La fine del Pd

(bubinoblog.altervista.org) – La notizia della chiusura anticipata di Live – Non è la d’Urso ha dominato la giornata tv e social di ieri. Non cancellazione ma chiusura stagionale anticipata, così hanno sottolineato molti organi di informazione. Oggi, a sorpresa, scende in campo per Barbara d’Urso il Partito Democratico per voce del suo segretario Nicola Zingaretti.

@carmelitadurso in un programma che tratta argomenti molto diversi tra loro hai portato la voce della politica vicino alle persone. Ce n’è bisogno! #noneladurso

Così Zingaretti su Twitter. Una presa di posizione inusuale, non per il programma e la conduttrice ma è raro che un politico pubblicamente lodi un programma tv. Non è invece nuova la stima e l’amicizia che intercorre tra il leader del PD e la stakanovista di Cologno. Domenica a Live era stato Casalino a tesserne le lodi e la potenza di spostare voti.

(Dal profilo Facebook di Selvaggia Lucarelli) – Chiudono un programma (che va male) alla D’Urso. Chiunque abbia a cuore il bene del paese dovrebbe rallegrarsi del fatto che qualcosa di così profondamente diseducativo sparisca dal palinsesto.

Chi accorre in aiuto di Barbarella?

Il segretario del pd. Ribadisco, il segretario del pd.

Della serie: la famiglia Berlusconi mi ridimensiona? Il pd mi sostiene! E passo pure per epurata. E quel furbone di Zingaretti non capisce in che gioco si è infilato.

E poi Imma Battaglia, storica attivista lgbt, su cui stenderei un velo pietosissimo per la strumentalizzazione del tema sessismo. Cioè, ad una che ha 172772 programmi da anni chiudono un programma che va MALE ed è questione di sessismo?

Poi non vi stupite se a destra vi asfaltano eh.

(Renato Franco – corriere.it) – Il segretario Nicola Zingaretti ha scelto — a sorpresa — di scendere in campo nella battaglia a favore di Barbara D’Urso il cui programma (Live – Non è la D’Urso) dovrebbe essere chiuso in anticipo (causa ascolti bassi). «In un programma che tratta argomenti molto diversi tra loro hai portato la voce della politica vicino alle persone. Ce n’è bisogno!», twitta Zingaretti pro domo Barbara. E i commenti, caustici e sconfortati, sotto il profilo del segretario non si contano. C’è l’italianista: «Questo tweet è peggio dei congiuntivi di Di Maio». C’è l’esorcista: «Salvini esci da questo corpo!». C’è l’informatico: «Ma ti hanno hackerato il profilo?». C’è il nostalgico: «Nicola ascoltami, ascolta uno iscritto al Pci dal 1976 e fino a due anni fa. Immagina per un attimo se Berlinguer avesse detto la tua stessa frase nei confronti di un personaggetto di quegli anni, che so un Alvaro Vitali qualsiasi. Immagini la reazione degli iscritti? Pensaci». C’è Luca Bizzarri che ne stende due in un colpo solo: «Alle volte, nell’uso dei social, rivaluto Carlo Calenda».

Tutto nasce dall’anticipazione di DagospiaLive-Non è la D’Urso verso la chiusura anticipata. «Il discusso talk show alle prese con i bassi ascolti, tra il 10-12% fino a notte fonda, dovrebbe salutare il pubblico di Canale 5 addirittura tra fine marzo e inizio aprile — scrive il sito di Roberto D’Agostino —: dalle parti di Cologno Monzese il vento sembra essere molto cambiato da qualche tempo… La notizia della chiusura è stata comunicata dal Comitato Esecutivo di Mediaset (in cui ci sono Pier Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri) a Mauro Crippa che, da sponsor di “Barbarie”, ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco». La scelta, insomma, sarebbe meramente numerica: da troppo tempo il talk di Barbara D’Urso è sempre sotto la media di rete (che è intorno al 15% in prima serata) e in molti addetti ai lavori si chiedono piuttosto come mai continui ad andare in onda nonostante il basso riscontro Auditel.

Uscita la notizia della probabile chiusura, la stessa conduttrice ha voluto smentire in diretta a Pomeriggio 5 le ricostruzioni rimbalzate sui social: «I siti dicono e scrivono cose che non sono vere, delle stupidaggini, ma non raccontano la vera verità giusto per scrivere un po’ di cattiveria». I numeri però sono quelli e il tweet di Zingaretti sembra essere la conferma che il programma chiuderà in anticipo. A difendere la conduttrice scende in campo anche Imma Battaglia con argomenti però fuori strada: «Il sessismo imperante di questo momento storico fa un’altra vittima illustre; stavolta tocca a Barbara d’Urso, la conduttrice del programma capace di influenzare e contaminare la politica usando il linguaggio del popolo!». Certo fa alzare gli occhi al cielo sentir parlare di sessismo per una conduttrice in onda sei giorni su sette con tre programmi ormai da anni, quinta nella classifica 2019-2020 tra le conduttrici che passano più tempo in tv.

