Il Movimento tra Rousseau e il rospo Draghi-Berlusconi

(Tommaso Merlo) – Finora gli attivisti del Movimento hanno ingoiato di tutto e su Rousseau la linea dei reggenti è stata sempre confermata. Bisognerà vedere se anche questa volta andrà così oppure se gli attivisti considereranno il duo Draghi-Berlusconi un rospo davvero troppo indigesto e faranno saltare tutto. Potrebbe accadere. E comunque la si pensi sarebbe democraticamente stupendo. Cittadini che con un click impediscono la nascita dell’ammucchiata Draghi costringendo il Movimento a starne fuori. Davvero stupendo. Si passerebbe dall’umiliazione di vedere il potere democratico finito nelle mani di un tecnocrate imposto dall’alto, al potere che torna nelle mani di cittadini che da casa incidono sulle sorti politiche nazionali. Stupendo. Una rivincita della democrazia in questi giorni cupi, ma anche una bella botta per il Movimento. Finora gli attivisti a 5 stelle hanno ingoiato di tutto perché è prevalsa la volontà di capitalizzare il consenso ricevuto il 4 marzo e realizzare le proprie bandiere anche a costo di tapparsi il naso. Una linea che ha pagato. Il Movimento ha realizzato molto. Questa volta però è diverso e Rousseau potrebbe riservare delle sorprese. Innanzitutto è diverso il rospo. Passi la Lega, passi il Pd e passino perfino i costruttori de noialtri ma il duo Draghi-Berlusconi è davvero un incubo che rischia di rivelarsi oltre ogni limite di sopportazione. Ma non solo. Oggi è diverso lo scenario perché anche ingoiando il mega rospo, il Movimento ha pochissima possibilità di realizzare le sue bandiere e rischia di non valerne la pena. Il Movimento ha dovuto sudare sette camice quando aveva un suo premier, ministeri chiave e la centralità della maggioranza, figuriamoci con l’ammucchiata Draghi. Finirà tutto in un mare di chiacchiere e veti incrociati con l’unico risultato certo di giocarsi ulteriori fette di reputazione e quindi di futuro. Questo è il punto. Prima il Movimento si tappava il naso ma aveva la certezza di poter concludere qualcosa. Con l’ammucchiata Draghi no e la puzza è tale che non si riesce a fermare con due dita e rischia di far scappar via altri elettori. A furia d’ingoiar rospi il Movimento ha infatti realizzato molto ma ha anche dimezzato i suoi voti e collezionato una serie di sconfitte elettorali chilometrica. Ha poi perso pezzi qua e là e bisticciato anche se alla fine ha sempre tenuto. Questa volta rischia invece di spaccarsi. Ma non per singoli voltagabbana o stipendiopienisti ma per una reale e profonda frattura politica che potrebbe portare una parte del Movimento ad andarsene per la sua strada. Di Battista ha già detto di no ed è meno solo del solito. Molti portavoce potrebbero decidere o di dimettersi e tornarsene a casa loro (qualcuno prima o poi lo farà, è statistica) oppure potrebbero organizzarsi e creare qualcosa di nuovo. Con qualche stella in più. Sarebbero portavoce espressione di tutti quelli che il duo Draghi-Berlusconi proprio non riescono ad ingoiarlo e che ritengono vi sia un limite alla foga governista. Un limite determinato dalla sensibilità anche morale di chi ha creduto al progetto. La smania di fare non può calpestare la propria storia e i propri valori e nemmeno la coerenza oltre certi limiti. Non resta che attendere Rousseau. In breve tempo sapremo se il duo Draghi-Berlusconi si aggiungerà alla lunga collezione di rospi a 5 stelle oppure se i cittadini da casa cambieranno i destini nazionali e del Movimento con un click. Comunque la si pensi, sarebbe davvero stupendo. Una rivincita della democrazia in questi giorni cupi.

51 replies

  1. Speriamo che il voto degli iscritti dia ragione a Di Battista, perchè Draghi eletto con i voti del M5S è veramente una cosa contronatura per quelli che sono gli ideali e la storia del M5S.

    "Mi piace"

    • Io sto con DIBBA e se ci sarà una votazione il mio sarà un NO secco,
      Non riconoscendomi piu in un mv che ha come unico interesse poltrone e auto blu.

      "Mi piace"

      • @Andrea
        Il mv lo ha spaccato quel cialtrone semianalfabeta di gigino o bibitaro e la sua insaziabile sete di potere,

        "Mi piace"

      • @Alessandro Cagliostro

        Sbagliato! Il movimento lo ha distrutto chi ha consentito ad un analfabeta di appagare la sua insaziabile sete di potere.
        In realtà la sete di potere non era solo di Giggino ma anche e soprattutto di chi Giggino lo ha invitato a votare.
        Il potere era di Giggino solo in apparenza, nella realtà apparteneva a chi lo ha nominato, Beppino.

        Vai dall’oculista Alessandro, hai visto Giggino ma non Beppino che lo vigilava da lontano.
        Sei un po’ miope come del resto la stragrande maggioranza dei grillini, disabituati ad avere un punto di vista autonomo e indipendente.

        "Mi piace"

      • @Alessandro cagliostro,
        sanno già come voterebbe la base…!?!?
        per questo non la faranno votare…!!!
        gli iscritti possono votare solo quando i tetrapoltronari destrorsi, usurpatori e i traditori, sono certi che avranno un voto a loro favorevole…!!!

