Di Battista: “No alla fiducia al Presidente Draghi”

“Volevo dirvi che non ho cambiato idea. Se fossi in Parlamento non darei la fiducia al Presidente Draghi”. Lo scrive Alessandro Di Battista in un post su Facebook ricordando le “scelte, propriamente politiche, che il Professor Draghi ha preso in passato da Direttore generale del Tesoro (privatizzazioni, svendita patrimonio industriale pubblico italiano, contratti derivati) e da Governatore di Banca d’Italia, quando diede l’ok all’acquisto di Antonveneta da parte di Mps ad un valore folle di mercato”.

(Alessandro Di Battista) – Buongiorno, volevo dirvi che non ho cambiato idea. Se fossi in Parlamento non darei la fiducia al Presidente Draghi. Non la darei in virtù di scelte, propriamente politiche, che il Professor Draghi ha preso in passato da Direttore generale del Tesoro (privatizzazioni, svendita patrimonio industriale pubblico italiano, contratti derivati) e da Governatore di Banca d’Italia, quando diede l’OK all’acquisto di Antonveneta da parte di MPS ad un valore folle di mercato. Per occultare le perdite di quel disastro Monte dei Paschi truccò i bilanci e realizzò operazioni di derivati truffaldine per le quali l’allora Presidente Giuseppe Mussari è stato condannato a 7 anni e 6 mesi di carcere. Ricordo, così, en passant, che a prendere il posto di Mussari fu Alessandro Profumo, recentemente condannato a 6 anni di carcere per irregolarità nella contabilizzazione dei bilanci di MPS. Profumo fu nominato, da indagato, AD di Leonardo (ex-Finmenccanica) e sta ancora al suo posto. Gli auguro di essere assolto in appello, nel frattempo, penso che non sia accettabile che una delle più importanti partecipate italiane sia guidata da chi ha appena ricevuto una condanna così pesante. Spero che Mario Draghi, qualora dovesse diventare Presidente del Consiglio, si adoperi per la sua rimozione. Staremo a vedere. Ma torniamo a Draghi. Io ho le mie opinioni su di lui. Ognuno ha le proprie. Tuttavia il punto non è neppure lui. Io non potrò mai avallare un’accozzaglia al governo che potrebbe andare da LEU alla Lega. Tutti dentro perché nessuno ha intenzione di fare opposizione. Oltretutto in democrazia l’opposizione serve, è necessaria. Invece nulla. Ci saranno ministri politici nel governo Draghi? Non ne ho idea. Fossi in lui non accetterei nessuno ma vedo che diversi partiti già avanzano richieste. Per quanto mi riguarda io non posso accettare “un assembramento parlamentare” così pericoloso. Non lo posso accettare perché la stragrande maggioranza delle forze politiche che si stanno inchinando al tredicesimo apostolo non rappresenta le mie idee. E aggiungo una cosa. Il 9 febbraio del 2018, insieme a migliaia di cittadini, lessi ad Arcore, a cento passi da Villa San Martino la sentenza di condanna definitiva di Marcello Dell’Utri, fondatore di Forza Italia. Quella sentenza dimostra il pagamento di ingenti somme di denaro da parte di Berlusconi a Cosa Nostra. Pochi mesi dopo, un’altra sentenza, quella sulla Trattativa Stato Mafia (I grado) ha confermato il fatto che B. continuò a pagare ingenti somme di denaro a Cosa Nostra palermitana anche dopo essere stato eletto Presidente del Consiglio. Di fatto rafforzò economicamente la mafia anche dopo la strage di Capaci, quella di via D’Amelio, quella di Via Palestro e quella dei Georgofili. La lettura di quella sentenza ad Arcore mi ha provocato qualche problemino come immaginerete. Minacce di querela, diffamazioni quotidiane sui giornali berlusconiani, qualche epiteto non proprio gentile da parte di chi non ce la fa ad accettare la verità. Nulla di grave ovviamente. Anzi, ciò che è avvenuto nella mia vita da quel giorno ad oggi mi ha rafforzato. Ha rafforzato la mia tenuta, direi morale. Ognuno è fatto come è fatto d’altro canto. In queste ore qualcuno mi ha scritto “sei troppo radicale. In politica occorre anche cambiare opinione e plasmarsi sulle situazioni cambiate”. Sarà anche vero. Ma io non ce la faccio. Io non sosterrò mai un governo sostenuto da Forza Italia. Buon fine settimana a tutti!

81 replies

  1. E noi siamo con te. Come ho già scritto spero che ci facciano votare perché in tal caso sono sicuro in un NO netto della base.
    La soluzione migliore per ora è l’astensione per non andare contro il volere di Mattarella, ma rimanere assolutamente vigili dall’opposizione e pronti a votare NO in caso di necessità.

    Piace a 1 persona

    • andare contro il volere di Mattarella?
      e chi è se non il PdR
      non è mica ELOHIM
      insomma Mattarella sospende la volontà popolare (risultato delle elzioni)
      chiede il tutti dentro per un governo apolitico e tutti sull’attenti?
      Ma quello che farà SARANNO scelte politiche e chi le farà? chi non ha il supporto dei voti ma solo il consenso del MEDIUM UNICO che tutto può?

      Piace a 1 persona

      • Bisogna votare no alla fiducia proprio perché Mattarella non sospende la volontà popolare ora come non la sospese quando il cazzaro verde per nostra fortuna diede fine alla scellerata alleanza.
        Se c’è una maggioranza non si vota, se non c’è una maggioranza si vota. Allora che la maggioranza non ci sia! Oltretutto, se Draghi non prende la fiducia, Mattarella potrebbe decidere di respingere le dimissioni di Conte che comunque la maggioranza relativa l’aveva.

