De Micheli ha chiesto a Conte di valutare la transazione con Autostrade

(agi.it) – “Credo sia opportuno sottoporre al Consiglio dei Ministri la percorribilità della soluzione transattiva nei termini di cui sopra ovvero nei diversi termini che tu e il Consiglio dei ministri riterrete individuare”. Lo scrive in una lettera il Ministro dei Trasporti Paola De Micheli al premier Giuseppe Conte, invitando a considerare “la delicatezza e la complessità della questione“. E il titolo Atlantia rimbalza in borsa dopo il tonfo di ieri.

Nella lettera il Ministro ricorda gli impegni annunciati da Autostrade e che riguardano in particolare un intervento di 2,9 miliardi di euro, di un piano straordinario di interventi pari a 14,5 miliardi di cui 5,3 miliardi nel periodo 2020-2023 nonché l’accettazione del profilo tariffario dell’1,93% con la rinuncia al contenzioso in essere verso l’Autorità dei trasporti e tutti gli altri attori.

Il Ministro ricorda inoltre che “l’attuale situazione di incertezza in relazione alla non definita procedura di risoluzione della Convenzione rischia di compromettere comunque la situazione finanziaria di Aspi che, per le vie brevi, ha segnalato una ormai prossima crisi di liquidità che comporterebbe il venir meno degli investimenti già programmati sulla rete autostradale in concessione, alla quale si aggiungerebbe inevitabilmente una ricaduta sui livelli occupazionali della società stessa”. 

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

15 replies

  1. Et voilà!
    Ecco che la De Micheli è costretta a venire allo scoperto evidenziando così il vero, unico motivo per cui occupa il posto
    che occupa: salvare Atlantia e i Benetton.
    Lo sapevamo tutti benissimo fin dal giorno in cui il suo nome è stato tirato fuori dal cappello a cilindro da Renzi (sempre lui!
    l’innominabile!) nel corso delle trattative per la formazione del Conte 2.
    Gli Italiani, nella stragrande maggioranza, vogliono i Benetton fuori dai giochi e Conte sa che perderebbe tutto il consenso
    guadagnato fino ad oggi se dovesse rimangiarsi le dure accuse formulate nei confronti di ASPI.
    Non lo farà, e Zingaretti sa che non può schierarsi contro di lui in una situazione così dirimente.
    Fingerà di appoggiarlo sperando che in Parlamento, tra defezioni e voti contro, vada a finire come con il TAV.
    C’è proprio da fidarsi di questi dem!
    Ma, purtroppo per loro, han trovato sulla loro strada uno con la pochette e i modi garbati ma con la capacità di prendere
    i serpenti per la coda senza farsi mordere.
    E’ ancora presto per sapere come andrà a finire: se alla fine il serpente riuscirà a inoculare il suo veleno o se l’incantatore,
    col suo piffero, riuscirà a tenerlo confinato nel suo cesto di vimini.
    Sarà una bella lotta!
    L’incantatore si gioca la sua sopravvivenza politica e quella del Movimento che lo sostiene.

    Piace a 1 persona

      • Signor Paolo, in verita’, vorrei puntualizzare il suo riferimento alla categoria dei pulitori. In quanto tale, posso assicurarle che l’elettrodomestico da lei correlato non sia nell’empireo delle improrogabili necessita’ dei pulitori. comprendo facilmente lo sgomento dei lavavetri di fronte all’assenza di finestre, o quello degli addetti spurghi a seguito della sparizione degli ani, eppero’ la lavatrice no. Quella non convolge che una ben specifica fetta della categoria, e di qualunque altra e’ invece conseguenza.

        E, per aggiungere, seppur provando a dir freddure, a casa non ho neanche un frigo.

        "Mi piace"

    • Qualche appunto, basta dire Renzi, Renzi,
      la struttura portante del PD è quella ed è già nota a tutti dalla notte dei tempi, prima della De Micheli c’era Belzebu`. È un ministero che non possono mollare perché e costellato di robuste maniglie.

      Purtroppo l’unica operazione che si può compiere è solo erodergli potere, ma questo costa molta fatica, in una realtà così concertata, fermo restando, e oltretutto, che bisogna avere le palle, come le ha Giuseppi.
      Se non ti sei accorto, gli italiani non contano un cazzo, e poi resetta la Capa con sto fatto che Conte agisce sulla scia dei consensi, evidentemente
      non conosci questa tipologia di persone, che non vive di elucubrazioni.
      L’incantatore non si gioca nessuna sopravvivenza,
      perché se ne può tranquillamente tornare al “paesello” col suo nutrito know how.

      L’obiettivo di Conte è quello di responsabilizzare, rendere consapevole e far prendere coscienza un popolo che viene contato come il pastore conta le proprie pecore.
      Male che vada Giuseppi si toglierà la soddisfazione di aver sputtanato il 90%della classe politica /sistema Italia. Bye-bye

      "Mi piace"

      • @unoerre
        Lo vado scrivendo da tempo immemorabile che il colore del PD non è il rosso (o rosa) ma un marrone appena appena un po’
        più chiaro di quello di IV.
        L’aver definito Conte un “incantatore di serpenti” non è per denigrarlo ma per rendergli omaggio.
        Piuttosto il mio malanimo va verso i serpenti che prende per la coda!
        E di serpenti velenosi ce ne sono in giro tanti, troppi, tanto che se mi posso permettere un consiglio politico a Conte è di farsi
        aiutare da un esperto del ramo: Indiana Jones.
        Magari potrebbe affidargli un Ministero senza portafoglio.🙄

        Piace a 1 persona

  2. … “la delicatezza e la complessità della questione…”. Ahahah!!! La De Micheli costretta e venire allo scoperto per tirare la volata di Atlantia e dei Benetton, perchè possano tenersi strette impunemente le concessioni d’oro delle autostrade. Il ponte Morandi è crollato facendo 43 morti “a causa dell’incuria, dell’omesso controllo, della consapevole superficialità, della brama di profitto” (parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella), per cui la revoca della concessione ai Benetton non solo è dovuta perché il concessionario è inadempiente, ma è doverosa per una questione morale.

    Piace a 2 people

  3. Il governo PD (e 5zerbini) NON REVOCHERÀ alcunchè.
    I Benetton filocomunisti, ai quali il PD (cioè i comunisti) avevano regalato Autostrade, hanno imbarcato in ASPI un fondo cinese (Silk Road), quindi comunista, più ialcuni nvestitori krukki senza chiedere il permesso. Quindi sono in una botte blindata… di rosso.
    Buon PD a tutti.

    "Mi piace"

  4. Le De Micheli fa orecchie da mercante ma Conte ha spiegato chiaramente che gli investimenti di cui parla sono DOVUTI e si parla di piano straordinario solo perché non hanno mai fatto un tubo! Ed è dovuta anche la riduzione tariffaria, voluta da Toninelli, che si basa su indicatori oggettivi di confronto competitivo con le migliori pratiche del settore e non sul “metto la tariffa che mi pare tanto c’ho il monopolio!”
    Purtroppo Lega e PD hanno preso tangenti da lorsignori e ora fanno di tutto per servirli, schifosi pezzenti traditori del popolo!

    Piace a 2 people

  5. Egregio Master Class, le sarei grato se volesse andare a raccontare ai leader e giornalisti della dx che la loro previsione era SBAGLIATA. Come accade da anni. È l’inizio della fine del Regno del malaffare e della malavita.
    Grazie a quelli che lei chiama 5zerbini

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.