        "Mi piace"

  2. Ma chi caxxo sarebbe sto Tommaso Merlo?
    Draghi rospo come Berlusconi?
    Ma ti droghi o ti ubriachi prima di scrivere?
    Sarebbe stupendo se gli attivisti a 5 Stelle si sparassero sui piedi.
    Anzi no.
    Sarebbe stupendo se gli attivisti a 5 Stelle si sparassero nei C0J0NI.
    Anzi no.
    Sarebbe STATO bello se la casaleggio srl, avesse aperto la sua piattaforma di voto, NON CERTIFICATA, a tutta l’attività parlamentare QUOTIDIANA.
    SAREBBE STUPENDO se cassleggio permettesse ad un’apposita società di CERTIFICARE tutti i passaggi informatici, ALGORITMO, che sovrintendono alle procedure di voto sulla piattaforma che Lui gestisce.
    PERCHÉ NON LO HA ANCORA FATTO?
    Lo farà prossimamente?
    Sarebbe STUPENDO se tornassero come sottosegretari sia la Castelli che Sibilia, per continuare a fornire spunti alla satira.
    Sarebbe STUPENDO dipendere da Ciampolillo e non da quel rospaccio di Draghi. Perché 1 vale 1 e l’ignoranza prevale e vince sempre.
    Sarebbe STUPENDO avere le camere occupate da tante Sara Cunial e tacitare quel Mario Draghi con troppi titoli di studio.
    Sarebbe STUPENDO tener fede alle promesse e scendere dal pero. Diventare più pragmatici, concreti e abbandonare le utopie da figli dei fiori.
    Più scienza e conoscenza e meno complottismo e ricostruzioni fantasy della storia recente.
    VORREI CAPIRE, quando vi presentano la formula Quantitative Easing, che pensieri elabora la vostra testolina?
    Avete mai sentito parlare di voto clientelare?
    Di Tangentopoli?
    Delle mazzette obbligatorie ai politici su ogni opera pubblica?
    Di carrozzoni pubblici perennemente in perdita?
    Di tassi sui mutui al 18% annuo?
    Di inflazione al 13%?
    Tutti numeri che hanno inciso sulla qualità della vostra vita o dei vostri genitori?
    Tu dov’eri, cosa facevi, Merlo, nei primi anni 90??
    NON SAPETE UNA BEATA MlNKlA e rilanciare in loop le solite boiate SENZA PROVE, inventate e funzionali ad un certo tipo di propaganda ignorante.
    Io il 1992 L’HO VISSUTO. L’anno in cui il pentapartito governativo venne spazzato via dalle Inchieste giudiziarie. Quando la perdita di credibilità dell’Italia fu il carburante di una feroce speculazione contro la Lira.
    L’anno in cui vennero uccisi con due distinti attentati mafiosi sia il giudice Falcone che Borsellino.
    Era l’anno della miliardaria tangente (150 Miliardi di lire) che fu versata a TUTTI i partiti dell’arco costituzionale, compreso PCI e la neonata Lega Nord.
    Tra i giornalisti faccendieri coinvolti vi fu il già piduista Luigi Bisogna i, proprio quello che attualmente detta gli articoli di Dagospia.
    Quando sparate SUPERCAZZOLE su Draghi dovreste contestualizzare la sua figura a quel tempo e ne risulterebbe estraneo.
    lGN0RANTl!!!!

    È CHIEDERE TROPPO?

    Piace a 1 persona

    • Tu stai molto male.
      Non so se dipende tutto dal 92
      Quelli malati come te sono i portatori sani di tuttologia, dicendo tutto e il contrario senza un ragionamento che sostenga niente
      Peccato che non hai iniziato da Cavour

      Piace a 1 persona

      • Tuttologia ST0CAZZ0.
        Fenomeno il sottoscritto a novembre 1992 cominciò il suo anno di leva a Verona.
        Mi ricordo tutto, perché all’epoca mi nutrivo quotidianamente e avidamente delle notizie riportate da Repubblica.
        All’epoca di Draghi non avevo notizie. Il nano era invece una star, per le vittorie del Milan, per le sue TV, per il matrimonio con Veronica testimoniate da Bottino Craxi.
        È l’anno successivo scesi in licenza a casa mia per votare il referendum maggioritario e lo stop al finanziamento pubblico ai partiti.
        LA COSA CHE PIÙ MI MANDA IN BESTIA E RILANCIATA DALL’ALTRETTANTO LlDl0TA FALEGNAME FALLITO E TEPPISTA A TRE RUOTE, DIBBA, sono le falsità sulle PRIVATIZZAZIONI.
        Lo stato aveva in pancia aziende che producevano pelati, sslse, gelati, panettoni e una società automobilistica, l’Alfa Romeo, con ZERO PROGETTI. Una gamma con la 33 a cui avevano montato un diesel tagliando un cilindro a quello della 90. Poi la 75 nata vecchia e l’Alfa 6. Con la Fiat arrivò la 164. Ma restava un refugium peccatorum per tanti elettori che per un posto di lavoro vendevano il voto, permettendo automaticamente il perpetuarsi di quel sistema MARCIO. Ogni anno lo stato centrale interveniva per ripianare le perdite operative.
        AUMENTANDO IL DEBITO, che veniva monetizzato stampando titoli e carta straccia come moneta.
        È MIMANDA DI MATTO la leggenda delle privatizzazioni da imputare alla sinistra.
        Fino al 1992 l’Italia era governata dal pentapartito.
        DC
        PSI
        PRI
        PLI
        PSDI
        E i membri di questi partiti NOMINAVANO I DI RIGENTI E FACEVANO ASSUMERE I DIPENDENTI.
        Stabiliva o altresi le politiche economiche, in primi industriale.
        Ed esisteva IL MINISTERO DELLE PARTECIPAZIONI STATALI.
        IRI, ENI, EFIM. A cui aggiungere altri soggetti come la RAI e altre.
        STUDIATE INVECE DI LANCIARE STERILI ACCUSE PER MANIFESTA IGNORANZA.

        https://it.m.wikipedia.org/wiki/IRI

        Piace a 1 persona

    • Ecco bravo, lasciando stare il resto hai nominato Borsellino e Falcone, e per rispetto a loro e ridico solo per loro, che vada affanculo Berlusconi e tutta la compagnia di giro…….

