaccinato né del non vaccinato.
    Allora cosa fa un paese normale? Usa un certificato.

    Un documento che dice: “Ho basse possibilità di avere la malattia”. Tutto può succedere ma sicuramente ho fatto il possibile per garantirti di non essere contagioso.

    Chiamalo come vuoi: bollino verde, scheda sanitaria, green pass, non importa, ciò che importa è che dica che io sono abbastanza sicuro di non essere un rischio per chi mi sta vicino, sono a basso rischio.

    Perché vaccinato, perché guarito o perché accertato con un tampone, “stai tranquillo, molto probabilmente non sono infetto e quindi molto probabilmente non contagerò nessuno”.
    Non ho nessun obbligo di fare farmaci o vaccini, se ho intenzione di stare vicino a persone che vogliono sicurezza per la propria salute devo garantirla e se proprio voglio entrare al bar senza vaccinarmi faccio un tampone e ho risolto. Nel rispetto di tutti.

    Così tutti, chiunque, adulti, bambini, vaccinati, non vaccinati, donne in gravidanza, potranno stare assieme, vivere normalmente, tornare a fare ciò che vogliono, sanno che attorno ci saranno persone che hanno fatto il possibile per non contagiare gli altri. Una bella soluzione.
    Serve a tutti, rispetta le scelte e le libertà di tutti, non obbliga a niente, addirittura è rispettoso di chi ha scelto di non vaccinarsi (protegge anche lui!), in questo modo saprà che in quel locale o in quella stanza ci sono solo persone con tutta probabilità non contagiose.
    In un paese normale.
    E se proprio non voglio nemmeno il Green pass perché sono fatti miei va bene.
    Non lo faccio e invece di prendere il caffè seduto all’interno lo prenderò all’esterno. Invece di andare in una sauna non ci vado, invece di stare al chiuso starò all’aperto, stiamo parlando di rinunce relative e sicuramente non fondamentali, mi sembra evidente. E poi lo facciamo per la comunità, per collaborare, per dare il nostro aiuto in un momento di emergenza. Una rinuncia minima, banale, per un problema enorme e difficile.
    Lo facciamo per il bene del nostro paese.
    Questo in un paese normale.

    Perché in un paese incivile c’è chi non vuole il Green Pass, chi non lo vuole ma lo compra falso, chi scende in piazza per manifestare, chi urla e aizza la folla, chi ne fa un problema politico, chi si stressa e chi lo strappa.
    Ti piacerebbe vivere in un paese normale nel quale chi governa spiega che tutto questo è a favore del cittadino e della sua salute e il cittadino lo capisce e lo sostiene, vero?
    Sarebbe bellissimo. Tutti lo vorremmo ma tanti non fanno nulla per realizzarlo.
    In un paese normale.

    Dott. Salvo Di Grazia

    Piace a 2 people

    • Ma se ti vaccini perché hai paura del non vaccinato?!?! Cos’è una barzelletta?!?! Tu ti immunizzi e tremi perché incontri uno non immunizzato?!?!
      Siamo alla follia?!?!

      "Mi piace"

  5. Allora, anzitutto vediamo CHI ha scritto questa boiata:

    Una risposta l’ha data il costituzionalista Alfonso Celotto: l’esclusione dal servizio sanitario nazionale, garantendo solo le cure urgenti ed essenziali”.

    DUNQUE, Cerotto può dire questa incredibile vaccata, anzi no, questo AUTOREVOLE giudizio sulla politica sanitaria nazionale, perché aspetta, è un MEDICO, giusto?

    Ah, no, è solo un cosituzionalista (un collega di CASSESE, tanto per ricordaci a cosa si siano ridotti i costituzionalisti dopo Napolitano).

    Quindi quelli che criticano Zhok e Cacciari in quanto ‘filosofi’ che quindi non sono autorizzati a parlare di ‘scienza’, allora come se ne escono?

    Tutti zitti, vero infosannioti?

    Qui nessuno parla.

    E poi c’é il partito più LIBERALE d’Italia, per definizione:

    Così Franco Dal Mas, senatore di Forza Italia, componente della commissione giustizia. “E’ vero, secondo la Carta, la salute è un diritto dell’individuo, un diritto che però vale come l’obbligo, di stesso rango costituzionale, dell’adempimento di doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale, come appunto la vaccinazione. E allora la strada può dirsi tracciata, ove necessario, per evitare nuove morti e chiusure, abbiamo lo strumento, i vaccini, ed anche la pena per chi non lo usa, l’esclusione dal servizio sanitario nazionale. Alla politica, adesso, il compito di prendere decisioni coraggiose”, conclude Dal Mas.

