Sulla giustizia nessuno sfiducerà Draghi. “Al massimo 15 contrari nel M5S”

(Marco Nepi – tpi.it) – Probabilmente non sarà la riforma della giustizia a mettere a rischio il governo. Certo, tra le fila del Movimento 5Stelle emerge un malcontento diffuso ma anche la consapevolezza che non si può tirare più di tanto la corda soprattutto quando ti trovi di fronte un personaggio come Mario Draghi che ormai viaggia stabilmente intorno al 70 per cento di popolarità nei sondaggi.

Anche la ministra delle Politiche Giovanili, Fabiana Dadone, ha aggiustato il tiro rispetto alle dichiarazioni di fuoco in cui parlava esplicitamente di dimissioni dei ministri M5s dal governo se non si fosse trovata la quadra nella maggioranza. Difficile immaginare però che una contiana di ferro e per giunta ministro del governo abbia pronunciato quelle durissime parole senza prima essersi consultata con l’ex presidente del consiglio Giuseppe Conte.PUBBLICITÀ

Il vero punto politico però è che l’autorizzazione a porre la fiducia sulla riforma, chiesta e ottenuta dal premier Draghi al Consiglio dei Ministri, ha ribaltato il tavolo delle trattative, mettendo in difficoltà i Cinque Stelle. Che continuano in molti casi a dirsi contrari alle nuove norme sulla prescrizione, ma sono pochissimi quelli che arriverebbero a sfiduciare davvero il governo: “10 o 15 al massimo rispetto ai 30 di ieri” spiega oggi una fonte M5s. Ma stavolta per palazzo Chigi la riforma “s’ha da fare”, costi quel che costi.

E c’è un motivo in particolare: “È l’alta finanza internazionale che preme per riformare la magistratura in Italia, per poter così iniziare ad investire cifre importanti nel belpaese” spiega una fonte solitamente molto bene informata proveniente dagli ambienti del deep state. Insomma, stavolta anche i magistrati si dovranno arrendere.

E la memoria inevitabilmente va alla nascita del governo Draghi: quando Conte è stato messo alla porta, crollato per errori tattico-strategici propri ma anche per la poca fiducia che ormai riscuoteva a livello internazionale, l’Italia d’accordo con i partner europei e gli Stati Uniti (Biden si era da poco insediato) ha dato il via ad una fase politica ed istituzionale totalmente nuova ed a gestirla è stato chiamato Mario Draghi.

I partiti, che negli ultimi anni hanno sbagliato tutto quello che potevano sbagliare per via di classi dirigenti per lo più autoreferenziali e inadeguate (come non ricordare le prodezze del “Papeete” e la disperata quanto inutile caccia ai responsabili) sono stati “gentilmente” messi alla porta per consentire all’ex presidente Bce di rilanciare il paese dal punto di vista economico e sociale oltreché geopolitico.

Per fare questo però serviranno molti quattrini (provenienti non soltanto dall’Europa ma anche da oltreoceano), soldi che arriveranno soltanto a patto di riformare la magistratura. Nessun grande investitore straniero è disponibile a investire milioni di dollari per poi ritrovarsi impelagato in vicende giudiziarie che nella migliore delle ipotesi durano anni.

Rimettere il Paese nel solco della tradizione euro-atlantica dopo le sbandate filorusse e filocinesi è stato una delle prime richieste piovute sulla scrivania di Palazzo Chigi mentre l’altra, quella di riformare la giustizia, veniva subito dopo. Ecco perché Mario Draghi non intende assolutamente rinunciare alla riforma Cartabia tanto da apporre senza alcun tentennamento il voto di fiducia.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

33 replies

  1. “È l’alta finanza internazionale che preme per riformare la magistratura in Italia, per poter così iniziare ad investire cifre importanti nel belpaese” spiega una fonte solitamente molto bene informata proveniente dagli ambienti del deep state. ”

