Le colpe condivise Macron-Meloni

È ormai menzognero parlare di problemi della migrazione. La crisi, enorme e mentale, è dell’Unione europea su quasi tutti i fronti: profughi ed energia, povertà, guerra e pace. È stupefacente lo sdegno che continua a suscitare a Parigi la politica di Meloni sui migranti, nonostante le mediazioni di Mattarella […]

(DI BARBARA SPINELLI – Il Fatto Quotidiano) – È stupefacente lo sdegno che continua a suscitare a Parigi la politica di Meloni sui migranti, nonostante le mediazioni di Mattarella. Non perché il governo italiano sia impeccabile, quando giustifica lo sbarco selettivo dei migranti per poi accettare – molto di malavoglia – il giudizio dei medici che consigliano di sbarcarli tutti.

Non perché sia fondata l’ennesima messa sotto accusa delle Ong che con le loro navi soccorrono i naufraghi in nome di leggi del mare che le destre esecrano (sono leggi “totalmente anacronistiche” e “trasformano il Mediterraneo in Far West”, pontifica la senatrice Bongiorno). Ma perché non c’è un solo Paese in Europa che sulla migrazione stia a posto con la coscienza, e perché i governi francesi in particolare sono affetti dal sovranismo che denunciano, se è vero che dagli attentati del Bataclan nel 2015 tengono chiuse le frontiere, sospendendo a tempo indeterminato gli accordi Schengen e impedendo la libera circolazione degli uomini che l’Unione pretende di garantire.

Buona parte dell’Unione – e non solo Polonia e Ungheria ma anche Francia, Italia, Spagna, Malta – viola sistematicamente le leggi che impongono l’esame accurato delle domande di asilo o il soccorso in mare, e da anni è sorda agli appelli dell’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati (Unhcr) perché siano evitati respingimenti in Paesi denominati insicuri, tra cui la Libia. Non è Meloni ma sono stati il governo Gentiloni e il ministro dell’Interno Minniti (Pd) a ignorare le messe in guardia dell’Onu e a stipulare nel febbraio del 2017 un memorandum con le fatiscenti autorità libiche perché i fuggitivi venissero bloccati prima di arrivare in Italia. A tal scopo Italia e Commissione Ue finanziano guardie costiere libiche che spesso sono trafficanti travestiti o perfino guardiani dei campi di detenzione.

Non solo: quando il governo Letta inaugurò Mare Nostrum, l’operazione di salvataggio che nel 2013-2014 salvò 100.000 naufraghi, l’Unione negò la proposta di “europeizzare” l’iniziativa, cui aveva partecipato solo la Slovenia e che dovette chiudere battenti dopo un anno per mancanza di risorse.

In assenza di simili operazioni statali e di vie legali di fuga prosperano per forza di cose i trafficanti. Fu allora che le navi delle Ong cominciarono a solcare il mare (dove fra il 2014 e oggi sono morte 25.000 persone).

Non per ultima va menzionata Frontex, la potente agenzia dell’Unione europea che controlla i confini europei. Accusato d’aver permesso violenti e illegali respingimenti collettivi nelle acque greche, il presidente Fabrice Leggeri si è dovuto dimettere nell’aprile scorso.

La stampa scritta e parlata, non solo in Italia, ripete che Giorgia Meloni viola le regole europee. Ma quali regole? Le regole ci sono, la legalità e la solidarietà tra Paesi Ue sono iscritte nei Trattati e nella Carta dei Diritti, ma da tempo sono aggirate. Al massimo, quando si approvano direttive o regolamenti europei per respingere più rapidamente i richiedenti asilo, si aggiunge ai paragrafi l’ipocrita appendice: “…nel rispetto dei diritti umani”.

I fuggitivi ucraini sono accolti a braccia aperte, ma non i siriani, gli afghani, i libici, gli iracheni che scappano da Stati falliti in seguito a guerre di regime change da noi scatenate. E non è perché le accuse a Parigi vengono formulate da Salvini che i respingimenti in Italia di centinaia di persone scappate in Francia sono meno scandalosi.

