Scontro tra Lucia Annunziata e Michele Santoro

(liberoquotidiano.it) – Ed è scontro tra Lucia Annunziata e Michele Santoro. L’ospitata dell’ex volto Rai a Mezz’ora in più su Rai 3 si è trasformata in un botta e risposta durissimo. Ad accendere la miccia i vaccini e la mancanza di voci contrarie lamentate da Santoro: “Gli scienziati non sono Dio, devono fornirmi i dati per prendere le decisioni”.

“Ma né tu né io siamo in grado di leggerli”, ha prontamente replicato la conduttrice mentre il collega rincarava la dose: “Allora dobbiamo farci governare dagli scienziati? Ci sarà qualcuno che li deve saper leggere. Il rischio per me è metterli sul piedistallo come se fossero degli dei. Pretendo che mi diano quanti più dati possibile per verificare che le loro teorie siano corrette”. Frasi che hanno scatenato la Annunziata, pronta a incalzare nel chiedere se “vuoi criticare la politica, gli scienziati o tutti e due?”.

Ma Santoro non si è arreso e fermo sulle sue posizioni ha rivendicato “più democrazia nel mio Paese”. Nel mirino del giornalista ci sono finiti anche i politici, accusati di aver utilizzato gli esperti del Covid. La situazione è però diventata piano piano più incandescente: “Poi se a te stanno bene i telegiornali che non danno spazio a opinioni critiche che ci sono e che corrisponde al 30 per cento dell’opinione pubblica, dimmi tu se questo è normale”, ha sbottato a quel punto il fu conduttore di AnnoZero.

Presa in contropiede, la Annunziata non ha gradito la stoccata: “Intanto voglio dirti che io sono giornalista e mi assumo la responsabilità di quello che faccio io, credo che sia ingiusto da parte mia criticare i colleghi”.

Finita qui? Neanche per sogno perché la Annunziata non ha affatto preso bene la critica del collega: “Scusa ma tu adesso non eserciti nel senso che non hai una tua trasmissione e vieni qui a farci notare queste cose? Vuoi darmi lezioni?”. A sua volta Santoro ha risposto per le rime: “Non si possono fare domande”. E ancora: “Non ho una mia trasmissione ma sono un giornalista”. Poi si è alzato ed è andato via ancora borbottando con ilarità: “Io non esercito…”.

https://www.raiplay.it/video/2021/05/Mezzora-in-piu—Puntata-del-06062021-01fbf41e-79d8-4a24-a637-98565fa756c1.html

MICHELE SANTORO VS LUCIA ANNUNZIATA – IN MEZZ’ORA IN PIU’

Play Video

Categorie:Cronaca, Interno, Media, Politica

Tagged as: , , ,

23 replies

    • Santoro ha pienamente ragione. Nella scienza tutto è vero fino a che non viene dimostrato che è falso e questo principio deve sempre essere tenuto a mente, soprattutto quando si decide.di vaccinare più volte 6-7 miliardi di persone. Tra l’altro nel caso dei vaccini e nell’epidemiologia , più che il vero ed il falso, si parla di rapporti costi/benefici, rapporti che non solo possono discostarsi molto dalla realtà (lo scopriremo quando avremo numeri a sufficienza a valutarli) ma sono soprattutto relativi all’ambito in cui li applico. Mi spiego: vaccinare un quindicenne ha probabilmente un alto rapporto costo/beneficio per la sua persona, mentre verso la comunità (di vecchi) il rapporto scende e diventa conveniente. È normale quindi che questi numeri, siano.affidabili o meno, vengano valutati da tutti, politici,giornalisti,opinione pubblica. Io personalmente ad esempio avrei trovato più normale.vaccinare prima tutti gli over 45-50 anni e poi, sulla base di ulteriori approfondimenti scientifici e epidemiologici, decidere come proseguire. Lo dico da profano , ma per lo meno aveva una sua logica conservativa.

      "Mi piace"

      • Ti dichiari profano, ma come tale, dichiari che sia giusto vaccinare prima i 45-50enni. Ricordo un signore che diceva similmente:non capisco nulla di calcio, ma se vogliamo vincere bisogna fare il 3-5-2… siete uguali.

        "Mi piace"

      • X Giorgio.

        Non vuol dire niente. Se tu devi scegliere come cittadino, non come allenatore della ‘nazionale’, DEVI avere le notizie e le opinioni, TUTTE, e non selezionate da chi è interessato a non far trapelare NULLA di quel che le persone ‘alternative’ dicono rispetto alla linea dirigista e vaccinara.