    Sarà pure un CASO, ma queste sono le posizioni di CONFINDUSTRIA, quella che lascia fuori dalle mense gli operai.

    "Mi piace"

    • Ma che cazzo fai del sarcasmo su Confindustria e FI: i tuoi amichetti, a partire dal mimistro Occhio di Triglia Lessa che è a capo della Sanità (capito Patigiano Che Guevara: la Sanitààààààà!), giù, giù fino all’ultimo pidiota nazivaccifascista da gazebo delle salamelle – di cui qui abbiamo illustrussimi paradigmi – da che parte pendono politicamente?

      "Mi piace"

    • Qualcosa mi suggerisce che tanto il Filosofo quanto il Professore dicono la loro, secondo la propria arte. Si offrono, per dire.

      Un cosiddetto Costituzionalista dice pure la sua sui fatti seGuenti: diritto alla salute e (espando anche se indebitamente) diritti concernenti libertá individuali e collettive*. Cacciari e Zhok esprimono una cosiddetta opinione corroborata; il Celotto, parlando del mestiere suo, esprime una cosiddetta opinione informata.

      Oddia, aspetta, mica stavi chiedendo?

      * Lo so, detto cosí fa schifo ma io pulisco latrine e miglioro le installazioni di Winzzoz 10, non tocco il cielo con un dito.

      "Mi piace"

    • Mi sembra che questi “migliori di noi”che possono scribacchiare qualsiasi “soluzione finale” contro il “NoVax” o “NoGreenPass”, siano stati messi “tutt’apposto”! Si va verso la macelleria messicana dei renitenti al vaccino…..per ora, poi si alzerà l’asticella?
      Chissà se anche loro si sono incontrati in una bella villa per pianificare lo sterminio sociale e sanitario del non vaccinato.

      "Mi piace"

  6. Green Pass: in un paese normale.

    In un paese normale, democratico, civile, quando c’è una grave malattia che mette in pericolo i propri cittadini, lo stato mette a disposizione le sue risorse per il bene di tutti.
    Gli ospedali, le cure, i medici, tutto a disposizione. Se poi arriva un vaccino ecco che mette a disposizione anche il vaccino, gratis per tutti.

    Che bella la civiltà.

    Paghiamo le tasse, lavoriamo anche per lo stato e lo stato ci ripaga così.

    Ma c’è sempre chi quelle cure o gli ospedali non li vuole. Avvertito insiste, non li vuole.
    Peccato.
    Ma siamo liberi e quindi chi non li vuole non li usa. Sta a casa aspettando che le cose vadano avanti, sperando bene.

    C’è anche chi non vuole il vaccino. Strano no?
    Ma ognuno ha le sue idee, c’è chi non si fida, chi ha paura degli aghi, va bene. Uno stato civile non obbliga nessuno (anche se potrebbe farlo per il bene comune, lo dice la costituzione) e chi non vuole vaccinarsi non si vaccina. In un paese normale va così.
    Ma come facciamo ora a far convivere tutti? Per rispettare le libertà di ognuno e le scelte personali bisogna trovare un modo che non discrimini nessuno ma garantisca tutti.
    Se io vaccinato (che ho scelto di proteggermi dalla malattia) voglio andare in giro, nei bar, al cinema, incontro chi non è vaccinato (che ha scelto di non proteggersi dalla malattia) rischio di ammalarmi per la scelta di un altro. In pratica le due scelte entrerebbero in contrasto, si scontrerebbero e non sarebbe giusto né limitare la libertà del vaccinato né del non vaccinato.
    Allora cosa fa un paese normale? Usa un certificato.

    Un documento che dice: “Ho basse possibilità di avere la malattia”. Tutto può succedere ma sicuramente ho fatto il possibile per garantirti di non essere contagioso.

    Chiamalo come vuoi: bollino verde, scheda sanitaria, green pass, non importa, ciò che importa è che dica che io sono abbastanza sicuro di non essere un rischio per chi mi sta vicino, sono a basso rischio.