        "Mi piace"

    • vale la pena andare contro un pdr se avalla un presidente del consiglio che ha impoverito lo stato (svendendo e privatizzando i beni pubblici) e la parte onesta del paese (riduzione dei diritti democratici ed ecomonici di coloro che pagano le tasse alla fonte e fino all’ultimo centesimo) e arricchito i ricchi prenditori e predatori, di tutte le razze, zazifascisti…!!!

      "Mi piace"

  2. Caro Diba,
    La sera in cui Mattarella ha chiamato Draghi ho pensato : no alla fiducia e opposizione su ogni punto non condiviso, lasciando a tutti gli altri partiti l’incombenza di sostenerlo.
    All’inizio della legislatura avevo la stessa idea: dall’opposizione avrei lasciato che tutti gli altri si ammucchiassero (e l’avrebbero fatto, stai sicuro) e dall’opposizione col 33% in Movimento avrebbe ottenuto forse più di quanto ha fatto governando.
    Ma le cose sono andate diversamente: dopo aver provato con la Lega è stato giusto provare anche col PD.
    Durante la notte ho riflettuto: se ci abbiamo provato con Lega e PD, a questo punto perché non con Draghi? Dovendo scegliere, mille volte meglio Draghi di Salvini o Renzi. Almeno questo non è un cazzaro mentitore come gli altri due e si può esplorare la possibilità di trovare delle convergenze sapendo che Draghi ha una autorevolezza è una parola che i due Mattei traditori non sanno cosa sia. Il Movimento ha il 33% e avrebbe il potere di interdizione che gli altri soci non avrebbero.
    Oggi Draghi è chiamato a fare un lavoro diverso dal banchiere e potrebbe anche diventare un ottimo alleato per gli obiettivi del Movimento se li condividesse. Nessuna cambiale in bianco ma “patti chiari, amicizia lunga” (patto di fine legislatura compresa legge elettorale): l’ex banchiere potrebbe anche stupirci.

    Piace a 2 people

    • Draghi mica ha un seggio in parlamento, con chi li fai i patti?
      sempre con Il Cazzaro Rosa (Renzi) e con il Cazzaro Nero? (berlusconi)
      chi si fida?
      siamo al punto di partenza, il traguardo sono i 10 senatori che mancavano al CONTE 2
      se non c’erano prima si palesano adesso?

      Piace a 1 persona

      • Caro mio, adesso la maggioranza sarebbe più ampia con tutti i cespugli centristi che non hanno appoggiato Conte ma che da Draghi accetterebbero senza fiatare qualsiasi cosa, compresa riforma giustizia Bonafede, acqua pubblica, ecc… (che proposte da Conte mai avrebbero accettato). Renzi non conterebbe un mazzo perché i suoi senatori non sarebbero determinanti, scomparirebbe…E Salvini, ammesso che entri, sarebbe lo stesso…non determinante.

        Piace a 2 people

    • Questo non è un cazzaro verde o un cazzaro rosa, questo è il boia. No, non lasciamolo governare.
      Non esistono ex banchieri: esistono solo banchieri e banchieri travestiti da premier.

      "Mi piace"

  3. Stesso discorso per Berlusconi, ininfluente. Il Popolo ci ha dato una grande opportunità e una grande responsabilità col 33%. Potrebbe non capitare mai più e dobbiamo puntare a ottenere il più possibile (e impedire schifezze il più possibile) finché dura questa legislatura.

    Piace a 2 people

    • messi insieme non sono tanto ininfluenti, hanno tradito tutti quelli che potevano tradire
      troppa fiducia e ottimismo
      “L’ottimista crede, il realista sa, il pessimista sa anche troppo.”

      Piace a 1 persona

      • Messi insieme ognuno ha le sue richieste, spesso opposte tra loro, e dubito che siano una falange. Ma, per fare un esempio, se anche si accordassero Lega, FI e Renzi, rimarrebbe una maggioranza coi cespugli centristi che questa volta saprebbero che si va veramente al voto e li vorrei proprio vedere mollare (non Conte, troppo facile, ma Draghi, il loro Dio!)

        Piace a 1 persona

      • Adriano, trovo che Lucio sia molto realistico e sensato, invece.
        Il pessimista sa ANCHE TROPPO , ma il troppo stroppia sempre e non porta da nessuna parte.
        Io ho fiducia in Conte, nella sua “visione” (arieccola) di un POLO per lo SVILUPPO SOSTENIBILE .
        Tieni presente che, tra un anno, ‘sto drago lo eleggono PDR e si va ad elezioni.
        Se siamo uniti per Conte, non ce n’è per nessuno… ma lui non dovrebbe sparire dai radar: la gente dimentica.
        Un ruolo importante come quello di vice PDC e/o il ministero degli esteri sarebbe stato un buon trampolino di lancio e una garanzia. Non dovrebbe rifiutare e non dobbiamo disunirci.
        Il PD non ha tradito, come scrivono in molti, semplicemente non direbbe mai no al PDR, ma bisogna saper sfruttare le condizioni date e voltarle a proprio vantaggio, se si è maturati un minimo politicamente.
        Non fate come il famoso streaming con Bersani.
        Sareste potuti essere CENTRALI già da allora.
        E ora vediamo Grillo e il m5s con Draghi.
        È difficile, ma cerchiamo di ragionare, tutti.