    “Privatizzazioni inevitabili, ma da regolare con leggi ad hoc”: il discorso del 1992 (ma attualissimo) di Mario Draghi sul Britannia
    Pubblichiamo il discorso di Mario Draghi, allora direttore generale del Tesoro, alla Conferenza sulle Privatizzazioni tenutasi sullo yacht Britannia, del 2 giugno 1992: l’ex presidente della Bce parlò della vendita delle azioni pubbliche. Un processo con cui, 28 anni dopo, l’Italia fa i conti. Nelle sue parole i mercati come strada per la crescita, la fine del controllo politico, l’idea di public company, ma anche i tanti rischi: “Sarà più difficile gestire la disoccupazione. Non c’è una Thatcher – disse – servono strumenti per ridurre i senza lavoro e i divari regionali. Andranno tutelati gli azionisti di minoranza”. E ancora: “Questo processo lo richiede Maastricht, facciamolo prima noi. Ma va deciso da un esecutivo forte e stabile. Ridurremo il debito

    https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/01/22/britannia-la-vera-storia/5681308/

    Britannia 2021 – Adesso lo chiede l’alta finanza internazionale ,saccheggiare quello che di buono è rimasto, dopo sparire con
    i soldi. Ma va deciso da un esecutivo forte e stabile.

    Piace a 3 people

    • “L’implicazione politica è che dovremmo vedere le privatizzazioni come un’opportunità per approvare leggi e generare cambiamenti istituzionali per potenziare l’efficienza e le dimensioni dei nostri mercati finanziari.”
      😳
      “In alcuni casi, per trarre beneficio dai vantaggi di un aumento della concorrenza derivante dalla privatizzazione, potrebbe essere necessaria un’ampia deregolamentazione. Questo processo, se da una parte diminuisce le inefficienze e le rendite delle imprese pubbliche, dall’altra parte indebolisce la capacità del governo di perseguire alcuni obiettivi non di mercato, come la riduzione della disoccupazione e la promozione dello sviluppo regionale”
      😳
      Sto capendo male?

      Piace a 1 persona

      • NO , stai capendo benissimo. Io ho capito che la mafia ha cambiato nome . Si chiama ALTA FINANZA, non è sparita con la crisi del 2007, anzi si è rafforzata , è tornata più forte che mai. Oramai è una certezza.

        Piace a 4 people

  2. Io trasecolo a sentire una quantità così industriale di minkiate da superare ogni limite .
    Ma Draghi ha giurato sulla Costituzione italiana o su un listino di Borsa “dell’alta finanza”??
    “Viaggia intorno al 70% di popolarità”??Chi lo ha stabilito? ma chi e’ questo individuo sbucato da sotto un cavolo, chi si crede di essere? Un banchiere che fa il politico? E perché da domani gli architetti non operano a cuore aperto? Cosa vuole da noi, che ci impartisce ordini insindacabili?? Chi lo ha chiamato?siamo diventati una sondaggiocrazia o una dittatura tipo Duce che se ne impippa di quello che dicono e vogliono i rappresentanti del popolo?
    “L’alta finanza preme per investire cifre importanti”, dice “una fonte solitamente bene informata del deep state”.E che straminkia è questo deep state, se non conta lo Stato Ufficiale, perché manteniamo i nostri sedicenti rappresentanti nel lusso più sfrenato , se devono fare solo decorazione?
    Questa alta finanza vorrebbe comprare la polpa che ancora è rimasta a prezzo di realizzo e poi “mettere alla porta “ i dipendenti , e fare i comodacci propri anche inquinando , senza pagarne il fio; un esempio per tutti la francese Lactalis.
    Ma le castronerie mica finiscono qui.
    Ora vengono i fuochi di artificio meglio di Piedigrotta.
    “L’Italia, d’accordo con i partner europei e gli stati uniti …”coooooosaaa??abbiamo una sovranità o solo il suo simulacro ? L’abbiamo mai avuta, prima che Conte tentasse di ripristinarla?E’caduto PROPRIO per questo?
    Un parvenu farabutto malato mentale sarebbe “L’Italia ”? (Ora mi spiego le dirette con il Pc con la
    Mela morsicata bene in vista).
    “Soldi che arriveranno solo a patto di riformare la
    Magistratura “: dobbiamo prostituire il principio Costituzionale che la legge è uguale per tutti, e che le vittime debbono avere giustizia , solo per luridi soldi ?Soldi che andrebbero a chi, di grazia?La gente comune ne avvertirà un miglioramento delle sue condizioni di vita , o non ne sentirà neppure l’odore??
    Si vende per “buona per tutti “una riforma che danneggia molti per favorire pochi.
    Ah, poi”milioni di DOLLARI “??Il Delaware continuerà ad inghiottire misteriosamente imprese italiane , come diceva la Gabanelli?
    Da ultimo il Capolavoro: “una delle richieste PIOVUTE sul tavolo di Palazzo Chigi “:ho cambiato 3 occhiali prima di realizzare che era scritto per davvero? “Richieste” da chi? E soprattutto perché? E perché tali misteriose richieste debbono essere per forza esaudite?Il banchiere -curriculum umano è solo questo, un maggiordomo???