      Piace a 1 persona

      • Ti sei scordato di parlare di un segretario del pd che ha cancellato l’art. 18 dello statuto dei lavoratori.DIBBA è responsabile anche di questo???Da quandohanno privatizzato l’Alitalia le autostrade i bidelli e i cantonieri le ferrovie e la tirrenia mi dici che che cosa è migliorato per il cittadino italiano??Mi dici che cosa in che campo una cosuccia che sia stata migliorativa della vita di un cittadino??Nella scuola negli ospedali uno sfruttamento.che grida vendetta.AL SANDREA l’ospedale aveva 600 infermieri a contratto di lavoro interinale I medici che nei pronto soccorso sono assunti con n partita iva rinnovabili di tre mesi in tre mesi.Tutto questo sotto lo sguardo e la direzione del pd.Jerome non essere fanatico.e ottuso quando qualcuno perde la fiducia che avevi in lui abbi il coraggio di cambiare opinione e posto dove mettere la croce.AL DRAGOun giorna gli hanno chiesto che cosa pensasse dei lavoratori precari e ha dichiarato che per lui erano pochi ,nei precari dovevano entrare anche gli altri,diceva,sarebbe di molto più interessante.

        "Mi piace"

      • @Terribile
        RENZI È DI DESTRA. Si era impadronito del partito, aveva comprato consenso con gli 80€.
        Costrinse alla fuoriuscita l’ala sinistra e ancor oggi, dopo averlo frantumato con la scissione ne controlla un pezzo attraverso gli eletti da lui nominati. Ma per il futuro del PD sono fiducioso perché verrà derattizzato da questi squallidi.
        La sanità È IN MANO ALLE REGIONI.
        Dopo gli innumerevoli esempi di corruzione e incapacità forniti da queste ultime ad essere attaccato è ESCLUSIVAMENTE IL GOVERNO CENTRALE.
        Licenziano e precari zaino il personale per far posto ai PRIVATI e per SPECULARE TANGENTI SUGLI APPALTI.
        Formigoni, Marconi e Fontana sono i tre sgovernatori lombardi rimasti impigliato in guai giudiziari legati alla CRIMINALE GESTIONE DELLA SANITÀ REGIONALE.
        Fatti delle domande e datti delle risposte.
        Ma è così più o meno in tutte le regioni, tranne qualche eccezione come l’Emilia Romagna.

        "Mi piace"

    • coglionazzo…tra le tante stronzate che scrivi ne ho presa una a caso: “Avete mai sentito parlare di voto clientelare?”

      SI, TUTTI gli eletti del tuo SPORCO piddi. TUTTI NOMINATI. TUTTI scelti su carta piddina da piddini.

      Ma vai a cagare. E rimanici, cojonazzo.

      "Mi piace"

      • PEZZO Dl MERRDA, L’ITALIA FINO AL 1992 ERA GOVERNATA DAL PENTAPARTITO
        DC, PSI, PRI, PLI E PSDI. E di sinistra non c’aveva o manco gli arti.
        Poi arrivò il nano pedomafioso piduista e la lega.
        SEI lGN0RANTE PER ANAGRAFE O SEI UN TR0LL CHE DEVE RECITARE IL SUO C0PI0NE??
        L’ultimo esempio di voto clientelare volto a far danni, è stata l’infornata di fascio parassiti sul comune di Roma e nelle sue partecipate da parte del PREGIUDICATO ALEMANNO, QUELLO CHE AVEVA SPOSATO L’URLATRICE PARLAMENTARE ISABELLA RAUTI, QUELLO DI MAFIA CAPITALE.
        È la cosa paradossale è che questa DANNOSA eredità se l’è dovuta smazzare Virginia Raggi.
        Mentre la fascio ricottara a rotelle che strepita, urla e si atteggia HA COMPLETAMENTE RIMOSSO questo suo cattivo esempio di malgoverno.
        Una che era stata ministra col nano pregiudicato. E con la lega.
        Vai, corri a farti lNQLARE dal capitone.
        lGN0RANTE DELLA MlNKlA.

        Mi piace ricordarla così.

        Piace a 1 persona

      • sei talmente MALATO che pensi che abbia votato il mafioso o il pezzo di mer_da verde.

        FATTI CURARE. Sei da rinchiudere in qualche istituto per psicopatici ossessivi.

        TE LO RIPETO, IDIOTA.

        NON sono razzista, NON sono negazionista e ho votato 5 stelle. Ma non è obbligatorio che rivoti 5 stelle.

        DI SICURO NON voterò MAI la feccia piddina nè il centro destra del malaffare mafioso.

        p.s.
        Se conoscete uno psichiatra bravo, si prega di provvedere. Al più presto.

        "Mi piace"

      • @andrea
        Mi dai del coglionazzo, ti rispondo a tono e cominci ad offendermi?
        Sai quanto me ne frega chi tu abbia votato?
        L’ho sempre scritto che dal 2013 al 2018 ho votato M5s.
        Ma essendo per formazione addentro si meccanismi che regolano l’economia, ho visto che questo partito non è in grado di prospettare una crescita sostenibile e diffusa al paese, perché punta quasi esclusivamente su politiche assistenzialiste.
        Come negli anni 70 e 80. Quando il nostro debito pubblico È ESPLOSO.
        Ora togliti dal CAZX0 e fatti tu curare perché sono una persona concreta che non va dietro alle supercazzole e alle leggende fantasy inventate dalla propaganda dei social.
        O sei un pivello o sei un lDl0TA che si lascia soggiogare dal primo urlatore che passa.
        Scrivi scemenze di cui non hai contezza. SOLO SLOGAN.
        SLOGAN E INSULTI, SEI SOLO SLOGAN E INSULTI.
        Non ti azzardi a scendere nel merito delle questioni perché sei lGN0RANTE e consapevole che a tale livello ti distruggo e ridicolizzo.

