Il Covid meloniano è più contagioso di quello di Draghi

Il governo ha cambiato le regole per il contenimento del Covid. Breve recap: il 29 ottobre è stato l’ultimo giorno in cui il bollettino dei casi di Covid è stato diffuso quotidianamente, d’ora poi sarà settimanale; le sanzioni comminate ai non vaccinati over 50 che non si erano immunizzati entro il 15 giugno saranno […]

(di Silvia Truzzi – Il Fatto Quotidiano) – Il governo ha cambiato le regole per il contenimento del Covid. Breve recap: il 29 ottobre è stato l’ultimo giorno in cui il bollettino dei casi di Covid è stato diffuso quotidianamente, d’ora poi sarà settimanale; le sanzioni comminate ai non vaccinati over 50 che non si erano immunizzati entro il 15 giugno saranno congelate fino all’estate 2023; last but not least, con un paio di mesi di anticipo rispetto alla scadenza del 31 dicembre, cessa l’obbligo di vaccinazione per il personale sanitario, che sarà reintegrato (circa 3.400 persone). Dove e come lo decideranno le Regioni e le direzioni sanitarie: la Puglia per esempio ha fatto sapere che, secondo la legge regionale, il personale non vaccinato (non solo contro il Covid) non può stare a contatto con i pazienti e così continuerà a essere.

Il pacchetto di regole sopracitate ha fatto imbestialire un mucchio di persone, o almeno molti di quelli che hanno diritto di parola nel cosiddetto dibattito pubblico. L’intervento più criticato è il reintegro dei sanitari che metterebbero a rischio la vita dei pazienti fragili. Ci era parso di capire che le affermazioni dell’ex presidente del Consiglio Draghi (“Il green pass dà la garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose”, luglio 2021) fossero state smentite dai fatti e pure dai provvedimenti dello stesso governo Draghi, che da un certo punto in poi ha lasciato che l’epidemia circolasse, rinunciando a quasi tutte le restrizioni e le prescrizioni. E questo anche durante l’ondata estiva. Una scelta che però non ha suscitato indignati editoriali: il Covid è stato per mesi relegato a pagina mille dei quotidiani, quando una pagina c’era, senza strepiti e guerre di religione. Insomma, se l’hanno deciso i Migliori, un motivo ci sarà stato. Anche oggi il virus circola e non affolla i reparti di terapia intensiva, ma qualcosa è cambiato: a Palazzo Chigi ci sono i destri (e, senza dubbio, i destri più beceri). Ecco che i toni sono di nuovo quelli della crociata di due anni fa, il bersaglio è il personale sanitario no vax, che non merita di tornare al lavoro. Le motivazioni sono al limite del comico: reintegrarli sarebbe un atto irrispettoso nei confronti dei vaccinati, i medici no-vax non hanno fiducia nella scienza e dunque non sono affidabili. Come se noi sottoponessimo abitualmente i medici a test d’integrità professionale (“lei mangia la verdura?”, “lei fa il vaccino contro l’influenza? E contro la polmonite virale?”). Una questione morale è evocata su Repubblica da Elena Stancanelli che ieri chiedeva una sorta di lettera scarlatta per il personale sanitario non vaccinato: “Basterà un braccialettino colorato, la cuffia di un altro colore. Un qualsiasi segno di riconoscimento che mi permetta di scegliere di evitarli, così come loro hanno evitato di contribuire al disperato e affannoso tentativo che abbiamo fatto tutti noi per limitare la strage del Covid”. Una misura un tantino discriminante e assai poco rispettosa della Costituzione.

Chiediamoci perché in una società che largamente non è più vaccinata (si è capito che la protezione ha una durata non lunghissima) i medici non vaccinati dovrebbero restare senza lavoro (ce ne fossero in abbondanza, tra l’altro) e senza stipendio. E perché non c’è stata e non c’è la corsa alla quarta e alla quinta dose? Sia come sia, per privare qualcuno di un diritto così fondamentale, il lavoro, da cui discende anche la capacità di sostentamento, dovrebbe quantomeno esserci la certezza che immunizzare se stessi protegge anche gli altri. Certezza scientifica che non c’è. Quel che rimane è un livore vendicativo che si spiega solo con l’incapacità di ammettere che la caccia all’untore degli ultimi due anni ha avuto poco a che fare con la fiducia nella scienza. E moltissimo con la necessità di sentirsi migliori.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

85 replies

  1. Aveva torto Draghi e pure la giornalista.
    Ha centrato tuttavia un punto, che oggi sono tutti scoperti contro il coronavirus perché l’immunizzazione vaccinale dura al massimo 6 mesi.
    Tuttavia durante l’ondata estiva, nonostante i picchi giornalieri di 300 morti, non ho letto alcuna denuncia da parte del FQ, impegnato com’era, Travaglio, a sposare la linea del falsario belpietro sull’inefficacia del vaccino.
    I numeri hanno dimostrato che durante l’estate 2021, in piena campagna vaccinale, si moriva dalle 10 alle 20 volte di meno che nel 2022, quando si è tornati tutti vergini.
    Questo voler tirare le somme precipitosamente, quando ancora non si è presentato il freddo invernale, lo trovo azzardato, in linea con gli auspici complottistici dei NOVAX più che con i dati scientifici.
    Il FQ si sta spostando a destra pur di continuare a parlare male di Draghi?

    "Mi piace"

    • Durante tutta l’estate 2022 non c’è mai stato un picco di 300 decessi giornalieri, che hanno superato quota 200 in sole 3 occasioni.

      "Mi piace"

    • Sì Jolly, lasciamo poi perdere l’immunità naturale, visto che la maggioranza delle persone, anche vaccinate, si è ammalata di covid. Immunità che è molto più robusta e duratura di quella conferita dal vaccino… a voler credere alle copiose pubblicazioni scientifiche sull’argomento!

      "Mi piace"

  2. Semplice battaglia di retroguardia, per entrambi i “fronti”. Da una parte e dall’ altra. E per che cosa? Per due mesi…

    Si vuole continuare a “punire” chi non ha obbedito, amnche se ormai tutto il mondo sa che neppure la fantomatica quarta dose ( contro il virus di 3 anni fa) protegge dalla possibilità di contagiare.
    “Punire” chi non ha obbedito ad una disposizione del tutto arbitraria ( siamo stati gli unici al mondo) che obbligava a un TSO di fatto nonostante persino Pfizer abbia ammesso che il vaccino non immunizzasse, è una prerogativa “fascista” (dato che piace tanto questo termine). Ora con il “liberi tutti” prescritto dai Migliori e le mille occasioni di assembramento pubblici e privati che da mesi e mesi sono state pubblicizzate e incoraggiate, la battaglia per questi due mesi è meramente l’ ennesima occasione di seminare odio.

