Una vita da Caimano/3

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Per chi ha dimenticato, anzi vuole dimenticare, prosegue il nostro viaggio nella galleria degli orrori del berlusconismo.
2001-2006. Il 13 maggio 2001 B. stravince le elezioni alla guida della Casa delle Libertà (61 collegi su 61 in Sicilia). Il suo secondo governo durerà cinque anni. Un lungo rosario di leggi ad personam processuali e aziendali (29, in aggiunta alle 4 del primo governo), controriforme devastanti (dalla scuola all’università, dalla sanità alle grandi opere, sfascio della Costituzione con la “devolution” (poi bocciata nel referendum dagli elettori), condoni fiscali ed edilizi, politiche finanziarie e sociali scriteriate, favori alle mafie, guerra ai magistrati, ai giornalisti e agli artisti scomodi (l’“editto” bulgaro contro Biagi, Santoro e Luttazzi, subito radiati dalla Rai), leggi contro la scienza (la n. 40 sulla fecondazione assistita), scontri con l’Europa, figuracce internazionali come l’insulto “kapò nazista” al vicepresidente Ue Martin Schulz, commissioni parlamentari per calunniare con falsi testimoni i leader dell’opposizione e perfino il presidente Ciampi (Telekom Serbia e Mitrokhin), dossieraggi illegali del Sismi e della collegata Security Telecom contro gli avversari, guerre in Afghanistan e in Iraq, rendition targate Cia come il sequestro a Milano dell’imam Abu Omar, mano libera ai poliziotti violenti (al G8 di Genova nel 2001). Dulcis in fundo, a fine legislatura (dicembre 2005): B. cambia la legge elettorale a colpi di maggioranza e vara il Porcellum (poi dichiarato incostituzionale dalla Consulta), che danneggia l’Unione, favoritissima nei sondaggi, e gli garantisce almeno il pareggio.
2006-2008. Il 2006, a tre mesi dal voto, si apre con la pubblicazione sul Giornale della telefonata segreta di Fassino a Consorte sulla scalata Unipol-Bnl (“Allora siamo padroni di una banca?”), trafugata da un amico di Paolo B., portata in dono a Silvio e approdata sul quotidiano di famiglia. Il 10 aprile l’Unione vince di un soffio, mentre B. grida ai brogli. Il Prodi2 si regge al Senato su un pugno di seggi. E non gode dei favori del neopresidente Giorgio Napolitano, grande fautore delle larghe intese, né di Walter Veltroni, che terrorizza gli alleati minori col suo Pd autosufficiente a “vocazione maggioritaria”. B. corrompe subito, con 3 milioni di euro (di cui 2 in nero, cash) il senatore Idv Sergio De Gregorio, che passa da sinistra a destra. Tentativi analoghi compirà con altri senatori di maggioranza per rovesciare il governo. Intanto l’Unione lo salva un’altra volta dall’ineleggibilità (in barba alla legge 361/1957 col solito trucco di dichiarare ineleggibile Confalonieri al posto suo).

E regala a lui, a Previti e a decine di migliaia di criminali un indulto di 3 anni. Così Previti – appena condannato a 7 anni e mezzo per corruzione giudiziaria e cacciato dal Parlamento – si risparmia pure il fastidio dei domiciliari e B. intasca un bonus di impunità triennale da spendere alla prima occasione. Prodi cade il 24 gennaio 2008 per mano del ministro della Giustizia Clemente Mastella, indagato a S. Maria Capua Vetere con la moglie e mezza Udeur, subito arruolato da B. (che lo ricambierà con un seggio al Parlamento europeo).

2008-2013. Il 3 aprile 2008 il Popolo delle Libertà sbaraglia il Pd di Veltroni, che predica il dialogo con B. e non osa neppure nominarlo (“il principale esponente dello schieramento avverso”). B. sale per la terza volta a Palazzo Chigi con la sua maggioranza più̀ schiacciante e un carico di processi da record mondiale. E riparte con le leggi ad personam (altre 8, in aggiunta alle 4 del primo governo e alle 29 del secondo: totale 41), ad aziendam e ad mafiam, l’occupazione militare della Rai, i bavagli alla stampa, la guerra alle toghe, i conflitti d’interessi, l’oscurantismo bigotto (vedi il decreto, bloccato da Napolitano, per impedire una fine dignitosa a Eluana Englaro), le figuracce mondiali, gli scandali suoi e dei compari, l’illegalità elevata a sistema.