    Piace a 6 people

    • L’Italia svenduta, l’Italia in saldo. D. sta preparando il terreno, le multinazionali e i colossi della finanza si fregano le mani: questi mettono i capitali per riportarseli indietro aumentati di lauti profitti (con minima tassazione e impunibilità in caso di ‘marginali’ effetti collaterali tipo qualche disastro o inquinamento e deturpamento massiccio del territorio), non certo per aumentare la ‘ricchezza’ locale. Frotte di schiavi, rese disponibili dalla pandemia, sono pronte a accettare qualunque salario, aumentando il divario tra chi la ricchezza la produce e chi se la piglia. Le piccole imprese italiane (sedotte dalla deregolamentazione, sburocratizzazione e presunta detassazione) inghiottite dalla voracità delle multinazionali, con tanti saluti al nostro tessuto produttivo.

      Piace a 1 persona

    • Anche volendo (essendo benevoli) riconoscere a Draghi le migliori intenzioni e il suo ritorno al keynesismo, ci sono questi problemi non da poco:

      1. Draghi fa un mestiere che non è il suo. In particolare non sa un tubo di diritto: se, a quanto ho capito, il green pass è stato istituito con DPCM, e questa sarebbe una prova.

      2. La maggioranza che lo sostiene fa schifo.

      3. C’è una massima che ho sentito attribuire a Moshe Dayan: “Il generale vecchio prepara oggi la guerra di domani con i criteri di ieri, e la perde”. Non trascuriamo il fatto anagrafico.

      Piace a 1 persona

      • Pirgo, sono moltissimissimo d’accordo sul punto 3: aldilà del colore politico, questi proprio non si rendono conto di quanto l’età del pdc sia fondamentale, ma lo scambiano (volutamente) per pdr, che invece DEVE essere anziano.
        Sulla prima parte un po’ meno: nel senso che, uno digiuno di diritto, ma certamente intelligente come è Marione ha una prospettiva avvantaggiata secondo me, può applicare la logica, perfino la matematica al diritto, cosa molto più difficile per un giurista puro. Ragionamento basico basico di Gratteri: se in Italia appellano il primo grado il 90% delle volte e in Francia NON appellano il 95%, sapendo che in due anni l’appello si prescrive questo 90% arriverà subito a 100%. Da Marione mi aspetto che si chieda: e perché in Francia non appellano nel 95%?
        Infine, credo che il green pass sia un decreto legge e non dpcm. Bisogna verificare.

        Piace a 1 persona

      • Ok, sì, non era un DPCM. Avevo provato a fare una frettolosa ricerca e mi pareva di aver trovato conferme, mi sono sbagliato.