    Si poteva aspettare? Certamente. Ma ormnai il Covid , come tutto, del resto, è solamente un terreno di scontro tra diversi odiatori. E un modo come un altro per distrarre i cittadini da tutto il resto, guerra compresa. E tutto il resto è tanto…

    Ovviamente, gettato l’ osso, come il cane di Pavlov la saliva si mette in moto: non la discussione, ma il livore.
    Di cosa ci parlano i media? Di geopolitica? Di economia? Di arte? … No, esclusivamente di “retroscena”, di chi ha twittato cosa, di esternazioni estemporanee fatte esclusivamente per un po’ di visibilità in più o per mettere in difficoltà gli alleati di governo. Succedeva prima e succede ora. Ed è sempre più evidente come mai si entri nel merito, ma sia importante, per noi povere pecoralle, il “chi” dice cosa. Se è uno dei “nostri” ha ragione a prescindere.
    Leggendo molti post anche di questo Blog, se venisse nascosto il nome dell’ Autore ed i post fossero anonimi, la natura dei commenti sarebbe molto diversa. Ma si legge il nome e si comincia ad abbaiare… A prescindere.

    Ci siamo vaccinati perchè convinti o costretti: in entrambi i casi sentiamo più o meno vagamente fregati. E siccome siamo stati fregati vorremmo che anche altri lo fossero. E’ semplicemente livore : la responsabilità sociale non ci entra alcunchè. Come i bambini pretendiamo “giustizia” da parte dello Stato Mamma: “Lui non lo ha fatto, puniscilo!”
    Già immagino cosa succederà: le Regioni piddine ( proprio quelle, come la mia, che hanno sempre invocato il “liberi tutti” per ingraziarsi gli infiniti ristoratori) saranno “dure”, quelle di Destra eseguiranno.
    Aspettiamoci mesi (anni?) sempre così: ad ogni iniziativa del Governo, barricate. A prescindere. Ormai abbiamo visto…

    E noi ci azzanneremo per le briciole mentre lassù si continuerà a mangiare – in consorteria – sui fondamentali. E ad eseguire ordini altrui che con il “bene del Paese” avranno ben poco a che fare. Altro che due mesi ai non vaccinati!
    Quindi meglio distrarre con altro… E noi, accuratamente “fertilizzati” , ci scanniamo. A comando.

    "Mi piace"

    • Brava Carolina, se potessi darei 10 e lode a Truzzi e a te, per quanto mi riguarda parafraserei il detto: più conosco gli uomini più amo gli animali.
      Quando ci fu la campagna per il referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari, più ascoltavo i motivi di chi voleva mantenere lo status quo più saliva in me il desiderio di correre a votare per la riduzione. Così ora, più ascolto i (ridicoli) motivi dei sinistri contro il reintegro dei medici non vaccinati (definirli no vax è un modo per renderli meno accettabili) più mi verrebbe voglia al prossimo giro di votare i destri tanta è la nausea che provo verso quelli che invece di portare il dibattito politico sulle cose da fare per il bene del Paese e dei cittadini si affannano a dileggiare un provvedimento che si limita ad eliminare un torto troppo a lungo subito dai sanitari, nel senso di personale che si occupa della sanità, passati nel breve volgere di un mattino da sono i nostri eroi a sono gli untori da tenere lontano.
      Andassero a fan……

      "Mi piace"

    • “Leggendo molti post anche di questo Blog, se venisse nascosto il nome dell’ Autore ed i post fossero anonimi, la natura dei commenti sarebbe molto diversa. Ma si legge il nome e si comincia ad abbaiare… A prescindere.”
      “Ci siamo vaccinati perchè convinti o costretti: in entrambi i casi sentiamo più o meno vagamente fregati. E siccome siamo stati fregati vorremmo che anche altri lo fossero. E’ semplicemente livore: la responsabilità sociale non ci entra alcunchè.”

      In entrambi i casi e a gran voce:
      Carolina, PARLA PER TE.
      Non parteggio a prescindere e non mi sento fregata da alcunché.
      Non rientro, e ne faccio un punto d’onore, in nessuna delle due categorie.
      E ci tengo a non essere “accomunata” agli eventuali componenti, grazie.

      "Mi piace"

      • GATTO mi hai preceduto.
        Carolina non si è riferita a nessuno in particolare.
        Mi sa che rischia di scomparire il pensiero critico e prende il sopravvento il tifo da stadio per cui tutto ciò che viene fatto è bene o male a seconda di chi ne è l’autore.

        "Mi piace"

      • E vedo che insisti col tifo da stadio che forse VI È PROPRIO. (visto che vi piace generalizzare).
        Io ho criticato Travaglio e Conte, se non ero d’accordo e ho messo il like a Feltri, Belpietro e persino Borgonovo se condividevo le loro opinioni.
        Parlate per voi.

        Piace a 1 persona

  3. Il Covid è sempre stato un argomento su cui il FQ si è messo sull’altalena… un po’ di qua e un po’ di là.
    Ma è così fastidioso tendere ad almeno un anno, soprattutto ad un inverno, sperabilmente senza decessi da pandemia?
    Poi c è chi esulta perché solo 3 giorni durante hanno superato i 200 morti.
    Pazzesco.

    "Mi piace"

    • “Poi c è chi esulta perché solo 3 giorni durante hanno superato i 200 morti…”.
      A parte il solito itagliacano, ma è mai possibile, dopo una frequentazione, non dico di mesi, ma anche solo di un giorno, di Infosannio, capire di un commento di J. Dio, quello sostenuto da te?

      E Jonny Dio che va errando in cerca degli “abissi dell’umana miseria”, lo sa di averli in casa, proprio sotto il divano del soggiorno su cui è seduto?

      "Mi piace"

      • Ma farti i czi TUOI senza intervenire A SPROPOSITO ogni volta, pur di infierire su chi ti sta sulle 00, noo?
        Tanto, guarda, stare sulle 00 a te è un grande segno di MERITO.
        Jonny ha parlato del nr dei morti solo per rispondere a Jolly/Jerome a proposito di un dato, non certo per gioirne.
        Visto che sei intervenuto potevi spiegare questo…e aiutare a chiarire, invece di cercare sempre di intorbidire le acque.
        Che essere maligno.

