Mascherina non più obbligatoria, De Luca prepara l’ordinanza per aggirare la decisione del governo

(di Angelo Agrippa – corrieredelmezzogiorno.corriere.it) – Vincenzo De Luca aspetterà probabilmente il 28 giugno, giorno nel quale entrerà in vigore l’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, con cui si dispone che «cessa l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi all’aperto», per insistere che la mascherina dovrà essere ancora tenuta sulla bocca. Insomma, la agognata riconquista della libertà di respiro dovrà essere sottoposta alla verifica discrezionale del presidente della giunta. Soprattutto perché quella «emancipazione», almeno nella accezione più esuberante ma meno cara a De Luca, è stata da quest’ultimo già ampiamente biasimata: «Togliere la mascherina non è conquistare lo sbarco in Normandia o firmare la costituzione democratica». E come aveva promesso e annunciato, ecco che ora è pronto a controfirmare un proprio provvedimento in controtendenza — ma solo in apparenza — per rendere, invece, perentoria l’esortazione ad indossare il dispositivo di protezione — come viene definito nel linguaggio burocratico-ministeriale — delle vie respiratorie.

Il testo ministeriale

È quanto trapela dagli uffici di palazzo Santa Lucia, indicando che, peraltro, sarebbe già tutto implicitamente contenuto nello stesso testo della ordinanza ministeriale, sebbene sia considerata una sorta di falla nella concessione. «Fermo restando quanto previsto (…) l’obbligo sull’intero territorio nazionale — scrive Speranza — di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, a partire dal 28 giugno 2021, nelle zone bianche, cessa l’obbligo di indossare» le mascherine «negli spazi all’aperto, fatta eccezione per le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o si configurino assembramenti o affollamenti, per gli spazi all’aperto delle strutture sanitarie, nonché in presenza di soggetti con conosciuta connotazione di alterata funzionalità del sistema immunitario». Ed è in questi interstizi prescrittivi che molto probabilmente troverà collocazione la disposizione del presidente campano, ordinando di indossare la mascherina proprio nelle circostanze più rischiose come gli assembramenti e gli affollamenti nelle strade della movida cittadina e dello shopping.

Le somministrazioni

Intanto, la ripresa delle somministrazioni continua ad essere frenata. «Sulle prime dosi si registra meno del 10% dei convocati ai box vaccinali — riferiscono dalla Asl Napoli 1 — e anche le adesioni restano piuttosto contenute, un centinaio al giorno. Poi in serata c’è stato un buon recupero e chiuderemo quasi a 6 mila somministrazioni». In verità trovano riscontro soprattutto le dosi di richiamo più che le prime somministrazioni. Del resto, sono settimane che il dato relativo ai non aderenti alla campagna è fermo al 29,11% della popolazione campana. Nella fascia 12-100+ a fronte di una platea di 5.081.612, le adesioni sono 3.602.160 (70,89%%) ma quelle mancanti sono 1.479.452.

4 replies

  1. De Luca deve ancora spiegare l’integrazione alle pensioni minime mai riscossa dagli interessati,promessa con tanto frastuono di grancassa.Ogni tanto ne spara una delle sue,ma si tratta sempre di rumore di forbici senza taglio.

    "Mi piace"

  2. intanto, in Israele, le mascherine tornano obbligatorie al chiuso dal 28/06/2021
    dopo che sono stati rilevati 169 casi di infezione da COVID-19 al giorno.
    da noi, media ultimi sette giorni, è oltre 840 casi.
    saluti a Salvini e al pizzaiolo in franchising, e “cornuto” in proprio, modenese.

    "Mi piace"

    • mi correggo
      pare che l’entrata in vigore dell’obbligo sia stata anticipata ad oggi alle 12 ora locale

      mi pare evidente che l’urgenza sia collegata ad una certa preoccupazione.

      ma sicuramente sbagliano

      "Mi piace"

  3. GB 1.200.000 tamponi al giorno.
    Noi meno di 200.000, tra questi i viaggiatori dall’estero che si erano già tamponati prima di partire.
    I contagi calano. Se domani ne faranno ancora meno i contagi spariranno del tutto.

    "Mi piace"