Vittorio Feltri vs Marco Travaglio: “Non ti illudere, anche le stelle cadono”

(Vittorio Feltri – liberoquotidiano) – Ogni tanto occorre difendersi anche dagli amici. Marco Travaglio, eccellente giornalista, direttore del Fatto Quotidiano, si perde più spesso a criticare gli altri giornali anziché a pensare al proprio, che piace solamente ai grillini perché li accarezza come fossero dei teneri gattini. È vero che alle ultime elezioni politiche il M5S si è accaparrato una valanga di voti che lo hanno portato a essere il partito di maggioranza relativa. Pertanto è ovvio che la stampa amica del Vaffa abbia sedotto parecchi lettori. Ma questo non ritengo la autorizzi a salire sul podio, insultando un giorno sì e l’altro pure chi coltiva idee diverse da quelle di Beppe Grillo e le esprime in maniera civile.

L’informazione italiana, come quella francese, è un puntello della politica da sempre. Da secoli i fogli nazionali appoggiano alcuni movimenti e ne attaccano gli avversari. È una tradizione difficile da superare. Tu, Marco, hai passato una vita a dare del delinquente a Berlusconi soddisfacendo una parte cospicua di gente, il quotidiano Repubblica, quando la sinistra dominava, era florido, adesso invece annaspa, il Corriere zoppica (15 anni fa vendeva mezzo milione di copie al dì) e così quasi tutti i fogli che ora non sanno con chi schierarsi e si limitano a dare pizzicotti a qualcuno. Libero, avendo intuito il dominio delle tecnologie, che sono il presente e il futuro, si è buttato sul sito che va da Dio.

Ciascuno compie le scelte che reputa più vantaggiose, provando a sopravvivere. Noi non siamo pentastellati e non amiamo Giuseppe Conte, pertanto su questo piano non possiamo fare concorrenza al Fatto. In passato spacciavamo 120 mila copie ogni giorno, oggi sul web siamo seguiti da milioni di utenti. Ciò che voglio dire a Marco è che il nostro settore, causa i cambiamenti in atto, è in crisi sulla carta, però sfrutta altre risorse. E si adopera al meglio.

Indubbiamente non è in discussione la tua capacità, ma non credere che i tuoi concorrenti siano scemi e degni di essere insultati dalla tua penna velenosa. La partita è in corso, non festeggiare prima che sia finita. Anche perché la situazione non è stabile. Stando ai sondaggi, che non sono il Vangelo, tuttavia danno il senso dell’andazzo, non mi pare che i seguaci di Grillo vivano un momento entusiasmante: disperdono consensi più della Lega e il loro avvenire non è roseo. Il presente e il domani sono pieni di incognite, non è il caso di scommettere.

La stessa posizione di Draghi non è solida. Questi si trova al vertice di una maggioranza poco affidabile e non sarà semplice per lui governare con polso sicuro. Stiamo a vedere cosa ci riserva l’avvenire e come reagiranno gli elettori in questo caos. Un elemento è assodato. Soltanto la prova delle urne – rimandata a chissà quando – ci svelerà di che morte dovremo morire. Nessuno deve dimenticare il poeta latino Publio Siro: “Fortuna vitrea est, tum quum splendet, frangitur”. Traduzione: “La fortuna è come il vetro, più brilla e più è fragile”.

23 replies

  1. Com’e’ quel detto….?
    Ah ecco… “sommare le mele con le pere”!
    Ecco, qui abbiamo un caso lampante.
    A dire il vero poi… non si tratta neppure di mele con pere, ma piu’ probabilmente di sommare ribes con angurie, carciofi e… barattoli di nutella.
    Copie di giornali vendute, notizie, voti elettorali, opinioni dei giornalisti: ma che bel minestrone!
    D’altronde agli acquirenti del SUO giornale cosa vuoi che importino i… FATTI: il giornale lo usano per incartare il pesce…

    "Mi piace"

  2. Che birbante questo vecchio beone.
    Ma ala fine ha attaccato Travaglio perchè costui dava e dà del delinquente a B. oppure soffre d’invidia per il tracollo in edicola di Libero?
    Una volta ti rilevavano 120 mila copie quotidiane su cui calcolare i contributi pubblici da incassare. Peccato che si trattasse di copie lsciate agli ingressi delle metropolitne o avviate direttamente al macero.
    Non vogliamo parlare di quanto si sia ridotto il volume di vendite in edicola del tuo fogliaccio? Ci arrivi a 20.000 copie quotiddiane?
    E sui milioni di contatti di libero avrei molto da ridire. Innanzitutto non hai voluto comunicare i numeri..
    Mi sa tanto che dal confronto con il FQ, arrivato sul mercato editoriale almeno dieci anni dopo libero, il confronto sia impietoso, forse perchè il giornale di Travaglio registra numeri in continua crescita.
    Sei il solito cazzaro.