        Vai a cuccia botolo.

        Piace a 1 persona

    • “NON SAPETE UNA BEATA MlNKlA e rilanciare in loop le solite boiate SENZA PROVE”
      Non ti bastano ancora tutte le prove sulle ruberie dei Benetton che si sono beati di continui aumenti dei pedaggi autostradali facendo l’1% della manutenzione che avrebbero dovuto fare? Non è tutto oro quello che luccica. La privatizzazione in Italia non funziona perché si dividono i guadagni fra i pochi azionisti e si socializzano le perdite sulle spalle degli italiani.
      Quando si ha a che fare con persone disoneste non funziona niente, né pubblico né privato. Ecco perché mi sono sempe incavolato con la nenia sui grillini senza competenze. Se sei disonesto le tue competenze diventano deleterie per i cittadini, mentre persone oneste, anche se con minori competenze, sono di gran lunga da preferire. Almeno sei sicuro che non ti fregano e possono servirsi di tecnici per colmare le eventuali lacune.

      Piace a 2 people

      • Mi sono già espresso sulle Autostrade.
        Per me i cosiddetti MONOPOLI NATURALI non andrebbero privatizzati.
        Al limite, forzatamente, si potrebbe aggiudicare la gestione all’asta per un periodo di tempo prestabilito, max 5 anni.
        Ma trovamelo poi un privato che dovrebbe programmare e ammortizzare investimenti pesanti in un lasso di tempo tanto breve.
        Si è preferito creare un monopolio privato con una concessione pubblica di durata secolare.
        Però perché citate a pappagallo sempre Autostrade?
        Fs, da quando è stata privatizzata in termini di diritto, è stata suddivisa fra una società che si occupa di trasporto, Trenitalia, e la rete di binari, RFI, per permettere il passaggio ad altri concorrenti come Italo nell’AV, che hanno fatto crollare il costo dei biglietti agli utenti. È questo che voglio come cittadino.
        ENEL dopo la privatizzazione ha visto scindere la rete in TERNA. Il mercato SI è aperto a concorrenti che hanno fatto scendere le tariffe AL NETTO DELLA MIRIADE DI TASSE E IMPOSTE IN BOLLETTA. Ed ENEL ha potuto espandersi all’estero, nell’est Europa, in Spagna, comprando l’ex monopolista locale Endesa e diventando a strascico leader in sud America.
        Motta, Buitoni e altre società alimentari finite alla Svizzera Nestle si sono ingrandite esportando in tutto il mondo. Quelle come Cirio, finite a Cragnotti sono prima fallite e poi passate ad altri attori. CON LA PROTEZIONE DELLA DESTRA.
        Nuovo Pignone è diventata, sotto l’ombrello della statunitense Generale Electric, leader mondiale nella produzione di turbine a gas, ingrandendo anche come numero di dipendenti, che sono ingegneri, tecnici e operai specializzati.
        Nella telefonia l’apertura alla concorrenza dopo la privatizzazione Telecom ha fatto crollare le tariffe soprattutto nel mobile. E a proteggere lo speculatore Tronchetti Provera che l’ha spolpata e indebitata È STATO BERLUSCONI CON LA LEGGE SUL LEVERAGE BYOUT, che ha permesso al boss di Pirelli di trasferire sulla società acquisita TIM, i debiti contratti con le banche per scalarla attraverso una vuota scatola finanziaria, Olimpia.
        PERÒ LA VOSTRA PROPAGANDA A SENSO UNICO PARLA ESCLUSIVAMENTE DI SINISTRA.
        Banche.
        Perché non parliamo dei miliardari fallimenti di Banca Pop. Di Vicenza e della Veneto Banca?
        La prima amministrata dal vignaiolo Zonin, che hanno fatto sparire MILIARDI DI EURO in una regione A DESTRA DA SEMPRE.
        O del fallimento di Credieuronord, la banca leghista promossa da Giorgetti ( nipote dell’ex AD della Banca popolare di Milano) che ha bruciato i risparmi di migliaia di ingenui citrulli padani sedotti dalla puttanata del secessionismo?
        Ah già, MPS, banca di sinistra.
        MA DOVE?? Banca della Massoneria, visto Silvio tiene la da sempre i suoi conti correnti bancari privati. In una banca in mano ai comunisti. E già la cosa fa ridere.
        E tornando ai carrozzoni pubblici che perdono denaro me ne ricordo DUE.
        RAI, con la promessa fatta dsl M5S di cacciare i partiti, che si è tradotto nel prenderne il posto, sparendo con la lega.
        ALITALIA, quel campione di sprechi che dal 2008,anno in cui Prodi la stava sbolognando ad Air France per Due miliardi di euro, ad oggi per decisione di Berlusconi e dei suoi capitani coraggiosi ci è costata 10 MILIARDI DI EURO.
        Io come cittadino vorrei fosse Liquidata. Lasciando spazio alla libera concorrenza fra vettori interessati. Creando le condizioni per rendere attraente viaggiare verso l’Italia, facendola diventare l’hub naturale per i traffici del Sud Europa e area del Mediterraneo.