        "Mi piace"

      • Concordo con l’itagliacano, ,purtroppo mi pare tu abbia problemi “superiori” se non hai capito che il commento non deve per forza riferirsi a Jonny D.
        Forse tu stesso eri fra gli esultanti…
        Non lo so e non mi interessa.

        "Mi piace"

      • E’ incredibile quanti voli pindarici si possano costruire sulla pura e semplice precisazione di un freddo dato numerico (peraltro pubblico e verificabile, senza nemmeno bisogno di link).
        Però qua non vedo abissi, ma praterie.

        Piace a 1 persona

  4. Le misure sulla pandemia non sono state solo un gigantesco business ma anche un esperimento su scala mondiale del Grande Capitale per vedere se, con la scusa della sicurezza e la minaccia delle sanzioni, si potevano piegare milioni di persone ad accettare comandi dall’alto addirittura assurdi, creando fanatismi di massa e odi sociali del tutto ingiustificati.
    Se pure il Covid fosse stato una epidemia naturale, i risultati sono stati talmente buoni che occorreva inventarlo.

    "Mi piace"

  5. Visto che è provato che il vaccino dura poco e che dunque ormai è come se fossimo tutti non vaccinati, che senso ha penalizzare i medici non vaccinati e tenerli senza stipendio? Quale è il loro reato? La disubbidienza?

    "Mi piace"

    • Forse perché è uno scienziato che non “crede” alla sua scienza?
      È come un prete che non crede in Dio, ma passa le giornate a fare Messe, un insegnante che non crede alla cultura, ma prende uno stipendio per insegnare (che cosa?), un ingegnere che non crede alla matematica, un poliziotto che non crede all’onestà e organizza rapine, un pompiere che appicca incendi (cit)…

      "Mi piace"

      • Ma la SUA (ahahah) scienza dice anche quello in cui crede lui (persino premi Nobel, non bau bau micio micio, lo confermano), non dice solo quello in cui credi tu e lo zanzarologo di fama parrocchiale, cantore stonato di jingle (com’è scientifico tutto ciò!), ora senatore della Peste Nera, quindi al di fuori di qualsiasi credibilità.

        E’ come un prete che crede in Dio, ma non si piega alle lordure del Concilio Vaticano II, quindi molto meglio di qualsiasi impostore della casa di Cristo!!!

        Sei uno sporco baro noetico (genere maschile, per seguire la linea Meloni)!

        "Mi piace"

      • Quindi il rimbambito plurisconfessato è un premio Nobel di fama mondiale, invece il microbiologo Crisanti, che studia le zanzare come vettore di vari agenti infettivi, è uno zanzarologo, esecrabile come scienziato perché Pd.
        La tua ignoranza è pari solo alla tua arrogante prosopopea del cz.
        E sappi che non fai ridere nessuno con le tue supposte(è il caso di dirlo) battute, bambe come te.
        La linea della TUA Meloni (finalmente ti dichiari, ma non c’era bisogno, sempre pensato che fossi di quelle parti), SEGUILA per TE, bigotto reazionario di m., ché sicuramente consideri Francesco un usurpatore, traditore della Chiesa Cattolica, eh?
        Io sono donna e ne sono fiera, quindi: genere femminile, please.

        "Mi piace"

      • Anail, leggiti un po’ di pubblicazioni scientifiche e così capirai che la scienza non è una questione di fede. La scienza, nel modo in cui viene tirata in ballo, non esiste. Ci sono evidenze, a volte contraddittorie, influenzate dalle metodologie applicate e che non portano mai ad una visione granitica come quella che ci hanno propinato.

        "Mi piace"

      • Non conosci il senso delle virgolette, vedo.
        E probabilmente le “visioni granitiche” le hai viste solo perché TU non hai letto abbastanza pubblicazioni scientifiche, mentre io le ho STUDIATE.
        Prima capite quello che vi interessa capire, poi accusate “la scienza” di essersi espressa male e gli altri di avere visioni fidelistiche che sono esclusivamente proprie di chi “ragionava” come te, prima, e continua a farlo dopo.
        Vedi l’esempio della tizia di Pfizer.
        Prima Pfizer era il Maligno… adesso parla una che VI FA COMODO sentire e diventa la VOCE DI DIO.
        Per me era una multinazionale dei farmaci prima e lo è tuttora.
        Non mi aspetto che faccia beneficenza, né che non abbia approfittato della situazione, ma la comunità scientifica è un’altra storia.
        Siete stati fanatici e chiusi all’epoca, qualsiasi dubbio e cautela gli scienziati usassero, mentre PRETENDEVATE CERTEZZE… e fanatici siete rimasti ora, ché vi sentite delusi e traditi.
        Vi siete traditi da soli, con la vostra ignoranza e la VOSTRA fede.

        Piace a 1 persona

      • “Anail, leggiti un po’ di pubblicazioni scientifiche e così capirai che la scienza non è una questione di fede…”: questo lo sa benissimo caro Davide, meglio di te e me, ma alla signora piace dissimulare quando i Conte non tornano…

        "Mi piace"

      • Per essere precisi, ribadisco per l’ennesima volta per i duri di comprendonio col cervellino liofilizzato, che qualsiasi cosa si dica da questo pulpito di dementi, sia contro o pro a ciò che io ritengo plausibile in merito ai vaccini, a me cale uno zero tondo, tondo.

        L’unica cosa che a me ha sempre importato evidenziare (senza contare i conflitti di interessi grandi come un pachiderma), sono le contraddizioni della medicina che, oltre a essere una “scienza” NON ESATTA, come ad esempio lo può la matematica, non è nemmeno una SCIENZA, ma una TECNICA che dovrebbe rimanere umilmente al posto assegnatole dall’Esistenza, quando ancora si sapesse minimamente cosa l’epistemologia rappresenti.

        Da questo presupposto, ed è questa la vera infamia, nessuno che faccia parte di questo carrozzone di tecnici impazziti, può azzardarsi a parlare di obbligo, costringendo col ricatto coloro che non vogliono piegarsi a seguire di buon grado questa follia, a fare una vita demmerd4!

        Non sono uno di quelli che si accontenterebbero, fra dieci anni, degli eventuali risarcimenti con tante scuse per i funerali (quando non ti mandino direttamente a cac4re, in quanto col consenso informato, sono c4cchi tua…), dopo che nel frattempo è cresciuta la terza gonade sotto l’ascella, come conseguenza degli errori precedentemente commessi (la medicina è stracolma di questi casi), in buona o cattiva fede non importa valutare, da questi pazzi fuori controllo.