Solo per un breve intervallo, nel 2015, Angela Merkel aprì le porte a un milione di richiedenti asilo siriani. Ma ricevette una tale marea di critiche nel suo stesso partito che dovette presto richiuderle. Il Cancelliere promosse a quel punto un accordo con la Turchia, perché tenesse in casa i fuggitivi verso la Grecia (soprattutto siriani) in cambio di 6 miliardi di euro, e nessuno si scompose quando Erdogan li rispediva in Siria o Afghanistan.

È a partire dall’accordo Ue-Turchia e dal memorandum italo-libico che la politica europea d’asilo viene “esternalizzata” metodicamente verso i Paesi di provenienza o di transito, per meglio deresponsabilizzarci giuridicamente: specialmente verso Tripoli, dove i migranti, spesso riacciuffati con le armi, son maltrattati e non di rado uccisi in centri chiamati dall’Onu “campi di concentramento”. Non è la destra estrema ad aver inventato l’aiuto dei migranti “in casa loro”, anche se la casa è in fiamme o a pezzi.

La Francia di Emmanuel Macron (e del suo predecessore socialista) è all’avanguardia in questa strategia. Le sue frontiere sono blindate sia a Ventimiglia, sia ai confini con la Spagna, sia nel Nord a Calais, dove i migranti in fuga verso l’Inghilterra sono stipati dagli anni Novanta in tendopoli infami (la cosiddetta “giungla”, più volte sgomberata e poi ricostituita).

Il 24 novembre 2021, 27 migranti sono morti mentre traversavano su un canotto la Manica. Un’accurata inchiesta di Le Monde, il 13 novembre scorso, ha rivelato le condizioni di quel disastro: prima di annegare i migranti lanciarono ripetute chiamate di soccorso, per tre ore, ricevendo agghiaccianti risposte dalle autorità marittime francesi (“Mandateci la geolocalizzazione col telefonino!”, “rivolgetevi agli inglesi!”).

Con tono sprezzante, il portavoce del governo, Olivier Véran, ha definito il rifiuto italiano di accogliere la nave francese Ocean Viking con 234 migranti “inaccettabile, unilaterale, inefficace e ingiusto”, concludendo che “Meloni è la grande perdente in questa situazione”. E certo, Meloni è perdente: anche se non è chiaro quel che Macron le ha promesso o non promesso a proposito dell’accoglienza in Francia della nave. Ma non meno perdente è Macron, che in giugno promosse un accordo di ricollocamento dei migranti giunti in Italia, quando era presidente di turno Ue, e ora per ritorsione rifiuta di accogliere la propria quota (3.500 persone) pregando inutilmente la Germania di fare lo stesso.

Macron è un presidente debole, senza maggioranza parlamentare, dipendente dal voto di una destra sempre più complice dell’estrema destra. La “patria dei diritti umani” traballa.

Quanto ai richiedenti asilo di Ocean Viking, che prima dovevano salpare verso Marsiglia e sono ora a Tolone, difficile definire civile il loro trattamento. Le persone sbarcate restano chiuse in “zone di attesa” dove il diritto francese e quello internazionale sono sospesi, controllate da 200 gendarmi armati. Impossibile in queste condizioni far domanda d’asilo con tutte le regole.

Non hanno incontrato difficoltà simili i profughi ucraini, e dunque esiste la capacità di organizzare gli arrivi e conferire lo statuto di profughi a chi evade da guerre o fame. Oppure gli ucraini sono più meritevoli, perché vantano le “radici giudaico-cristiane dell’Europa”, come si dice nel partito della Meloni? Se così stanno le cose è menzognero parlare di crisi della migrazione. La crisi, enorme e mentale, è dell’Europa su quasi tutti i fronti: migrazione e energia, povertà, guerra e pace. Per il momento, la parentesi solidale del debito comune e del Recovery ottenuta dal governo Conte si chiude.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

2 replies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...