        Piace a 1 persona

    • come pensi che voterebbero i Cazzari Rosa, Nero, Verde riguardo alla riforma della giustizia voluta dalla EU, che poi è quella di Bonafede?
      E come voterebbero i 5S sul Mes e sul RDC?
      No penso invece che Draghi presenti inizialmente un programma abbastanza generico e chieda l’adesione ai volontari.
      Poi sarà un Vietnam continuo appena si toccheranno certi temi e avremo perso altro tempo

      Piace a 1 persona

    • Il popolo ha preferito i vecchi partiti al M5S. La coalizione di CDX prese il 37% . Il P.U. (Partito Unico) prese il 67%.
      Se si votasse oggi, a fatica il M5S prenderebbe il 15%. Quindi il popolo non vuole il M5S al Governo.
      Quindi basta con questa storia che il M5S è sostenuto dal popolo e deve immolarsi per il popolo. Quei 7 MLN di voti che ha perso il M5S significano ANDATEVENE! NON VI VOGLIAMO! Firmato Il Popolo.

      Dovete pensare a come riavere alti consensi, perchè già il 33% ha portato pesanti compromessi e rinunce. Ad esempio il RdC in origine era per 10 MLN di poveri, mentre quello realizzato è per 2,5 MLN di poverissimi (pre pandemia). = 7,5 MLN di incazzati con il M5S.

      Draghi è molto peggio di Berlusconi, che in confronto è un santo. Chiedi ai medici in Grecia che cosa ha provocato da quelle parti. Non avere condanne non vuol dire essere delle brave persone.

      "Mi piace"

  4. Mi chiedo: ma in che democrazia viviamo, quando nei momenti cruciali, vengono sempre chiamati dei tecnici? Così con Ciampi, Monti, adesso Draghi? No questa non è democrazia, non è democrazia quando, nei momenti che contano, il governo, il potere esecutivo, non lo decidono i cittadini, gli elettori. Bisogna esserne coscienti, questa è DEMOCRAZIA DELLE BRICIOLE!

    Ci lasciano solo le briciole, gli intermezzi. Ogni volta ogni scusa è buona, te la girano e rigirano per far passare sempre ciò che fa più comodo.

    QUANDO MANCANO I SOLDI, PERCHÉ BISOGNA RISPARMIARE E TROVARLI, QUANDO CI SONO, PERCHÉ BISOGNA SPENDERLI BENE.

    È una farsa questa democrazia, nient’altro, peccato per chi ha lottato e per chi è addirittura morto per essa.

    Gerardo

    Piace a 3 people

  5. “Non lo posso accettare perché la stragrande maggioranza delle forze politiche che si stanno inchinando al tredicesimo apostolo non rappresenta le mie idee.”

    Condivido al 100% sia nel contenuto sia nella forma perfetta.

    "Mi piace"

    • Angelo, sono d’accordo con te sul fatto che Mattarella dovrebbe dare l’incarico al buio a Conte, se Draghi non ce la facesse, visto che è ancora in carica.
      Ma penso che, soprattutto, avrebbe dovuto farlo PRIMA DI CHIAMARE DRAGHI!
      Solo se quel tentativo fosse fallito sarebbe stato legittimo tentare un’altra strada e non sarebbero rimasti conti in sospeso e “se” e”ma”.
      Trovo INAUDITO che, ad un PDC che ha ottenuto la maggioranza assoluta alla Camera e quella relativa al Senato, non sia stata data la POSSIBILITÀ di chiedere i voti per formare il governo.
      Ricordo che per costituire un governo NON è necessaria la maggioranza assoluta.
      Poteva nascere un governo cosiddetto di minoranza, come ce ne sono stati altri e come sarebbe potuto essere quello di Bersani nel 2013, se il m5s si fosse astenuto.
      Ma io penso che, sotto L’ESTREMA minaccia del voto, i responsabili sarebbero venuti fuori a frotte.
      E Renzi avrebbe PERSO, non solo la partita, ma anche i suoi, credo.
      Questo non è solo un pensiero mio,ma è condiviso da più di una persona competente in materia, come ad es. il politologo Pasquino.
      E la cosa mi fa ancora più rabbia di quando ero la sola a pensarlo!

      Piace a 2 people

      • No Anail
        eravamo in maggioranza a pensarla come te
        Mattarella DOVEVA mandare il CONTE 2 davanti alle camere
        se non aveva i numeri si andava al voto
        altro che giro di consultazione dato a FICO
        il Cazzaro Rosa ha preso per il culo tutti, compresi i suoi giuramenti a Mattarella, che si sarebbe trattato solo sui temi e non sui nomi
        mi verrebbe da chiedere:
        Mattarella perchè ti sei fatto prendere in giro?

        Piace a 3 people

      • Qualche dubbio a me viene, Adri. Troppa fretta nel buttarsi su Draghi, dopo Fico. Vuoi che R non avesse proposto Draghi col PDR? E chissà quanti altri l’avranno fatto. Il serpente si sa vendere bene, ha rivoltato tutta la frittata delle sue pretese, come se fossero gli altri a non voler cedere su nulla e non lui a pretendere la qualunque. Non vedi che tutti stanno cavalcando questa versione? Ormai è il salvatore della patria, il Machiavelli che aveva studiato tutto dal principio.
        Il PDR poteva interrompere il suo gioco.
        Non l’ha fatto.

        "Mi piace"

      • Sono perfettamente d’accordo con te: ascoltando le parole di Mattarella in diretta ho trasalito. Meno male che non stavo mangiando o bevendo, altrimenti sarei morto soffocato.
        Sono disgustato.