Il 25 aprile 2009 si presenta a Onna, nell’Abruzzo terremotato, travestito da partigiano, col fazzoletto al collo, per celebrare la sua prima Liberazione. Ovazioni da destra a sinistra. Poi sposta a L’Aquila il G8 già previsto a La Maddalena con svariati miliardi buttati, e si autocelebra coi grandi del mondo, Obama in testa, passeggiando sulle macerie del sisma. Tutto fa pensare a una legislatura trionfale. Ma a fine aprile Veronica Lario denuncia lo scandalo di una ventina di “veline” nelle liste europee di FI (“ciarpame senza pudore”). E si scopre che il premier ha festeggiato in quel di Casoria (Napoli) il 18° compleanno di Noemi Letizia, una ragazza che lo chiama “Papi” e lo frequenta da quando aveva 14 anni. Veronica annuncia il divorzio: “Mio marito è malato, non posso stare con un uomo che frequenta minorenni”. A giugno parte un’inchiesta a Bari sulle escort Patrizia D’Addario&C. portate a Palazzo Grazioli dal pappone Gianpi Tarantini, pagato dal premier. Santoro, rientrato in Rai per ordine del Tribunale di Roma, intervista la D’Addario e si occupa della trattativa Stato-mafia: B. ordina in gran segreto alle sue quinte colonne in Rai e Agcom di trovare il modo di “chiudere tutto” (Annozero e i pochi programmi che ancora lo infastidiscono).

Nel 2010 il presidente della Camera Gianfranco Fini contesta la legge-bavaglio Alfano contro le intercettazioni. E viene subito linciato dagli house organ di B. per un alloggio a Montecarlo acquistato a prezzi di favore dal cognato Giancarlo Tulliani dal patrimonio di An. Fini fonda Futuro e Libertà, che a novembre si associa alle mozioni di sfiducia delle opposizioni. Ma Napolitano rinvia il voto a dopo la finanziaria, dando a B. il tempo di reclutare una trentina di deputati di centrosinistra per rimpiazzare i finiani e salvarsi in extremis.

Nel gennaio 2011 la Procura di Milano lo indaga per la prostituzione minorile di Karima El Mahrough in arte Ruby e per la concussione ai danni di un funzionario della Questura, a cui il premier telefonò nel maggio 2010 per far rilasciare la minorenne dopo un fermo per furto, spacciandola per nipote di Mubarak. Dagli atti escono fiumi di intercettazioni a luci rosse con e fra le escort in fila per i “bunga bunga” nella villa di Arcore. Camera e Senato, con 315 e 170 voti di maggioranza, si coprono di ridicolo e vergogna sollevando un conflitto di attribuzioni fra poteri dello Stato dinanzi alla Consulta contro il Tribunale di Milano, sostenendo che B. agì nell’esercizio delle funzioni di capo del governo per evitare un incidente diplomatico con l’Egitto di Mubarak, noto “zio” di Ruby. In estate le Borse crollano, lo spread sfonda quota 700, gli speculatori scommettono contro l’Italia e il governo, spaccato e inerte, viene commissariato via lettera dalla Bce. Nel centrodestra è il fuggifuggi generale. L’8 novembre, sul rendiconto dello Stato, il governo va sei voti sotto la quota minima di maggioranza. Bossi invita B. a “farsi di lato”, lui però annuncia che resisterà. Ma il crollo in Borsa anche delle aziende di famiglia induce la figlia Marina, Fedele Confalonieri ed Ennio Doris a suggerirgli di mollare e pensare alla “roba”. Il 12 novembre B. sale al Colle per dimettersi, fra due ali di folla che festeggiano e lo insultano. E lascia il Quirinale da un’uscita secondaria. Il successore è Mario Monti, a capo di un governissimo tecnico sostenuto da tutti i partiti, eccetto la Lega Nord e l’Idv. B. sembra finito e forse lo crede anche lui. Infatti il 24 ottobre 2012 annuncia il ritiro e lancia Alfano alle primarie per il nuovo leader Pdl. Che non si terranno mai. Il capo resta B., che cambia idea e si ricandida, stavolta al Senato.

2013. Alle elezioni del 24-25 febbraio il Pdl perde 6,5 milioni di voti. Il Pd, dissanguato dalle politiche antisociali di Monti, ne lascia per strada 3,5 milioni e arriva primo a pari merito col M5S (passato da zero al 25,5%). Il partito di Bersani incassa il premio di maggioranza del Porcellum solo grazie all’alleanza con Sel, ma non ha i numeri per governare. È quel che sperava Napolitano, che rivuole le larghe intese appena bocciate dagli elettori per tagliare fuori i vincitori 5Stelle, anche a costo di ricandidarsi al Quirinale. Il 17 aprile Bersani incontra B. a casa di Enrico Letta per concordare un candidato comune al Colle: Franco Marini. Tutto per sbarrare la strada a Stefano Rodotà sostenuto da M5S e Sel. Ma sia Marini sia Prodi vengono impallinati dai franchi tiratori Pd. Così il 20 aprile tutto è pronto per la rielezione di Napolitano (primo caso nella storia repubblicana). Che ringrazia B.: “Silvio ha parlato da statista”. E il Caimano ricambia cantando a Montecitorio “Meno male che Giorgio c’è”. Il Pd gli fa pure scegliere il nuovo premier: Enrico Letta, nipote del fido Gianni. Poi respinge la richiesta del M5S di applicare finalmente la legge 361/1957 e dichiararlo ineleggibile. E resta alleato di B. anche dopo le nuove condanne: in primo grado a 7 anni per prostituzione minorile e concussione (Ruby); e in appello a 4 anni per frode fiscale (Mediaset). In nove mesi di vita, il governo Letta fa una sola cosa degna di nota: il rinvio di un anno della rata dell’Imu per tutti i proprietari di prime case, inclusi i ricchissimi magnati con ville e castelli (primo punto del programma elettorale di B.). Per il resto rimane paralizzato dai veti incrociati Pd-Pdl.

