Un “fenomeno” chiamato Conte: superato Draghi

(di Giovanni Valentini – Il Fatto Quotidiano) – Non può sorprendere che il governo di Mario Draghi, secondo l’ultimo sondaggio dell’istituto Quorum/You Trend per Sky Tg 24, riscuota l’apprezzamento di un italiano su due. Avvolto nella taglia extralarge della sua maggioranza, il presidente del Consiglio è l’uomo che ha salvato l’euro e l’Europa, “Mister Bce”, stimato forse più all’estero che in Italia. La competenza economica, l’autorevolezza e il prestigio internazionali gli sono riconosciuti super partes. Può sorprendere, invece, che tra i leader politici l’ex premier Giuseppe Conte goda ancora oggi di un gradimento superiore, pari al 34,7% contro il 32,8, due punti in più del suo illustre successore. E il fenomeno, in termini puramente statistici e demoscopici, merita di essere analizzato in controluce al di là delle appartenenze e delle opinioni personali.
È da più di tre mesi, esattamente da quel 13 febbraio in cui uscì da Palazzo Chigi fra gli applausi dei dipendenti affacciati alle finestre e tenendo per mano la sua giovane ed elegante compagna, che Conte è praticamente fuori dalla scena. Invischiato nelle contorsioni del M5S, designato a diventarne il leader, “l’Avvocato del popolo” ha tenuto un’assemblea virtuale del Movimento, senza riuscire finora a trasformarlo in partito e soprattutto ad attribuirgli un’identità precisa e condivisa, nell’estenuante tentativo di risolvere la vertenza con la piattaforma Rousseau di Davide Casaleggio. Poi ha fatto qualche isolata e significativa sortita, con la cautela di un artificiere su un campo minato: sulla prospettiva di un’alleanza strategica con il Pd e con Leu, a partire dalle prossime amministrative; sulla riforma della Rai, per la quale ha proposto di assegnare la governance a una Fondazione esterna alla politica, seguito a ruota dai senatori renziani e perfino da La Verità; e infine, per restare sul terreno dell’informazione, ha polemizzato con il quotidiano di Carlo De Benedetti che – parlando di corda in casa dell’impiccato – l’aveva inopinatamente chiamato in causa sui suoi presunti “affari segreti” e con l’intero gruppo Gedi (Repubblica, La Stampa, L’Espresso e via sfogliando), a cui evidentemente l’ex premier non va molto a genio: Fiat voluntas loro.
Diciamo, quindi, che finora Conte ha vissuto di rendita. Nel senso che, nonostante questo trimestre di vacatio, viene apprezzato da oltre un terzo degli italiani per quello che ha fatto nei suoi tre anni o poco meno di governo: prima, alla testa della maggioranza gialloverde; e ancor più, alla guida dell’alleanza giallorossa, dopo aver scomunicato urbi et orbi Matteo Salvini. È chiaro, dunque, che la popolarità dell’ex premier deriva innanzitutto da un giudizio largamente positivo dell’opinione pubblica su come il Conte bis ha affrontato lo “tsunami” della pandemia, ha gestito l’emergenza e ha avviato la campagna vaccinale in assenza o carenza di forniture.
Ma, verosimilmente, è giocando in trasferta che “Giuseppi” – come venne ribattezzato da Donald Trump in un Twitter frettoloso – ha conquistato i punti più preziosi. A Bruxelles, a Berlino o a Parigi, piuttosto che a Roma. Tanto da guadagnarsi i 209 miliardi di euro del Recovery Fund europeo: una dote, su cui pochi avrebbero scommesso, che adesso rappresenta – e non solo in termini economici – la base per il Piano nazionale di ripresa e resilienza che dovrebbe consentire il rilancio del nostro Paese.
Avrà pure sbagliato allora Conte ad allearsi con la Lega; avrà commesso magari qualche errore di comunicazione; avrà esitato o temporeggiato troppo; avrà abusato forse del lockdown o dei Dpcm, adottati poi anche da Draghi; avrà affidato la campagna vaccinale a un manager senza vaccini piuttosto che a un generalissimo con tante mostrine. Fatto sta che oggi il 35 per cento degli italiani gli riconosce l’onore al merito e gli attribuisce due punti di gradimento in più rispetto al premier in carica, staccando nettamente sia l’alleato-avversario che sta con un piede dentro e uno fuori (19%) sia la Sorella d’Italia che guida l’opposizione (21,3%). E aggiungiamo che, allo stato degli atti, l’ex presidente del Consiglio è un leader senza partito.
C’è, evidentemente, anche un tratto personale che rende Conte più comunicativo e carismatico di Draghi. L’uno è un esperto giurista, abituato a difendere i legittimi interessi dei cittadini; l’altro è un autorevole economista, più avvezzo a frequentare banche e banchieri. Possono essere complementari e possono essere entrambi propizi, in ruoli e con responsabilità diversi, per far uscire l’Italia dalla crisi economica e sociale in cui l’ha sprofondata l’emergenza sanitaria. Sono una “coppia d’assi” che, come al tavolo da poker, non basta per vincere ma bisogna saperla giocare.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

