Ex Ilva: condannati a 22 e 20 anni di reclusione Fabio e Nicola Riva. Condannato a 3 anni e mezzo ex governatore Vendola

EX ILVA: PROCESSO, 22 E 20 ANNI PER FABIO E NICOLA RIVA

(ANSA) – La Corte d’Assise di Taranto ha condannato a 22 e 20 anni di reclusione Fabio e Nicola Riva, ex proprietari e amministratori dell’Ilva, tra i 47 imputati (44 persone e tre società) nel processo chiamato Ambiente Svenduto sull’inquinamento ambientale prodotto dallo stabilimento siderurgico. Rispondono di concorso in associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro. La pubblica accusa aveva chiesto 28 anni per Fabio Riva e 25 anni per Nicola Riva.

EX ILVA:CONDANNATO A 3 ANNI E MEZZO EX GOVERNATORE VENDOLA

 (ANSA) – Tre anni e mezzo di reclusione sono stati inflitti dalla Corte d’Assise di Taranto all’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola nell’ambito del processo ‘Ambiente Svenduto’ per il presunto disastro ambientale negli anni di gestione della famiglia Riva. I pm avevano chiesto la condanna a 5 anni. Vendola è accusato di concussione aggravata in concorso, in quanto, secondo la tesi degli inquirenti, avrebbe esercitato pressioni sull’allora direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, per far “ammorbidire” la posizione della stessa Agenzia nei confronti delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva.

EX ILVA: 3 ANNI A EX PRESIDENTE PROVINCIA TARANTO FLORIDO

(ANSA) – Nell’ambito del processo Ambiente Svenduto per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva negli anni di gestione della famiglia Riva, la Corte d’Assise di Taranto ha condannato a 3 anni di reclusione l’ex presidente della Provincia Gianni Florido, che risponde di una tentata concussione e di una concussione consumata, reati che avrebbe commesso in concorso con l’ex assessore provinciale all’ambiente Michele Conserva (condannato a 3 anni) e l’ex responsabile delle relazioni istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà (condannato a 21 anni e mezzo). I pm avevano chiesto 4 anni per Florido e Conserva, 28 anni per Archinà.

EX ILVA: 21 ANNI PER DUE DIRIGENTI, CONFISCA IMPIANTI

(ANSA) – La Corte d’Assise di Taranto ha condannato a 21 anni e 6 mesi di carcere nel processo per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva l’ex responsabile delle relazione istituzionali Girolamo Archinà e a 21 anni l’ex direttore dello stabilimento di Taranto Luigi Capogrosso. E’ stata inoltre disposta la confisca degli impianti dell’area a caldo che furono sottoposti a sequestro il 26 luglio 2012 e delle tre società Ilva spa, Riva fire e Riva Forni Elettrici. Condannato a 17 anni e sei mesi l’ex consulente della procura Lorenzo Liberti.

23 replies

  1. Finalmente dopo anni e anni di processi ce l’hanno fatta, anche perchè sennò probabilmente ci toccava pure sentire le scuse di Dimayo a questi qua?!?

    Piace a 1 persona

  2. Quindi la condanna del FATTO per la pubblicazione del video delle risate di VENDOLA in cui il giudice trascrive che c’è stato accertato il travalicamento del diritto di cronaca e la conseguente lesione della reputazione personale e professionale di Nichi Vendola, ha ancora valore?

    Piace a 1 persona

    • Credo proprio di sì.
      Era una telefonata in cui rideva di come veniva trattato il giornalista di telenorba da parte del portavoce dei Riva. Il Fatto scrisse che rideva del disastro ambientale.

      "Mi piace"

      • come dicono gli avvocati:
        questione di lana caprina

        colgo l’occasione per ringraziarti per l’appoggio nei confronti di un noto “obtusus”
        ma infilarsi in una discussione con lui non ne vale pena, sono più le giravolte che fa che le parole.
        saluti

        "Mi piace"

      • paola
        no non l’avevo visto, avevo letto l’intervista di Vissani prima che ci fossero dei commenti ed ora dopo averli letti concordo con Jerome.
        ma avevo già letto l’articolo sul corriere di “CAZZullo” su ROL
        ROL era un furbacchione
        sapeva come intortare le persone non dandolo troppo a vedere
        di certo aveva un notevole fascino
        e moltissime persone ne sono state ammaliate
        ed era un massone..Cazzullo non l’ha scritto questo

        "Mi piace"

    • @Adriano58

      Hai scritto tre commenti, ciononostante non si è capita la tua opinione su questa vicenda.
      E visto che ci sono gli “obtusus” (ho imparato una parola nuova, grazie) che avviliscono la discussione, avresti potuto deliziarci del tuo acume facendoci sapere esattamente cosa pensi.

