San Gennaro è in quarantena

(Gigi Di Fiore – ilmessaggero.it) – Fu davvero un presagio funesto, anche perché l’anno a venire sarebbe stato pure bisestile. In quel 1835, il cardinale Filippo Giudice Caracciolo fu costretto a subire le bizze di san Gennaro. Nell’appuntamento più atteso, quello del 19 settembre in Duomo, il sangue si sciolse dopo ben dieci ore. Solo alle nove di sera il cardinale agitò il liquido nell’ampolla, tra la folla osannante. Molto peggio accadde il 16 dicembre successivo, all’appuntamento del «miracolo laico», quando il sangue non si sciolse affatto. Brutta avvisaglia, intervallata due mesi prima da un terremoto in Calabria con 120 morti che preoccupò molto il re Ferdinando II di Borbone, in attesa con la moglie Maria Cristina di Savoia finalmente di un erede dopo tre anni di matrimonio.

Napoli, niente miracolo di San Gennaro: il terribile 2020 si chiude col sangue solido

Avvisaglia di sciagura si temeva e sciagura fu. Nel 1836, a Napoli arrivò il tremendo «morbo asiatico» che da almeno quattro anni faceva stragi in tutta l’Europa. Era il colera, la prima pandemia dell’era contemporanea che si diffuse a Napoli a settembre e fece oltre cinquemila morti nella prima fase per ripetersi, dopo una breve pausa, nel 1837 con una seconda fase che fece oltre tredicimila vittime.

San Gennaro si era arrabbiato con Napoli e anche al suo mancato miracolo dell’anno prima si attribuì la tremenda sciagura di un morbo sconosciuto privo di rimedi noti. Colpì così tanto ciò che avvenne, che il cardinale promosse un approfondimento sul «colera del 1836-37 e la relazione del mancato miracolo di san Gennaro». Bizzarrie della storia che si ripete: bisestile il 1836 come il nostro 2020; san Gennaro non fece il miracolo allora e anche stavolta non si è concesso.

I registri dei Canonici del Duomo conservano orari, giorni, durata del ritardo del miracolo, o le date del mancato scioglimento del sangue di san Gennaro, «faccia gialluta», santo popolare, l’unico a poter vantare un patto con la città sottoscritto dal notaio.

Nel 1751, papa Benedetto XIV fu investito del caso del mancato scioglimento su cui veniva accusata l’azione della massoneria. Nel maggio 1710, il cronista dell’epoca scriveva che «pur rimanendo duro e scuro, il sangue occupava parimenti l’ampolla tutta, caso non più accaduto». E anche in quel caso il nunzio apostolico a Napoli, l’ambasciatore del papa, avvisò in quell’occasione Clemente XI che il popolo napoletano temeva sciagure e terremoti. Ma le scosse in Calabria con centinaia di vittime si rivelarono solo fake news di allora.

23 replies

    • Miracolo già spiegato…
      “I materiali tissotropici diventano più fluidi se sottoposti a una sollecitazione meccanica, come piccole scosse o vibrazioni, tornando allo stato precedente se lasciati indisturbati.”
      Proprietà già nota, empiricamente, nel Medioevo e realizzabile con sostanze note e disponibili all’epoca…

      "Mi piace"

  1. Non l’avranno agitato abbastanza.
    Pare che si tratti di un composto a base di ferro che si scioglie col movimento.
    Casomai, come presagio, non si sarebbe dovuto sciogliere l’anno scorso!

    Piace a 1 persona

  2. Dunque…Tra le varie ipotesi, PARE che possa trattarsi di una sostanza tissotropica, cioè di una gelatina in grado di diventare più fluida e addirittura liquida, quando sottoposta a sollecitazioni meccaniche, e tornare solida in stato di riposo.
    Il composto, a base di idrossido di ferro, si comporta come il cosiddetto sangue dell’ampolla: lascia un residuo che non si scioglie e produce bollicine sulla superficie.
    Tutti gli ingredienti erano disponibili per un alchimista o artista napoletano dell’epoca:
    CACO3, Carbonato di calcio (da pietre calcaree-es. marmo- gusci di uova, conchiglie)
    K2CO3, Carbonato di potassio(da cenere di legna)
    FeCl3, Cloruro ferrico (unica fonte disponibile all’epoca un minerale chiamato molisite, in natura nei vulcani attivi, Vesuvio?).
    Non potendo analizzare il contenuto dell’ampolla, questa rimane un’ipotesi.