    Perché vaccinato, perché guarito o perché accertato con un tampone, “stai tranquillo, molto probabilmente non sono infetto e quindi molto probabilmente non contagerò nessuno”.
    Non ho nessun obbligo di fare farmaci o vaccini, se ho intenzione di stare vicino a persone che vogliono sicurezza per la propria salute devo garantirla e se proprio voglio entrare al bar senza vaccinarmi faccio un tampone e ho risolto. Nel rispetto di tutti.

    Così tutti, chiunque, adulti, bambini, vaccinati, non vaccinati, donne in gravidanza, potranno stare assieme, vivere normalmente, tornare a fare ciò che vogliono, sanno che attorno ci saranno persone che hanno fatto il possibile per non contagiare gli altri. Una bella soluzione.
    Serve a tutti, rispetta le scelte e le libertà di tutti, non obbliga a niente, addirittura è rispettoso di chi ha scelto di non vaccinarsi (protegge anche lui!), in questo modo saprà che in quel locale o in quella stanza ci sono solo persone con tutta probabilità non contagiose.
    In un paese normale.
    E se proprio non voglio nemmeno il Green pass perché sono fatti miei va bene.
    Non lo faccio e invece di prendere il caffè seduto all’interno lo prenderò all’esterno. Invece di andare in una sauna non ci vado, invece di stare al chiuso starò all’aperto, stiamo parlando di rinunce relative e sicuramente non fondamentali, mi sembra evidente. E poi lo facciamo per la comunità, per collaborare, per dare il nostro aiuto in un momento di emergenza. Una rinuncia minima, banale, per un problema enorme e difficile.
    Lo facciamo per il bene del nostro paese.
    Questo in un paese normale.

    Perché in un paese incivile c’è chi non vuole il Green Pass, chi non lo vuole ma lo compra falso, chi scende in piazza per manifestare, chi urla e aizza la folla, chi ne fa un problema politico, chi si stressa e chi lo strappa.
    Ti piacerebbe vivere in un paese normale nel quale chi governa spiega che tutto questo è a favore del cittadino e della sua salute e il cittadino lo capisce e lo sostiene, vero?
    Sarebbe bellissimo. Tutti lo vorremmo ma tanti non fanno nulla per realizzarlo.
    In un paese normale.

    Dott. Salvo Di Grazia

    Piace a 2 people

    • Mi chiedo,come mai questo “stato” che ci vuole tanto bene,che pensa alla nostra “salute”,che ci racconta la verità assoluta…,poi non faccia mai chiarezza sul motivo di porre il “segreto di stato”,per ad esempio le “stragi di stato”,e sul Afghanistan (invasione del..) non ha niente da dire questo “stato” così fantastico…
      Poi ci sarebbero molte “stragi” e “strategie della tensione”,nonché giudici trucidati con la supervisione dei “servizi servizievoli” e molto altro…
      Vedo purtroppo che molte persone hanno la memoria cortissima…,oppure ricordano ma preferiscono schierarsi con questo “stato” a prescindere…,e se ci pensi un attimo non è una bella cosa per la vostra presunta intelligenza.

      "Mi piace"

    • Non so perché il dott. Di Grazia gestisca un sito, chiedilo a lui. Lo trovo interessante e ne consiglio la lettura…

      "Mi piace"

      • Chi, Salvo DisGrazia, in arte Medbunker?

        Ok, io consiglio di leggere anche i dati del VAERS americano aggiornati al 20 agosto:

        VAERS (vigilanza farmaci USA) al 20 agosto:

        623.341 eventi avversi x vaccini covid

        13.627 decessi

        17.794 invalidità permanenti
        55.821 ospedalizzazioni
        6.071 attacchi cardiaci
        5.093 miocarditi
        2.831 trombosi
        5.721 shock anafilattici
        4.785 paralisi facciali
        7.324 herpes
        25.921 allergie

        MA TRANQUILLI, non c’é nessun problema, garantisce DisGrazia e conferma Mentana.

        "Mi piace"

      • Ho letto, ho letto. Ma credevo che tu fossi lui, o che lui fosse te, e quindi chiedevo direttamente. Mi raccomando, non fa mai male offrire le fonti dalle quali si traggono testi o punti di discussione.

        "Mi piace"

      • @ SM:
        Spulciando vecchi articoli, mi sono casualmente imbattuto in discussioni che ti coinvolgono nelle quali, da almeno un paio di mesi, segnali le stesse cose e diversi altri, in risposta (come successivamente ho fatto anche io stesso), ti hanno detto chiaramente che i dati del Vaers, che tu citi in continuazione come se fossero la prova provata di chissà che cosa, non sono nient’altro che semplici segnalazioni, non correlazioni accertate (c’è una bella differenza).