39 replies

  1. “tenendo per mano la sua giovane ed elegante compagna”
    vabbè, il lecchini non mancano neppure al fatto.

    ma nessun commentatore stipendiato che sia capace di fermarsi ad analisi dei fatti
    invece che “arricchirli” di package per fare volume?

    pessima moda quella del giornalista con ambizioni da scrittore di romanzi rosa.

    comunque, quella dei cartelloni reclamistici, se fossi Conte, la troverei di cattivo gusto
    e mi darebbe alquanto fastidio, ma forse è per questo che non sarei capace a stare
    sullo scranno che è stato, per il tempo che c’è stato.

    "Mi piace"

  2. Ok, la frase Conte -Paladino si poteva evitare.
    Allora era meglio evitare anche gli articoli con foto (spontanee , of course…🤣🤣🤣)sui tabloid sulla frangetta della Boschi e sul suo “fidanzattore”, esibito come la Madonna Pellegrina.
    La paghiamo per fare la parlamentare , non la velina.

    "Mi piace"

  3. “Avrà pure sbagliato allora Conte ad allearsi con la Lega”

    Il M5S ha fatto il governo di coalizione con la Lega (dopo che RENZI ha preferito il popcorn), Conte è stato designato come un PdC mediatore tra i due opposti, non ha scelto lui l’alleato.

    Ma Valentini crede di trovarsi alla repubblica o al corriere?

    E credo che Conte non ami quei cartelloni, ma c’è sempre chi cerca di ingraziarsi il politico futuro.

    Piace a 3 people

    • Ahahahaha il politico “futuro” o il politico defungente? Ahahahaha sarebbe Conte il politico del Futuro?! Che gran barzellettieri in questi siti!

      "Mi piace"

      • @Birilla,
        E’ consolante prendere atto che se Conte ha scarse probabilità di rivedere Palazzo Chigi (e questo è da vedere), Renzi ne ha meno di zero.
        Per questo è sempre così agitato, vuole far vedere che è bello e bravo .
        Sprizza invidia e rancore da tutti i nei.
        Mi fa pena .

        "Mi piace"

  4. Quando il culo leccato all’unanimità da quelli del FATTO è quello di Conte chiaramente è tutta n0antra cosa…Non è lecchinaggio ma cronaca, giornalismo di razza soprattutto quando si scopre che la sua caduta non è stata causata dalla sua stessa incapacità, ma da congiure oscure dei poteri forti! Come si riesca a mistificare la veità pèro domo propria in quei lidi è davvero imbarazzante…E comunque Giovanni Valentini, antica firma di Repubblica evidentemente al lecchinaggio deve essere assai avvezzo! Alta scuola di quella Repubblica tanto denigrata oggi da Travaglio nonostante gli abbia anche dato un piatto di minestra in momenti più difficili…Ma come con Santoro il nostro eroe è abituato a sputare nel piatto in cui ha mangiato…

    "Mi piace"

  5. Avrà pure sbagliato allora Conte ad allearsi con la Lega; avrà commesso magari qualche errore di comunicazione; avrà esitato o temporeggiato troppo; avrà abusato forse del lockdown o dei Dpcm, adottati poi anche da Draghi; avrà affidato la campagna vaccinale a un manager senza vaccini piuttosto che a un generalissimo con tante mostrine.

    Gli “Avrà pure” sono anche troppi per me! Anche perché non gli andranno giù le mostrimne del generale ma io sono dell’opinione che se all’esercito fossero stati attribuiti compiti diffusi di controlli soprattutto nella fase fallita del tracciamento si sarebbero risparmiati parecchi morti…Anche perché il buon Valentini finge di dimenticare che la “variante” son proprio i morti! E per ogni “avrà pure sbagliato” forse la cosa sarà costata qualche migliaio di morti che si poteva evitare comprese le mascherine taroccate che non proteggevano per niente acquistate dal galoppino dello sciacallo D’Alema che si è interposto per trovarle! Poi bisognerebbe intendersi una volta per tutte sul valore dei sondaggi! Non è che diventano preziosi se attribuiscono certi valori a Conte e diventano spazzatura se danno il movimento a livelli infimi! O valgono sempre o non valgono mai….

