Green pass e più vaccini per fermare la variante Delta in Italia: il dossier del Cts al governo

(Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini – corriere.it) – Rilasciare il green pass soltanto dopo il completamento del ciclo vaccinale e potenziare la campagna — soprattutto per gli over 60 — anche identificando attraverso il sistema sanitario nazionale chi non ha ancora ricevuto l’immunizzazione.

Sono questi i punti strategici del documento che il Comitato tecnico-scientifico consegnerà al governo nelle prossime ore, in vista dell’approvazione del decreto che renderà obbligatoria la certificazione verde per accedere in tutti i luoghi a rischio assembramento.

Allarme per la Delta

Il verbale messo a punto dopo la riunione di venerdì scorso, che ha esaminato il monitoraggio settimanale, contiene «l’allerta per l’evidente incremento dei casi dovuti alla variante Delta, connotata da maggior contagiosità e capacità d’indurre manifestazioni anche gravi o fatali in soggetti non vaccinati o che hanno ricevuto una sola dose di vaccino» e suggerisce tutte le possibili soluzioni proprio per fermare la risalita della curva epidemiologica.

Inserendo tra le priorità «il tracciamento di tutti i casi e il loro sequenziamento» proprio per isolare i positivi e rintracciare i contatti. Un allarme confermato dal bollettino di ieri che registra 3.127 nuovi casi, 3 decessi e un tasso di positività all’1,9%, con un aumento percentuale di 0,6 rispetto al giorno precedente.

La doppia dose

La cabina di regia del governo che si riunirà entro mercoledì servirà a stilare la lista dei luoghi dove il green pass diventerà obbligatorio.

E sembra ormai scontato che oltre a stadi, palestre, eventi, concerti, luoghi dello spettacolo, treni, aerei e navi, l’elenco includerà anche le discoteche con capienza al 50% e i ristoranti al chiuso.

Il Cts ha ribadito l’indicazione del 2 luglio: «La certificazione verde va rilasciata solo dopo il quattordicesimo giorno dal completamento del ciclo vaccinale, un test diagnostico o la guarigione infrasemestrale».

La campagna vaccinale

Gli scienziati prendono a modello quanto accaduto in Spagna, dove la variante si è manifestata «con alcune settimane di anticipo rispetto all’Italia» e ha causato «una significativa ripresa dei ricoveri in terapia intensiva», che il 15 luglio faceva contare ben 798 posti letto occupati.

Sottolineano che «la variante Delta — destinata, a breve tempo, a divenire dominante in Italia — è in grado di indurre una sintomatologia grave, con significativi indici di ospedalizzazione e anche di letalità, nei soggetti che hanno più di 60 anni non vaccinati ed anche, sia pure in misura in parte minore, in quelli che hanno ricevuto una sola dose di vaccino».

E per questo evidenziano come nell’ultimo mese il numero di over 60 non vaccinati è diminuito di appena 300 mila, passando da 2 milioni e 800 mila persone a 2 milioni e 500 mila persone.

L’identificazione

Vaccinare il maggior numero di cittadini diventa dunque prioritario e indispensabile è farlo per chi ha più di 60 anni e per chi mostra fragilità.

La raccomandazione degli scienziati è chiara: «Valutare ogni possibile intervento finalizzato a utilizzare sistemi automatici di incrocio di registri (assistiti dal Sistema sanitario nazionale e vaccinati) al fine di identificare, nel minor tempo possibile, i soggetti a maggior rischio per ragioni anagrafiche che non hanno ancora ricevuto il vaccino».

L’obiettivo è esplicito: rintracciare queste persone e spiegare loro, grazie all’aiuto dei medici di base, «i vantaggi derivanti dalla vaccinazione e i rischi di sviluppo di patologia grave o, addirittura, fatale connessi alla mancata immunizzazione».

I parametri

Il governo accoglierà la richiesta delle Regioni e modificherà i parametri per le fasce di rischio in modo da tenere in maggior conto il numero di ricoverati in area medica e terapia intensiva.

E dunque ci si muoverà su un doppio binariolasciare il più possibile l’Italia in bianco, ma tenere sotto controllo il virus con l’obbligo di green pass in tutti i luoghi dove si entra in contatto con estranei.

I nuovi indicatori saranno inseriti in un decreto che prevederà sanzioni per chi entra senza certificazione dove è previsto e che prorogherà lo stato di emergenza di almeno tre mesi.

10 replies

  1. Rilasciare il green pass soltanto PASSATI 15GG DOPO il completamento del ciclo vaccinale

    già hanno fatto il fakeGreenPass dopo la prima dose
    ora persistono e anticipano prima che la seconda dose sia “attiva”

    non capisco se sono stupidi o solo ignoranti

    "Mi piace"

  2. non sono ne stupidi ne ignoranti, sono servi di big pharma che finanzia solo dopo un tot di vaccini, non sono arrivati ancora alla quota e quindi spingono, nella reg. marche l’assessore alla regione (lega) propone la vaccinazione porta a porta con mezzi sanitari, fate un po’ voi

    "Mi piace"

  3. Dati VAERS sui vaccini COVID
    (Sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino, USA)
    463.456 Rapporti
    Fino al 9 luglio 2021
    *

    10.991
    DECEDUTI
    30.781
    RICOVERI
    59.402
    CURE URGENTI
    82.535
    VISITE IN UFFICI
    2,487
    ANAFILASSI
    2.885
    PARALISI DI BELL
    1.073
    aborti spontanei
    3.906
    Infarti
    2,466
    Miocardite/Pericardite
    9.274
    Disabilitato
    2,552
    Trombocitopenia/
    basso livello di piastrine
    8.832
    Minaccia di vita
    19,814
    Reazione allergica grave
    5.422
    Tinnito

    * VAERS HHS pubblica i dati COVID settimanalmente, ma rilascia i dati dell’ULTIMA SETTIMANA. Quindi un aggiornamento sarà sempre in ritardo di una settimana.P. Scusate x l’insistenza ma sembrano matti.

    "Mi piace"

  4. Slow down,
    Rallenta,

    Prenditi il tuo tempo,

    Andrà tutto bene

    Se decidi di dedicarti alla scienza,

    Calmati,

    Calmati.

    Rallenta,

    Prenditi il tuo tempo,

    Andrà tutto bene

    Se decidi di dedicarti alla scienza,

    Calmati,

    Calmati.

    Oh rallenta…

    E ora ho capito

    La vita non è un’amica

    È così difficile, a volte.

    Ma indovina un po?

    Non sei il solo.

    La porta è chiusa,

    Ma lo è anche la tua mente.

    "Mi piace"

  5. Senza il controllo delle varie feste, festini, rave, partite di calcio, assembramemti fuori dai locali, festeggiamenti senza regole, ecc… tutta l’ammuina sul green pass è assolutamente ridicola, una presa per i fondelli.
    Per non parlare del ritorno a scuola e al lavoro: cosa si è fatto per i trasporti?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...