Centrodestra e Azione-Iv uniti per l’impunità: odg per cancellare il blocco della prescrizione dopo il primo grado (voluto da Bonafede)

L’atto a prima firma di Enrico Costa impegna il governo “a predisporre, con una rivisitazione organica, il ripristino della disciplina della prescrizione sostanziale in tutti i gradi di giudizio”. Anche se la portata della Spazzacorrotti è stata quasi neutralizzata dalla riforma Cartabia, un ok all’odg sarebbe l’ennesimo segnale dell’intenzione del governo di smantellare tutte le previsioni più importanti della legge dell’ex ministro M5s

(ilfattoquotidiano.it) – Cancellare la riforma della prescrizione introdotta nel 2019 dalla cosiddetta legge Spazzacorrotti, che blocca il decorso del termine dopo la sentenza di primo grado. L’ennesimo assalto alla normativa voluta dall’ex ministro della Giustizia M5s Alfonso Bonafede arriva da un ordine del giorno di Azione-Italia viva al decreto Rave in discussione alla Camera, che impegna il governo “a predisporre, con una rivisitazione organica, il ripristino della disciplina della prescrizione sostanziale in tutti i gradi di giudizio, rimuovendo le criticità derivanti dalla legge 3/2019″, cioè appunto la Spazzacorrotti. Il primo firmatario è Enrico Costa, vicesegretario di Azione, noto per le sue posizioni iper-garantiste e attuale presidente della Giunta per le autorizzazioni di Montecitorio. Ma l’atto porta le firme di tutti i deputati del gruppo di Renzi e Calenda. E a quanto riferisce Repubblica, sul testo c’è l’ok del governo tramite il sottosegretario alla Giustizia Andrea Ostellari, della Lega: fonti di maggioranza riferiscono all’Ansa che è plausibile pensare che l’odg possa essere accolto con parere favorevole. “Se passa è un grande risultato”, scrive Costa su Twitter.

L’effetto della norma Bonafede in realtà è già stato quasi neutralizzato dalla riforma del processo penale varata dalla sua successora in via Arenula, Marta Cartabia, che ha introdotto il meccanismo dell’improcedibilità: anche se la prescrizione sostanziale (cioè l’estinzione del reato) non esiste più dopo la sentenza di primo grado, il processo “muore” comunque se non si conclude entro due anni in Appello e un anno in Cassazione (con alcune eccezioni per i fascicoli particolarmente complessi). L’approvazione dell’odg non avrebbe effetti immediati, trattandosi di un atto di indirizzo. Sarebbe però l’ennesimo segnale dell’intenzione del governo di smantellare tutte le previsioni più importanti della legge anticorruzione, dopo la restituzione dei benefici penitenziari ai condannati per reati contro la p.a. (approvata con un emendamento allo stesso dl Rave) e al disegno di legge per impedire di far ricorso alle intercettazioni mediante trojan nelle indagini su quegli stessi reati.

Nel testo dell’odg, Costa ricorda che “la riforma Cartabia non ha modificato il principio di sospensione della prescrizione sostanziale dopo la sentenza di primo grado fissato dalla riforma Bonafede, configurando piuttosto un’ipotesi di improcedibilità in appello”. E quindi, sostiene, “pur dovendosi apprezzare la scelta di ovviare alle macroscopiche criticità derivanti dalla Spazzacorrotti, non può non rilevarsi la necessità di ripristinare definitivamente la disciplina sulla prescrizione in un quadro di coerenza sistematica; l’allungamento dei tempi processuali”, aggiunge, “non solo collide con gli obiettivi del Pnrr che, al contrario, ne impongono una significativa riduzione, ma si pone altresì in aperto contrasto con i princìpi costituzionali di presunzione d’innocenza, funzione rieducativa della pena e ragionevole durata del processo”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

4 replies

  1. La serpe in seno continua a colpire !!lo avete votato e voluto e adesso vi si inc astra tutti dal.primo all ultimo ! Aveva cominciato con l amico Letta .. il terminator non ha ancora finito il suo sporco lavoro , ha tanti slla sua lista e ne rimarra solo uno !

    Piace a 1 persona