    Piace a 4 people

    • Le uniche due analisi spettroscopiche, effettuate nel 1902 e nel 1989, sono state effettuate con spettroscopi “rudimentali” che hanno fornito risultati a di poco “contraddittori”, dai quali non è comunque derivata alcuna pubblicazione scientifica degna di questo nome. La “Favola di San Gennaro” rientra pertanto a pieno diritto tra le tante altre tramandate dalla “Multinazionale Cristiana”… a partire dalla principale “Favola di Cristo” dalla quale ha avuto origine. Ancora più divertente è comunque il dogma dell’Assunzione in Cielo di Maria (corpo e anima) il quale implica, per i limiti imposti alla velocità di un corpo dalla Teoria della Relatività Speciale, che questa si trovi ancora all’interno della nostra Galassia (circa 2.000 anni luce dalla Terra)!

      Piace a 1 persona

      • Quando si parla di “cretini”, ecco che, sempre per restare in tema, arriva puntuale quello che scambia il Cielo con lo spazio cosmico; la “Favola di Cristo” con quella di Pinocchio e l’Assunzione del “corpo” di Maria, con un comico viaggio fantascientifico inferiore a quello dei “tachioni” o della Star Trek del capitano kirk, capace di un salto nell’iperspazio con propulsione a curvatura, perché, per la Teoria della Relatività Speciale, non potrebbe superare la velocità della luce (300.000Km/s, centimetro più, centimetro meno)! Certi che il “marinaio t.d.c.” non ci risponderà come promesso, o se lo farà, lo farà caso mai “de relatu”, come la ciliegina (che fino adesso, anche lei con le promesse, c’ha fatto a cazzotti), lo salutiamo affettuosamente.

        "Mi piace"

      • Questo presupponendo che ci sia solo questa dimensione, escludendo teoria delle stringhe e dei multiversi… e che Cristo e relativa madre siano figure storiche e non “evoluzioni” del mito di Mitra e della dea madre, secondo lo stesso metodo per cui Natale è stato sovrapposto alla festa del Sol invictus, in cui anche Mitra, comunque, confluisce, insieme ad altre divinità solari, ad es. Helios.
        So che, nelle due analisi spettroscopiche, è stata rilevata traccia di emoglobina o sostanze similari, ma poiché la Chiesa proibisce l’apertura dell’ampolla per l’analisi, viene preservato il mistero.
        Mi chiederei il perché, visto che la Chiesa non ha mai riconosciuto il miracolo del “sangue” , pur consentendone il culto. Solitamente la Chiesa va a fondo a queste cose, ma evidentemente il culto ha preso troppo piede e coinvolge così tanto la città di Napoli e non solo, con un tanto ampio serbatoio di fedeli, che suppongo sia difficile minarne alla base i presupposti.
        Peccato… io non condivido la fede cieca, men che meno se si tratta di cecità volontaria…

        "Mi piace"

    • @Anail – Come ho scritto, gli spettrografi utilizzati non erano proprio “professionali” e pertanto i risultati non sono per nulla attendibili. Alla Teoria delle Stringhe (una “brillante soluzione matematica” che ha trovato un problema…) preferisco l’approccio della Gravità Quantistica a Loop (derivato dalla famosa Equazione di Wheeler deWitt). Sull’ipotesi delle dimensioni parallele non ho molto da dire perché non le ho mai viste… però sarei proprio contento se esistesse un’altra copia di me un po’ più fortunata. Comunque molti integralisti cattolici, come il Cazzaro Verde e altri cretini per intenderci, credono di “risorgere” proprio con il loro corpo, pertanto in questo “spazio cosmico” e non in qualche altro “Cielo” . Del resto alcune delle comunità cristiane primitive erano convinte che si potesse risorgere senza neppure morire. Le famose “lettere” di Paolo di Tarso le scriveva appunto per spiegare “come” sarebbero risorti (lui lo sapeva perché parlava direttamente con Dio, durante le crisi epilettiche di cui soffriva. cfr. Galati 4.13).

      "Mi piace"

      • Ti ricordi, vero, che la ciliegina è quella che ti ha dato il benvenuto dandoti dello STR0NZ0, sì? Per il resto, ti confermi come sempre un finissimo teologo e metafisico: è proprio un piacere leggere le tue stronzate

        "Mi piace"

  3. Sti Terroni sempre approsssimati,
    nel confezionare “Pacchi” .

    Se sono alti abbagliano
    4 lettere

    Società servizi aeroportuali milanesi
    3 lettere

    È la somma che fa il totale
    7 lettere

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...