I timori della Merkel: “Qui può finire senza intesa”

(it.insideover.com) – I primi due round del Consiglio europeo straordinario per trovare la quadra su Recovery Fund e bilancio pluriennale sono terminati con un nulla di fatto. Le rivendicazioni dell’Italia sull’entità e la governance degli aiuti economici non hanno fatto breccia nella Grande muraglia issata dai frugali, Olanda in testa.

Oggi vanno in scena i tempi supplementari di una partita lunghissima e sfiancante. Giuseppe Conte, irato per la posizione del collega olandese, Mark Rutte, ha spiegato che farà di tutto per chiudere la contesa. L’intenzione è tornare a casa con un accordo da sventolare in governo, sia per placare i borbottii del Movimento 5 Stelle, sia per silenziare le opposizioni.

La strada è tuttavia in salita, e lo stesso Conte sembra esserne a conoscenza: “Quando c’è un negoziato così duro c’è qualche momento in cui sorge il dubbio che non ci sia la contezza dei problemi che stiamo affrontando, il dubbio che qualcuno perda di vista quest’obiettivo”, ha fatto notare il premier.

A che punto è il negoziato

Alla vigilia del terzo giorno di negoziato ci troviamo di fronte a una situazione di stallo. Secondo quanto riferisce Il Corriere della Sera, le trattative dovrebbero adesso concentrarsi sul freno ai piani nazionali. Riavvolgiamo il nastro e spieghiamo che cosa è successo ieri a Bruxelles in una giornata infuocata.

Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, aveva messo sul piatto una proposta allettante per i Paesi frugali. Una proposta che considerava le regole per l’accesso ai fondi in cambio di riforme, l’equilibrio tra gli aiuti e i prestiti – rispettivamente scesi a 450 miliardi e saliti a 300 – e nuove cifre sugli sconti (i cosiddetti rebates) a tutto il fronte del Nord.

Sembrava che la strada fosse finalmente in discesa, ma il premier olandese Mark Rutte ha sbattuto i pugni sul tavolo, chiedendo il voto all’unanimità per approvare i vari piani nazionali di ripresa. Solo contro tutti, Rutte è andato avanti per la sua strada mentre gli altri 26 Paesi membri avevano trovato un accordo per una sorta di “freno di emergenza”. L’Aia ha finito così per contagiare nuovamente Austria, Svezia, Danimarca e pure Finalndia: i frugali non hanno alcuna intenzione di avere un debito comune futuro.

Il muro dei frugali, i timori di Merkel

Difficile fare previsioni. Anche perché le posizioni dei due schieramenti sono ancora agli antipodi dopo due giorni di trattative. I frugali vorrebbero vistosamente ridurre i 740 miliardi di aiuti economici di almeno il 50%.

Fa eccezione la Svezia, che aveva chiesto addirittura di non sforare il tetto dei 150 miliardi: proposta ritenuta inaccettabile. Ieri, a un certo punto, stanca della prepotenza dei nordici, Angela Merkel ha deciso di scendere in campo per dare un freno alle richieste di Olanda e compagnia bella.

L’Italia ha invece suggerito di valutare i piani di riforma mediante il raggiungimento di obiettivi concordati con una maggioranza qualificata rafforzata da parte del Consiglio (e un ruolo speciale per il presidente del Consiglio europeo). Niente da fare, il muro contro muro rimane.

L’Italia, ha concluso il premier Conte, a notte fonda, non può accettare che il programma Next Generation Eu possa essere compromesso nella sua efficacia e consistenza, che diventi inutile per la ripartenza, per il nostro paese e l’Europa intera”. Stiamo cercando di costruire un percorso “che porti anche i paesi frugali a sottoscrivere questo accordo”, ha aggiunto Conte. Purtroppo stiamo parlando di un progetto di bilancio molto articolato, cui si aggiunge il Fondo per la ripresa, che va approvato all’unanimità, ha ricordato il premier.

La partita non sarà finita, ma il tempo stringe.

Da qualunque prospettiva si analizzi, la giornata di oggi sarà decisiva. In positivo o in negativo. Se Conte spera in un accordo, Merkel è più realista. La cancelliera, tra l’altro presidente di turno dell’Ue, ritiene plausibile che il Consiglio europeo possa terminare senza un accordo sul Recovery Fund. I leader dei 27 hanno “varie posizioni” sull’entità degli aiuti, sulle regole per accedervi e su come applicarle. “Non posso ancora dire se troveremo una soluzione. C’è molta buona volontà, ma potrebbe darsi che oggi non venga raggiunto un risultato”, ha commentato Merkel.

4 replies

  1. Queste giornate sono servite, se non altro, ad evidenziare come l’architettura, le regole, gli iter decisionali europei, nel loro complesso, siano il frutto avvelenato di una lucida strategia di mantenere la volontà politica al servizio degli interessi dei potentati economici e
    finanziari.
    Sembrava che tutti se ne fossero dimenticati, inebriati dall’euforia di una Europa improvvisamente riscopertasi caritatevole e finalmente,
    per una volta nella sua breve storia, attenta alle necessità dei Popoli in difficoltà.
    Proprio da quei Paesi che più hanno tratto vantaggi economici e politici da quelle regole, viene l’opposizione più dura e intransigente
    a che si cominci a parlare di un’Europa solidale, dispensatrice di sostegno e non solo di procedure d’infrazione e ingerenze
    inaccettabili nelle politiche interne dei vari Paesi.

    Allora come la mettiamo, caro Merlo?
    Anche oggi ci dispensi un articolo schizofrenico in cui riesci a esternare il tuo amore viscerale per Mamma Europa, e poi ci spieghi
    quanto questa mamma sia un’invereconda mignotta, sempre disponibile a coccolare i figlioli preferiti, a tenerli costantemente
    attaccati alle mammelle, ma anche riempire di rampogne, punizioni e nerbate quelli che non godono dei suoi favori.
    Comunque andrà a finire questa battaglia QUESTA Europa ha finito la sua strada: o l’Italia sarà costretta ad andarsene per non finire strangolata da boia “frugali” e loro soci occulti, il che ne segnerebbe lo sfascio, oppure prevarrà l’istinto di conservazione e verrà iniziato un percorso di profonda riforma che la porti ad assomigliare a quella che avevano sognato e sperato i padri fondatori De Gasperi, Adenauer, Schumann e Spinelli.

    "Mi piace"

  2. Se dovesse finire male, dal momento che lo stato ha bisogno di soldi, cash, e sembra messo male proprio come le famiglie italiane, allora rimettiamo in moto la zecca e ce li facciamo noi… si, è una battuta ma nemmeno tanto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.