        Chi vuole rischiare di fare la fine di Lando tre palle, si accomodi, il sottoscritto che non è un esoso, si accontenterà sempre delle canoniche due!

        "Mi piace"

      • Possibile un medico che non ” crede ” nella scienza ( infatti esistono medici omeopati), impossibile per un ingegnere non “credere” (?) nella matematica: come e con cosa progetterà? Con la grammatica?

        "Mi piace"

      • Il premio Nobel di fama mondiale è stato plurisconfessato facendolo passare per rimbambito dai zanzarologi di fama parrocchiale di turno in conflitto di interessi, ERGO (cit.), ognuno tragga le proprie conclusioni.

        La mia ignoranza è pari solo alla tua attendibilità del cz., cioè: zero! Le mie battute per le quali qualcuno, nonostante tutto, ci spreca ancora una mesta risata, non fanno ridere te e quelli come te, contrariamente sarei assai preoccupato.

        La linea della Meloni, non è punto MIA, in quanto ho dichiarato a più riprese di aver votato altro: vuoi la fonte? Cercatela coj0n4! Ciò che è mio è la soddisfazione di vedervi messi in fila, come auspicavo qui:

        https://infosannio.com/2022/08/09/elezioni-2022-di-battista-no-condizioni-per-mia-candidatura/comment-page-1/

        Quanto agli usurpatori della Chiesa, non è il sottoscritto la fonte, ma le profezie. Capisco anche che per una come te che ha FEDE nel relativo e usa la SCEPSI (parolone!) per l’Assoluto, sia difficile, se non impossibile, crederlo, ma questo è un problema che a me non interessa minimamente: affari tuoi e degli illuminati, meglio: folgorati, tuoi pari!

        PS: tu ti credi una DONNA? Tsé, ben che vada potresti ambire a non essere che una FEMMINA…

        "Mi piace"

      • @Gatto
        La scienza non è scienza perché esatta;
        È scienza perché usa il metodo scientifico (Galileo)
        La differenza sta nel elaborazione del risultato; se la matematica scarta tutto quello che non è corretto(semplificazione non troppo pertinente).
        Invece Le scienze applicate,tra cui medicina e ingegneria, usano “un approccio sistematico”nel elaborazione dei risultati:il cosiddetto costi benefici. Senza questa approccio non esisterebbe nessun farmaco (anche l’effetto del aspirina non è replicabile sull’ intera popolazione mondiale).
        E nessun ponte e galleria sarebbe mai stata fatto; non vi è certezza che un ponte stia in piedi anche se fatto a regola d’arte e seguendo pedissequamente le leggi della fisica.(lasciamo stare il Morandi crollato per cause differenti).
        La medicina è una scienza applicata,è scienza.

        Piace a 2 people

      • Quando andavo a scuola io, le “applicazioni” erano seguite dall’aggettivo “tecniche”. Dire che è una scienza applicata è come dire che non è una scienza.

        A te che piace tanto l’induismo e quindi una visone tradizionale dell’esistenza, dovresti sapere che si distingue tra Vêdânga e Upavêda, le prime essendo vere scienze anche se inferiori al Vêdâ e le seconde che sono applicazioni pratiche sempre del Vêdâ.

        “Oltre i Vêdânga occorre ricordare gli Upavêda, parola che indica conoscenze di ordine inferiore ma che tuttavia si fondano su basi rigorosamente tradizionali; l’ordine a cui queste conoscenze si riferiscono è quello delle applicazioni pratiche. Ci sono quattro Upavêda, che sono collegati ai quattro Vêda in quanto vi trovano i loro rispettivi principi: Ayur-Vêda è la medicina, riferita così al Rig-Vêda; Dhanur-Vêda, la scienza militare riferita al Yajur-Vêda; Gândharva-Vêda, la musica, riferita al Sâma-Vêda; Sthâpatya-Vêda, la meccanica e l’architettura, riferite all’Atharva-Vêda.”,

        suddivisione sempre mantenuta anche nel mondo profano, finché non sono giunti i fenomeni alla Burioni a far man bassa di tutto.

        "Mi piace"

      • @Gatto
        La “scienza” nasce nei primi anni del 600 con Galileo. Punto.
        Tutto quello che succede prima non è scienza.Punto.
        Tutto quello che segue il metodo Galileiano.è scienza.
        Se non ci sono nemmeno le basi è meglio non iniziare la discussione. Saluti

        Ps: mi scuso con Anail per l’intrusione

        Piace a 2 people

      • Scusandomi per correttezza con Brezza (anche se non lo vorrei, perché potrebbe suonare ipocrita)…

        “È scienza perché usa il metodo scientifico (Galileo)…”: perdinci!

        E tu ambiresti a essere un filosofo anche? Il metodo galileiano, analitico-induttivo è la causa della scomparsa della vera scienza, quest’ultima in Occidente, avendo avuto il più famoso teorizzatore in Aristotele. Scienza che è sempre stata e sempre sarà sintetico-deduttiva (già ne parlammo a suo tempo), epperò esatta, certa, inequivocabile, più della stessa matematica.

        Un danno esiziale per l’umanità che ha visto preclusa la vera conoscenza per il tramite dell’intuizione intellettuale, sostituita dall’unico imperfetto mezzo rimastole a disposizione: la ragione. Un bel salto evolutivo dalla Gnosi alla Dianoia: complimenti!

        Non confido tu capisca la reale portata di ciò, perché, mi spiace constatarlo, nonostante le conoscenze che dici (sarebbe meglio dire: pensi) di avere, non differisci affatto da uno che non si interessa punto di queste “astruserie malate”, le chiamerebbe, perciò mi fermo qui e non replicherò.

        Senza rancore né celia.

        "Mi piace"

  6. Per quelli che il FQ qui il FQ là, il FQ si sta spostando e altre amenità del genere, evidentemente non lo leggono, altrinenti dovrebbero sapere che il Fatto Quotidiano è un giornale che dà spazio e voce a tutte le opinioni purchè espresse in modo civile e senza offendere gli altri che scrivono sullo stesso giornale.

    "Mi piace"

  7. Un braccialetto… e perché non invece una bella maglietta, con su scritto “I ♥️Gandalf”?
    Farebbe piacere a entrambi 😄

    "Mi piace"

  8. A questo punto ( due mesi!) non si tratta, con ogni evidenza, di distribuire torti o ragioni. È semplicemente una guerra di posizionamento, e si mettono in moto i guastatori.