    Piace a 2 people

  3. Parli di civiltà tu che non ne hai?
    Libero seguito da salviniani e meloniani, hanno in quoziente intellettivo enorme 🤣.
    MA MI FACCIA IL PIACERE

    "Mi piace"

  4. Va bene, Travaglio sarà anche grillino (ma non troppo) e ha scelto come campo di interesse e di invettiva i suoi colleghi, lo fa solo lui, satira al giornalismo, ma ci vuole, se lo meritano, la stampa è di un conformismo stagnante, ipocrisia perbenista e politically correct, bugiarda e sleale. Poi Feltri con toni ovattati gli vuole dire che il FQ va male e quindi Travaglio dovrebbe darsi una regolata. Ma i giornali vanno tutti male e il giornalismo ha fatto di tutto per screditarsi presso l’opinione pubblica, Travaglio almeno ci fa divertire, i suoi sono pezzi un cabaret quotidiano, tanto basta per giustificarne l’esistenza e la persistenza

    Piace a 1 persona

  5. “Vittorio Feltri vs Marco Travaglio: “Non ti illudere, anche le stelle cadono” insomma il buon vittorio mette le mani avanti…

    "Mi piace"

  6. E io che pensavo che i giornalisti dovessero soltanto informare dei fatti senza prendere le parti di nessuno …

    "Mi piace"

  7. “Pertanto è ovvio che la stampa amica del Vaffa abbia sedotto parecchi lettori.”
    Pe’ Stampa amica intendi er Fatto Quotidiano me pare. No perché l’allusione no era così chiara.
    Però c’hai raggione, UN giornale che sosteneva ‘sti scappati de casa me sembra pure troppo, e che cazzo non semo mica ner CCCP,

    Pe’ Berlusconi è diverso il probblema e che Sor Travaglio è un po`gnoccolone, sta a credere a le sentenze de ‘sti magistrati de sinistra, e che cazzo non semo mica ner CCCP.
    A proposito li 30 denari che te sei pigliato da Berlusconi pe’ tradire Montanelli ce l’hai ancora?

    Pe’ Giuseppe Conte te do’ raggione “ho se ama o non se ama” questa è una vera e sana informazione libera. E che cazzo non semo mica ner CCCP.

    “Nessuno deve dimenticare il poeta latino Publio Siro: “Fortuna vitrea est, tum quum splendet, frangitur”. Traduzione: “La fortuna è come il vetro, più brilla e più è fragile”.
    Infatti quando Montanelli chiamò in diretta pe’ dirte che eri un viscido verme traditore c’hai avuto proprio sfiga che quello stava li davanti ar televisore en quer momento.
    Però ‘o sanno tutti che Montanelli era uno sporco comunista.
    E che cazzo non semo mica ner CCCP.

    "Mi piace"

      • Questo (tu). ah ah ah
        oggi ha cercato di stare sul podio e fino ad ora ci sta da vincitore …rileggiti le stronzate che hai scritto e poi datti del coione e spera che TRAVAGLIO non ti denunci COGLIONE 🤣🤣🤣😂😂😂🤣😂

        "Mi piace"

  8. Gentile Vittorio non stimo ne i suoi modi ne le sue idee, tuttavia rispetto la sua scrittura che trasuda di esperienza e abilità. Lei accenna al successo del suo giornale on line ma mi piacerebbe sapere come e quanto spende per apparire sempre tra i primi risultati sul motore di ricerca Chrome. Ogni giorno all’apertura del browers mi trovo almeno 7/8 articoli su 10 del vostro giornale … e dire che non li apro nemmeno mai! Perchè mi si ripropongono sempre? Dal titolo si intuisce sempre un’aspetto sviante dalle vere notizie, dal titolo si capisce da subito l’intenzione, nemmeno velata, di fare polemica e di incuriosire il lettore e guarda caso sempre contro i vostri avversari politici. Mi dica caro Direttore quanti comprerebbero il vostro servizio d’informazione se esso fosse a pagamento? Io leggo il Fatto quotidiano non perchè mi liscia il pelo come ad un gattino ma perchè è sempre onesto e coerente con le notizie che da e da come le tratta. D’altronde se i rappresentanti dei 5S non si sono ancora macchiati di reati penali gravi (cosa che accade spesso ai suoi amici) non è colpa del FATTO. Stia sicuro che se mai ciò dovesse accadere, il signori Padellaro/Travaglio/Gomez non saranno affatto teneri con i colpevoli.

    "Mi piace"

  9. L’omino feltri avendo passato una vita a vendersi e a saltare sui carri dei temporaneamente vincitori, immagina che Travaglio faccia lo stesso.
    Non riesce nemmeno ad immaginare che un giornalista possa sostenere semplicemente le proprie idee invece di ridursi a propagandista del gruppo di potere che gli paga lo stipendio e gli extra.
    Allora lo avverte che l’unica possibilità è vendersi e stare però sempre sul chi vive, in modo da cambiare sponsor ( e relativo culo da leccare), non appena questo perda potere.

    Che omino piccolo piccolo.
    Ormai ha venduto l’anima al diavolo come Faust da decenni e decenni, e il prezzo che ha pagato, l’anima, gli pesa sempre di più man mano che la morte si avvicina lasciandolo con un pugno di mosche.
    L’unica cosa che lo consola, è pensare che anche gli altri faranno la sua stessa fine, o almeno sperarlo e augurarglielo.

    Piace a 1 persona