        "Mi piace"

  3. Acchilalà?Trovata l’etichetta No Vax.Per abbellire la torta de m.Quatto pupazzi in carta da zucchero di casa pound.E il gioco e fatto.Pro vax che non vuole iniettarsi un vaccino inocula dubbi su dubbi.Che protegge così e così e che ti rende certamente infettivo.(Per la chiarezza)I miei dubbi vorrei impegnarli per altre cose.Del tipo è nato prima l’uovo o la gallina.Più serio del dibattito su questi “vaccini”.Di questi vaccini si sa tutto e il contrario di tutto, nel dubbio mi fermo e rifletto.Sempre se permettete cari “vaccinati”. Queste non sono sardine, a mio avviso, troppo incazzate… Forse la vigile attesa?

    "Mi piace"

  4. Marco Nepi tutto questo succederà perché i portavoce del M5Stelle non sono più i portavoce ma sono onorevoli come tutti gli altri e se ne fregano di cosa pensano gli iscritti e attivisti,sono politicanti di carriera .E tu chi sei amico di Draghi col 70% preso alle ultime botanici?

    Piace a 1 persona

  5. Dal sito tpi.it:” Marco Nepi. autore dell’ articolo: Collaboratore di TPI dal 2019, scrivo news di attualità, gossip, lotto, oroscopo e sport. ” Ecco il perché di un articolo pieno di minkiate -gossiip. meglio che si occupi di oroscopi forse ne azzecca una….

    Piace a 1 persona

  6. Nutro un filo di speranza che è motivata da questo: Conte dovrà passare per il voto degli iscritti per avere la investitura ufficiale e vidimata come capo politico. Può permettersi di arrivarci con una débâcle simile sul groppone (calata di braghe totale sulla cartabia, i pannicelli se li può/possono tenere)?

    Piace a 3 people

  7. Articolo a modo suo brutalmente schietto. Ovvero, comanda il POTERE, altro che democrazia. Le ragioni le ha dette Carolina sopra, però le mie riflessioni sono queste.

    Non ho capito quali errori avrebbe fatto Giuseppi, a parte riportare a casa 208 mld di euro.

    La riforma della giustizia Bonafede è stata lodata in Europa, adesso è da buttare? Perché? A chi nuoce? A gentaglia come i Benetton, o ad altre multinazionali massoniche e mafiose che arrivano solo per inquinare e depredare i territori di qualsiasi nazione del globo?

    I 5S davvero voteranno compatti SI’ alla Cartabia? Beh, allora Giuseppi levi ISTANTANEAMENTE il disturbo e lasci il partito 5Sedie a Di Maio e al suo mentore Grillo, che sono sicuramente loro i due che sostengono il governo Draghi per ragioni personali. Due traditori lerci del massimo livello (che brutta fine, M5S), che dovrebbero essere fucilati alle spalle, ma noi siamo la Terra dei Cachi. Si facessero rivedere per le prossime elezioni, vediamo se gli elettori saranno soddisfatti del loro tradimento. I 5S non hanno eletttorato come gli altri partiti, se sgarri non te la fanno passare liscia.

    Quanto ai poteri forti, di cui Draghi è il terminale, questa sarebbe la famosa ‘democrazia’ da esportare, per cui dovremmo prendercela con Cuba, Russia e Iran, Venezuela e Corea del Nord.

    La popolarità di Dragula è del 70%? Chissà come mai. Forse perché i giornali fanno credere che è stato lui a farci vincere gli europei e pure i Mannaggiaskin. Chissà le medaglie riportate dal Giappone quanto incideranno sulla sua popolarità.
    Però nel frattempo i giornalisti si scordano di ricordare come Dragula stia distruggendo lo stato sociale e la giustizia, altro che cazzate sulla sua miracolosa capacità di far ‘vincere l’Italia’. Però non ha preso UN SINGOLO VOTO POPOLARE, messo lì da una oligarchia legittimata da 965 scaldapoltrone. Si presentasse, e sopratutto, spiegasse come mai bisogna reintrodurre la prescrizione, specialmente si facesse vedere a Viareggio e Casale Monferrato, dove hanno ben presente il problema.

    Per il resto rimando anche all’ottimo articolo di Canfora, che mi ha stupito per la lucidità che ha espresso su Sua Draghità.

    Bella roba, eh.