        Ho notato che, in tutti quei casi, hai sempre fatto finta di niente, ignorando bellamente la questione, pertanto, in uno slancio di magnanimità, desidero lasciarti l’onore della scelta: preferisci essere considerato un minus habens (quindi uno che non ha le capacità per comprendere questa semplice differenza) oppure un mentecatto (quindi uno che avrebbe sì le capacità, ma, per convenienza, preferisce fingere di non capire)? Tertium non datur.

        Personalmente, propendo per la seconda ipotesi: capisco che sia brutto rovinare una bella storia solo perchè non sia particolarmente vera, ma Babbo Natale insegna che, ad un certo punto, si cresce e si comincia ad accettare la realtà per quello che è, smettendo di fare i capricci perchè non è come ci piacerebbe che fosse.
        Cordialmente.

        Piace a 2 people

      • X J.Dio.

        Hai ragione, sono semplici correlazioni, ma a idifferenza di quel che i cretini come te pensano, io non ho detto esplicitamente che queste correlazioni siano per forza dovute al vaccino.

        MA intanto le segnalazioni restano. E sono sicuramente sottostimate perché per lo più ricavate da vigilanza PASSIVA.

        E le cause, prima o poi dovranno essere spiegate perché troppi sono i casi sospetti di persone SANE che poi crepano o hanno sindromi molto caratteristiche, da emorragie a paresi a miocarditi.

        Ovviamente i soggetti come te continuano a fare i pesci in barile, perché lo sapete benissimo come vanno le cose: se persino per MARIO BIONDO parlano di suicidio con il segno del cavo dietro il collo, cosa vuoi aspettarti?

        Ah, del resto è difficile farlo capire a uno che non distingue la qualità artistica di Battiato da quella della Pausini.

        "Mi piace"

    • Vai a letto Aristotele da sagra, per oggi hai dato il tuo contributo. Non affaticarti troppo, domani sarà un’altra dura battaglia a colpi di sillogismo prêt-à-porter che redime i peccati del mondo… Però te prego: bbbasta con le cinture di sicurezza!

      "Mi piace"

  7. Finirà che vi inoculeranno con la forza, per cui è meglio che sappiate ciò che vi attende: all’inizio sembra che non succeda niente, al massimo un bruciore o un po’ di fastidio e nulla più, ma poi, nel giro di qualche giorno, comincia a montare un’irrefrenabile voglia di Windows 95; quando il telefono inizia a prendere 5 tacche anche in cantina, conviene aver già fatto testamento perchè, a quel punto l’infarto è ormai dietro l’angolo.

    Piace a 2 people

      • Ma come, proprio tu che non cogli l’ironia?
        Io, che sono sopravvissuto già da un bel po’, adesso attiro anche l’alluminio e ormai Melinda mi dà del tu.

        Piace a 2 people

      • E’ perché l’ho colta l’ironia che ho scritto quello che ho scritto: non so se me spiego!

        PS: avviso la sc3mina fuffarola, regina del sarcasmo che ti ha dato un like, che le piacerebbe assai avere l’esclusiva dell’ironia assieme a Mastro Trabajo, ma deve arrendersi all’idea che al mondo ci sono persone che l’ironia la valutano per quello che è, cioè poco più di un cazzo, soprattutto quando chi la usa ha un cervello gonfio, più che pensante…

        "Mi piace"

  8. Ma perche’ lo Stato deve regalare il/i vaccino/i a uno che non si vuole vaccinare?

    Bisogna dare i vaccini a chi li vuole, i novax si rivolgano ai loro esperti di riferimento, gli idrossiclorochinici, i candegginici, i vitamici,
    i nomascherinici, i nogreenpassinici e chi piu’ ne ha piu’ ne metta, pigliassero ognuno il cacchio che gli pare e mollassero i vaccini, presenti e futuri.

    Novax, complottisti bigpharmisti fasciolegaioli, non vi vaccinate assolutamente, evitate i vaccini ad ogni costo!

    Er vaccino fa male, malissimo, e’ letale nel 99% dei casi.

    Il Covid invece secondo le ultime ricerche fa bene, anzi benissimo, e quindi io, che vi voglio bene, vi auguro
    che vi venga a voi e a tutti i familiari vostri, e’ una mano santa, ha detto Montagnier che guarisce i reumatismi e la gotta.