        "Mi piace"

  1. Ah, ecco… d’ora in avanti, quando ci facciamo costruire una casa, gli ingegneri ci devono dimostrare, dati alla mano, come si è proceduto, le tecniche di costruzione, tutti i dati dei calcoli… e, dal medico, pretendiamo i dati scientifici per ogni diagnosi ed eventuale tecnica operatoria….
    Soprattutto costui pretende i dati dai giornali e dai telegiornali, che devono, EQUAMENTE, dare comunicazione dei fatti e delle bufale.
    Dopo Astrosamantha, subito un terrapiattista, mi raccomando…altrimenti non c’è democrazia.
    Quando la gente rimbambisce.
    Si laurei in ogni possibile disciplina, così i dati li produce, legge e, soprattutto, COMPRENDE.

    Piace a 2 people

    • Dagli ingegneri non mi frega niente, ma dal medico ci può scommettere che PRETENDO motivazioni per ogni diagnosi che mi riguarda, e pensi che addirittura chiedo un altro parere se non mi ritengo soddisfatto. Curioso poi che lo stesso che rimbrotta Santoro perché chiede dati e ragioni si permetta di giudicare bufale le motivazioni di quegli scienziati che esprimono dubbi sull’efficacia di questi vaccini e sull’opportunità di vaccinare categorie come quella pediatrica a rischio zero per il Covid. Ha proprio ragione, quando la gente rimbambisce.

      Piace a 1 persona

      • Ovviamente non parlavo di motivazioni generiche, ma di DATI SCIENTIFICI precisi e magari, perché no, di tutte le pubblicazioni relative agli esperimenti effettuati, magari in doppio cieco, con percentuali etc.
        Mi sembrava che fosse chiaro il livello,
        ma, evidentemente, mai illudersi…
        E non si trattava certo di “dubbi” sull’efficacia e opportunità di vaccinare certe categorie, ma di notori ciarlatani che negano a priori e/o si basano su dati fallaci, come ad esempio quello di considerare a rischio zero i bambini.
        Tutto ciò perché, magari, si ignora che i bimbi sono soggetti ad una sindrome pseudo Kawasaki, di infiammazione multi organo, che, se non riconosciuta in tempi veloci, ha conseguenze letali.
        Senza contare gli effetti a lungo termine, ancora non ben studiati e valutati e soprattutto il fatto che comunque i ragazzi e i bambini sono fonti di contagio e “saltare” la categoria, ostacola il raggiungimento dell’immunità di gruppo.

        "Mi piace"

    • hai ragione, però va detto che se la casa crolla l’ingegnere deve rispondere del crollo…qui invece la prima cosa che si è pensato di fare è uno scudo penale per politici, esperti del ct e case farmaceutiche che quindi non risponderanno di eventuali problemi…ciò è piuttosto inquietante.
      rimanendo al tuo giusto esempio va pure detto che hai la libertà di rivolgerti l’ingegnere che ti propone la soluzione che più ti soddisfa, quindi di ascoltare più campane”…è indubbio che ci siamo medici validi? alcuni di grande fama, che di fatto, sollevate delle perplessità sulle vaccinazioni di massa (ricordiamolo con un farmaco sperimentale approntato in 6 mesi invece che sperimentato in 4/5 anni come di solito avviene) sono stati censurati…tutto questo non aiuta a fare valutazioni serene al riguardo

      "Mi piace"

  2. Mi è sembrato alquanto “strano” che la regia non fosse stata in grado di dare il numero dei nuovi positivi di un anno fa. Si trovano in un attimo sul sito del Ministero. Che sia perchè erano più o meno un decimo di quelli di quest’ anno e con meno morti?

    Comunque coraggio: oggi solo 84.000 tamponi, di entrambi i tipi. Alla faccia del tracciamento e dell’ identificazione delle nuove varianti. Nonostante questo 1.273 nuovi casi e ancora 65 morti. Tra poco non si faranno più tamponi così finalmente saremo “alla fine del tunnel”.
    (Per inciso: il 7 giugno 2020 c’erano stati 197 nuovi positivi).

    Per quanto riguarda il resto è evidente che anche tra giornalisti succede come tra virologi: si azzannano per la pagnotta: “Io ho il programma e tu no,! Ha, ha!