    "Mi piace"

  9. Quante scemenze ho letto su questo post.
    Ieri sono andato al cimitero per l a ricorrenza… ebbene mi sono meravigliato dei morti freschi-freschi…non ne avevo visti così tanti da due anni.
    Mi sono chiesto vuoi vedere che è causa della pandemia?Ho guardato l’età dei defunti …. erano tutti sui 70 anni e oltre ….
    Intanto il governo per non allarmare presenta il conto settimanale e non più giornaliero.
    Mi è ritornato alla mente quando ero fanciullo e dovevo andare all’Ufficio di igiene per le vaccinazioni altrimenti non entravo a scuola…quindi allora violentarono la mia libertà e quella dei miei genitori?
    Ma piantatela… il profitto delle società… e che azz… ma quando andate a comprare le aspirine o il farmaco contro la diarrea non ve lo ponete il problema?
    A monte del farmaco c’è la ricerca…si ricerca , questa si che è penalizzata dallo stato e data in mano ai privati e questo è IL GROSSO PROBLEMA, ma su questo si tace…..!

    Piace a 1 persona

  10. L’ho detto e lo ripeto. Mi sono vaccinato ( ho fatto le 3 dosi….poi basta) per responsabilità civica, senso di appartenenza ad una Comunità umana, in quanto vaccinandoci limitavamo le complicanze della malattia ( poco il contagio) e salvaguardavamo le strutture ospedaliere che rischiavano il collasso. Pur convinto che questi vaccini, preparati in fretta e furia, non fossero particolarmente efficaci. Ho ritenuto il Green Pass necessario per indurre alla vaccinazione più persone, ma ho sempre contestato l’obbligo di Green Pass per lavorare. Una cosa è penalizzare il non vaccinato impedendogli di andare a teatro, cinema, ristorante, una cosa è lasciarlo senza stipendio. Ora che la Pandemia è all’epilogo ( mediamente una Pandemia dura 2 anni) mi sembra logico riportare alla normalità il Paese. Basta scontri ideologici. Per “l’amica” Anail: un medico che non sostiene le vaccinazioni, e in particolare contesta questo vaccino antiCovid, non è equiparabile ad un Prete che non crede in Dio o ad un ingegnere che non crede nella Matematica. La Medicina non è né un atto di Fede né un Postulato. Si basa sull’evidenza e la sperimentazione. E in tema ci sono e c’erano contraddizioni.

    "Mi piace"

    • Ma quando parlate di “responsabilità civica (o civile)”, avete idea di cosa state dicendo?

      Peter spiegaglielo tu, visto che siete della stessa pasta “contiana”, magari lo capiscono meglio…

      "Mi piace"

    • Esatto, caro Paolo, ma anche tu non hai visto le virgolette in “crede”, noto.
      “Pur convinto che questi vaccini, preparati in fretta e furia, non fossero particolarmente efficaci.”
      Vedi, già questo concetto è del tutto errato e un medico che si rispetti DOVREBBE SAPERLO, come lo so io.
      I tempi sono stati ridotti, è vero, ma NON i metodi, non le fasi, che sono state seguite in contemporanea, beneficiando di capitali e donazioni di privati mai visti prima.
      Inoltre mai nessun vaccino o farmaco è stato ORMAI tanto sperimentato, visto che si parla di miliardi di dosi, ma già da prima sono stati testati, in genere, più dei più comuni farmaci, quelli che molti buttano giù senza pensarci 2volte, al minimo sopportabile disturbo.
      E già che ci siamo chiariamo che, comunque, aveva già completato la sperimentazione, quando è stato sottoposto ai controlli dei vari enti e rilasciato in modo NON sperimentale, ma CONDIZIONALE, nel senso che, per maggior sicurezza, si sono continuati a raccogliere dati anche oltre la sperimentazione.
      Sono mesi che continuo a leggere di “sieri magici” etc…non se ne può più.
      E parliamo dell’efficacia?
      Quali sono i vaccini che immunizzano completamente?
      Quali sono i vaccini tanto efficaci quanto questi, rispetto alla malattia grave e alla morte?
      Questo è uno dei vaccini maggiormente efficaci che siano mai stati prodotti, con ben oltre il 90% di efficacia.
      Non ho voglia di produrre i dati, ma basta cercare.
      Ora ti racconto..
      Mi dici che hai fatto 3 dosi.
      Io ne ho fatto 4, l’ultima a luglio, perché ho 67 anni e varie “sensibilità”, tra cui l’asma, che mi rende ostico l’uso della mascherina.
      Il 29 settembre, dopo sofferenze indicibili, mia madre ci ha lasciato.
      Al suo funerale, io e mio marito abbiamo preso il Covid.
      Sensazione di influenza, niente febbre, mal di testa… ma, mentre per lui la cosa si è fermata al naso, con fastidiosa rinite, da me è sceso ai bronchi, con tosse e catarro che persistono ancora.
      Non dubito che se non fossi stata plurivaccinata e questa variante non si fosse fermata alle prime vie respiratorie (per gli altri, a quanto pare, ma non per me), sarei sicuramente MORTA, seguendo la mia cara mamma (non Covid) e il suo adorato cugino ultranovantenne, convinto dai figli novax a non vaccinarsi e, quindi, morto di Covid, un anno e mezzo fa, senza che i figli “premurosi” avvertissero nessuno, mentre tuttora negano agli altri e a se stessi che fosse Covid, ma semplice polmonite bilaterale(!!), guarda caso in un centro Covid(!).
      Questo per dire della fede, della CIECA FEDE, basata sull’ignoranza e sul senso di rivalsa di elementi che si sentono per tanti versi inferiori culturalmente e che, un tempo, avrebbero potuto solo sproloquiare al bar, mentre ora sembrano aver trovato il loro posto nella società e un senso nella vita, dando corpo e anima per questa causa!
      La mia, ti assicuro, non è fede, è fiducia.
      E se un medico non ha fiducia in ciò che studia e non sa fare una scelta informata e valutare la validità dei mezzi che ha a disposizione per curare se stesso e il prossimo, è innanzitutto uno che non si aggiorna, quindi non affidabile, e forse avrebbe dovuto fare un altro mestiere, perché SOLO di MESTIERE si tratta, nel suo caso… non di PROFESSIONE, che, a ben pensarci, è un termine non casuale.
      👋🏻

      "Mi piace"

