Bisogna sudare

(Stefano Rossi) – Colui che disse che se avesse perso il Referendum Costituzionale si sarebbe dimesso e avrebbe abbandonato la politica, ci riprova con un altro “referendum”. Vuole abolire il Reddito di Cittadinanza.

E a difesa di questa iniziativa ci ha pensato uno del Pd, non del #MovimentoCinqueStelle. “Il 52% lo prendono le donne, il 20% lo prendono persone che lavorano e questo pone l’enorme questione di persone che pur lavorando rimangono povere. Un terzo della platea che prende il reddito di cittadinanza hanno la terza media, il 10% non ha la quinta elementare…..Non è la pigrizia, ma sono le disuguaglianze che producono la povertà. Io escludo che se una persona trova un lavoro da 1500 euro al mese, preferisca stare a casa“.

Queste sono le parole, che gli rendono onore, di Andrea Orlando. E questa è la differenza che passa tra uomini e gaglioffi!

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

23 replies

  1. Mentre qualcuno parla di “immaginario” di un mai vissuto.Qualcuno parla del vissuto.Due realtà ben distinte.Alla “periferia” arriva tutto e tutto chiaro.Non finirà benissimo.Scommettiamo?

    Piace a 1 persona

  2. Pur di stare a galla e non perdere la notorietà il Renzi dopo il referendum non immagino cosa inventera’. Non è il caso di smetterla di fargli pubblicità?

    "Mi piace"

  3. Bravo Orlando. 👏🏻
    Quasi quasi ti perdono la frase infelice sulla riforma Bonafede (che poi è la parte buona e preponderante della Scartabia).
    Anzi, mi auguro di aver capito male…

    Piace a 2 people

    • Sì sono sicura che ci sia stata una strumentalizzazione, anche perché la riforma Orlando era molto più simile alla riforma Bonafede che non a quella Cartabia.
      Fidati, lo seguo molto: è di sinistra! Solo che a volte mi fa incavolare!

      Piace a 2 people

  4. È tutta ammuima: finché servirà rimarrà lì, a “sinistra,” e potrà dire e fare quello che vuole. Tanto non decide lui.

    "Mi piace"

    • Carolina
      Certo che dev’essere dura vedere sempre tutto negativo, finto, ipocrita, strumentale.
      Solo tu al mondo pensi di essere sincera e coerente?
      O neanche a te dai un minimo di fiducia?

      Piace a 1 persona

      • Mai detto di essere sincera e coerente. Si fa come si può ed è impossibile prevedere il futuro, esattamente come guardare un mondo nuovo con occhi vecchi. Occorre quindi andarci con i piedi di piombo e sempre chiedersi: a chi giova?
        L’ unica cosa che penso veramente è che sia necessario guardarsi intorno, conoscere persone, ascoltare e credere più a quello che ci viene derubricato a “pecezione” (cosa vedo io con i miei occhi, cosa succede a me, alla mia famiglia, ai miei conoscenti) che a quello che ci viene detto dai media e che sarebbe utile tenersi lontana dalle varie “greggi”. qualsivoglia cosa indichino. Ogni gregge ha dei capibranco, dei cani da guardia ed uno o più pastori, che non pensano al benessere delle pecore, come potrebbe sembrare, ma a cibarsene al momento giusto. Questo tra l’ altro la storia ci insegna e la storia non è certo finita: “Sei sempre quello della pietra e della fionda, uomo del mio tempo”.
        E soprattutto che sarebbe necessario in tutti i modi di liberarsi dallo stato di minorità in cui politica e religione ci relegano per essere unici padroni e guida di se stessi. Per questo occorre studiare, studiare, studiare. Essere curiosi, conoscere più persone possibile in giro per il mondo. Con la Rete si può.

        Per quanto riguarda i miei “dubbi” sui vaccini e la medicina in generale, ad esempio, dato che si impara soprattutto ciò che si vive, purtroppo ho sopportato sulla mia pelle – e non solo sulla mia, purtroppo – più di un grave errore medico, e ho conosciuto pochissimi “eroi”. Essendomi laureata in Filosofia della Scienza ed avendo negli anni sempre mantenuto letture, studi e contatti “scientifici”, mi disturba molto sentire parlare di Scienza come se fosse una religione.
        Quindi dato che la pellaccia è una sola, ci vado con i piedi di piombo.

        Piace a 1 persona

      • Guarda, Carolina, dubito che tu abbia avuto più esperienze negative di me, con le errate diagnosi mediche.
        Ho un campionario da enciclopedia medica, purtroppo…
        Tipo malformazioni congenite scoperte a 36 anni, sindromi genetiche scoperte da ME da pochi anni, meningite dopo 2 gg di EN… e mi limito, per non esagerare, ma non ricordo di avere mai avuto una diagnosi corretta, prima di molti anni…
        Quindi non è una questione di esperienze negative, ma di carattere, di mentalità.
        Vogliamo dare alla scienza la responsabilità degli errori umani?

        Vogliamo chiuderci alla fiducia nei confronti di qualsivoglia altra persona e aspetto dell’esistenza?
        Io vedo la scienza dal punto di vista, appunto, meramente scientifico, come ricerca e dati che la supportino, non come “credo” e penso, anzi, che sia più normale per chi ha uno sguardo filosofico essere portato ad una visione religiosa, che per lo scienziato in sé.
        Non ho scritto che tu abbia affermato di essere l’unica sincera e disinteressata al mondo, ma che sembri pensarlo.
        A meno che tu non individui sempre, anche in te stessa, un secondo fine, non sappia di fare le cose, qualsiasi cosa, per convenienza, cosa che regolarmente attribuisci agli altri.
        Se sì, beh… allora si spiegherebbe perché non riesci a credere mai a niente e a nessuno, a vedere il bene e la sincerità nelle persone e di qualsiasi azione e situazione tu colga sempre il lato negativo, il retroscena che ne invalida ogni eventuale aspetto positivo ed etico, che riporta cinicamente ogni versione dei fatti pulita e sana ad una cruda visione degli stessi strumentale, arida e affaristica.
        Si torna sempre lì: la realtà rispecchia gli occhi con cui la si guarda.
        Omnia munda mundis… Omnia immunda immundis.

        "Mi piace"

  5. Il rdc non lo sopportano i lavoratori a basso reddito e gli sfruttatori della fatica altrui : R.è il loro portavoce. Guardatevi in giro e controllate voi stessi. È molto probabile che venga cancellato.

    Piace a 2 people

  6. Ecco, qui è ritratto in quel fine settimana in cui diceva di essere a Firenze ma in realtà era a Roma. Agnese l’aveva sbattuto fuori ancora?

    "Mi piace"