Il 1° agosto 2013 il Cavaliere è condannato definitivamente in Cassazione per frode fiscale sui diritti Mediaset: 4 anni di carcere (di cui 3 coperti da indulto) e 2 di interdizione dai pubblici uffici (che lo rendono ineleggibile e lo privano anche del diritto di voto). Lui fa il diavolo a quattro contro i giudici, tenta di ricattare il Quirinale minacciando di rovesciare il governo per avere la grazia. Napolitano gliela fa balenare attraverso il ministro dell’Interno Alfano, ma solo in cambio delle sue dimissioni da senatore. Che lui ovviamente non dà. Così il 27 novembre viene espulso dal Senato per la legge Severino. Ed esce dalla maggioranza, abbandonato però dai suoi ministri Alfano, Lorenzin, Lupi, De Girolamo, che fondano il Nuovo Centro Destra per restare imbullonati alle poltrone. Stavolta pare davvero finito, ma mai dire mai.

(3 – continua)

7 replies

  1. Dedicato a tutti quelli che avrebbero voluto i 5 stelle all’opposizione a vita a guardare e aspettare.
    Ve possino …

    "Mi piace"

    • Certo ! Non si può nemmeno immaginare per un attimo di ” contaminarsi” con i brutti, sporchi e cattivi. La disgrazia di certa politica italiana è l’Aventino. Oggi la si chiama ” divano e pop- corn”, oppure ” duri e puri”. Pensai, all’inizio del Conte 1, che se i 5s fossero riusciti a realizzare il 10% del loro programma mi sarei accontentato. Adesso siamo oltre e si è dimostrato che si può stare al governo senza essere coinvolti in scandali.
      Quanto agli altri partiti resto della vecchia idea:
      Vaffa

      Piace a 3 people

    • Paolo diamante sono con te, bel post, la politica credo sia realismo troppi soldi girano illegalmente. Che fare. Vuoi legalizzare le droghe? Qualcuno si lamenta, dove metti i 90-100 miliardi di euro di ricavi? Dovrai trovare un modo per muovere i soldi? Come? Al sud, non capisco, non si può, allora portiamo i soldi al nord, cementificazione e finanza sono perfette. Muovi il cemento e lavorano moltissime persone, le quali non dimenticano i fatti ma la pancia e la famiglia vengono prima. Perché i clienti del malaffare sia per strada sia colletti bianchi non cessano mai. Allora da pazzo chiudiamo gli occhi e diciamo alle mafie : per 10 anni reinvestite tutti sti soldi al sud, fate della Sicilia, la campania, la calabria le regioni più belle del mondo, e per i morti un buon funerale e amen, zero tasse e lavoro per tutti. Forse chiedo troppo.

      "Mi piace"

      • Egregio Fabio, grazie. Ragionando per assurdo, lei pensa davvero che si possa scendere a patti con i banditi e che questi stiano alle intese? Già faticano a essere leali tra di loro, figuriamoci con quelli che rappresentano ( le cariche dello Stato) la popolazione. Non l’affliggerò con seccature di criminologia. Chi decide di varcare una certa soglia e di mettersi contro le leggi per il proprio interesse, si disinteressa ( per non dire di peggio) del popolo: gli basta che abbia paura del boss, deve obbedire e pagare e stare zitto. Il vero delinquente, come Cetto Laqualunque è negato al bello, gli piace lo sfarzo e il denaro per averlo (vedi il contenuto delle villette dei Casamonica a Roma, demolite da V. Raggi, quando per 28 anni gli altri sindaci se la sono fatta addosso).
        saluti

        Piace a 1 persona

  2. Niente. ….Non demorde è cocciuto….dovrebbe essere depennato per sempre e invece no. Con l appoggio di certi giornalisti giornali e talk show si pensa di riesumarlo. Un buco nell’acqua perché si spappola…Spero. ..Vai Marco!!!

    Piace a 1 persona

    • Condivido anche la replica, paolo diamante. Come fare per uscirne? Io non lo so, perché ci ritroviamo associazioni malavitose cosi potenti, in casa, che raccolgono cifre da capogiro e passano gli anni e continuo a sentire il nord, lavoratore, il sud vagabondo e assistenziale? Quando dovrebbe essere il contrario? Con quelle montagne di soldi? Perché la sanità modello non è in calabria? Penso : sulla sila si sta da dio, pace, sole, tranquillità, ti affacci da una finestra e vedi un mare, vai dal vicino e vedi un altro mare, cosa c’è di più bello? Invece abusivismo e miseria tutti a cercare lo stipendio sicuro. Boh!!!, saluti

      Piace a 1 persona