        Piace a 2 people

      • Liana mi sembra che su mattarella tu abbia giustamente corretto il tiro.
        Scelto da renzi, con un importante apporto di voti di fi, appunto, e ora che si trattava di scoprire le carte e non di dire due banalità al tg le ha scoperte anche troppo direi.
        Molto simile a napolitano e a napolitano bis, purtroppo. Ora secondo me è anche capace di farsi il secodo mandato, pur avendolo escluso, come napolitano, visto che ha servito bene il padrone e ci sta che lo riutilizzino.

        E leu? Io mi aspetto che converga su draghi qualsiasi cosa succeda, vediamo come va a finire.

        Piace a 1 persona

      • Mmmh, non lo so, inizialmente Leu ha dichiarato di voler vedere le carte, quindi è stato più prudente del Pd.
        Per quanto riguarda Mattarella, ti dirò… ti avevo risposto sui fatti, cioè che era stato voluto da Renzi contro, anzi all’insaputa di B, quindi considerato di sinistra, come tutti gli ultimi presidenti. Non avevo espresso il mio personale parere:, io, infatti, non ne sono mai stata particolarmente entusiasta. Trovavo, come altri, che fosse stato scelto da R perché non gli avrebbe mai fatto OMBRA. Ha una presenza troppo defilata, per i miei gusti, l’avrei preferito più DECISO.
        Purtroppo, ora che ci ha messo potenza, non condivido affatto la sua scelta. Non trovo corretto (anche se era suo diritto) che non abbia dato l’incarico al buio a Conte, dopo il mandato esplorativo di Fico, visto che non aveva ancora accettato le dimissioni e che sarebbe stato meglio spazzare via ogni dubbio, prima di rivolgersi a Draghi.
        Per la serie: “Mattarella era meglio quando era peggio”, cioè prudente e pignolo. 🤷‍♀️

        Piace a 1 persona

      • Anail,
        Conte lo ha fatto ma non ha avuto successo . È dovuto andare al Quirinale per evitare la messa in minoranza del governo per la relazione annuale sulla giustizia. Le sue dimissioni non essendo state accettate, possono essere respinte in qualsiasi momento, in definitiva il governo Conte allo stato attuale è pienamente in carica.

        "Mi piace"

      • Bugsyn, non condivido che abbia DOVUTO dare le dimissioni, né che si dovesse contare subito dopo le dimissioni delle 2 ministre di R… diciamo che la sua ultima è stata una scelta, pare consigliata dal PDR, per “prevenire prima che curare”. A questo punto, non voglio pensare male, ma stranamente, anche il successivo comportamento di Mattarella va in direzione “ostinata e contraria”(cit) rispetto ad un reincarico di Conte.
        Ormai siamo fuori tempo massimo, visto che per Draghi c’è la coda…e si spingono pure…

        "Mi piace"

      • Anail
        non riesco a star dietro al susseguirsi dei commenti poichè saltano e quindi non sono cronologici.
        Va bene lo stesso anche se non vedo le tue risposte o viceversa
        ci siamo sfogati abbastanza

        Piace a 1 persona

      • No, ma poi sto impazzendo con questo account che mi salta e mi tocca copiare ciòcche ho scritto e non mi prende, uscire, rientrare, incollare, rimettere i dati ogni volta… ma succede anche a voi? In più mi si è scaricato il cell. Tutto rema contro, in questi giorni… 😭👋🏻👋🏻😆 Ciao, caro!

        "Mi piace"

  6. C’è una condizione indispensabile perché questo si possa fare: il Movimento deve essere compatto e determinato come una falange romana. Discussione interna e totale determinata compattezza nei rapporti “esterni”.
    E Grillo deve ricomparire pesantemente. Diversamente andiamo in giro come pecore smarrite e divise a farci sbranare dai politicanti sciacalli che popolano il Parlamento

    Piace a 2 people

  7. Anail
    non ci sono i numeri, a meno di trovare 10 senatori per il Conte2
    poi fare tutte le giravolte e le riflessioni che vuoi, ma i numeri restano numeri.
    Inizialmente ci sarà la “luna di miele” poi sarà di “fiele”
    Cazzaro Nero o Rosa o Verde
    qual’è il meno inaffidabile?

    "Mi piace"

    • Adri, sai già da adesso che non ci saranno i numeri l’anno prossimo?
      Wow
      Pensa che c’erano anche ora… ti ricordo che, come ho scritto nel commento appena postato, avevamo avuto la maggioranza relativa.
      Con la minaccia:” Conte incarico al buio o elezioni”, ti assicuro che qualche altro si sarebbe visto apparire.
      Certo, la serpe poteva votare contro, ma gli si sarebbe spaccato il partito, tenuto a sputo solo dall’astensione. Sarebbero fuggiti come topi.
      Per ME, e non solo, è IMPERDONABILE che Mattarella abbia preso questa decisione, senza l’ultimo tentativo con Conte, DOPO Fico.
      Evidentemente il nome Draghi era già PRONTO, sia per R che per Mattarella…e la cosa è inquietante, come MINIMO.
      Non so se mi sono spiegata.

      Piace a 2 people

      • Anail
        per favore resta sul pezzo
        io parlo di adesso
        “il prossimo anno potremmo essere tutti morti”
        rispondeva il negoziante a quello che chiedeva che avrebbe pagato il prossimo anno

        e ti ho già risposto favorevolmente su
        “” Conte incarico al buio o elezioni”
        che d’accordo con te

        "Mi piace"

      • La tua era una risposta al post in cui parlavo dell’anno prossimo, quindi ero sul pezzo…Comunque i 10 mancanti di cui parli quando erano? Con il mandato esplorativo di Fico? Poteva dare l’incarico al buio a Conte DOPO Fico,visto che non l’aveva fatto prima… Cioè utilizzando lo spauracchio del voto come ultima ratio, oppure, come dici tu PRIMA, ma allora Mattarella avrebbe dovuto minacciare che quello era L’ULTIMO TENTATIVO prima del voto, come ho scritto giorni fa. Purtroppo non ha fatto né l’una né l’altra cosa e ora ci tocca questa situazione del cavolo.