        SIETE PLAGIATI DAL POTERE MEDIATICO DI Berlusconi. E in tutte queste porcate le colpe vanno individuate fra i politici che si riempiono la bocca di nazionalismo e le tasche di mazzette.
        E per coprire questi parassiti Incapaci che tirate in ballo un banchiere che ci ha salvato dalla bancarotta dopo le follie Berlusconi a e.
        MI SPIACE MA SIETE IGNORANTI.

        Piace a 1 persona

      • Che brutta cosa la tua saccenza. Non mi sento affatto plagiato dai media di Berlusconi anche perché non vedo la TV da anni e non leggo i suoi giornali. Le cose di cui parli le conosciamo tutti e alla fine deduco che sei d’accordo con me sul fatto che molti servizi strategici non possono essere svenduti ai privati.
        Il problema, e lo stiamo vedendo in questi anni col M5S, è la politica collusa che in tanti anni non è riuscita anzi, non ha proprio voluto fare una seria legge sul conflitto di interessi che avrebbe bloccato molte delle porcherie di cui parli. E guarda caso questo vale anche per i tuoi beniamini di sinistra che con Berlusconi si sono sempre messi d’accordo.
        Mi spiace dirtelo ma anche tu sei molto ignorante, perché le persone che hanno davvero una grande cultura e apertura mentale, sono anche le più umili e rispettose del prossimo, e non mi sembra che tu rientra in questa categoria.

        Piace a 1 persona

      • Lucapas fammi capire.
        Credi che io sia un piccolo fans del BOMBA???
        Mai votato PD quando lui ne è stato la guida.
        E sul conflitto di interessi non potrà essere varata una legge finché resterà in vita il nano mafioso. Cosa chiara da un quarto di secolo.

        Del tuo rispetto me ne faccio tanto quanto perché non è accompagnato alla conoscenza.

        "Mi piace"

      • “molti servizi strategici non possono essere svenduti ai privati”

        Quindi tu statalizzeresti Alitalia?

        Solo uno che lavora nello Stato potrebbe pensare ad una boiata del genere.
        Altro che “sinistra”, “difesa dei più deboli”, lotta al “liberismo selvaggio”.
        Sai quanti soldi risparmiati in sperperati per Alitaglia sarebbero potuti trasformarsi in servizi utili?
        Sono soldi delle nostre tasse, mica nascono sull’albero degli zecchini!

        Se lavori per lo Stato, la collettività ti paga generalmente stipendio e contributi.
        Le trattenute sul reddito, per molti di quelli che nel pubblicano rubano lo stipendio, sono restituzione della refurtiva, non estremo sacrificio in un Paese di evasori.

        Perché l’evasore è uno che lavora e non paga le tasse.
        Il fancazzista statale è uno che non lavora e si fa pagare stipendio, tasse e contributi dalla collettività.
        Ed è INAMOVIBILE!

        Le imprese che prendono in concessione un bene puoi sempre sfancularle se non sottoscrivi contratti capestro come quello coi Benetton.

        Ma è difficile da capire.
        Fate gli strateghi, parlate dei massimi sistemi e poi sbagliate le addizioni, anche quelle senza virgola?

        "Mi piace"

      • “Mai votato PD quando lui ne è stato la guida”
        Dimentichi forse le dichiarazioni di Visco e l’operato di D’Alema?

        “Del tuo rispetto me ne faccio tanto quanto perché non è accompagnato alla conoscenza.”
        Va beh, io ci ho provato ad alzare il tuo livello, ma tu sei troppo “colto” per poterci arrivare.

        "Mi piace"

      • @andreaex
        Intanto sono un libero professionista e gestisco pure una società di servizi, ma poi la statalizzazione non deve per forza funzionare male se gestita come un’azienda. Il problema lo hai detto tu qual è: il dipendente statale normalmente batte la fiacca (anche se non si può fare di ogni erba un fascio) ed è inamovibile. Non ci vuole molto a cambiare le cose e mettere sull’attenti anche loro.

        "Mi piace"

    • @Jerome B,
      dici rispondendo a Terribile: “RENZI È DI DESTRA. Si era impadronito del partito, aveva comprato consenso con gli 80€”.
      Si é impadronito del pd-l perché la segreteria del pd-l deliber le “primarie aperte” ovvero: ad eleggere il segretario del pd-l potevano andare pure i fascisti.
      bastava pagare 2 euro… (senza che gli si chiedesse di che “area politica erano” e che probabilmente venivano pure rimborsati …da quelli che avevano presentato la candidatura di “renzusconi”).
      E così il pd-l é finito nelle mani dei renzusconiani che, come hai capito pure tu, sono certamente di destra se non, peggio, probabilmente fascisti sotto mentite spoglie…!
      Vero che l’articolo 18, ma anche il jobs-act, la buona “squola” e altre porcate, l’hanno voluti i renzusconiani ma il guaio é che l’hanno votata pure i bersaniani, gli speranziani e tutti gli altri fricchettoni capalbiesi, eletti coi voti dei lavoratori, dei pensionati e delle loro famiglie, che sono stati traditi, svendendoli ai padroni, senza batter ciglio… alla prima occasione utile…!!!
      l’elenco delle malefatte degli esponenti (quasi tutti) del pd-l sarebbe lungo e, spero, a te non difetti la memoria e, sopratutto, l’intelligenza…!!!

      Vedi caro Jerome B. c’é un detto antico scritto da un anonimo, in epoca non nota, che dice…: “Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero”.

      Piace a 1 persona

    • Il draghi di comodo sono creature repellenti, sarà sicuramente un genio, si ma un genio malefico,
      Spero che riesca a formare un governo, una sana cura alla greca è cio che serve agli itgliani

      Piace a 1 persona

      • Ma tu l’hai detto come battuta? Tipo:

        I cosiddetti Poteri Forti sono all’opera per mangiarsi il Paese utilizzando le crisi politiche e i mezzani della mafia capitalista imposti al Governo spacciandoli per salvatori della patria. Sono i Draghi di comodo.

