Dal contagio ai cantieri, la mala Milano non finisce mai

(di Gad Lerner – Il Fatto Quotidiano) – La costruzione della metropolitana per oltre un decennio è stata una vera e propria mangiatoia della politica milanese, quasi nessuno escluso, finché le inchieste di Mani Pulite vi posero fine. Scoprire, a quasi trent’anni di distanza, che tangenti e turbative d’asta sono tornate da lungo tempo a riguardare decine di gare d’appalto Atm, è una brutta tegola per la città. Tanto più oggi che la pestilenza Covid e l’impatto con le nuove povertà che ne sono derivate – per non parlare del disastro del sistema sanitario lombardo – ha interrotto bruscamente l’ascesa di Milano fra le metropoli europee più attrattive.

Hai un bel dire che in manette sono finiti solo due funzionari pubblici di grado inferiore, assieme ai manager delle grandi aziende beneficiarie di illecite corsie preferenziali. Ma è mai possibile che abbiano potuto agire indisturbati per anni, mettendo a punto un vero e proprio “sistema di gare truccate” (parola del procuratore Francesco Greco) senza che ai vertici chi di dovere se ne accorgesse?

C’è puzza di bruciato, anche se le cifre del malaffare paiono minime rispetto alle ruberie dell’epoca di Antonio Natali. Né giova apprendere che gli appalti in questione riguardassero proprio quegli impianti di segnalamento che dovrebbero scongiurare il ricorrente, pericoloso fenomeno delle frenate improvvise, già causa di numerosi infortuni tra gli utenti della metropolitana.

È un momentaccio, quello che sta vivendo Milano. C’è chi l’ha paragonata a un attaccante lanciato verso rete che un attimo prima del tiro decisivo viene atterrato da un fallaccio del difensore. Di sicuro, mentre s’interroga sulla persistenza dei focolai di contagio, la città ha visto svuotarsi di colpo i suoi quartieri commerciali. Il ritorno degli stranieri disposti a spendere per moda e design non è affatto garantito. Ci mancavano solo i ladri annidati nella macchina comunale.

3 replies

  1. Mi rifiuto di credere che Lerner abbia scritto così. Milano e la Lombardia sono il massimo umanamente raggiungibile di efficienza, efficacia, produttività, etica. Hanno dato statisti quali Mussolini, anche se di origine romagnola, Craxi, Pillitteri, B., Bossi, Maroni, Formigoni e tanti altri. Giustamente si è fatto riferimento alla ” capitale morale” e altrettanto correttamente si è gridato in quelle piazze ” Roma ladrona, Napoli merda, forza Etna”.
    Miserabili pezzenti.

    Piace a 1 persona

      • Signor Vincenzo, sappia che lei ha assistito alla nascita del Concorso Ludwig Infosannio.

        Oramai, lui, Ludwig, scrive sempre le stesse cose, e allora e’ spontaneamente nata la necessita’ di “sentirsi Ludwig”, una spece di percorso catarchico, attraversamento del deserto delle cognizioni, della riflessione, dell’essere, unito ad una sana competizione tra sadisti della tastiera.

        Quindi oggi, gentili lettrici e gentili lettori, la prima mossa del e’ signor Paolo da Roma.

        Partecipate numerosi, ricchi premi e cotillons!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.