Capriole e battaglie navali: il ministro-alga azzeccato al potere

Dagli anni bolognesi del “Cinzia gate” ai decreti anti-Ong per il Salvini del Papeete, fino alla retromarcia tutta “accoglienza” per Lamorgese. Con un’unica corrente: la sua. Il prefetto di prima classe Matteo Piantedosi, neo ministro dell’Interno, non è un carico residuale. Viene dallo Stato profondo, quello che a occhio nudo […]

(DI PINO CORRIAS – Il Fatto Quotidiano) – Il prefetto di prima classe Matteo Piantedosi, neo ministro dell’Interno, non è un carico residuale. Viene dallo Stato profondo, quello che a occhio nudo non si vede, ma dondola nella corrente come fanno le alghe, docili solo in apparenza, in realtà ben radicate ai coralli che si affacciano sugli abissi del potere.

È stato lo scudiero di tre ministri dell’Interno, Annamaria Cancellieri ai tempi del governo Monti. Di Luciana Lamorgese, durante l’esecutivo Draghi. Ma specialmente di Matteo Salvini, anni 2018-19, che lo nominò suo capo di gabinetto con funzioni di portierato visto che il ministro al Viminale non ci metteva piede, aveva sempre altro da fare, 210 comizi in giro per l’Italia, a collezionare felpe della polizia, degli indiani e dei cowboy, e spassarsela con il suo amico Luca Morisi, che gli organizzava 1500 selfie al giorno con la Bestia, ma finì sbranato da un paio di rumeni gigolò nel suo ultimo giorno di vita pubblica, il triste Ferragosto del 2021.

L’ultima mareggiata elettorale ha portato il sempre silente Piantedosi sulle spiagge del governo. Il più a destra della nostra storia. Indossando per la prima volta i panni politici stesi tra il Viminale e l’Italia sottostante, presidio d’ordine sul disordine. Sebbene la fretta dell’esordio – prendendo per la prima volta e sventuratamente la parola – gli abbia fatto fare l’esatto contrario, fabbricando disordine dove non c’era. In primo luogo con il decreto legge anti rave, scritto con così tanti piedi da dimenticarsi la parola “rave” nell’intero inchiostro legislativo, finendo per minacciare con 6 anni di galera ogni assembramento che raccolga più di cinquanta disgraziati, fosse anche per una festa di laurea, purché i partecipanti vengano sorpresi in un capannone, da lui personalmente, nella nascente Nazione Meloni.

In secondo luogo, con la sconclusionata battaglia navale nel Canale di Sicilia, dove il ministro e i suoi due cavalieri d’apocalisse il Tajani monarchico e di nuovo il Salvini bimbo, non giocavano con i bottoni, e nemmeno con i tonni in transito, ma con uomini, donne e bambini in carne e stracci, imbracciando il notevole puntiglio di difendere “i sacri confini della Patria”, senza neanche immaginare quanto risultasse blasfemo spendere la sofferenza altrui per incassare due spiccioli a testa da giocarsi al videogioco dei sondaggi. Sapendo, per di più, che era la finzione di una minaccia a muovere la propaganda, un solo migrante e mezzo ogni dieci arriva sulle navi delle Ong, l’unica cosa vera era il supplemento di agonia da infliggere ai malcapitati, per poi dire: “Non verremo mai meno ai doveri d’umanità”. Che è la piccola perfidia addolcita di buonismo, con cui il funzionario intagliato nel legno burocratico, dissimula il suo potere in un sorriso. A cui segue la minaccia da legge razziale: “Consentiremo solo lo sbarco selettivo”.

Così per una manciata di giorni (e notti) prima di rimangiarsi tutto. Com’era ovvio. E accendere niente di meno che una guerra diplomatica con la Francia, una volta spedita la Ocean Viking a Tolone, assediata da altrettanti sovranisti permalosi: “Basta accordi con l’Italia!”. E se non bastasse, generare il massimo discredito agli occhi delle altre cancellerie d’Europa che incidentalmente ci stanno foderando le coperte di miliardi di euro per affrontare il peggiore inverno del nostro scontento.