    Amisci novax fasciolegaioli complottisti bigpharmisti, conoscete un contagiato contagioso?

    Andatelo a trovare, mostrategli il vostro affetto, portate con voi i vostri bimbi, mogli, mariti, madri, padri, zii, nonni, parenti stretti e larghi, vicini e lontani.

    Non ve ne pentirete, date retta a chi vi vuol bene, il virus vi ama, pijiatavillo.

    Piace a 3 people

    • Se lo Stato, e voi cari vaccinisti sponsorizzati Pfizer-Moderna-AstraZeneca delle sperimentazioni su larga scala, espertoni e adoratori, mi consentite di non farmi inoculare da questo bel siero alchemico, senza rompermi più con pass verdi e controllori improvvisati, se vi inoculate senza sentirvi gli eroi della resistenza e smettete di rincorrermi con tamponi nasali e fogli da compilare, se evitate di contagiarmi ….: grazie! Finalmente avete compreso che la vostra libertà di credo non può limitare la mia! Per la questione di abbraccio e visita familiare, o orgia di gruppo con il positivo COVID (povero lui, che su queste cose non si scherza) penso che i primi da cui debba (lui, il positivo) stare alla larga siete proprio voi…..
      Se poi volete togliermi le cure tradizionali, l’accesso alle strutture mediche, i vaccini (giacché questo anti-COVID non lo è, ripeto), in barba alle tasse pagate, in barba al giuramento d’Ippocrate, in barba alla pietas, a tutte le convenzioni e le carte internazionali: mi adeguerò. D’altronde Big Pharma manda bonifici e Ippocrate no.
      Per chiudere: il Green Pass è una cagata pazzesca!

      "Mi piace"

    • A chi si devono rivolgere i fumatori, mangiatori, sportivi estremi, ingoiatori di qualsivoglia droga e pillola, i malati sifilide, scolo, HIV,… presi dalle “Bocche di rosa” e passate alla famiglia?
      A chi dovranno chiedere il risarcimento il malati ed i morti plurivaccinati che andavano dovunque credendo di essere “in sicurezza”?
      Dove se lo dovranno “pijare”quelli,?

      "Mi piace"

      • Ma tanto gira gira….hanno trovato il modo di togliere diritti con il plauso degli italioti….
        Oggi chiedono a gran voce che si tolgano le cure a chi non si inocula e domani toccherà a loro per altra ragione.
        Gli italiani prima firmano i contratti e poi li discutono, prima inneggiano al tiranno e poi lo appendono a testa in giù, prima invocano leggi coercitive e poi piangono.
        Dajeeeee tutta! Avanti così! Ci stiamo impiccando con la nostra corda.

        "Mi piace"

  9. Per quanto riguarda celotto , un affezionato de La7, un modo per raccattare un po’ di visibilità in più.
    Per quanto riguarda tutto il resto mi pare che – unico Paese al mondo, tra l’ altro con tra le maggiori percentuali di vaccinati – si stia facendo di tutto, ma proprio di tutto per esacerbare gli animi cercando la guerra civile.
    Per imporre la pax romana poi? Non ne abbiamo già abbastanza?

    "Mi piace"

  10. Trent’anni fa Linus Torvald si sedeva alla scrivania e di buzzo buono cominciava a metter su il VAERS.

    "Mi piace"

  11. Come si faccia a non capire che lo scopo ultimo di tutto questo è la definitiva distruzione della sanità pubblica a favore di un sistema assicurativo
    all’americana, per me è misterioso. I segnali sono chiarissimi, poi se agli adepti del green pass va bene così, perfetto. Avranno ciò che vogliono. Purtroppo lo subiranno anche quelli ancora sani di mente.

    "Mi piace"

  12. I Migliori di noi:

    ….”……Si va un po’ a tentativi, questo è il concetto. E quindi a seconda dei dati raccolti si ragiona su altri interventi. Poi c’è l’aspetto, per i vaccinati, di sentirsi liberi e lasciare le prerogative protettive seguite prima. Credo che il numero sia anche il risultato di questa situazione……”

    https://www.affaritaliani.it/amp/coronavirus/uk-contagiati-covid-89-sono-vaccinati-pregliasco-tarro-gismondo-ad-affari-755101.html

    "Mi piace"