La ritirata russa da Kherson non prelude la pace

(Maurizio Vezzosi – lafionda.org) – A monte della ritirata russa da Kherson c’è una decisione di peso, sotto il profilo militare e politico. Abbandonare il capoluogo di una regione poche settimane dopo averne ratificato l’ingresso nella Federazione Russa non è certo il massimo, nonostante le rassicurazioni del Cremlino che hanno rimarcato di considerare Kherson territorio russo. La ritirata rischia di fomentare le posizioni ucraine più oltranziste, anziché le posizioni più propense al dialogo, già fortemente marginalizzate e represse. Da un punto di vista simbolico e comunicativo, la ritirata russa da Kherson si presta inoltre al tentativo di dare contezza della presunta debolezza militare di Mosca.

Non va dimenticato che le ritirate ed i riposizionamenti fanno parte delle guerre di lunga durata, come quella che si sta combattendo in Ucraina. Vengono in mente la ritirata di Slavijansk e quella di Mariupol del 2014, nei primi mesi della guerra d’Ucraina, quando le forze di Donetsk abbandonarono le due città senza combattere. Senza l’accordo che nel 2014 riconsegnò Mariupol all’esercito ucraino Mosca ne avrebbe avuto il controllo – indiretto o diretto – senza dover cominciare, otto anni dopo, una battaglia di due mesi costata migliaia di vittime.

Paradossi della politica, e della guerra.

Sul piano militare, la ritirata di Kherson ha probabilmente evitato un massacro che forse non avrebbe cambiato il risultato nel breve periodo: vista la sua peculiare collocazione, la città sarebbe stata infatti molto difficilmente difendibile dalle forze russe di fronte ad un’offensiva ucraina su larga scala come quella che sembrava pronta a cominciare.

Da rilevare è anche l’appoggio alla decisione di Mosca esplicitato in questo caso anche da figure solitamente poco inclini al dialogo politico, come Evgenij Prigozhin e Ramzan Kadyrov: entrambi avevano portato critiche durissime verso i vertici militari russi dopo la ritirata da Izyum,

Da parte russa risulta evidente la volontà di evitare una nuova Mariupol – guerra urbana – e di scongiurare perdite ingenti sia tra i civili che tra i propri militari. Considerando le informazioni diffuse dalle fonti ucraine, a Kherson le operazioni di rastrellamento e di repressione non hanno tardato a cominciare nei confronti di chiunque, a torto o ragione, venga tacciato di aver collaborato con le forze russe, o anche solo di aver espresso una qualche simpatia nei confronti di queste. A velocizzare queste operazioni ci sono liste pubbliche corredate di fotografie e dati personali delle persone accusate di essere nemiche della compagine politica ucraina.

Poche ore prima che la ritirata venisse ufficializzata dal Ministero della Difesa russo, Kirill Stremousov, sanguigno vicecapo dell’amministrazione regionale – russa – di Kherson, è morto in un incidente d’auto. Questa almeno la versione ufficiale dell’accaduto. Negli ultimi giorni Kirill Stremousov aveva annunciato che da Kherson sarebbero partite a breve le operazioni per la conquista di Nikolaev e di Odessa, mentre in occasione della ritirata di Izyum dello scorso settembre aveva suggerito alle alte sfere della difesa russa di “spararsi in testa”.

Il controllo ucraino su Kherson rende per il momento impossibili alle forze russe manovre terrestri da oriente verso Nikolaev e Odessa. Non preclude, però, la prosecuzione dell’utilizzo dell’artiglieria a lungo raggio, della flotta e dell’aviazione, o una combinazione di queste. Il controllo ucraino su Kherson aumenta in modo rilevante l’esposizione al tiro della fascia meridionale sotto controllo russo – Melitopol, Berdiansk,  ecc –  e della Crimea: restano sconosciute, al momento, le contromisure che Mosca intenderà assumere.

Il fatto che la scelta del ritiro da Kherson sia stata mossa anche da motivazioni politiche sembra evidente: l’obiettivo quello di favorire un’intesa con gli Stati Uniti almeno sulla ripresa a pieno del trattato New START, di cui si dovrebbe discutere a Il Cairo tra qualche settimana. A conferma di questa ipotesi ci sono alcuni elementi, come la rinuncia alla possibilità di bandire i metalli russi dal banco di Londra (LBM), la ripresa delle forniture destinate alla Federazione russa da parte di alcune importanti aziende dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti, il rifiuto statunitense – momentaneo –  di fornire all’Ucraina alcune tecnologie militari particolarmente avanzate – come i droni l’MQ-1C –, la decisione statunitense di sospendere le sanzioni economiche nei confronti delle missioni diplomatiche russe. Quella forse in divenire è dunque un’intesa relativa tra Washington e Mosca, le cui avvisaglie si scorgevano già durante la scorsa estate: rispetto a questa intesa in divenire dovranno essere considerati anche gli effetti relativi alle elezioni statunitensi di medio termine. Il fattore interno di maggior rilievo appare tuttavia costituito dalle divergenze tra parte dei vertici militari e politici statunitensi sul tema della guerra in Ucraina. Almeno una parte dei militari statunitensi sembra spingere per la trattativa – su tutti, il Generale Mark Milley  – mentre nel complesso i vertici politici statunitensi non sembrano affatto voler imporre all’Ucraina un accordo con Mosca. A conferma di ciò, ci sono le dichiarazioni del Segretario di Stato Antony Blinken.