        "Mi piace"

    • Bestie come i pidioti e leucorrotti penso ne esitano pochi, falsi, traditori, vigliacchi, ladri, corrotti, gente che venderebbe madri e figlie per il loro tornaconto personale, financo assassini, Belgrado ne porta ancora i segni, e poi se vogliamo ci possiamo mettere anche mafiosi, non per nulla mottarella è figlio d’arte.
      Icarus e lo conferma,
      Un bel biglietto di solo andata x

      "Mi piace"

    • Bestie come i pidioti e leucorrotti penso ne esitano pochi, falsi, traditori, vigliacchi, ladri, corrotti, gente che venderebbe madri e figlie per il loro tornaconto personale, nemici dell’italia e nemici degli italiani, prima si sono venduti all’unione sovietica, poi agli americani francesi e tedeschi, financo assassini, Belgrado ne porta ancora i segni, e poi se vogliamo ci possiamo mettere anche mafiosi, non per nulla mottarella è figlio d’arte. E il loro capo spirituale napolitano, un monarchico che ha militato nei fascisti passato al pci e poi nuovamente fascista e monarchico al soldo dei suoi vecchi alleati, i nazzisti,
      Un bel biglietto di solo andata x pyongyang

      "Mi piace"

      • Con questa retorica superficiale e ignorante siete stati plagiato e diventati complici dello sfascio che ci ha lasciato il nano mafioso.
        Debito pubblico alle stelle, codice penale e di procedura penale squassati per piegarlo alle due esigenze criminali, indulto, amnistie, condoni fiscali, edilizi e tombali, guerre costose e sanguinose in Iraq, Afghanistan e Libia.
        È tu pezzo di mexda parli di Belgrado? A che pro?
        Io ho prestato servizio militare in un aeroporto Veneto tra fane 1992 e fine 1993. Da lì partivano gli aerei militari della coalizione NATO per impedire alla Serbia di usare i propri jet militari per bombardare i bosniaci. Erano missioni di NO FLY Zone e non sono certamente stati gli italiani a colpire il terreno serbo, perché partecipava o fornendo le basi militari.
        VEDI QUANTO SEI lGN0RANTE?
        Ripeti a pappagallo quello che ti fa comodo dopo aver STRAVOLTO la storia.
        Ma sei un semplice troll fascio legaiolo.
        Le aspettative so o a livello F0GNA. SOTTERRANEA.

        "Mi piace"

      • L’Italia ha impegnato (per quel che ricordo) i Tornado per il contrasto elettronico ai radar.

        La versione ECR era peró dotata di missili aria-terra che i radar dovevano appunto colpire, ed hanno colpito.

        Ë difficile che lo Stato italiano non abbia, quindi, ucciso dei Serbi.

        "Mi piace"

    • Parlaci della sanità privatizzata e della scuola privata che viene anticostituzionalmente finanziata.
      Saccente sostenitore superinformato amante delle privatizzazioni, ma non della legalità.
      Ammalati di Covid ma poi vai a farti curare in clinica privata, o fari come sterco da arcore e il coglione billionaire.
      Auguri a te e alla tua famiglia di tanta salute, sennò ci potremmo risentire.

      "Mi piace"

      • @Mannaro
        COSA????
        Ma stai accusando ME DI ESSERE A FAVORE DELLA SANITÀ PRIVATA?
        O sei MATTO o sei superficiale E NON MI HAI MAI LETTO.
        Uno che si dichiara di sinistra non potrà MAI accettare che sia consentito a privati di LUCRARE GUADAGNI SULLE SOFFERENZE E MALATTIE DEL PROSSIMO.
        Ma vaffanqlo pure a te. Ti ritenevo più saggio e avveduto, invece sei un altro piccolo fans con i paraocchi che NON COMPRENDE il contesto che lo circonda. E se vi toccano il Dibba avete le convulsioni.

        "Mi piace"

  3. Aspettiamo
    Vediamo cosa otteniamo
    Vediamo come sara composto il governo
    Questa è politica con la p grande
    Ma guardate che squasso ha portato il m5s. Da quando è nato i media uniti dx e sx hanno avuto un solo bersaglio e non riuscendo a trovare dei ladri hanno financo tirato in uso (per un politico non lo avevo mai viso) la parola incompetenti.
    Danno tanto fastidio.
    Hanno fatto tutto? No ad esempio il TAV
    Ma pensate davvero che in pochi anni si riesca a ribaltare tutto il meccanismo di potere?
    No, nemmeno se avessimo preso il 50% , anzi in quel caso avrebbero fatto schizzare lo spred a 800 e ci avrebbero commissariati subito
    Quindi piccoli ptogressi sono meglio di niente progressi

    Piace a 2 people

    • Tu sei un povero scemo rimbambito,
      Uno che vive di retorica e fake dei giornali mainstream, sei talmente coglione pieno di te da non vedere piu lontano del tuo naso,
      Talmente idiota che non meritai nepoure perder tempo a spiegarti le cose, talmente infarcito di merda pidiota da non valere una pedata nel tuo fondo schiena, io ero in serbia, e a pristina, povero imbecille, la serbia serviva allo zio sam x dimostrare alla russia chi era che comandava cretino rimbambito, serviva x creare una base nei balcani, dove vengono addestrati i tagliagole di al quaida, zecca dello stato italiano, ora puoi andare a cagare pidiota di merda, te e il tuo amico gargamelka e il nano d’arcore di cui siete soci e complici, merda,
      Ora puoi andare affanculo

