Max Bugani: “5S, ora basta parlare di posti. La strada è il centrosinistra”

(di Luca De Carolis – Il Fatto Quotidiano) – Il Movimento che fu sembra già roba d’archivio, quello che sarà è soprattutto nelle mani di Giuseppe Conte, il rifondatore ancora bloccato da mille grane. Massimo Bugani, veterano del M5S e capo staff della sindaca di Roma Virginia Raggi, non pare sorpreso: “L’avevo previsto che non sarebbe stato facile, perché il Movimento è composto da persone molto diverse tra loro per storie personali e orientamento politico. Ma ora è tempo di imboccare una strada, con una direzione politica chiara”.

Il M5S negli ultimi tempi sembra intento a discutere soprattutto dei due mandati e di soldi, no?

Sono fuori da queste dinamiche, ma mi auguro davvero che questi argomenti non siano il vero punto di discussione: soprattutto ora, in un Paese che vive la crisi provocata dalla pandemia. Non è bello leggere di discussioni sulle ricandidature o sul Tfr dei parlamentari. Auspico che ci si confronti su un percorso politico.

Conte rinvia da settimane il piano di rifondazione, anche per i problemi irrisolti sulla piattaforma web.

Io auspico un accordo con Rousseau. Non è facile tenere assieme i vari pezzi del Movimento. Conte sa che deve iniziare una nuova stagione e non tutti gli stanno aprendo la strada.

L’ex premier ha sostenuto che il M5S “è senz’altro di sinistra”. Non è una definizione forzata, visto anche che ha governato con la Lega?

Spero che il Movimento scelga una strada chiara ed esca dalle ambiguità. Per me porta al centrosinistra. Negli anni dei successi elettorali, il M5S ha costruito un percorso per il governo ma non ha creato un proprio perimetro culturale, essenziale per costruire a medio termine, e ora deve farlo. Va bene parlare di transizione ecologica, ma i temi del lavoro e del sociale sono fondamentali.

Per l’alleanza “a tutto tondo” però bisognerà aspettare le Politiche, hanno ammesso Conte e Letta. Le Comunali saranno solo “un primo passaggio”.

Io posso parlare del lavoro che sto facendo a Bologna, con un percorso molto serio e trasparente iniziato già anni fa con persone come Pier Luigi Bersani, Stefano Bonaccini ed Elly Schlein. Già ai tempi delle Regionali in Emilia Romagna dell’anno scorso proposi al M5S di non presentarci, per non rimanere schiacciati e cominciare a pensare a qualcosa di nuovo. Peccato però che in questi giorni Matteo Renzi abbia come al solito fatto il demolitore, presentando come candidata di Iv Isabella Conti.

Ci saranno le primarie. E lei sosterrà l’assessore del Pd Matteo Lepore.

Sì, sostengo chi vuole portare avanti Laboratorio Bologna, ossia il progetto con le forze politiche che hanno sostenuto convintamente il governo Conte.

Ne ha parlato con l’ex premier?

Tra me e lui i rapporti sono ottimi, e ci teniamo aggiornati.

Però Conte non ha mai detto nulla della ricandidatura a Roma di Virginia Raggi, che il Pd voleva a tutti i costi fermare…
Lo scontro con i dem è stato sempre duro anche a Bologna, ma poi bisogna voltare pagina. Il Pd a Roma dovrebbe riconoscere quanto ha fatto Virginia.

Anche la sindaca è durissima con i dem: la pace si fa in due, non crede?

Toccava e tocca a loro dare un segnale. A volte in politica arriva il momento dell’onestà intellettuale.

E un segnale di Beppe Grillo dopo quel terribile video sul figlio se lo aspetta?

Le cito Seneca: i grandi dolori rendono muti.

Grillo non potrà più essere il Garante dei 5Stelle?

La seconda domanda non elimina il dolore e il silenzio.

L’associazione Rousseau ha ormai rotto con il M5S. Davide Casaleggio pensa davvero a un suo partito?

Davide vuole sviluppare i suoi progetti per la partecipazione e la democrazia diretta, e non è solo la politica a poter trarre vantaggio dal suo lavoro.

protagonisti

Virginia Raggi

La sindaca di Roma

si ricandiderà al Comune per i Cinque Stelle, senza l’appoggio del Pd

Davide Casaleggio

L’ex pre

Nome e cognome
Sapeles doloraasds experferitat auasasddasdt vendiscit haribuasds ministrum voluptatiore venecate occaboremo

18 replies

    • ma quale rincoglionito. E’ uno che ha trovato lo STIPENDIO da nulla tenente come era.

      Ci hanno FREGATO BENE BENE. Aperti alla società civile, ricambio, la base, i cittadini.

      Sono diventati un partito, di LORO proprietà esclusiva e ora faranno di TUTTO per infilare quelli a loro più fedeli, i servi, i lecchini, la LORO meritocrazia.

      CHE VERGOGNA

      "Mi piace"

      • Al peggio non ci sono limiti,
        La piovra li ha sedotti,
        Basta non votarli e fare propaganda contro.

        "Mi piace"

      • Andrè la Raggi a Roma si schianterà sarà l’ennesimo cazzotto in faccia che prenderanno per capire che stanno sbagliando tutto.
        Dopo qualche mese di riflessione su dove avrebbero sbagliato, ritorneranno a ragionare alla cazzo come prima, cioè come adesso.

        "Mi piace"

    • @stefano

      NON so chi sei, se come me sei stato FEDELE alle regole storiche del m5s senza però la stupidità dell’essere duro e puro, oppure no.

      Io duro e puro non lo sono e non lo sono stato. Mi sforzo ogni volta di resettare tutto e cercare di seguire quello che dicono.

