Chissà chi è Stato

(Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – I Don Ferrante della mafia, come li chiama Caselli, non si danno pace: l’arresto di MMD è la smentita più plateale di tutte le loro fandonie. Dicevano che le intercettazioni non servono, invece sono decisive. Dicevano che la mafia è finita, invece si scoprono centinaia di complici del boss nei salotti buoni della politica e […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

22 replies

  1. Chissà chi è Stato

    (Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – I Don Ferrante della mafia, come li chiama Caselli, non si danno pace: l’arresto di MMD è la smentita più plateale di tutte le loro fandonie. Dicevano che le intercettazioni non servono, invece sono decisive. Dicevano che la mafia è finita, invece si scoprono centinaia di complici del boss nei salotti buoni della politica e degli affari. Dicevano che nel 1992-’94 non ci fu trattativa Stato-mafia, ignorando tonnellate di sentenze, e ora non trovano le parole per spiegare un boss che latita per 30 anni quasi sempre sotto casa. Infatti si appigliano disperatamente all’excusatio non petita del governo: “Niente trattative”. Come se chi le fa venisse a raccontarlo a noi, o a loro. Noi non pensiamo affatto che Meloni&C. abbiano trattato con MMD. E neppure i pm e il Ros, che non è più quello deviato di Mori&C. che nel 1992 trattò con Ciancimino e Riina prima e dopo via D’Amelio, nel ’93 non perquisì né sorvegliò il covo di Riina lasciandolo svuotare dai boss, non arrestò Santapaola pur avendolo scovato a Terme di Vigliatore e nel ’95 non catturò Provenzano nella masseria di Mezzojuso indicata dal boss confidente Ilardo, poi ucciso da Cosa Nostra appena comunicò (a Mori e ai pm, non a Cosa Nostra) l’intenzione di collaborare.

    Molti lettori che conoscono quella storia ci scrivono i loro dubbi sulla cattura di MMD. Ma quella storia (come quella di tutte le stragi, da Portella della Ginestra in poi) insegna che esistono due Stati. Quello palese dei suoi servitori: pm e investigatori che indagano sugli stragisti, totalmente ignari di ciò che accade alle loro spalle. E quello occulto dei traditori dello Stato, che gli stragisti li frequentano, li consigliano, li indirizzano, li favoreggiano con depistaggi e protezioni, e infine, quando la cattura si avvicina per motivi di età e/o di salute, contrattano con loro la merce più preziosa: il silenzio. Persino la sentenza d’appello che assolve Mori&C. riconosce che la trattativa ci fu e il vecchio Ros di Mori&C. non perquisì il covo di Riina e non arrestò Provenzano per fargli un favore (ma a fin di bene!). E che la trattativa ci fu lo sappiamo dai pentiti di mafia, non di Stato: fu Brusca a svelarla nel ’96, costringendo Mori e De Donno a sputare il rospo e a parlare anch’essi di “trattativa” con Ciancimino e, tramite lui, con Riina. Peccato che, in procura e nelle caserme, centinaia di pm, carabinieri e poliziotti continuassero a combattere la mafia senza sapere che l’altro Stato trattava con essa, trasformandoli in bersagli mobili. Fra qualche anno forse sapremo se è accaduto anche per MMD. Nel qual caso le parole di Baiardo non sarebbero la profezia su una trattativa in corso per un arresto eccellente: ma un messaggio di Cosa Nostra all’“altro Stato” per trattare dopo l’arresto eccellente.

    Piace a 8 people

  2. Il miglior Travaglio che conosciamo.

    Quello che spiega e dimostra l’anomalia Italia.
    Quel Paese dove chi lavora e paga le tasse non sa se le sta pagando allo Stato ufficiale che crede di conoscere e che insegnano a scuola…
    O se le paga ad uno stato parallelo fatto di potentati occulti e criminali mafiosi stragisti che comandano pure sullo Stato ufficiale che ci insegnano a scuola.

    Piace a 6 people

  3. Non sarà certo per giustificare l’omertà di chi vive nelle località in cui imperversa la mafia. Ma la saggezza popolare ha avuto modo di avere consapevolezza dell’ambiguità del potere al punto di consigliare il silenzio. Se uno incontra per strada un mafioso, sono convinto che si pone il dubbio se è il caso di svelare la scoperta alle forze dell’ordine. A quale dei “due Stati” appartiene quella data stazione dei carabinieri a cui comunicare la scoperta?? Oppure si chiederà se lungo la trafila gerarchica di comando non ci sia qualcuno colluso con la mafia. Sembra facile fare il cittadino coscienzioso… E… un “ispettore Callaghan” di cui fidarsi ciecamente esiste solo nei film.

    Piace a 6 people

    • Guarda ci possiamo spostare al nord nella civilissima Torino. Negli anni settanta le brigate rosse, durante i processi a loro carico non riconoscendo lo stato che li processava minacciarono di morte gli avvocati d’ufficio e i giudici popolari se si fossero presentati in tribunale. Infatti tutti presentarono certificati medici per sindrome depressiva. Scoppiò anche una polemica perché Eugenio Montale e forse anche Leonardo Sciascia dichiararono che anche loro si sarebbero comportati allo stesso modo. La situazione venne sbloccata da Fulvio Croce presidente dell’ordine degli avvocati di Torino e Adelaide Aglietta parlamentare radicale si offerse come giudice popolare. Il processo si tenne però Fulvio Croce fu ucciso in un attentato dalle brigate rosse.