      • Cara Anail, io non sminuivo l’importanza di questi vaccini antiCovid. Quando scrivevo la scelta di “responsabilità civica” di vaccinarsi ( che Gatto non comprende) alludevo al fatto che se tutti avessero fatto come Gatto, che immagino non vaccinato, ( o come chi è un novax), avendo tutti il libero arbitrio di diffidare o rifiutarsi di contribuire ad una sperimentazione di terza fase ( tale è stata, data l’urgenza), potevamo avere una percentuale 0 di vaccinati. Il disastro ( ospedaliero) sarebbe stato dietro l’angolo. Ma che i tempi di sviluppo di questi vaccini siano stati accorciati è oggettivo. Di solito ci vogliono almeno 5 anni. Ma essendo il rapporto rischi/benefici favorevole nettamente verso il denominatore si è accelerato, portando la fase 3 in corso di immissione in commercio. L’autorizzazione condizionata, la rolling review, era ovvia. E necessaria. Mica mi scandalizzo. Eravamo in emergenza grave. Chi lo nega è sciocco. Mi preme sottolineare che però volevo sposare l’approccio ( che era ed è pure di Travaglio) al reintegro al lavoro di qualunque soggetto lo avesse perso non provvisto di GP. Anche personale medico. Non si può privare di un diritto costituzionale decisivo per la sopravvivenza chi fa una scelta ( pur non condivisibile) ideologica. Tale è.

        "Mi piace"

      • Paolo, questa notizia è stata ripetuta più volte, però tu insisti: “sperimentazione di terza fase ( tale è stata, data l’urgenza), potevamo avere una percentuale 0 di vaccinati. Il disastro ( ospedaliero) sarebbe stato dietro l’angolo. Ma che i tempi di sviluppo di questi vaccini siano stati accorciati è oggettivo. Di solito ci vogliono almeno 5 anni.”
        La sperimentazione non è stata ACCORCIATA, ma distribuita in modo diverso: le 3 fasi in contemporanea e analizzando i risultati di ciascuna fase in corso d’opera, via via che si producevano i dati, invece che aspettare la fine di ogni singola fase… e ciò è stato possibile per via dell’urgenza, ma anche grazie ai notevoli contributi finanziari, oltre che, sicuramente (e qui faccio la “Carolina” 🤭😉), per la prospettiva di futuri guadagni da parte delle aziende farmaceutiche …(e qui ci sarebbe da aprire un grande capitolo sulla “scelta” dei vari vaccini)
        Quindi, ti assicuro che la sperimentazione era stata del tutto conclusa.
        Tra l’altro, non so se fosse una statistica proveniente da Pfizer(credo di no… magari era AstraZeneca o chissà che), visto ciò che ha dichiarato la tipa di Pfizer, che viene identificata ormai con l’intera Società e la cui parola è diventata Vangelo, ma mi risulta che anche la trasmissione del virus fosse risultata bloccata, per circa una settantina di punti, percentuale per niente disprezzabile, se confrontata, ad es., con quella del vaccino antinfluenzale. Ovviamente si parla di varianti meno contagiose dell’attuale Omicron, che è MOLTO più trasmissibile persino del morbillo, mentre i vaccini (perlomeno sino a quello che ho fatto io) erano tarati per le prime varianti.
        Se poi parliamo di scelte ideologiche, che cosa c’è di più ideologico che cancellare una norma a due mesi dalla sua naturale scadenza, solo per strizzare l’occhio ai propri elettori novax?
        È giusto, rispetto a chi si è vaccinato? Contribuendo, tra l’altro, alla situazione attuale, meno pesante?
        E non stiamo parlando di metalmeccanici, ma di MEDICI e INFERMIERI.
        Non scherziamo.
        Quella è gente incompetente di cui non mi fiderei neanche per curare un foruncolo.
        E certo non gli alliscerei la coda.
        Quanti lavori esigono determinati vaccini?
        Se non li effettui, NON puoi lavorare.
        E i sanitari, invece, possono essere considerati liberi di non fare quelli di loro pertinenza? Proprio LORO?
        Non ci siamo.
        Secondo me c’era persino materia per la radiazione, altroché “rimasti senza stipendio” per LORO scelta.
        Sarò idealista e radicale, ma il medico si fa mica solo per lo stipendio…e se non ti fidi della tua stessa materia di studio e di professione, in questo caso rifiutando un vaccino così importante, vista la situazione tragica che stavamo vivendo, per me sei fuori.
        Intanto hanno già bloccato la sospensione della multa. E capirai… 100 euro contro una dimostrazione spudorata d’incompetenza e di antiscientificità. 🤦🏻‍♀️

        Ps non lego la sospensione alla mancanza di GP, su cui ho espresso vari dubbi, già a suo tempo. È proprio il rifiuto del vaccino in sé, da parte di personale sanitario, che, per me, è inaccettabile.

        "Mi piace"

      • Le tue caro Paolo, che parli di responabilità civica non sapendo cosa significhi (quindi non sono io a non capire), non sono che una serie mostruosa di petizioni di principio.

        Una per tutte: “se tutti avessero fatto come Gatto, che immagino non vaccinato, ( o come chi è un novax), avendo tutti il libero arbitrio di diffidare o rifiutarsi di contribuire ad una sperimentazione di terza fase ( tale è stata, data l’urgenza), potevamo avere una percentuale 0 di vaccinati. Il disastro ( ospedaliero) sarebbe stato dietro l’angolo.”: e chi lo dice? Solo la tua testina!

        A parte la solita bolsa storia dei novax creata ad hoc, il disastro opedaliero c’è stato lo stesso ed è andato, via via, aumentando, nonostante i “vaccini”. A nulla servirebbero le tue obiezioni circa il fatto che sarebbe stato peggio senza, perché ciò è indimostrabile, quindi inutile menarla: idem per la questione della percentuale 0 di vaccinati.

        All’inizio il disastro c’è stato perché, diamolo pure per buono, non sapevano come curare (anche se dopo solo qualche settimana, la situazione era ben chiara); in seguito perché hanno fatto finata di non saperlo, dispensando i famosi “consigli” omicidi che hanno causato miglialia di morti evitabilissimi, senza scomodare nessun “vaccino”, che vaccino non è perché non vaccina! Tanto erano consigli (o linee guida), quanto chi non li seguiva era libero di continuare a esercitare, dissentendo non perché aveva il mestruo, ma perché la SUA scienza, che fino a quel momento era quella anche degli altri suoi colleghi, diceva qualcosa di completamente diverso in fatto di vaccini, pandemia, epidemie, e relative cure per gestirle.