    "Mi piace"

  6. sondaggio che dà Conte come il più popolare d’Italia.
    bambi di Conte: è assolutamente affidabile! è legge! è la Verità rivelata! Conte è DIO!

    sondaggio che dà il M5S quarto partito dopo Lega, PD e FdI, e che certifica che, anche sommando i voti di PD e M5S, sono minoritari nel Paese.
    bambi di Conte: buuuuu! gombloddooooooooo!!!! i sondaggi non contano un cazzo, sono farlocchi, tutti al soldo dei padroni, non è veroooooo, il M5S ha il 99% dei consensi e non cielodicono!!!1!!

    quando si dice vivere nella propria bolla.
    comunque anche se fosse il più popolare dell’universo, il Bamboz non va da nessuna parte. non è più nessuno, non è nemmeno iscritto al M5S, e a Palazzo Chigi non tornerà mai.

    "Mi piace"

    • @ Mazzuolatore,
      Non se la prenda a male se le
      Dico che lei è sempre così verbalmente violento(a cominciare dal nick) , e agitato, da essere disturbante .
      Potrebbe esporre le sue opinioni in altro modo.
      Volendo, si intende.
      Cosa o chi la tormenta/ha tormentato nella vita?

      "Mi piace"

      • E come mai, dolce Maristella, non l’ho mai sentita spendere nemmeno un punto e virgola per gli insulti catartici del Re de La Company dell’Insulto (e della stessa Company, nella quale militano turpiloquianti di razza sopraffina…), alias Jerome B., detto anche PORTINAIO del FATTO QUOTIDIANO, la cui prosa è di ben altro tenore offensivo di quella “disturbante” (uuuuuh che disturbo!) de Il Mazzulatore? Forse perché fa parte delle “bambi di Conte” come lei, eh, dolce e delicata Maristella?

        "Mi piace"

      • @Maristella
        eccezionalmente verrò meno ai severi compiti imposti dal mio nickname per risponderle.
        1) ma che si aspetta da uno che in un forum anonimo si firma Mazzuolatore? se volevo esprimere le mie opinioni con dolcezza mi firmavo Fioredicampo.
        2) ma che si aspetta in un forum di filogrillini? gente che ha fatto la propria fortuna col Vaffa, si aspetta poi che si esprima in punta di forchetta? o, come le è stato già fatto notare dal Felino, insulti e vaffanculo vanno bene, anzi sono sacrosanti, se chi li vomita la pensa in un modo, mentre sono intollerabilmente violenti se chi li esprime la pensa in un altro? l’agitazione di chi andava in piazza a gridare vaffanculo e agitando forche e manette e delirando di colpi di stato e complotti e scie chimiche non era disturbante, vero?
        3) e che dire dei dolcissimi e tenerissimi Travaglio e Scanzi, i primi a essere verbalmente violenti coi loro oppositori, che gratificano di tutti i nomignoli del mondo (il Cazzaro qui, il Cazzaro là, Samsonite etc.) e che insultano quotidianamente? quelli sono buoni e santi vero? mentre chi la pensa diversamente deve parlare ancora una volta col galateo sottomano, anzi meglio se non parla proprio. e guai se osa dare anche lui un soprannome a Conte, perché Conte è come Dio: non bisogna nominarlo invano.
        4) mi tormentano tante cose, ma una in particolare: il doppiopesismo.

        "Mi piace"

  7. Quello che mi ha sorpreso di più non è Conte che ha ancora il gradimento degli italiani dopo diversi mesi di assenza e non dimentichiamoci dopo varie critiche continue di tutti i giornaloni, tanto che se avesse fatto quello che adesso sta facendo Dracula, si sarebbero stracciati le vesti in piazza, tacciandolo di leninismo o dicendo che faceva concorrenza a Den Xiaoping, ma la percentuale accreditata alla Giogia: il 21,03 %.Da dove vengono tutti questi consensi? Nessuno dei grandi giornalisti intellettualmente disonesti è stato capace di fare una analisi perchè? Provo a farla io alla luce delle notizie che riguardano i politici di fratelli fascisti:
    1) Nell’ultimo anno e mezzo FDI ha raggiunto il record di indagati per ‘ndrangheta, tanto che potrebbe essere ribattezzato fratelli di ‘ndrangheta.
    2) Molti di loro arrivano dal partito del nano malefico, es.Pittelli, che la Giogia aveva presentato con tanto di trombe e fanfare come nuovo valore aggiunto al suo partito, si! un valore aggiunto per la massoneria deviata e per la criminalità. E che dire di quel finanziere corrotto, ma poi se avete voglia di documentarvi, basta andare in rete per sapere…
    3) Il nano malefico ha perso il suo elettorato, secondo i sondaggi è sceso al 6% o giù di lì,è ormai una carcassa bollita e quando la nave affonda i topi scappano,e dove scappano? Nel partito della Giogia, non possono scappare nella Lega, perchè la lega al sud non raccoglie consensi, ma fratelli di fascio non guarda tanto per il sottile e si raccoglie la così detta monnezza massonico- mafiosa ndranghetista. Mi viene ancora in mente quando papi cercando la Giogia disse:-Dov’è la zoccola?- Presagiva già che gli avrebbe portato via l’elettorato…
    I mafiosi muovono voti e il tam tam è già cominciato…
    Conte ha lasciato un buon ricordo di se, erano anni che un politico non lasciava un buon ricordo al suo elettorato, forse dai tempi di Pertini ed è forse per questo che Valentini vi ha fatto un articolo.