        "Mi piace"

  8. tanto per gradire:
    Tajani (FI): «Abbiamo chiesto un governo tecnico-politico»
    intanto il corriere della serva
    “Tecnico o politico, Draghi espone il principio della competenza” e ridaie
    che caxxo vorrebbe dire?
    a FI il ministro della giustizia?

    "Mi piace"

    • Anche io sono srmpre più scettica. Cioè quel disegno criminogeno che auspicava Telese questi non lo sanno fare.

      I 5s dovrebbero dire no, per costringere il pd a dire no: ma vi immaginate il pd con Fi e lega e IV? A quel punto il programma dovrebbe per forza essere quello dello sviluppo sostenibile e dell’anima (de li m…).
      Quanto a Conte ministro o vice pdc mi vengono i brividi. Se vuole sta fuori per un anno esattamente come Zinga, ma entrare con ruolo dopo l’umiliazione lo trovo folle, continuerebbe a essere bersaglio della stampa.

      Piace a 1 persona

      • Ma così sparisce, Paola. Anche io lo trovo, anzi l’avrei trovato, visto che sembra aver rifiutato 2 incarichi(sarà vero?), piuttosto umiliante, ma Conte ha un concetto più alto di politica. Penso che se lo trovasse efficace per lo scopo che si è prefissato, creare il famoso polo e tenerlo unito, lo farebbe.
        Del resto ha TELEFONATO A RENZI.
        Dopo quello qualsiasi umiliazione è un trionfo.

        Piace a 1 persona

      • Chiamare Renzi non era umiliarsi, stava facendo l’interesse pubblico per uscire da quello stallo. È stato inutile visto che lui stava giocando a poker, ma io non lo trovo umiliante.
        Conte con un ruolo nel governo Draghi non è interesse pubblico. Questa storia della gente che si dimentica la leggo sui giornaloni e pure giornalini (Sallusti): e cosa siamo microcefali? Lui continuerebbe a fare politica, inviti nelle tv giuste, ecc. Oggi comunque non mi ha deluso, fosse andato all’incontro mi sarebbe venuto un ictus.

        Piace a 2 people

      • Secondo te che cosa ho detto scrivendo che lui ha un “concetto più alto di politica”? Se non era un’umiliazione fare quella telefonata, perché dovrebbe esserlo partecipare e PESARE in un governo a cui i 5s hanno già detto sì?
        O ho capito male il discorso di Crimi?
        A voglia se la gente dimentica, Pa’… guarda Renzi che in 2gg è passato da traditore ad eroe della patria. Guarda De Luca che si permette di fare teatrini su Conte, come se non lo riconoscesse come PDC comune sino a ieri l’altro e probabile futuro unificatore del “polo” . Al posto del Pd lo cazzierei malamente, per non dire altro. Vabbé che motivi per farlo ne hanno avuto a decine…ma ha sempre vinto il gradimento del POPOLO SOVRANO dei miei stivali.
        Ma con “all’incontro” intendi col PDR? So che invece è andato a quello con Grillo e Casaleggio, dove si è decisa la linea… non ho seguito bene, oggi…

        "Mi piace"

      • Ma la gente non dimentica, Prodi chi lo ha dimenticato, Di Battista chi lo ha dimenticato, e Orlando? Lui può essere presente in modo diverso. Non puoi fare il preside, essere cacciato a calci con ignominia (quella dei giornali, quella dei renziani: tutto fermo, tutto bloccato) ma se vuoi puoi fare il professore, no grazie cambio scuola.
        Se hai voglia vedi l’ultima puntata di accordi e disaccordi, io ho visto stamattina solo la parte finale, quella in cui c’è Travaglio. Io sottoscrivo ogni parola.

        P.s. Mi riferivo alla delegazione delle consultazioni.

        "Mi piace"

      • Abbiamo dimenticato di registrarla, mercoledì. Non dirmi che c’era la replica, stamattina…altrimenti dove l’hai visto?

        "Mi piace"

      • L’ho visto sul sito, adesso è d plus se non sbaglio, ma basta che cerchi accordi e disaccordi su Google e ti rimanda alla pagina.

        "Mi piace"

    • Adriano scusa, forse mi sono ripetuta, non avevo visto una tua risposta, perché stavo lottando con
      l’ennesima cancellazione dei dati da per te di infosannio e quindi con la sparizione del servizio notifiche.
      Mi succede continuamente.

      "Mi piace"

      • Sono d’accordo con paolapci: chiamare R non è stata un’umiliazione. Innanzitutto è stato anterporre l’interesse del paese sull’orgoglio personale e poi è stato disarmare sul nascere il “nemico”.

        "Mi piace"

      • Veramente il concetto che esprimeva era esattamente quello. Nel senso che se ha chiamato R per “anteporre l’interesse del paese all’orgoglio”, secondo la mentalità di Conte, allora anche tutto il resto non può intendersi come umiliante, anzi!
        E per me partecipare significa tenere unito il “polo ss” e non sparire dai radar.
        Mi sembra che stiano andando in quella direzione o sbaglio? Crimi ha parlato chiarissimo, mi sembra. Ti dirò che invece,io, come Leu, non potrei convivere con la lega.

