La finta retorica della politica

( Stefano Rossi ) – Sulla scarcerazione del mafioso brusca, Enrico Letta, ha detto: “E’ stato un pugno nello stomaco che lascia senza respiro e ti chiedi come sia possibile“.

Ed è incredibile sapere che lui insegna all’Istituto di studi politici a Parigi e non sa, o fa finta di non sapere, che è grazie ad una legge che i peggiori criminali di questo paese escono dal carcere molto tempo prima della condanna inflitta.

Ma è un problema che riguarda i suoi elettori.

Volevo solo ricordare, invece, le uniche parole che meritano attenzione su questa questione, che giungono proprio dal difensore di quel mafioso.

L’avvocato Li Gotti, dopo il Tg2, sentito le lamentele che da più parti provenivano dal mondo politico, seraficamente ha detto: “E’ corale l’indignazione. Bene, il Parlamento si riunisca e in una settimana potrà abolire la legge sui permessi ai detenuti“.

L’unico in grado di chiarire la vicenda con poche parole.

Siccome non lo faranno mai, dovrebbero avere il buon gusto di stare zitti, muti, come quelli che lasciano il carcere anzitempo. 

10 replies

  1. Letta non puo’ essere così stupido da non sapere che la questione di Brusca è piu’ articolata della pura e semplice liberazione, ma ha scelto la strada piu’ “di pancia” che la gente voleva sentire. Ha ceduto ancora al consenso facile invece che spiegare ( non occorrevano tante parole complicate e se vuole sa trovare quelle giuste) la verità agli italiani . Io assegno tempo un anno per vedere qualche risultato.

    Piace a 2 people

    • Si parlava di Civitavecchia mi pare, erano commenti contro il pd che non si era accorto di questo libro.
      Credo fosse SM ma non avendo file .xls non sono certa. Dovresti chiedere al malamente.

      "Mi piace"

    • Ecco come l’eiaculatore ipertestuale legge le notizie e le divulga al popolino ignorante:

      “Ennio 7 maggio 2021 alle 5:53
      https://www.ilfaroonline.it/2021/04/23/libri-porno-alle-elementari-di-fiumicino-scoppia-il-caso/409889/
      No, era UNO, uno solo, quello contenente immagini dei genitali d’ambosessi. Ed era un libro con il quale si fa educazione sessuale, alla svedese se vi pare, ma si fa, anche sbalzando i totem dal piedistallo. altrimenti ti sciroppi Tajani e Veneziani e la Gelmini e la Bergonzoni. Un libro solo, tra mucchi e palate d’altri (visto che per certuni la letteratura va a chili, vedi Pillon).”: nemmeno i titoli sa leggere! E dopo che gli si era fatto osservare “ma almeno leggi quel che linki?tanto per non fare la parte del pirla.”, l’eiaculatore insiste: “Ci trovi scritto esattamente quello che ti ho detto”.

      https://infosannio.com/2021/05/07/zingaletta/#comments

      "Mi piace"

      • Riportiamo un articolo a caso tra i tanti apparsi:

        “La Fondazione Benetton è profondamente rammaricata per l’errore della consegna nelle scuole di alcune copie dei volumi Imago Mundi Collection non destinati agli studenti. Ci scusiamo per l’accaduto con le famiglie, i ragazzi e con le scuole che avevano aderito all’iniziativa Piccoli Passi nel Mondo per celebrare Il centenario della nascita di Gianni Rodari nell’ambito del progetto Navigare il Territorio, attivo da anni a supporto della comunità locale. Stiamo già provvedendo al ritiro delle copie», precisano dalla Fondazione Benetton.”.

        https://www.ilcorrieredellacitta.com/fiumicino-cronaca/fiumicino-choc-in-una-scuola-consegnati-ai-bimbi-libri-con-contenuti-porno-foto.html

        "Mi piace"

      • gentile GATTO, per me, che non conosco gli antefatti, quello che scrivi è troppo criptico.Ti inviterei ad esser piu’ chiaro Grazie

        "Mi piace"

      • Gli antefatti, caro del zotto, si deve smazzare e andarseli a vedere direttamente sul link che ho gentilmente allegato. Buona giormata.

        PS: è lei che mi ha chiesto la stessa cosa sul blog de Ilsimplicissimus?

        "Mi piace"

  2. Si Chiama “autonomia scolastica”, che comprende anche le Messe e le comparsate delle ONLUS nelle scuole.

    "Mi piace"

  3. A proposito delle esternazioni dei politici. E’ tutto un fiorire di “la politica deve”, “dobbiamo cambiare”, “è uno scandalo che sia così”… da parte di gente che è lì da sempre e che queste leggi le ha fatte e approvate o non ha fatto nulla per cambiarle ( e non lo farà fino a quando non converrà a loro stessi).
    Ma ogni volta la stessa storia. Ci prendono continuamente per i fondelli e ogni volta abbocchiamo. Sembrano vetrgini nei confronti della qualunque e noi ci azzuffiamo riguardo le loro dichiarazioni del menga.
    Come ci conoscono bene!

    "Mi piace"

    • E’ una vita che sostengo che appena sentiamo da politici le espressioni tipo “dobbiamo” , “è urgente”, “bisogna”, ecc. non dovremmo abboccare ancora una volta ed invece faremmo bene a chiudere l’audio e non credere assolutamente a quel politico. Quelle parole ci risuoneranno come un campanello d’allarme. Io da molto tempo ormai faccio così. Lo consiglio a tuttti.

      "Mi piace"