        Una testimonianza degli INFEDELI, che ripubblico volentieri, anche se dubito ormai che le repetita iuvEnt (cit.), spiega assai bene cosa è successo, cari voi che ve la cantate in falsetto e che vi date le pacchettine sulle spalle:

        «Sorpresa: ci sono ancora medici che curano
        Date: 11 Aprile 2021Author: ilsimplicissimus

        Potrebbe sembrare modesto e improprio pubblicare il racconto di una dottoressa di base, in mezzo all’imperversare di luminari che dicono tutto e il contrario di tutto come banderuole al vento del mercato pandemico e vaccinale. Invece è la scelta migliore perché sono questi i medici più a contatto con i pazienti, più vicini all’esperienza concreta nonché gli ultimi nella catena degli “investimenti” umani di Big Pharma e in generale di una medicina orientata al profitto . Dunque non hanno conflitti di interesse o comunque non così grossi da chiudere la bocca. Perciò mi piace riportare l’esperienza di una dottoressa bolognese, Grazia Dondini, raccontata qualche tempo fa in un intervista e sulle pagine di Auret, Associazione autismo e terapie:_

        “Noi medici di medicina generale, tutti gli anni, generalmente da ottobre a marzo, vediamo polmoniti interstiziali, polmoniti atipiche. E tutti gli anni le trattiamo con antibiotico. Si tratta di sintomi simil-influenzali – tosse, febbre, poi compare “senso di affanno” – che non si esauriscono nell’arco di qualche giorno. La valutazione del paziente e l’evoluzione clinica depongono per forme batteriche; si dà loro un antibiotico macrolide (e nei casi più complicati del cortisone) e, nell’arco di qualche giorno, si riprendono egregiamente con completa risoluzione dei sintomi. Quest’anno non è andata così.
        Il 22 febbraio di quest’anno è stata comunicata la circolazione di un nuovo coronavirus. Il Ministero della Salute ha mandato un’ordinanza a tutti noi medici del territorio, dicendoci sostanzialmente che eravamo di fronte a un nuovo virus, sconosciuto, per il quale non esisteva alcuna terapia. La cosa paradossale è che fino a quel giorno avevamo gestito i medesimi pazienti con successo, senza affollare ospedali e terapie intensive; ma da quel momento si è deciso che tutto quello che avevamo fatto fino ad allora non poteva più funzionare. Non era più possibile un approccio clinico/terapeutico.
        Noi, medici di Medicina generale, dovevamo da allora delegare al dipartimento di Sanità Pubblica, che non fa clinica, ma una sorveglianza di tipo epidemiologico; potevamo vedere i pazienti solamente se in possesso di mascherina FFP2, che io ho potuto ritirare all’ASL solo il 30 di marzo. Ma c’è una cosa più grave.
        Nella circolare ministeriale, il Ministro della Sanità ci dava le seguenti indicazioni su come approcciarci ai malati: isolamento e riduzione dei contatti, uso dei vari DPI, disincentivazione delle iniziative di ricorso autonomo ai servizi sanitari, al pronto soccorso, al medico di medicina generale. Dunque, le persone che stavano male erano isolate; e, cosa ancora più grave, il numero di pubblica utilità previsto non rispondeva.
        Tutti i pazienti lamentavano che non rispondeva nessuno; io stessa ho provato a chiamare il 1500 senza successo. Un ministro della salute che si accinge ad affrontare una emergenza sanitaria prevede che i numeri di pubblica utilità non rispondano?
        Un disastro.

        In sintesi: le polmoniti atipiche non sono state più trattate con antibiotico, i pazienti lasciati soli, abbandonati a se stessi a domicilio. Ovviamente dopo 7-10 giorni, con la cascata di citochine e l’amplificazione del processo infiammatorio, arrivavano in ospedale in fin di vita. Poi, la ventilazione meccanica ha fatto il resto. Io ho continuato a fare quello che ho sempre fatto, rischiando anche denunce per epidemia colposa e non ho avuto né un decesso, né un ricovero in terapia intensiva. Ho parlato con una collega di Bergamo e un altro collega di Bologna che hanno continuatoi a lavorare nel medesimo modo e nessuno di noi ha avuto decessi e ricoveri in terapia intensiva.
        Anche l’OMS ha dato indicazioni problematiche: nelle prime fasi della malattia ha previsto solo l’isolamento domiciliare, nella seconda e terza fase, quindi condizioni di gravità moderata e severa, l’unico approccio terapeutico previsto doveva essere l’ossigenoterapia e la ventilazione meccanica. A mio modo di vedere c’è una responsabilità anche dell’OMS, perché non ha dato facoltà al medico di valutare clinicamente il paziente.

        Poi c’è un altro problema. Si arrivava in ospedale, si faceva il tampone: tampone positivo, quindi veniva formulata la diagnosi di COVID-19. E si veniva trattati come tali. Punto. Qui a Bologna c’è stato anche altro: a pazienti con tampone negativo, venivano fatte una o più TAC toraciche e sulla base delle immagini di “ground glass” veniva formulata la diagnosi di COVID-19. Mi sono confrontata con una radiologa e mi ha confermato come queste immagini radiologiche non siano patognomoniche per COVID-19, poiché si evidenziano in molteplici altre patologie. E quindi si è finito per mascherare altri quadri clinici anche più gravi. Pertanto ritengo che innumerevoli condizioni cliniche non siano state trattate come avrebbero dovuto.

        Il primo studio cinese del 24 gennaio afferma che, riguardo all’isolamento del SARS-COV-2, non sono stati rispettati i postulati di Henle-Koch, indispensabili per isolare effettivamente un virus o un batterio. A riguardo, sono andata in un laboratorio di ricerca, per chiedere informazioni, anche perché girava un documento da cui sembrava che si utilizzasse un primer per avviare questa amplificazione genica che avrebbe una sequenza complementare al cromosoma 8 umano (il che significherebbe 100% di falsi positivi). Mi è stato risposto che i postulati di Koch sono vecchi di oltre un secolo. Allora ho chiesto: scusate, voi lavorate con una sequenza genica; ma per allestire un vaccino avrete bisogno del virus intero. Mi è stato ribattuto che in questo caso, i postulati di Koch sarebbero necessari, perché per un vaccino avremmo bisogno dell’involucro virale. Mi sembra piuttosto contraddittorio. Bisognerebbe indagare bene su come vengano allestiti questi tamponi e ricordiamoci che lo stesso ideatore del test di amplificazione genica, il Dott. Mullis, ha sempre sostenuto che non dovesse essere utilizzato a fini diagnostici!