    "Mi piace"

  3. Premesso che non ho visto la trasmissione in questione, assisto casualmente solo a qualche telegiornale e l’unico giornale che leggo è “Il Fatto”.
    Premesso che ritenevo e ritengo necessario vaccinarsi, ho già ricevuto le due dosi di Comirnaty (Pfizer) e ho rilevato solo una leggera ipertermia di breve durata.
    Premesso che invece mia sorella ha rischiato una trombosi, e ha avuto febbre e spossatezza per 15 giorni. Dopo una serie completa di esami effettuati presso il pronto soccorso del più grande ospedale di Torino e una visita urgente presso il dipartimento di Allergologia e Immunologia la risposta è stata: “Non abbiamo la più pallida idea della causa di una simile reazione”.
    Risposta che ha confermato la mia opinione che la “Medicina” NON E’ UNA SCIENZA, anche se utilizza metodi derivati da quest’ultima!
    I vari “esperti” che hanno affollato tutti i mezzi d’informazione non sanno “come” realmente interagisca l’organismo a questi nuovi vaccini. Registrandosi al sito dell’AIFA è possibile accedere al loro data-base e conoscere le “percentuali” di effetti anomali a carico dei differenti organi (decisamente molti) per ogni singolo vaccino ma la causa é ASSOLUTAMENTE IGNOTA!
    Questo è il motivo per cui, normalmente, sono richiesti almeno cinque anni per distribuire un nuovo vaccino, in questa occasione le “cavie” siamo stati tutti noi che ci siamo vaccinati…
    Che la “Medicina” proceda per tentativi e non in seguito a “Teorie” è comunque la prassi… il farmaco che assumo per l’IPB era stato “progettato” per curare l’ipertensione, poi si visto che serviva anche per rilassare le pareti della vescica e ora lo prescrivono per quella funzione.

    Piace a 1 persona

    • Ricordo male oppure il famoso Viagra non era stato inventato per curare l’eccessiva pressione sanguigna e poi è finito per un utilizzo diverso ?
      A me sembra che la scienza e la tecnca siano state utilizzate per sostituire la Divinità. Poi, si è visto che non sono infallibili e che i loro sacerdoti si sono venduti come dei banali simoniaci.

      "Mi piace"

  4. C’e’ a mio avviso un lieve e diffuso fraintendimento del termine scienza, specialmente con riferimento a quelle comunemente dette scienze sperimentali.

    Per farla breve, da una scienza sperimentale non puo’ derivare una verita’ assoluta, per il semplice motivo che un esperimento non puo’ provare la verita’ di un asserto che debba valere per un numero infinito di oggetti o circostanze.

    Per esempio, supponiamo che esista una teoria che asserisca che tutti i legaioli sono coglionazzi (secondo una certa definizione di coglionaggine).

    Supponiamo che, sperimentando su 1000 legaioli, risulti effettivamente che tutti e 1000 sono coglionazzi. Ho quindi provato che tutti i legaioli sono coglionazzi? No.

    Per provare che tutti i legaioli sono coglionazzi, devo effettivamente testare tutti i legaioli, basta uno che non lo sia e la teoria e’ falsa.

    Adesso, magari per i legaioli l’esperimento definitivo e’ in astratto possibile, perche’ sono presumibilmente in numero finito, ma, in generale, ogni teoria sperimentale su domini infiniti vale fino a prova contraria.

    Leggere questi esempi semplici semplici:

    https://www.platon.it/episteme/lempirismo-logico-e-i-suoi-limiti/limiti-dellinduzione/

    E il Popper e il principio di falsificabilita’

    https://www.platon.it/episteme/il-fallibilismo-di-popper/

    Tutto questo papello per dire che la scienza tratta con probabilita’ e correlazioni tra dati che vanno interpretati da chi capisce di cosa sta parlando, ma non e’ la bibbia (nel senso che non e’ verita’ rivelata al poppolo dei fedeli): se uno invece che credere all’opinione prevalente nella comunita’ scientifica vuole credere al primo magliaro che passa, lo puo’ fare.

    Se e’ convinto che il covid e’ meglio dei vaccini perche’ ha visto il video del noto Pirlacchion su youtube, faccia pure, la fessaggine non e’ reato.

    Se poi ci lascia le penne, aiutera’ pure i darwinisti a sostenere le loro tesi.