      "Mi piace"

      • Uahahahah, DOV’ERI???? 😂😂😂😂😂😂
        Con me non vale la pena perdere tempo?
        E ci credo, perché ti ridicolizzo e TI DISTRUGG0.
        Una parola e un insulto a nasconderla la pichezza delle tue scemenze inventate al momento.
        SEI STATO IN SERBIA? A FARE COSA C0J0NE, IL TURISTA? 😂😂😂😂😂
        Mi dev’essere sfuggita questa invasione americana della Serbia.
        Come troll vali poco, perché sei ignorante verace e tenti di darti un tono inventando BALLE.
        Nel 1993 gli aerei della Nato impedivano a quelli Serbi di alzarsi in volo per andare a bombardare e dare copertura di terra all’esercito regolare e alle truppe paramilitari, tipo le Tigri di Arkan, che portavano avanti una carneficina e una pulizia etnica in Bosnia Erzegovina.
        Gli aerei americani hanno bombardato in seguito le centrali elettriche serbe e l’ambasciata cinese di Belgrado, dove trovavano rifugio alcuni criminali di guerra. La protezione si spostò successivamente più a Sud, in Kosovo, regione pretesa da quel che restava della Iugoslavia a guida serba ma abitata da una maggioranza di etnia albanese.
        La missione, sempre a guida NATO, si chiama ancor oggi KFOR, e prevede(va) contatti fra l’esercito Serbo e L’UCK, cioè la resistenza Kosovara. I profughi di questo conflitto arrivarono ad essere attorno al milione e molti giunsero anche in Italia.
        Oggi il comando di questa missione internazionale DI Pacificazione fa capo a generali ITALIANI.

        Non voglio aprire un libro su questo conflitto che ho seguito sin dall’inizio, per i motivi succitati.
        Mi limito a constatare la tua INADEGUATEZZA a sostenere un confronto nel merito, perché ti limite a sparare quelle scemenze da corteo studentesco di un ginnasio.
        Zio Sam, sentilo… 😂😂😂😂😂
        Ma non era lo zio Tom? 🤣🤣🤣🤣🤣🤣
        Stasera ti sei reso RIDICOLO PER L’ETERNITÀ 😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️

        "Mi piace"

      • Sentite voi due, della guerra non sapete niente. Io ho provato ad avere una connessione Internet da una ditta di Bergamo che aveva il call-center ad Avola, in Sicilia, e so di che parlo…

        Ad ogni modo, parlando di *quella* parte dei conflitti nei Balcani, é doveroso citare che gli interessi collaterali (nulla a che vedere con la terminologia finanziaria) incipienti erano molto densi e danarosamente importanti piú della caritá pelosa del “mondo occidentale”.

        Non parlo dei vari traffici, ma delle direttrici logistiche di futuri impianti di trasporto dei preziosi idrocarburi.

        Stream qualcosa, Azerbaijan, Turchia e qualche altra robba… completate voi.

        "Mi piace"

  4. No non lo penso, conosco gli itagliani e so che è dura, ma gigino o bibitaro non è la persona che il mv meritá, ha tradito troppe volte,

    "Mi piace"

  5. io sto con i piedi per terra e cammino su rovi , boschi e deserti guidato dalle cinque stelle.
    Il poeta disse: non ti curar di lor, ma guarda e passa ! Il programma e’ la meta, non l’ego o la rabbia.
    Che il parlamento fosse da aprire come una scatoletta e che fosse pieno di merda non ci e’ piu’ nuovo.
    Il cattivo odore vale il futuro dei nostri figli. Non mi tolgo sfizi, che lascio ai giornalisti

    Piace a 1 persona

    • Il problema è che alcuni, gigino o bibitaro, hanno aperto la scatoletta di tonno e ci si sono infilati dentro, non ne vogliono piu uscire, dicono che il tonno è buono perche privarsene?
      Come non bastasse, la melma pidiota e leucota li hanno indirizzati, gli hanno fatto assaggiare la mela proibita, soldi, notorietà, potere, e un cialtrone come il bibitaro non puo piu farne a meno,

      "Mi piace"

  6. Ma Merlo dove vive? Su di un ramo di un albero o fra le foglie di una siepe di un giardino pubblico? Se misura la democrazia con l’aliquota dell’elettorato che esprime o che possa esprimere la sua partecipazione con un clic come crede che il Movimento, pur presentando degli aspetti nuovi nel panorama politico attuale, ma storicamente vecchi, possa soddisfare le realtà della variegata umanità, anche di quella parte che riesce a mala pena ad accendere un computer? La partecipazione politica attraverso una piattaforma virtuale è un’idea nuova, rivoluzionaria ad un tempo, recessiva e assolutamente antidemocratica dall’altra ( pensiero personale) , che riferisce a coloro che gestiscono la piattaforma, immaginati come chirurghi dell’etica tecnico-scientifica in grado di epurare il pensiero deviante e il dissenso, almeno quello interno poi, che possano agire anche da intermediari su soggetti terzi è un’incognita, abolendo ogni sfumatura e ogni tonalità dissonante in stridore al loro pensiero politico da puritani. Infatti, osservando il livello e le capacità di controbattere le presunte posizioni politiche, sembra di assistere ad un film: un’oligarchia centrata sull’hi tech che chiede e richiede partecipazione pubblica per esistere ma, che continuamente rigetta verso il basso e adesso, che siedono finalmente al tavolo dei vincitori, in maniera ancora più evidente; se volessi dire la mia scriverei ad un giornale e non mi nasconderei dietro ad un clic di assenso o dissenso solo perché così sembra che il mondo stia andando nella giusta direzione del progresso e, chiamarlo progresso ci vuole coraggio: tante le buone iniziative ma bilanciate da altrettante castroneria da direttorio post rivoluzione. Quindi aspettare ed osservare l’evolversi degli eventi è una soluzione pacifica per coloro a cui è stata negata la partecipazione alla questione pubblica , ma ripeto, non è che con un clic si possano colmare lacune storiche che hanno tacitato intere fette di popolazione rurale e urbana, solo per alimentare le logiche di vecchie organizzazioni politiche, che dovevano adeguarsi restando immutabili, divenendo così indigeste a tutta quella fascia generazionale fra i mondi..