      Ma si ritorna sempre lì: questi ci stanno prendendo per il culo. E lo fanno in un modo che mi fa vergognare di averli votati. E’ succeso tutto all’improvviso, 3 mesi fa. Da allora provo sempre più schifo per questa gente, bugani compreso.

      Questi vogliono ELIMINARE la società civile, poi si sceglieranno tra loro, come ha sempre fatto lo SPORCO piddi con le finte primarie.

      Sono diventati CASTA. E NON SI VERGOGNANO. Stanno giustificandosi e legittiamandosi TRA LORO, basta leggere anche questa intervista al mancato edicolante di quotidiani.

      "Mi piace"

  1. Il sofà li rende molli.5 Stelle è morto.Per quello che sappiamo oggi,è palese che Conte e 5 stelle hanno “ubbiditi£
    ” a poteri nascosti,ma molto convincenti.Il nostro sogno,si è trasformato in un incubo.
    E’ stato l’ultimo treno per la speranza di un governo per il popolo.

    "Mi piace"

    • @Andrea

      non lo so cosa intendi per duro e puro.
      Se per duro e puro si intende rimanere alla regola dei due mandati, rimanere ne di dx ne di sx ma oltre, tagliarsi lo stipendio ,esser trasparenti, condividere le scelte importanti con la base, esser sempre sul piede di guerra contro ogni forma di CASTA, scegliere di candidarsi ad un ruolo e portarlo fino alla fine (VERO Cancelleri?!)
      Ecco se duro e puro significa esser a favore di queste e tante altre cose, allora si sono un duro e puro.

      Se invece significa esser ottusi, non capire quando è il momento di usare altre tattiche strategie anche con alleanze di convenienza allora no non sono un duro e puro.

      Ma la cosa drammatica è che questi sono entrati nella stanza dei bottoni per poi rendersi conto che non sapevano dove mettere le mani.
      Mi tocca dare ragione purtroppo ai giornalisti che hanno parlato di dilettantismo, avventurismo, superficialità e incapacità.
      Lo si è visto con Roma, clamorosi errori su errori e con la RAI in modo eclatante.

      "Mi piace"

  2. Incredibile quanti pidioti si siano infiltrati nel mv5 *
    La poltronite che è dentro di essi li ha fatti uscire allo scoperto,
    Peste nera, feccia,

    "Mi piace"

  3. E’ proprio vero che prima o poi la mediocrita’(o opportunismo, chiamatelo come volete) viene a galla. Il M5S oramai è all’ammazza caffè, è “maturo marcio” secondo me per diventare un partito vero e proprio, siamo in piena “rivoluzione senile” .

    "Mi piace"

  4. Una delle cose che ha fatto la fortuna del M5S è stata quella di non voler essere schierato nell’eterno dualismo DESTRA – SINISTRA.

    Invece, a causa di eletti che dovevano essere dei semplici portavoce ma che in realtà hanno gestito il M5S, questo si ritrova nel calderone dei partiti di sinistra o ritenuti tali.

    In questa situazione è impossibile pensare di arrivare al 33% del 2018, perchè l’eventuale elettore è obbligato a prendere tutto il pacchetto di SINISTRA, quando magari è d’accordo solo al 50% con idee di sinistra. Probabilmente si asterrà o voterà nuovi partiti non ideologizzati.

    Se una persona è favorevole per il dare un sussidio dignitoso ai poveri, ma non è favorevole per le adozioni di bambini a coppie omosessuali, perchè pensa che i bambini debbano avere un papà e una mamma, deve votare destra o sinistra?

    Se una persona è favorevole alla riforma della prescrizione, ma non è favorevole allo ius soli, perchè pensa che così l’Italia diverrebbe ancora più attraente per milioni di poveri nel mondo, che non possiamo accogliere tutti per motivi economici, deve votare destra o sinistra?

    Piace a 1 persona

  5. Dopo esservi pianti addosso.. adesso che farete??? casaleggio? meloni? salvini? renzi? b.? calenda? bonino? pd? leu? …..chi e cosa vi rappresenta?

    Piace a 1 persona

  6. Rob Erto 0:41
    Continuano a rappresentarci, l’onestà, il desiderio di farla finita con mafiosi, ladri di Stato, imprenditori farabutti, la speranza di vedere politici DECOROSI.
    Ieri, oggi è andata male? Roma non si è fatta in un giorno. Basta non mollare.
    Le porte dell’inferno non prevarranno.

    Piace a 2 people

  7. Bugani sta in Emilia Romagna. E sa benissimo che il consorzio renziano-prodiano-clericale che tiene col pugno di ferro, da sempre, la Regione, non si può scalfire: salterebbero fuori subito le Sardine et similia (quelli “buoni” che gridano al fascismo: operazione ampiamente collaudata) a difendere gli interessi della Diocesi (ricchissima) , delle Coop, dell’ “accoglienza” (un mare di soldi), dei ristoratori (ormai i centri delle città capolupogo – tutte universitarie – sono immensi pub), degli affittuari per lo più in nero, della mafia (mai combattuta, vedi Aemilia)…
    Praticamente di tutti. Quindi o muori o ti adegui. E lui si è adeguato. Subito.

    "Mi piace"

  8. ”Pier Luigi Bersani, Stefano Bonaccini ed Elly Schlein”

    Ovvero: quello che prese per il culo i 5S nel 2013 chiedendo i voti senza farli governare, mentre anni prima aveva minacciato i dottori emiliani che erano contro gli inceneritori.

    Quello che è un renziano con la faccia vagamente da mascellone.

    E la tipa ‘diversa’ che dovrebbe essere un personaggio nuovo del centrosinistra.
    E non lo è. Ovviamente.

    Bugani, ma vai aff… pure te.

    Avete distrutto i meet-up e questo è il risultato che volevate.

    "Mi piace"