    Piace a 3 people

  8. Benissimo, allora copiamo il sistema statunitense, che è semplicissimo e severissimo rispetto alle pratiche dilatorie degli avvocati (rischiano la radiazione a vita) e abbatte i ricorsi in appello perché chi è colpevole preferisce patteggiare in primo grado piuttosto che rischiare un aumento della pena? Questo sempre che i misteriosi grandi investitori internazionali vagheggiati dall’articolista non inizino per “m” e finiscano per “afia”.

    Piace a 3 people

  9. “È l’alta finanza internazionale che preme per riformare la magistratura in Italia, per poter così iniziare ad investire cifre importanti nel belpaese” spiega una fonte solitamente molto bene informata proveniente dagli ambienti del deep state. Insomma, stavolta anche i magistrati si dovranno arrendere.

    NOTARE come la MAFIA si sia ingegnerizzata. In pratica ricattano intere nazioni, altro che i tempi di Berlusconio e del suo conflitto d’interessi con la giustizia. Adesso ti dicono che, qualsiasi governo ci sia, per avere i soldi della ‘finanza internazionale’ (blackrock?) bisogna riformare la magistratura (quindi anche Salvini e i Radicali liberi stanno nel libro paga di Blackrock o di Davide Serra?), annientando lo stato di diritto perché quello che vogliono è L’IMPUNITA’, non certo una giustizia ‘rapida e certa’.

    ”’E la memoria inevitabilmente va alla nascita del governo Draghi: quando Conte è stato messo alla porta, crollato per errori tattico-strategici propri ma anche per la poca fiducia che ormai riscuoteva a livello internazionale, l’Italia d’accordo con i partner europei e gli Stati Uniti (Biden si era da poco insediato) ha dato il via ad una fase politica ed istituzionale totalmente nuova ed a gestirla è stato chiamato Mario Draghi.”’

    Conte ‘crollato’ per errori propri. L’articolista esperto in oroscopi anzi, horrorscopi, dovrebbe spiegare quali errori. Renzi è un errore di Conte? Ma non scherziamo. Un leader come Giuseppi che aveva un’alta popolarità e che ha guidato la nazione in mezzo alla pandemia e alle minacce di Salvini e di Renzi, che ha riportato oltre 200 mld di fondi UE, quale ‘errore’ avrebbe fatto di grazia? I traditori GIUDA non sono errori, purtroppo sono compagni di viaggio truffatori e arrivisti.

    ”’I partiti, che negli ultimi anni hanno sbagliato tutto quello che potevano sbagliare per via di classi dirigenti per lo più autoreferenziali e inadeguate (come non ricordare le prodezze del “Papeete” e la disperata quanto inutile caccia ai responsabili) sono stati “gentilmente” messi alla porta per consentire all’ex presidente Bce di rilanciare il paese dal punto di vista economico e sociale oltreché geopolitico.”’

    MA di che cazzo parla questo tipo? I partiti messi alla porta per far diventare il nuovo STALIN il conte Dragula? Questa è la politica? Bene, allora vuol dire che stiamo proprio apposto. Mattarella, naturalmente, non ha niente da dire, dopo avere compiuto ottocento anni.

    ”’Per fare questo però serviranno molti quattrini (provenienti non soltanto dall’Europa ma anche da oltreoceano), soldi che arriveranno soltanto a patto di riformare la magistratura. Nessun grande investitore straniero è disponibile a investire milioni di dollari per poi ritrovarsi impelagato in vicende giudiziarie che nella migliore delle ipotesi durano anni.”’

    Ah, la magistratura. Ma perché non lo diciamo più chiaramente? si vuole l’IMPUNITA’ PER I CRIMINI. Come ETERNIT, come ILVA, come AUTOSTRADE PER I MALETTON. Ecco cosa cercano questi farabutti, altro che riformare la magistratura.