        Piace a 1 persona

  9. Secondo me Draghi e molti altri economisti potrebbero anche aver imparato dagli errori passati visto che i fatti hanno dato ragione a noi. Da chi far accettare la condivisione strutturale dei debiti pubblici e in futuro, chissà, anche la loro cancellazione (visto che è abbastanza chiaro che mai gli Stati potranno ripagarli) se non da un super competente con l’autorevolezza di Draghi?
    Se Draghi accettasse (e non è detto lo faccia) le nostre idee potrebbe anche attuarle meglio di come il Movimento avrebbe potuto fare. Proviamo a pensarlo come una Ferrari che senza un pilota non và da nessuna parte ma col pilota giusto può fare pazzie: il Movimento con le sue idee e sogni e un 33% monolitico può essere il pilota di questa Ferrari. Senza di noi, sta ferma o va a sbattere. Stiamo a vedere se le sue ruote possono percorrere le strade dove vogliamo portarla.

    Piace a 1 persona

    • ok Lucio
      io lascio, non sono un veggente
      troppa gente vuole salire
      gli spazi diventerebbero angusti
      molti vorrebbero il volante
      si finirebbe anche di capottare o sbattere
      tanto per utilizzare il tuo esempio

      "Mi piace"

      • Non si può rinunciare a guidare solo perché ogni anno muoiono in incidenti stradali tante persone come fossimo in guerra. Rinunciare a priori a contribuire nell’indirizzare la spesa del recovery sui giusti obiettivi vuol dire fuggire alla responsabilità di dare una risposta al 33% degli Italiani. Oggi bisogna essere massimamente pragmatici e ottimisti fino a prova contraria. Non sarà un patto con Belzebù scritto col nostro sangue.

        "Mi piace"

  10. SI SOLO SE

    quest’altro IDIOTA che dice NO a prescindere quando dovrebbe dire SI SOLO SE ci tuteli TUTTI i punti portati a casa e in più ci dai la CERTEZZA con tanto di firma M. Draghi della revoca a quei delinquenti che hanno gestito autostrade, si fa una legge seria sul conflitto di interessi e si velocizzano tutti i processi penali.

    E’ tanto semplice. SE poi quacuno cambierà le carte in corso d’opera, il m5s uscira seduta stante dal patto precedentemente a firma Draghi.

    La realtà vera è che nel m5s ci sono troppe FIGURINE da prima pagina di DIva e Donna che pensano unicamente a come ritagliarsi uno spazio proprio di potere e di visibilità per ACCHIAPPARE voti NON per il m5s ma per se stessi. Si prega di vedere alla voce gigino dibba dibba e casaleggio junior…

    Piace a 1 persona

  11. Io non mi farei troppe seghe mentali su quel che DICONO i partiti e non darei per scontato di partecipare a un Governo Draghi. Porterei le mie condizioni poi a Draghi decidere se vuole dentro il Movimento e sempre a lui l’onere di fare digerire alla sua maggioranza i nostri cavalli di battaglia. Se ci sta siamo dentro, se non ci vuole siamo fuori. Semplice. Ripeto questo si può fare se siamo uniti e determinati, sia a partecipare sia, nel caso, a uscirne. Le altre forze, soprattutto le più piccole, in Draghi avrebbero l’alibi per accettare qualsiasi cosa davanti ai loro lettori, anche il programma dei 5stelle. Cambiali in bianco non se ne firmano e appena le cose non dovessero funzionare “bye bye Draghi”!!!

    Piace a 2 people

  12. Dire si a draghi di komodo vuol dire spaccare e distruggere il mv,
    Un mv nato contro tutto il consacitivismo dei partiti,
    Immaginare il mv in un governo con iv lega fi leu e pd,piu europa, udc vuol dire buttare alle ortiche tutti i principi fondanti, con un unico risultato, diventare un mv con consensi da prefisso tel,
    E chi vorrebbe dire si lo fa solamente x conservare la poltrona e il lauto stipendio,
    Andare all’opposizione fara perdere qualche provvedimento targato 5s ma sicuramente farebbe recuperare tantissimi voti, voti che in un prossimo governo potranno contare molto.

    "Mi piace"

  13. Sono curioso di sapere che s’inventa Grillo dopo l’incontro
    Conte ha detto che è disponibile quale sintesi di coalizione di centrosx e lì deve rimanere

    Conte ha tentato fino all’ultimo di tenere insieme la coalizione e salvare il lavoro estenuante svolto nell’ultimo anno, ma si è scontrato un ego ipertrofico e vendicativo del Cazzaro Rosa, che avrebbe fatto qualsiasi cosa per buttarlo giù, penso che lo abbia chiamato per accontentare quelli del PD.

    Piace a 1 persona

  14. L’errore è stato andare al Governo all’inizio della legislatura. Li ho avuto la delusione più cocente ma ho cercato di razionalizzare. Dopo il peccato originale, ballare anche col PD era d’obbligo nonostante Renzi. Ora c’è Draghi che è orfano di un suo partito (almeno in Parlamento) ma adottato da tutti con amore (non solo in Parlamento). Accostarlo ai due cazzari senza vergogna, comunque la pensiate, è ingeneroso verso lui e verso la nostra intelligenza. Se il programma del movimento si sposa con la sua idea di governo, bene per Draghi e per l’Italia, se no chi non ci ama non ci merita. Che c’è di più semplice se siamo uniti?