Sempre orgoglioso di dichiararsi “servitore dello Stato” è il nostro Piantedosi, classe 1963, napoletano, ma avellinese d’adozione, laurea in Giurisprudenza, una moglie, due figlie. Indossa vestiti su misura e vocabolario da foglio di via, usando per esempio “fattispecie penale” invece di reato, “interlocuzione quotidiana”, invece di parlarsi, “attenzionare”, invece di allertare. Lo appassiona l’Avellino Calcio e la buonanima di Fiorentino Sullo, democristiano d’altro secolo, che fu cinque volte ministro, l’esordio nel disgraziato governo Tambroni, anno 1960, versione etrusca dell’attuale, finito malissimo.

Lui comincia la carriera d’alto rango da prefetto di Lodi, città celebre per latte, foraggi e fuoriserie. Passa a Bologna, dove è appena scoppiato il celebre “Cinzia–gate”, protagonista Flavio Del Bono, il sindaco dal cuore fragile, che offriva cene, alberghi e altre sentimentali utilità alla sua segretaria, come accade nei racconti di Piero Chiara.

Piantedosi ci arriva nei panni di personaggio secondario, qualifica di sub commissario del commissario Annamaria Cancellieri che se lo porterà al Viminale – “è uno bravo che mi risolve problemi e non me ne aggiunge” – per poi nominarlo vice capo della polizia. Lì resta, fino all’incontro fatale, spalla a spalla con Salvini ministro, scrivendogli tutti i decreti sicurezza non solo per tormentare le navi delle Ong – “i taxi del mare” – ma persino quelle della Guardia di Finanza, la Diciotti e la Gregoretti, inventandosi il pericolo di terroristi islamici imbarcati tra i clandestini. Pericolo nato direttamente sulle sponde dei Mojito che il capo ingurgita al Papeete. E che Piantedosi asseconda. Salvo derubricare la bugia – durante il processo a Catania per “sequestro di migranti” – nel consueto ho solo obbedito a un ordine, anche se detto più confusamente: “Mi sono preoccupato di concretizzare la volontà politica del ministro”.

Ma una volta che Conte silura il Salvini dei pieni poteri, Piantedosi si adegua, senza fare una piega, al ministro successivo, la signora Lamorgese, che vuole i decreti sicurezza scritti al contrario. E, oplà, ecco la capriola, bastando sostituire la parola “fermezza”, con “accoglienza”. Per poi incassare la nomina a prefetto di Roma, settembre 2020 – “mai e poi mai mi vedrete scendere in politica”, diceva – proprio mentre la capitale alleva rifiuti e cinghiali, festeggia in piazza la nazionale italiana campione d’Europa, ma specialmente il Covid, nel maxi-assembramento del centro storico, assiste all’assalto dei neofascisti di Forza Nuova e degli svalvolati No-Vax alla sede della Cgil, che fu premeditato per tutti, tranne che per la prefettura.

Corallo dopo corallo, eccolo in cima. Oggi guerreggia nientemeno che con Macron. Ma farà pace al primo ordine contrario: lui concretizza la volontà politica, nient’altro. E se un giorno dovrà scegliere tra Meloni e Salvini, l’alga Piantedosi finirà sempre per piegarsi da una parte sola. Quella della corrente, la sua.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

7 replies

  1. Piantedosi mi ricorda il personaggio di Volonté nel film indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto,stendiamo un velo pietoso sul giornalista del fatto che scrive “svalvolati no vax”

    "Mi piace"

    • 😁👏 Effettivamente nell’occasione ha svalvolato lui, e alla grande, dato che non c’entrava una beneamata min…

      "Mi piace"

  2. Uno nato come funzionario di stato, guardate la faccia che ha.

    Sono loro il vero potere che non passa mai.

    Comunque, con quel cognome sembra più un pusher.

    "Mi piace"