    Piace a 3 people

  8. @gatto ore 18,
    Pensavo che dopo lo stop di alcuni giorni fa, si esagerasse un po’ meno nei toni e ci si sforzasse di essere Tutti un po’ più moderati .La lingua italiana offre tante possibilità.
    Ma Ancora una volta mi sbagliavo.
    Poi, non pensavo che ci fosse in atto una Singolare gara a chi è più offensivo , ( e i maschietti qui considerano ciò l’estensione della propria virilità). Ne prendo atto, ma non vi partecipo.
    Se mi segue , ricorderà che quando ho dire qualcosa,la dico, e a chiunque , uomo o donna che sia, ma non per questo supero determinati perimetri che a mio avviso non vanno valicati in una discussione pubblica .Sempre che interessi la discussione in quanto tale , e non caricarla di significati reconditi.

    P.s.: Io non sono “bambi”di nessuno, non sono nemmeno su Facebook.Semplicemente, uso la mia testa .
    Del resto, ognuno è padrone di ragionare con l’organo che preferisce.

    "Mi piace"

    • “Poi, non pensavo che ci fosse in atto una Singolare gara a chi è più offensivo… (cit.)” (e le femminuce, non so che cosa gli si allunghi, ma le posso assicurare che si battono come leonesse…).

      Non sono molto propenso agli emoticon, ma qundo ce vo’, ce vo’ 🙈🙉🙊 !!!

      Del resto, ognuno è padrone di non usare gli organi che preferisce…

      "Mi piace"

  9. @mazzuolatore 18,46,
    Quindi si sceglie un nick , e poi ci si auto costringe a “onorarlo”(come il “superdotato”? ).Come non ci ho pensato prima!
    I “filogrillini “qui ci saranno pure, ma saranno la metà della metà della metà dei frequentatori di Infosannio, e basta scorrere ogni giorno .Se poi lei li vede dappertutto, anche nel microonde, non è un mio problema.
    Ma non erano estinti, moribondi , sepolti, zombie?E allora perché se ne preoccupa ancora ?
    Non lo come lei “la pensi “, e creda che non voglio saperlo, se ritiene che ognuno dei commentatori, invece di esprimere un pensiero libero o che si sforzi di essere obiettivo sull’argomento volta per volta, deve recare una targa fissa sul sedere col partito che ha votato / che presumibilmente voterà, che può anche non coincidere, e qualunque sua osservazione debba essere incasellata a detta targa.
    .Quasi il 50% degli aventi diritto non si reca a votare , per dire, e qualcuno può anche essere qui.Questi che “targa” avrebbero ?
    Non ho problemi a criticare grillini, Travaglio, (Dio ce ne )Scanzi e chiunque, anche chi ho votato, quando non condivido ciò che dicono o fanno .Non sono tifosa di default, commento quando mi va , con chi mi va e quando ho tempo , non devo rendere conto a lei e non ho pallottolieri .Se ha argomenti , mi replichi, se crede, che le risponderò.
    Paragonarsi comunque a dei giornalisti come fa lei ,è di una modestia commovente.Loro scrivono su una testata giornalistica e se ne assumono la responsabilità, Travaglio per esempio ha avuto tantissime querele, e ha pagato anche.
    Sfogare i propri istinti , e’ altra cosa.
    Santa notte.

    "Mi piace"

    • Mi scuso per le gamba tesa, ma è irresistibile: “I “filogrillini” qui ci saranno pure, ma saranno la metà della metà della metà dei frequentatori di Infosannio”: ahahah… nella Speranza che repetita iuvent… 🙈🙉🙊 !!! Sa, la facevo molto meno “timida”…

      "Mi piace"