    Piace a 1 persona

  15. Faccio un ragionamento sui se:
    allora se il M5S, avrà tutte le possibili garanzie di Draghi e voterà la fiducia, nel caso in cui, anche una sola clausola venisse disattesa, (prescrizione, MES, Benetton) il M5S toglierebbe la fiducia ed avrebbe la “COLPA” di aver fatto fallire il “GOVERNO DEL PARADISO IN TERRA”

    "Mi piace"

    • Se accadesse l’avremmo fatto cadere su ciò che ha fatto al Governo, non quando era banchiere, ottimo motivo per farlo cadere e ottimo motivo per lui per rispettare gli impegni

      Piace a 1 persona

      • Lucio non è lui che disattende
        ma i suoi “compagni viaggio”
        Conte non è caduto per le cose che ha fatto o non fatto
        ma perchè “qualcuno” non voleva la riforma della giustizia in senso europeo.
        Per cui se quel “qualcuno” presenta un disegno di legge nel senso peggiorativo come fa Draghi ad opporsi?
        sono i “compagni di viaggio” che non vanno bene oltre alle fortissime riserve sull ‘AUTISTA

        Piace a 1 persona

    • fai cadere il governo su quei DELINQUENTI che hanno gestito PEGGIO della mafia autostrade per l’italia.

      Per me è un ONORE. Che poi gli italiani rivotino i MAFIOSI è un problema loro.

      Ma io il governo lo faccio cadere CONTRO I MAFIOSI E I DELINQUENTI COME verdini, NON lo faccio cadere perchè un miracolato come il dibba dibba, che ha scritto “libri” e FATTO SOLDI VERI grazie al carro m5s come un tronista dalla de filippi dice NO.

      Anche un bambino scemo vede queste cose…

      "Mi piace"

      • I compagni di viaggio, singolarmente, sono tutti scaricabili se non rispettano i patti, mica hanno il 33% del movimento. Ma con Draghi sarà difficile per loro: finché c’èra Conte attaccando lui attaccavano il MV, se attaccano Draghi attaccano il loro elettorato quindi staranno zitti e buoni, altrimenti byebye

        "Mi piace"

    • @adriano58

      Non ci hai capito una sega.

      Conte è caduto il giorno in cui il FARABUTTO è andato a trovare quel DELINQUENTE di verdini (vedere il Padrino parte IV).

      1 Il problema VERO erano i 200 miliardi da spendere BENE che avrebbero portato Conte al 70% di consensi.

      2 TUTELARE i delinquenti come verdini, già a casa sua, cioè nella VILLA, costruita sul SANGUE delle mie tasse, AFFOSSANDO la giustizia.

      "Mi piace"

  16. riposto qui quello che ho scritto ieri sera su come la penso su DRAGHI:

    NON MI FIDO
    non mi fido di DRAGHI sulla via dell’economia sociale, va contro 50anni di carriera e delle sue relazioni
    non mi fido a causa di tutti questi osanna da parte dei poteri economici
    non mi fido a causa della bava che emette il MEDIUM UNICO
    non mi fido a causa delle sue richieste perentorie al governo italiano e non al parlamento mai sconfessate:

    1) tagli ddelle pensioni e riduzione stipendi pubblici riducendo gli stipendi del pubblico impiego.
    2) clausola di riduzione automatica del deficit con l’introduzione della clausola di salvaguardia (aumento automatico IVA)
    3) privatizzazione servizi pubblici
    4)patto di stabilità che ha strozzato anche le regioni e comuni virtuosi
    5) introduzione di imprese private ed esternalizzazione di servizi nella sanità, nella scuola, e nei tribunali
    6) abolizione delle provincie
    7) inserimento nella Costituzione di questi provvedimenti

    Piace a 1 persona

    • Le condizioni dettate da Grillo (che non è un eletto):

      – ambiente

      – giovani

      E, aggiungo io, il figlio assolto.

      "Mi piace"

      • Cioè porrà ai parlamentari, a Conte, a Draghi la questione di corrompere un giudice o non se ne fa niente?
        Certo che seguire Sgarbi, Porro e rete4 in genere ha degli effetti irreversibili!

        "Mi piace"

      • paolapci

        le intercettazioni su palamara me le sono sognate?

        le 2 condanne ridicole all’Appendino me le sono sognate?

        devo ricordarti tutti i misteri irrisolti d’Italia?

        “facciamo finta di non sapere?”

        "Mi piace"

      • Cosa c’entra Palamara? Che pilotava le nomine e non è stato buono a pilotare un processo che sia uno.
        Tu stai dicendo che tutto il movimento, 300 e passa persone, poi Draghi, poi Conte dovrebbe appoggiare tra le richieste quella di Grillo per pilotare il processo di un privato cittadino? E come fanno? Vanno dal giudice, dal pm, dai giudici popolari?
        A tal proposito cosa c’entra la Appendino?
        Sui misteri d’Italia mi arrendo: mo’ chiamare in causa, non so Ustica, sulla prossima fiducia a Draghi è troppo pure per le elite giudaico massoniche (qualunque cosa significhi, cit.).

        "Mi piace"

      • paolapci

        Non hai capito niente.

        Secondo te sono così stupido da pensare che i parlamentari andranno a chiedere a Draghi “non condannate il figlio di Grillo”???

        Se io ho ragione, la cosa avverrà automaticamente se il M5S appoggerà Draghi, perche gruppi di potere si muoveranno nell’ombra. I parlamentari non sanno e non c’entrano niente, ma forse è Grillo ad aver capito la cosa.

        Di cose strane in Italia ne sono accadute parecchie e Gullotta ha descritto perfettamente l’Italia.

        "Mi piace"

      • Guido,
        Hai centrato il nocciolo della questione, il figlio,
        Il grillo, troppe volte ha cambiato repentinamente opinione, come se qualcuno lo tenesse x le p@lle e lo richiamasse a piu miti consigli.