Categorie:Cronaca, Interno, Media, Politica

Tagged as: , , ,

15 replies

    • Volevo ringraziare e salutare infosannio, ma ho deciso di abbandonare il blog.
      Ah ah ah! Come il bomba s’aspettava la rivolta del blog.
      Ma vai affanculo cojone, ti ha fermato la gente per strada pregandoti di tornare?

      Sfigatto maso sociopatico!

      Piace a 1 persona

      • Eeeeh, cara BUCO DEPILATO “vuole l’ultima parola. Pijatela maso sociopatico!”, ma invece la vuole lei, la fai per comodità, come al solito, troppo semplice; devi sforzarti un po’ di più con i file xls. e i DOSSIER PERSONALI!

        “Colgo l’occasione dell’articolo di Giannini per congedarmi da questo blog di volgari (chi più, chi meno) talebani, i quali, da buoni partigiani pensano che la verità possa essere rinchiusa tutta da una parte (la loro) e il torto, spartito equamente (perché loro sanno essere “democratici” quando vogliono) tra gli oppositori.
        Per far questo… riportano statistiche, dati, numeri, studi, analisi e soprattutto insulti, col risultato di far diventare questo forum di Infosannio – di cui ringrazio la redazione per l’ospitalità concessami – una cloaca maxima maleodorante!”: secondo te, dopo aver scritto questo, mi sarei aspettato la rivolta del blog per pregarmi di rimanere?

        Il resto, pur non nascondendo una parziale incoerenza, l’ho già spiegato al prode Ennio, al quale precisavo che me ne sarei rimasto volentieri fuori dai coglioni se non fossi più stato considerato. Ma siccome qualcuno di voi ha continuato con l’insulto in mia assenza, ho dovuto ritornare per mettere i puntini sulle “i”, unico motivo che mi trattiene ancora qui. Quando gli insulti li rivolgerete alle vostre famiglie di ‘sfigatti’ e non più al sottoscritto, sarò ben felice di mantenere fede all’impegno.

        Nel frattempo:

        Rivai a fare in culo V4CC4 CRIMINALE AFFERMAZIONISTA e pure STR0NZ4!

        "Mi piace"

  1. è che in realtà, il fratello non commissario, è una casalinga di Voghera
    sotto mentite spoglie.
    al pomeriggio, dopo avere rassettato e fatto i piatti,
    con un caffettino si gode i pomeridiani trash.
    così smettete di domandarvi come sia stato possibile che
    il portatore di rinascimento in Arabia Saudita abbia potuto
    fare un simil golpe (visti i cambiamenti fatti da dragoman,
    che difficilmente uno spettrometro di massa rileverebbe,
    il simil poterebbe pure essere accantonato)
    c’era la D’Urso in TV.
    noi in Italia il golpe lo portiamo così, mica i pastrani militari dei colonnelli,
    un bel loden pettinato (questa volta dicono avere la scriminatura)

    Piace a 2 people

  2. Non è che il “Morisi pidino” ha confezionato un “dolcetto scherzetto”?
    Il PD lo trovi sempre più in alto! Concludendo… concludendo… concludendo…

    "Mi piace"

  3. quello ZOZZO di jerome su questo post VERGOGNA NON c’è!

    Come fanno solo i personaggi riprovevoli: nascondere le proprie vergogne e mostrare solo quelle altrui. Giocare sporco, barare, rendere torbide le acque…colpire seguendo logiche di slealtà e viltà.

    Sappiamo bene che la d’urso è il tuo riferimento culturale. Anche zingaretti, pluri laureato con master a Oxford, la pensa come te.

    E’ la feccia piddina, BELLEZZA.

    "Mi piace"

  4. “Ma, quando già pregustavano le elezioni e il ritorno a tavola, han dovuto fare i conti con Conte, che è riuscito nell’ardua impresa di mettere insieme M5S e un Pd parzialmente derenzizzato…(cit. Editoriale by Mrs Mahatma 17 febbraio 2021 “Atterraggio brusco”)”.

    “sì, ecco, se n’è andato l’”uranio” e sono rimaste le scorie radioattive, ben più pericolose. A parte questo, il PD sarebbe già sufficientemente “pattume” da solo senza nessuna scoria aggiuntiva: chapeau, Trabajo! (cit. GATTO 17 febbraio 2021 alle 9:19)”

    "Mi piace"

  5. Non è che ce la troviamo su Rai3 al posto della Bianchina ?Che poi non se ne acorge nessuno visto che si fanno sbiadire dalla telecamera entrambi.

    "Mi piace"