      "Mi piace"

  3. Incredibile che SEL fosse Acronimo di SINISTRA, ECOLOGIA e LIBERTA’.

    Già dalla intercettazione con Archinà si capiva da che parte stava Svendola che accusava il giornalista – colpevole solo di fare domande al maneggione dei Riva – di essere un “provocatore”.

    Non c’è libertà, non c’è sinistra, non c’è ecologia.

    E’ un classico esempio di chi utilizza le “convinzioni come li stivali”.

    I politici sono di destra o di sinistra non per convinzione ma per circostanza: ho trovato un buco a sinistra e mi ci sono infilato.
    Troppo lunga la schiera di di predica bene e poi razzola male.

    Sinistra e destra sono due comitati di affari che occupano i due schieramenti contrapposti (che potrebbero chiamarsi pure Pippo e Pluto, per loro non è importante) in modo da spartirsi il potere.

    Essere di sinistra o di destra è marginale.
    Ma è una recita che va fatta ad uso e consumo di coloro che ancora credono in queste finte contrapposizioni.
    Molti sono di sinistra perché hanno trovato un varco a sinistra. Sarebbero di destra se avessero trovato un varco a destra.

    Pensate al comunista Gennaro Migliore, tanto per fare un esempio.

    Piace a 2 people

  4. gente che si proclamava di sinistra, vendola, e’ doppiamente colpevole. Oltre alle accuse mossegli , gli andrebbe imputato il “tradimento “dei valori ,grazie il quale la gente lo ha votato. Solo la vergogna e’ insufficiente. Basta!

    Piace a 1 persona

  5. vendola che telefonava (in presa diretta) ad archinà per complimentarsi di come (mal) trattava il giornalista!
    solo per questo vergognoso (e infame?) comportamento, avrebbe dovuto essere condannato non a tre anni e sei mesi ma a 36 anni… (dieci volte tanto)!!!
    ma si sa, questo é il paese di pulcinella dove per male che gli vada, a certa gentaccia mai sazia, sarà tutto prescritto… e chissenefrega dei bimbi morti di cancro da inquinamento…!!!

    Piace a 1 persona

  6. NOTARE LA SUPERCAZZOLA ANSA:

    ”per il presunto disastro ambientale negli anni di gestione della famiglia Riva.”

    ORA, non penso che sia ‘presunto’ un disastro ambientale.

    Si può discutere CHI lo ha fatto, SE ha commesso reato, QUANDO l’ha fatto di preciso.

    Ma non il ‘presunto’.

    Sennò anche il ponte di Genova è un presunto disastro, la funivia è un presunto disastro, Viareggio è un presunto disastro.

    Cose da pazzi.

    X AndreaEX:

    SEL, dopo quella telefonata scandalosa doveva cacciare a CALCI NEL CULO Svendola.

    Invece di Sinistra Ecologia e Libertà, sappi che da allora in poi io li ho qualificati come SIDERURGIA ef ECOMAFIE in LIBERTA’.

    Già SEL nacque perché svendola spaccò Rifondazione perché a Chianciano non accettò che vincesse l’altro candidato, e questo determinò la fine della ‘sinistra’ italiana.

    Mister ‘Floris Floris.. mi faccia parlare… mi faccia dire’ con l’orecchino, invece, ha addirittura denunciato e fatto condannare IFQ perché, dice il togato (pensando di essere divertente, immagino) che il filmato ha ‘travalicato il diritto di cronaca’.

    Ma tu pensa.

    Invece di sparire dalla faccia della Terra, sVendola ha denunciato il FQ, e ha trovato pure un giudice che non pensa che sapere che il governatore della Puglia se la fa sottobanco con il factotum dell’ILVA.

    Secondo il giudice cosa doveva pubblicare il FQ? Precisamente, ma come si fa ad avere fiducia nella giustizia quando a seconda dei giudicanti, qualsiasi fatto è o meno un reato, per esempio un reo confesso come Uggetti diventa innocente in 2o grado.

    Piace a 2 people