Vittorio Feltri sul possibile lockdown a Natale

(Vittorio Feltri – liberoquotidiano.it) – Caro Nicola, tu ti preoccupi perché il prossimo Natale sarà triste e pure squallido, mentre a me di tutto ciò non importa un accidente. Mi preoccupa il diffondersi mostruoso del Covid non l’opacità di una festività ormai ridotta a orgia consumistica, avendo perso ogni afflato spirituale. Cosa vuoi che me ne freghi se bambin Gesù porterà meno regali ai ragazzini che aspettano ansiosi il 25 dicembre per ricevere dal cielo (ma quale cielo) un piccolo computer che magari accelera il loro rimbambimento. Ti dirò di più. Siccome anche io sono un vecchio rincoglionito che per favorire la pace famigliare si adatta alle tradizioni del menga, ho deciso di ricoprire di doni i miei nipotini, i quali sanno benissimo, non essendo tonti, che compro tutto io con i miei soldi per strappare loro un sorriso, figurati se bevono la favola che quel ben di Dio è portato da Gesù.

Noi pensiamo che i nostri discendenti siano talmente stupidi da non aver mangiato la foglia: lo sanno perfettamente che i balocchi e tutte le puttanate che rifiliamo loro a Natale sono finanziate dalla borsetta di mamma o di nonna. I cretini siamo noi adulti che raccontiamo ai piccini un sacco di scemenze nella speranza di renderli felici. Prendersela con Conte per come guida il governo è un atto dovuto, per carità, ma non possiamo arrabbiarci con lui perché ci raccomanda di evitare assembramenti attorno al panettone, che a me piace anche a gennaio, nel tinello di casa per compiere il rito del cenone. Ma che ce ne fotte del cenone, a me basta una minestrina, i dolci tipici me li mangio anche adesso a Milano sotto una coltre di nebbia. Le luminarie mi stanno sulle scatole. Quelli che non sapendo fare di meglio, mi consegnano un pacchetto a tavola contenente una sciarpa del cavolo li prenderei a calci nel posteriore. Figurati se mi aspetto da mio cugino Giuseppe una bottiglia di cognac. Ma se lo beva lui il liquore francese, io ho altri gusti e me li soddisfo a modo mio. Non c’è nulla di più noioso che ammuffirsi in sala da pranzo per tre ore, piatti che girano come giostre, bicchieri tintinnanti, chiacchiere idiote dalle 20 a mezzanotte, magari ti tocca mangiare vicino a un fesso che ti sgrida perché fumi un paio di sigarette. Io uno così non lo voglio in casa mia, preferisco conversare col mio gatto che manco miagola.

Grazie al destino non sono neanche in grado di apprezzare le zampogne dei pastori abruzzesi, visto che dalle mie parti non ne esistono, per nostra fortuna. Quanto alle strette di mano ne faccio volentieri a meno, odio che un palmo umido si appai al mio. Quasi quasi ringrazio il Covid che mi risparmia tante scocciature.

11 replies

  1. E vabbè… questo rischia di diventare un vero e proprio accanimento sadico nei confronti di
    lettori che generalmente masochisti non sono… almeno credo.
    Infosannio oramai ci propina con cadenza quasi quotidiana la summa del pensiero del
    filosofo etilico: ci vuole punire per qualche colpa di cui non conosciamo la natura?
    Chiedo requie!
    Non si potrebbe limitare, che so, a una volta a settimana il sorso di cicuta mediatica che
    il nostro eroe ci offre con tanta generosità?

    "Mi piace"

    • Già rompete i cojoni coi commenti, adesso vorreste dettare anche la linea editoriale alla Redazione? Quattro giorni alla settimana Trabajo; due Scanzi e ricordati di “sacrilegare” le feste?

      "Mi piace"

  2. Feltri è una distrazione, un infrazione, un paradosso, un contavvenire alle regole e al comune sentire (ameno quello dichiarato) .Se non fosse per quella propensione ad asservirsi a chi lo paga, potrebbe persino essesre più divertente do Crozza quanto lo imita.

    "Mi piace"

  3. Questa volta Feltri dice bene quando paragona il Natale di oggi ad un’orgia consumistica avendo perso da tempo il suo significato spirituale. Poi il suo stile di vita crudo a noi non interessa….

    "Mi piace"

  4. La saggezza è come il grappolo lasciato sul tralcio
    di vite, perde la forma ma ne acquista in
    divina essenza.
    Una curiosità Vittorio ma la lettera è indirizzata al
    Grande Arigliano?

    "Mi piace"

  5. nome: Affrancato
    cognome: Dal Bisogno
    confidenzialmente “Vermentino”
    Obbligato a non avvicinarsi a fonti di calore, anche affettivi, causa fermentazione, unica prospettiva per rendere più efficaci i suoi arguti pensieri, essendo “giornalista”, Vermentino ci delizia con la lettura, da buon comunicatore, persino l’atteggiamento smaliziato opportunistico dei sui nipotini.
    Tutti così a Berghem Alta?
    Assolutamente no. Albero e presepe sono presenti nelle umili ville.

    Piace a 1 persona

    • @ Maristella
      ” Pare che sia già morto e che ancora non gliel’hanno detto ” ma a me pare che sia già morto e che,Lui, ancora non se ne sia accorto ! Come già detto gli garticoli di Feltri non li leggo da diverso tempo . Solo per curiosità.mi capita a volte di passare a leggere i vari commenti al suo articolo per rendermi conto una volta di più di aver risparmiato tempo per non aver letto l’articolo intriso spesso capita e’ intriso di sue solite dabbenaggini, a volte demenziali, di un Feltri ridotto a senescenza senile e conclamata !

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.