    Piace a 1 persona

    • Qualunque Teoria per definirsi “scientifica”, deve essere “falsificabile” e questo principio l’ho ricordato in diverse occasioni in questa sede. In medicina però non esiste, a quanto pare, un unico “paradigma di riferimento” (temporaneo è evidente anche perché la progressione non è lineare ma si sviluppa attraverso “rivoluzioni”, perlomeno secondo Thomas Kuhn). Converrai però che le decine di dichiarazioni contraddittorie sull’affidabilità dei vaccini, rilasciate dai cosiddetti “esperti”, hanno ben poco di “scientifico”, fermo restando che è sicuramente preferibile il “rischio vaccini” al “rischio Covid”.
      Comunque il “Metodo Scientifico” è quanto di meglio disponiamo per affrontare la comprensione di quella Natura della quale facciamo parte e chi lo nega è talmente ignorante da non rendersi neppure conto di quanto lo sia! Mi rendo conto che può sembrare incredibile ma esistono ancora soggetti che negano quel “modello evolutivo” sul quale si fondano oramai tutte le Teorie Scientifiche!

      p.s. Comunque dubito fortemente che esista uno, anche un solo legaiolo che non sia un coglionazzo!

      "Mi piace"

      • “Mi rendo conto che può sembrare incredibile ma esistono ancora soggetti che negano quel “modello evolutivo” sul quale si fondano oramai tutte le Teorie Scientifiche!”: AHAHAHAH… Ma si può essere più modesti?

        "Mi piace"

  5. Forse sarebbe il caso, se si vuole pontificare, di leggerselo, Popper, e non di citare, come al solito, link. Che sono sempre interpretazioni, ed ogni interpretazione ha un suo scopo ed un suo perchè.

    La scienza è una attività umana, e per questo , oltre che fallibile, sottoposta a tutte le passioni umane: ricerca di visibilità, di potere, di denaro. La parola scienza tra l’ altro è onnicomprensiva di attività del tutto diverse tra loro: dalla Fisica alla Medicina, che scienza in senso puro non è ma, come dice un amico bravo medico, un’ arte.

    Nel nostro caso occorre tenere presente che:
    Praticamente tutto quello che si credeva di sapere in Medicina è stato nei secoli smentito, e il nostro secolo non sarà certo una eccezione.
    Per fare ricerca al giorno d’ oggi occorrono miliardi, e dove girano miliardi la politica la fa da padrone ( nella sua veste militare soprattutto).
    Gli “scienziati” che si dedicano alla ricerca sui farmaci, essendo inseriti in un circuito miliardario e sensibilissimo, vengono accuratamente scelti da chi paga (politica o privati) non tanto per le loro doti, diciamo così, ma per quanto servono al committente. Dobbiamo tenere presente questo quando parliamo delle pur utilissime ( la scienza funziona così) diatribe tra pareri diversi. Praticamente ogni giorno esce uno “studio” che dice tutto ed il suo contrario ed ogni medium sceglie nel mazzo quello che più gli fa comodo. La ricerca scientifica procede così quando le cose sono nuove e si va per lo più per tentativi.

    Abbiamo assistito, nel corso di questa pandemia, a tutto ed al suo contrario: mascherine si/no; un’ infinito elenco di pannicelli caldi (idrossiclorochina, ecc…) si/no; virus clinicamente morto si/no; contagiosità si/no; timore per le varianti, si/no; ecc… ecc…
    Insomma, tutto e il suo contrario che testimoniava in soldoni, una cosa sola: si sapeva poco ma tutti sgomitavano per un po’ di visibilità (= potere, soldi…). C’è chi ne ha approfittato per scrivere libri, chi per comparire ogni giorno in TV (anche a pagamento, pare…) per accreditarsi politicamente, per ricevere finanziamenti per ulteriori ricerche, ecc…
    Insomma, non è stata un bel vedere, ovvio quindi che anche quando si parla di vaccini molta gente si tocchi.
    Anche perchè di vite ce ne è una sola, e vedere coloro che devono decidere sulle nostre “aperture” che se ne stanno ancora isolatissimi, mascheratissimi ed attentissimi mentre ci “aprono” al caos dei ristoranti e delle discoteche pieni non rassicura molto.
    Come non rassicura molto vedere migliaia di giovani affollarsi a ricevere vaccini “consigliati” per gli over 60 e che metà d’ Europa ha rifiutato, solo per poter andare in discoteca e fare “liberi tutti” . E rassicurano ancora meno i termini guerrafondai che il generale Figliuolo usa con piglio militaresco dimostrando di avere come unico interesse il “numero”. Come in gurra (che lui non ha mai realmente fatto), occorre “”conquistare la collina”, portare a termine la missione: i danni collaterali sono inevitabili. Ma chi farà il “danno collaterale” potrebbe non essere d’accordo.