Se gli Stati Uniti nel loro complesso desiderassero la pace in Europa non esiterebbero un istante ad imporla all’attuale compagine ucraina, facendo il possibile per mettere da parte qualunque eventuale ostacolo.

In molte aree d’Europa, insieme alle proteste contro l’invio di armi in Ucraina ed il carovita, continua intanto a crescere la distanza tra popoli ed istituzioni, non di rado incapaci di gestire adeguatamente le istanze del presente e persino di immaginare quelle del futuro prossimo.

Nel frattempo, seppur in sordina, sul fronte di Donetsk gli avanzamenti delle forze russe proseguono lenti, ma costanti. Ancora una volta il tempo gioca a favore di Mosca: dilatandolo, Mosca potrà infatti rendere operativi migliaia di uomini – mobilitati e volontari – attualmente in addestramento, migliorare la propria logistica e dislocare sul nuovi equipaggiamenti. Facendo soprattutto forza sui problemi energetici dell’Europa occidentale e dell’Ucraina acuiti dal periodo invernale, e sulle inevitabili conseguenze politiche di questi. Ben poco fa insomma assomigliare la ritirata di Kherson e l’accenno di dialogo russo-statunitense al preludio della pace.

Categorie:Cronaca, Mondo, Politica

Tagged as: , , , ,

5 replies

  1. Vezzosi è uno che ci capisce, di quelli che nel donbass ci sono dal primo momento e anche uno dei pochi che puo’ essere amesso come embedded dei russi, quindi rischia di dire come stanno realmente le cose, insomma non è Cremonesi del Corriere (prestato alla Merlino) che l’altro giorno esultava per il ritiro dei russi come se avesse vinto il campionato la dinamo kiev

    Piace a 3 people

  2. La Russia ha chiarito la sua posizione perfettamente affermando che Kherson è una città russa.

    La forza incredibile della propaganda secondo me è dimostrata dal fatto che ci sono persone che pensano che l’Ucraina stia vincendo.
    Potrei capire che succeda in Ucraina, dove le opposizioni sono fuorilegge e chi dice qualcosa di realistico viene letteralmente liquidato, ma mi stupisce che possano esserci in occidente persone (intelligenti, perchè i non intelligenti sono in capaci di credere a tutto) che possano crederlo …

    Piace a 1 persona

  3. Tranquilli che il pagliaccio deve aver ricevuto ordini da Bidè.
    È andato in tenuta militare, da set cinematografico (si è tolto persino le snickers), a Kherson, a fare lo sborone, ma “lanciando” l’idea della PACE!
    Buffone.
    Come se credessimo ad una iniziativa sua.

    Ps giuro che ho scritto Biden, ma è uscito Bidè DA SOLO. Brava, la mia tastiera yankee, che sa di cosa parla…

    "Mi piace"

  4. Ho letto l’articolo.
    Condivido tutto e ne apprezzo l’autore, che sembra sapere molto bene di cosa parla.
    In particolare:
    “Da parte russa risulta evidente la volontà di evitare una nuova Mariupol – guerra urbana – e di SCONGIURARE PERDITE INGENTI sia tra i CIVILI che tra i PROPRI MILITARI.
    Considerando le informazioni diffuse dalle fonti ucraine, a Kherson le operazioni di RASTRELLAMENTO e di REPRESSIONE non hanno tardato a cominciare nei confronti di CHIUNQUE, a torto o ragione, venga tacciato di aver COLLABORATO con le forze RUSSE, o anche SOLO di aver ESPRESSO una qualche SIMPATIA nei confronti di queste (non ricorda Bucha? – ndr) A VELOCIZZARE queste operazioni ci sono LISTE PUBBLICHE corredate di FOTOGRAFIE e DATI PERSONALI delle persone accusate di essere nemiche della compagine politica ucraina.”
    Questo, tanto per sottolineare quanto già CHIARO, in tutti questi mesi, a chi non si beveva le menzogne spacciate dai nostri cari media.
    Solo la conclusione non mi trova d’accordo, infatti, come dicevo nel commento precedente, se il burattino sta improvvisamente battendo i tacchi, avendo evidentemente ricevuto ordini USA, qualche SPERANZA di trattativa c’è. 🏳️‍🌈
    🙏🏻🙏🏻🙏🏻

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...