    Piace a 1 persona

    • Condivido TOTALMENTE le tue riflessioni sulla gestione privatistica di una piattaforma, che si pretenderebbe usare come strumento di manipolazione del consenso elevato a guida del governo.
      Compito che solo uno stato centrale potrebbe svolgere. Ma a determinate condizioni che rispettino privacy e anonimato.
      Cosa che la Cadaleggio srl NON FA.
      Anzi, rifiutando una certificazione che imporrebbe di abbandonare l’uso discrezionale dei nominativi associati ai voti espressi, dimostra palesemente che TRUCCA, BARA A PROPRIO PIACIMENTO l’esito di qualsiasi votazione.

      Piace a 1 persona

      • @Jerome

        Infatti è proprio quello il centro della questione: LA GESTIONE PRIVATA DI UN’ALIQUOTA DI ELETTORATO PER PARTECIPARE alla questioni democratiche del PARLAMENTO , della Naz-ione di Naz-arhet di Naz ..ismi in ismi in ismi…

        "Mi piace"

  7. ALESSANDRO DI BATTISTA.
    Non ho cambiato idea. Se fossi in Parlamento non darei la fiducia al Presidente Draghi. Non la darei in virtù di scelte, propriamente politiche, che il Professor Draghi ha preso in passato da Direttore generale del Tesoro (privatizzazioni, svendita patrimonio industriale pubblico italiano, contratti derivati) e da Governatore di Banca d’Italia, quando diede l’OK all’acquisto di Antonveneta da parte di MPS ad un valore folle di mercato. Per occultare le perdite di quel disastro Monte dei Paschi truccò i bilanci e realizzò operazioni di derivati truffaldine per le quali l’allora Presidente Giuseppe Mussari è stato condannato a 7 anni e 6 mesi di carcere. Ricordo, così, en passant, che a prendere il posto di Mussari fu Alessandro Profumo, recentemente condannato a 6 anni di carcere per irregolarità nella contabilizzazione dei bilanci di MPS. Profumo fu nominato, da indagato, AD di Leonardo (ex-Finmenccanica) e sta ancora al suo posto. Gli auguro di essere assolto in appello, nel frattempo, penso che non sia accettabile che una delle più importanti partecipate italiane sia guidata da chi ha appena ricevuto una condanna così pesante. Spero che Mario Draghi, qualora dovesse diventare Presidente del Consiglio, si adoperi per la sua rimozione. Staremo a vedere.
    Ma torniamo a Draghi. Io ho le mie opinioni su di lui. Ognuno ha le proprie. Tuttavia il punto non è neppure lui. Io non potrò mai avallare un’accozzaglia al governo che potrebbe andare da LEU alla Lega. Tutti dentro perché nessuno ha intenzione di fare opposizione. Oltretutto in democrazia l’opposizione serve, è necessaria. Invece nulla. Ci saranno ministri politici nel governo Draghi? Non ne ho idea. Fossi in lui non accetterei nessuno ma vedo che diversi partiti già avanzano richieste. Per quanto mi riguarda io non posso accettare “un assembramento parlamentare” così pericoloso. Non lo posso accettare perché la stragrande maggioranza delle forze politiche che si stanno inchinando al tredicesimo apostolo non rappresenta le mie idee. E aggiungo una cosa. Il 9 febbraio del 2018, insieme a migliaia di cittadini, lessi ad Arcore, a cento passi da Villa San Martino la sentenza di condanna definitiva di Marcello Dell’Utri, fondatore di Forza Italia. Quella sentenza dimostra il pagamento di ingenti somme di denaro da parte di Berlusconi a Cosa Nostra. Pochi mesi dopo, un’altra sentenza, quella sulla Trattativa Stato Mafia (I grado) ha confermato il fatto che B. continuò a pagare ingenti somme di denaro a Cosa Nostra palermitana anche dopo essere stato eletto Presidente del Consiglio. Di fatto rafforzò economicamente la mafia anche dopo la strage di Capaci, quella di via D’Amelio, quella di Via Palestro e quella dei Georgofili. La lettura di quella sentenza ad Arcore mi ha provocato qualche problemino come immaginerete. Minacce di querela, diffamazioni quotidiane sui giornali berlusconiani, qualche epiteto non proprio gentile da parte di chi non ce la fa ad accettare la verità. Nulla di grave ovviamente. Anzi, ciò che è avvenuto nella mia vita da quel giorno ad oggi mi ha rafforzato. Ha rafforzato la mia tenuta, direi morale.
    Ognuno è fatto come è fatto d’altro canto. In queste ore qualcuno mi ha scritto “sei troppo radicale. In politica occorre anche cambiare opinione e plasmarsi sulle situazioni cambiate”. Sarà anche vero. Ma io non ce la faccio. Io non sosterrò mai un governo sostenuto da Forza Italia. Buon fine settimana a tutti!

    Piace a 2 people

    • Alessandro Di Battista,
      Ho una famiglia da mantenere e non ho soldi.
      La decrescita felice non mi permette il sostentamento.
      Aiutatemi, datemi un incarico o nominate i funzionario di partito altrimenti spacco tutto.
      SIPARIO.

      "Mi piace"