    L’ unica cosa sensata sarebbe leggersi bene i comunicati EMA ed AIFA: vaccini autorizzati ad uso emergenziale i cui effetti collaterali a medio e lungo periodo non sono noti. Non si conoscono ancora nè la durata della copertura nè la percentuale di tale copertura, nè se funzionaranno riguardo le variabili che inevitabilmente si svilupparanno (è possibile anzi che la pressione selettiva esercitata dai vaccini possa svilupparne di più resistenti, come è avvenuto con gli antibiotici nei confronti dei batteri) Ovvio, dato il breve tempo occorso per svilupparli e testarli, pur attraverso nuove tecnologie.
    Dopo aver letto tirare le conclusioni e decidere per se stessi: far decidere ad altri riguardo un TSO sarebbe un precedente molto pericoloso. Molto pericoloso.
    Abbiamo però alcune certezze: il virus si propaga e muta per contagio, quindi igiene e distanziamento sicuramente funzionano. Uniti al tracciamento che, ora che i positivi sono in calo, sarebbe più facile e dovrebbe essere tenacemente perseguito. Invece che si fa? Liberi tutti e sempre meno tamponi (per non parlare del sequenziamento…) per far calare i “numeri”.

    Speriamo che il Sars-Cov -2 sia così intelligente da estinguersi da solo…

    "Mi piace"

    • “La scienza è una attività umana, e per questo , oltre che fallibile, sottoposta a tutte le passioni umane:”: epistemologicamente parlando, l’attuale metodo induttivo/inferente-analitico che informa la procedura del conoscere attuale della scienza è umano, non la scienza in sé. La scienza è uno strumento, dipende da come viene usato, non è il fine: la scienza, per esempio, nell’accezione aristotelica, non è umana perché, sempre epistemologicamente parlando, si riferisce al metodo deduttivo-sintetico, per cui

      “Praticamente tutto quello che si credeva di sapere in Medicina è stato nei secoli smentito, e il nostro secolo non sarà certo una eccezione.”, diventa ad essere una petizione di principio per due semplicissimi motivi.

      1) Tutto quello che si credeva di sapere in Medicina è stato nei secoli PERDUTO!

      2) Il nostro secolo, invece, è l’unica eccezione per cui varrà certamente la pena dimenticarsi tutto. E quella cosa là, di cui si parlava ieri, sarà quella che costringerà a breve l’uomo, a fare i conti con la sua idiozia, ché, nelle condizioni attuali, non è in grado di poter accorgersi del suo fallimento e quindi scegliere deliberatamente di ciurlare nel manico!

      "Mi piace"

    • X Carolina:

      Quanto è vero quel che dici.

      Vedere i gggioffffanni accalcati per l’iniezione salvifica assicuratrice di vita eternamente sballata e in diskoteka, è veramente deprimente.

      Ma possibile che questi torsi non abbiano inteso che l’EMA e AIFA raccomandano JJ e Astronzata per gli over 60?

      Ebbene sì, è possibile.

      I TG non hanno dato alcuna informazione su questi ‘effetti avversi’ da circa 2 mesi.

      Pazzesco.

      Ho postato sulla pagina del TG3 il link del FQ dove Gomez parlava di due donne KO dai vaccini, e l’hanno cancellato pure da FB.

      Tanto per capire a che punto siamo.

      E Figliolo non solo è un militare, ma è un generale.

      Significa che se deve conquistare una collina, ha 10.000 uomini e ne perde 1.000 è soddisfatto. Questo non capisce niente di vaccini, fosse per lui metterebbe le siringhe al posto delle pallottole nelle mitragliatrici.

      Brutta situazione. Molto brutta come dire Friedman.

      "Mi piace"

  6. Purtroppo i generali le guerre non le combattono, le comandano.
    Ho già citato altrove il bellissimo film di Kubrik “Orizzonti di gloria”: non siamo nelle mani del maggiore Kirk Douglas, ma in quelle del Generale francese. Che deve ad ogni costo, per la propria gloria, conquistare la collina. Ma devono pensarci le truppe, e chi le comanda sul campo. E chissenefrega dei “danni collaterali”, occorre fare “numero”.
    Ecco perchè ci hanno messo dei militari. Che ci entravano?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...