    ””Rimettere il Paese nel solco della tradizione euro-atlantica dopo le sbandate filorusse e filocinesi è stato una delle prime richieste piovute sulla scrivania di Palazzo Chigi mentre l’altra, quella di riformare la giustizia, veniva subito dopo. Ecco perché Mario Draghi non intende assolutamente rinunciare alla riforma Cartabia tanto da apporre senza alcun tentennamento il voto di fiducia.”’

    Ah ecco, bisogna baciare il c… a Zio Sam sempre e comunque. E dove sta scritto che l’Italia è una nazione a sovranità limitata e che deve essere pronta a fare le guerre americane per interposta persona? Ma lo sa quest’articolista del caxxo che gli USA vedrebbero molto bene l’Europa sacrificarsi per distruggere la Russia, così da restare loro i padroni del mondo occidentale, più di quanto non siano già adesso, per poi dedicarsi alla distruzione della Cina?

    Ah, ovviamente l’oroscopo non dice queste cose al nostro articolista.

    Piace a 3 people

    • *Anail,
      Il mio sconcerto era appunto perché questo articolista ha parlato con un tale “candore” che mi è sembrato come quei bambini che ripetono ciò che hanno orecchiato dai grandi.
      Ma e’ tutto terribilmente vero e verosimile.
      Ciò che ho chiamato nel mio commento “castronerie “è il dramma che vorrebbero farcele digerire come cose ineluttabili e normali, mentre sono obbrobri logici, giuridici , sociali ed economici.

      La situazione è molto molto molto più grave di ciò che sembra .

      Piace a 3 people

      • Maristella : hai ragione, è di una gravità inaudita. Se passa questa controriforma oscena, significa che le mafie sono totalmente al potere. Quando MAI tanti elettori si sono pronunciati per un rinnovamento del nostro arcaico corrotto sistema. Ma loro, con la complicità del PdR, sono più forti

        "Mi piace"

  10. Peccato davvero e dispiace, magari potevano arrivare oltre il 50% se si mantenevano ” fedeli alla linea” , la gente è stufa della politica del potere che fa cadere dall’alto ogni . .. porcheria, lontano da un interesse civile reale e partecipato. Una politica pubblicizzata e urlata con tanto di vesti stracciate e a “core” aperto e che al fine, dopo tante urla e altrettanti comizi, aveva avuto il plauso di ridare una prospettiva serena e corretta della questione che coinvolge, bene o male, tutti.
    Invece hanno preferito la poltrona e il potere, già, già, e ciò che i vari di maio cantavano di un bene sacro, perché una poltrona ministeriale è un bene sacro, l’hanno metaforicamente privatizzata sull’onda della svendita che ha investito ogni settore . Di maio è davvero uno squallidissimo personaggio, un bovide in transumanza e la sua politica rispecchia pienamente la sua essenza. Tutto val bene una messa, purché si resti nel carrozzone euro atlantico con la digitalizzazione anche dei bagni pubblici, ormai non resta che farci mettere il micro chip , come ai cani, l’identità digitale, con tutti i nostri dati svenduti, è già un business vecchio. Di maio è giovane , ne ha di tempo e spazio per continuare a rovinarci tutti, credendo di essere il Cesare reincarnato venuto dalle mura di Avellino.

    Piace a 2 people

  11. Brava Maristella, hai trattato fin troppo bene questo ignominioso lacchè ed il suo scritto ridicolo oltre che tragico ‘ per il nostro, in definitiva, se l’Europa ci chiede processi più rapid (giustamente), la vía da percorrere non consiste nel rafforzare le strutture giudiziarie e dissuadere i presunti colpevoli dall’adottare tattiche dilatorie con mira a indulti, amnistie, prescrizioni, come ha fatto Bonafede. No, si fanno “sparire” i presunti colpevoli. Così l’Europa è contenta. E i criminali,colletti bianchi specialmente, ancora di più.

    Piace a 1 persona

    • *Bugsyn,
      Non credo che L”Europa sia contenta.
      Probabilmente arriveranno bonifici pure a loro dagli “investitori internazionali “.
      Piuttosto, mi fa specie che Alessandro di Battista scriva per la stessa testata di questo id**ta.

      "Mi piace"