Luigi Vitali: “Avrò fatto una cazzata o salvato il centrodestra?”

(di Antonello Caporale – Il Fatto Quotidiano) – Il protagonista dell’operazione autoimmune (per tre ore è passato col centrosinistra aggredendo gli organi del centrodestra, alla quarta si è ravveduto, alla quinta è tornato al centrodestra, alla sesta e settima ha riconfermato l’opzione immunizzando la coalizione di primitiva appartenenza) si è appena svegliato da una breve, ma ristoratrice pennichella.
*** Luigi Vitali ha incocciato in quello che gli economisti chiamano stress test.
Giornata inenarrabile, ciclopico mal di testa, enorme indagine nel foro interiore. Domando: ho fatto una cazzata, come dicono, oppure ho messo anch’io un granellino per la soluzione della crisi?
*** A primissima vista sembrerebbe che lei per un quarto d’ora abbia politicamente perso i sensi.
Dunque capitombolo e cazzata per lei. Invece, al fondo imperscrutabile del mio atto clamoroso, la determinazione di costringere il mio schieramento a contrastare la deriva delle elezioni. Ma con una pandemia in corso, dove vuoi andare?
*** Il senatore Vitali è avvocato di Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi. Fu chiamato da Berlusconi al governo per cucire un vestito su misura per Cesare Previti. Una norma che lo salvasse dal carcere. Lei fu il sarto ineguagliabile.
La mia storia con FI documenta, al di là di ogni ragionevole dubbio, quale sia la connessione, l’amicizia, l’identità di vedute.
*** E però per un pomeriggio se n’è andato con Conte.
In punta di principio, può apparire ciò che non è.
*** Lei comunque non vede con sfavore un Conte ter.
Il governo faccia, non cincischi. Lavori, non passeggi. Dobbiamo battere la pandemia, attuare il Recovery. Ma, e qui c’è il ma, non intravede nella soluzione della crisi anche il mio piccolo dietrofront?
*** Il centrodestra ha mutato notevolmente posizione.
E crede che sia un risultato da poco?
*** Prima diceva che era soddisfatto pure per Conte.
Se avrà i numeri il Parlamento dovrà inchinarsi.
*** Lei ha superato quella che in medicina si chiama prova da sforzo.
Posso dirle: veramente una prova da sforzo.
*** Quando è tornato a casa, sua moglie Clementina le ha aperto la porta?
Sempre solidale, è stata fantastica.
*** Una solidarietà attiva o compassionevole?
Be’, m’ha ricordato che mi aveva detto che facevo una cazzata, però benevolmente.
*** Comunque il suo non era un atto interessato alla poltrona.
A cosa?
*** Dicevo per dire.
Lei pensa che in una situazione come la mia…
*** Non ne parliamo proprio.
Chi non mi conosce potrà aver pensato.
*** Comunque è sia andato che ritornato. E se prima ha accettato, dopo ha rifiutato.
Ora sono fermo.

3 replies

  1. Questo è Alvaro Vitali, che interpreta Pierino, male tra l’altro….si capisce benissimo che è un pupazzetto del nanetto bitumato di Arcore…..niente di nuovo sotto il ghiaccio, sempre la solita solfa di nani,attrici,puttane ballerine..sdoganati dal 94…

    Piace a 3 people

  2. Il tapino si è messo in vendita al miglior offerente e la mummia piu inquisita degli ultimissimi 6 mila anni e il cazzaro verde gli hanno fatto un offerta cui non ha potuto dire di no, tanto pagano gli italiani,

    "Mi piace"