      Piace a 1 persona

      • E già, è lo sport nazionale seguito più del calcio il… fare l’eroe ma col qulo degli altri!
        Ma a proposito di BR. A quei tempi se lo Stato avesse mostrato una sola frazione dell’impegno profuso poi nella trattativa Stato-Mafia, avrebbe sicuramente ottenuto la salvezza della vita di Aldo Moro. Ma allora gli Usa + Dc decisero diversamente allo scopo di neutralizzare l’entrata in maggioranza del Pci.

        Piace a 2 people

  4. Cosa nostra ha da tempo piazzato i suoi picciotti nelle stanze del potere,
    Il cittadino non ha scelta, arrosto che nn tocca lascia che bruci

    "Mi piace"

    • E se non bastasse la mafia nostranA ci dobbiamo sorbire pure questi:
      Il sondaggio Twitter di Elon Musk “Il World Economic Forum (a Davos) dovrebbe governare il mondo”.
      14% favorevoli, 86% contrari, con quasi 1,1 milioni di votanti.
      E di fatto lo governano

      Piace a 1 persona

  5. Come anche per la cattura di Matteo Messina Denaro,il vero problema è che da noi non smettono mai di prenderci per fessi e ci raccontano favolette solo per farci stare tutti buoni, zitti e dormienti. In Italia da sempre vive Stato e antistato, ossia le due facce della stessa medaglia che fanno patti e buoni affari tra di loro.

    Piace a 4 people

  6. Beh, oltre la mafia “nostrana” ora che ci siamo globalizzati abbiamo anche quella cinese, nigeriana, giapponese, albanese…
    Ma non se ne parla, ovviamente… I “cattivi” siamo sempre e solo noi.

    https://www.rainews.it/articoli/2022/12/mafia-nigeriana-sta-diventando-sempre-pi-potente-e-pericolosa–intervista-a-vincenzo-musacchio-a74d68cc-2479-4ff9-bce1-4d2e5f40f51d.html

    https://www.notiziegeopolitiche.net/geopolitica-mafiosa-un-nuovo-pericolo-per-il-mondo/

    Altro cheb il moribondo Messina Denaro… Immaginate quanti soldi corrono: ormai siamo “globali”.

    "Mi piace"

  7. Proprio come bambini, sì, zumbeld ! Accusatio manifesta, come quella di un mio nipotino di 4 anni che ieri , ancora sporco di cioccolata sotto il nasino, venne a dirmi :”Non ho preso il torroncino, nonna!”
    Ma guarda un po’ in mano a chi stiamo… E ci trattano da deficienti.

    Piace a 1 persona

  8. E va bene ! (si fa per dire) Ma dei due stati quale domina ? Con B. con Napolitano, e con quelli di oggi chi “comanda” da che parte sta ?

    Piace a 2 people

  9. “Nel qual caso le parole di Baiardo non sarebbero la profezia su una trattativa in corso per un arresto eccellente: ma un messaggio di Cosa Nostra all’“altro Stato” per trattare dopo l’arresto eccellente.”……io credo che invece il messaggio sia stato di altro tipo : Boiardo manda a novembre un messaggio a nome di MMD. ….che potremmo tradurre in ” ho deciso di consegnarmi. ..” bisognerebbe capire se da novembre a gennaio ci sia stata una trattativa….quindi non dopo l’ arresto eccellente, ma prima……perché vista la barriera di protezione ( dell’ altro Stato?) intorno al boss, forse era necessario ed urgente mettere al sicuro ogni segreto che a breve il boss si porterà nella tomba! Da cui ” Niente trattative” non è un’ excusatio non petita……perché la trattativa, come per altri arresti eccellenti di Provenzano e Riina, avviene prima……cui segue il solito schema di fine latitanza ed arresto, con accordi già presi , in base ai quali l’ invisibile da 30 anni, dopo aver fatto di tutto, almeno negli ultimi anni, per rendersi visibile, finalmente viene visto. ……a covo svuotato e silenzio garantito? Un silenzio fondamentale. ….Sarà realmente rilevante ciò che MMD potrà dire ora? Oppure saranno rivelazioni già concordate? Se Boiardo ha mandato un messaggio, evidentemente esistevano riceventi e scopo. ……nulla succede per caso! E perché si è scelto un media televisivo, con cui il messaggio resta tale, inalterabile, ascoltabile e rivedibile? Una sorta di garanzia? In una trasmissione televisiva dove viene accuratamente scelto cosa debba andare in onda, si decide di dare spazio ed ascolto ad una “profezia” talmente perfetta da avverarsi appena due mesi dopo. ….perché?

    Piace a 1 persona

  10. “Già due mesi fa, a novembre 2022, Salvatore Baiardo, indicato come persona di fiducia di boss mafioso, dichiarava a Massimo Giletti per “Fantasmi di mafia”, su La7: «L’unica speranza dei Graviano è che venga abrogato l’ergastolo ostativo” e sul nuovo governo: “Che arrivi un regalino?…Che magari presumiamo che un Matteo Messina Denaro sia molto malato e faccia una trattativa per consegnarsi lui stesso per fare un arresto clamoroso?». E sulla trattativa Stato-mafia: «Non è mai finita». ” mi pare che le parole di Baiardo siano chiare. ….che MMD faccia una trattativa per consegnarsi. …..prima dell’ arresto, non dopo! Quale sarebbe stato l’ oggetto od il soggetto/i (i fratelli? ) della trattativa?

    Piace a 2 people

  11. Mi sa che ultimamente Travaglio non sente Padellaro, il quale appena ieri ha scritto (evidentemente credendoci) che Meloni ha cominciato a fare politica convinta dal sacrificio di Borsellino (cioè una robetta tremendamente seria).

    Ora, se queste sono le premesse, come si dice, siamo in una botte di ferro!

    (Oppure Padellaro ha le idee straordinariamente confuse).

    "Mi piace"