        "Mi piace"

      • Grillo non è eletto direttamente ma tramite i voti incassati dai 5stelle. Senza Grillo il MV prende i voti di Italia dei Valori senza Dipietro

        "Mi piace"

    • Ma pensi di controllare meglio Draghi se sei dentro e lui ha interesse a tenerti dentro o se sei fuori e lui ha interesse a tenere dentro e accontentare i due cazzari, il pregiudicato e i cespugli alla Calenda e Bonino? Farai pure una bella figura con l’elettorato più impulsivo ma alla fine i denari prenderanno la strada dei soliti prenditori e quel che il MV è riuscito a portare a casa potrebbe anche scomparire

      "Mi piace"

  17. Se un errore imputo a Conte in questa crisi è non aver dato retta al suo istinto ma ai tanti consigliori che gli dicevano di ufficializzarla per poter poi fare entrare nel nuovo governo i “costruttori” organizzati. Così ha dato a Renzi la possibilità di attuare il suo piano . Si è fidato troppo nonostante il suo istinto gli dicesse di andare alla conta in Parlamento con la relazione Bonafede: o passa o elezioni.
    Ora è inutile sperare in un reincarico e se non passa Draghi si va a elezioni. Se deve passare preferisco lo faccia col voto imprescindibile del Movimento che gli faccia portare avanti i propri punti in un governo che completi la legislatura, piuttosto che col voto determinante degli altri partiti uniti nel distruggere ogni conquista del movimento e felici di poter approvare qualche altra bella legge elettorale anti5stelle

    Piace a 1 persona

  18. Michael Sandel
    Il tradimento delle forze progressiste –
    Negli ultimi decenni la risposta delle forze progressiste alle diseguaglianze crescenti è stata sempre una: più scuola. “Per le forze politiche progressiste ogni problema economico è un problema di insufficiente educazione scolastica, in altri termini un fallimento degli “sconfitti” dalla globalizzazione nel procurarsi giuste competenze e giuste credenziali”, scrive Sandel. Usato in questo modo l’argomento diventa però uno specchietto per le allodole. Un modo per distogliere l’attenzione da altri fattori, più rilevanti, che hanno determinato e determinano l‘incremento delle iniquità, come l’azzeramento delle capacità contrattuali dei lavoratori, dovuto anche alla polverizzazione dei sindacati o come sistemi fiscali che favoriscono le fasce più benestanti della popolazione. La risposta che viene offerta è tutt’al più una via di fuga, non un rimedio.

    Piace a 1 persona

  19. Micheal Sandel
    La tirannia del merito
    tutti gli inganni e i pericoli della meritocrazia
    Circoscritta ad alcuni ambiti la meritocrazia è qualcosa di sano e desiderabile. Non lo è più se viene utilizzata come prima pietra su cui edificare una società. Oppure come foglia di fico per nascondere la totale inazione dei governi in tema di ingiustizia sociale. Quello che invece hanno fatto negli anni le forze cosiddette progressiste, dai labouristi di Tony Blair (e tardivi imitatori italici), ai social democratici tedeschi di Gerhard Shroeder, passando per Barak Obama o Hillary Clinton.

    "Mi piace"

  20. Micheal Sandel
    La tirannia del merito
    “Probabilmente siamo troppo intelligenti, troppo sottili e raffinati”. Così un esponente dell’Esecutivo di Emmanuel Macron a risposto a chi gli chiedeva, durante le proteste di piazza francesi, se il governo avesse sbagliato qualcosa.
    Il fatto che si possa arrivare a risposte di questo tipo la dice lunga di quanto siderale sia ormai la distanza che si è creata tra elites e gran parte dell’ elettorato. “Abbracciamo la globalizzazione e la prosperità che porta e usiamola per attenuare le sofferenze per le classi lavoratrici”, questa è stata la promessa che i partiti progressisti hanno fatto al loro elettorato tradizionale. Ma questa promessa non è mai stata mantenuta e quando le fasce si sentono abbandonate è naturale, e comprensibile, che cedano alle sirene del populismo.

    Piace a 1 persona

    • “Così un esponente dell’Esecutivo di Emmanuel Macron A risposto a chi gli chiedeva…”: Micheal Sandel, un genio, “daltrove”, chi si assomiglia, si piglia (cit.)

      "Mi piace"

  21. Noi ci facciamo un sacco di seghe mentali: mi ricordano quelle che si facevano al tempo della fondazione del partito “Verdi” tanti anni fa. Risultato? Risultati elettorali tipo 0,003%…
    Non fanno altrettanto la Lega d Salvini coi sovranisti alla Bagnai e Borghi: Francia o Spagna basta che se magna!!!
    Pagherebbero i 48 milioni che hanno fatto evaporare per tenere i 5stelle fuori dal governo Draghi e buttarsi sui denari del recovery…

    "Mi piace"

  22. Caro Alessandro io ti voglio bene e sono d’accordo con te su tutta la linea. Difficile non esserlo. Malgrado questo voterò si perché credo chi ci siano livelli diversi e ben delineati. La narrazione giornalistica di questi giorni parla di accozzaglia politica, di genuflessione al grande “espertissimo” e di sedersi assieme ai nostri grandi nemici. Io la vedo diversamente. Io vedo un movimento 5S con maggioranza relativa che con i suoi voti può incidere eccome sull’agenda di qualsiasi governo. Non vedo perché lasciare il campo libero a questi predatori. Non vedo perché non occupare noi la scena centrale e far si che siano gli altri a doverci inseguire. Questo non è il momento di mollare la presa ma di sporcarsi le mani e difendere le cose che miracolosamente abbiamo conquistato. Detto questo massimo rispetto per le tue convinzioni e sensibilità che condivido seppur solo a livello teorico. Forza 5 stelle!

    "Mi piace"