        Noi riceviamo annualmente il report dell’influenza dell’autunno-inverno precedente. Ce lo consegnano nell’autunno successivo, in occasione dell’apertura della campagna vaccinale antinfluenzale. Quest’anno, stranamente, questo report è arrivato verso la fine di febbraio: questo significa che si era già deciso che tutte le forme influenzali/simil-influenzali dovevano essere battezzate come COVID-19. L’influenza è sparita, insieme a tanto altro. Io sono convinta che ci troviamo di fronte a numerose sovradiagnosi di COVID-19. Sui dati dei ricoveri e delle terapie intensive: non ci può essere chiarezza fino a quando non si specificherà chi sono queste persone e di cosa effettivamente soffrono. Dai dati comunicati non si capisce: non si fa questa necessaria operazione di definizione dei ricoveri. Si danno semplicemente dei numeri, come i numeri dei tamponi positivi in pazienti per la maggior parte asintomatici. E questo allontana dalla reale misura del problema, sempre che di COVID-19 si debba parlare. E’ evidente che si voglia ricercare solo quello.”

        Mi verrebbe da dire che i coviddari non meritano medici così, ancora fedeli al giuramento di Ippocrate si dovrebbero curare solo presso i luminari della paura. Almeno diminuirebbero di numero.».

        "Mi piace"

      • Mi permetto di introdurmi nel dialogo, chi critica a prescindere, il comportamento o le scelte di alcuni non è da considerare… Ho risposto a gatto giorni addietro ugualmente e lo ripeto ora comunque per vedere se il concetto possa entrare nella mente di qualcuno, nessuno è nella mente di un altro, nessuno può capire e pensare come l’altro, ognuno ha il proprio vissuto e le proprie idee e se, comportandosi in un determinato modo, non lede nessun altro, chi si permette di dileggiarlo, è una persona senza sensibilità né rispetto! Personalmente avere responsabilità civile è un gesto molto importante e chi non lo capisce vuol dire che non ha nessuna sensibilità!! Beh, del resto in questo contesto, si leggono commenti piuttosto offensivi solo perché uno esprime il proprio pensiero.. la differenza è abissale a volte.. l’educazione e la considerazione dell’altro a volte è utopia! A buon intenditore…….

        Piace a 1 persona

      • C’è una sostanziale differenza tra persona e persona.. non voglio citare nomi, semplicemente dico: anche se dissento nei confronti di commenti che non rispecchiano il mio pensiero, mai e poi mai mi permetto di offendere o ridicolizzare il pensiero esposto! Pur non essendo d’accordo non critico mai! Personalmente rispetto chi scrive in questo contesto od in altri anche se a volte mi fanno letteralmente girare i 🌰🌰! Mi sono beccata della cafona giorni fa e non ho battuto ciglio, ho pesato chi lo ha scritto ed ho concluso che l’elemento in questione non esisteva per me.. Certo non interesserà a nessuno ciò che ho scritto ora ma l’ho voluto sottolineare ugualmente! possiamo pensarla come vogliamo alla fine non cambia proprio niente.. il mondo va avanti ugualmente e sempre peggio.. e qui in questo contesto sarebbe bello che anche se si dissente ci fosse più empatia.. ma invece viene rappresentata proprio l’incomprensione umana nella sua totalità..

        Piace a 2 people

      • “Al suo funerale, io e mio marito abbiamo preso il Covid.
        Sensazione di influenza, niente febbre, mal di testa… ma, mentre per lui la cosa si è fermata al naso, con fastidiosa rinite, da me è sceso ai bronchi, con tosse e catarro che persistono ancora.
        Non dubito che se non fossi stata plurivaccinata e questa variante non si fosse fermata alle prime vie respiratorie (per gli altri, a quanto pare, ma non per me), sarei sicuramente MORTA”.

        Non so quale analisi scientifica tu abbia fatto per affermare che senza vaccinazione saresti morta.
        Io invece ti chiedo come mai il prof. Massimo Galli – altro fautore del vaccino che protegge e non fa male – con tre dosi del siero magico in corpo si sia ammalato in modo così grave che sarebbe sicuramente morto se non fosse stato per la cura somministratagli dai suoi colleghi dell’ospedale.

        "Mi piace"

      • Perché anche lui è asmatico come me, ma più anziano… e, se non sbaglio, ha preso una variante più pesante dell’Omicron.

        "Mi piace"

  11. C’è sempre si fa confusione. Un medico potrà non “credere” nella Medicina ( infatti ci sono medici omeopati), un insegnante potrà non ” credere” in ciò che insegna ( magari pensa siano più importante, per avere successo, certe conoscenze…), ma se un Ingegnere non “crede” nella Matematica, come fa a costruire o fare funzionare qualcosa?
    Con la grammatica?

    "Mi piace"

  12. la realtà è sotto gli occhi e il green pass si commenta da sè ! i vax e i novax si ammalano , contagiano e le caxxate raccontate a reti unificate sono innumerevoli come i guadagni stellari di pochi sono il risultato della sofferenza di molti ; ed è indubbia la censura sui problemi causati dai vaccini. Tuttavia prosegue l’onda di livore da parte di tv e media nei confronti di quei “piloti” che si sono rifiutati di salire sull’aereo dei vaccini covid , e che gli imbelli ( tg4) definiscono paurosi del volo ……. PALLE !! se un pilota si rifiuta di salire su un aereo , il branco di pecore che ci si è accomodato dovrebbe farsi qualche domanda anzichè ascoltare chi li accusa di aver paura del volo , speci dopo aver raccontato anni di puxxanate!!!! piuttosto … dovè quel fenomeno chiamato jerome ???? AHAHAHAH .. sparito !!!!

    "Mi piace"

    • No, non è sparito. Adesso scrive con il nick Jolly Boy, detto anche Boy George: figurati se si cavano dalle palle…

      "Mi piace"

      • Gatto, mi occupo di Farmaci e Patologie ( faccio l’Informatore Medico) da oltre 35 anni. Quindi contatto Medici da altrettanto tempo. Conosco la “parzialità” delle informazioni che giungono alla classe medica, così come so quali sarebbero le pubblicazioni più affidabili ( mai al 100%) su cui puntare per chiarirsi le idee. Ma resta il fatto che l’esperienza del Medico ( di qualità) fa la differenza. Il Covid19 non è stata un’influenza, gli effetti anche a lungo termine sul sistema respiratorio sono stati ben più gravi di quelli della normale influenza annuale. Che a volte gli effetti si siano sommati o comunque sono stati convergenti è certo. Che l’approccio alla Pandemia sia costellato ( in Italia come altrove) da errori e speculazioni è per me altrettanto certo. Ma negare che la vaccinazione abbia limitato l’intasamento delle Terapie Intensive non è da NoVax è da NoIntelletto. Perché il ridimensionamento ospedaliero è in atto nel nostro Paese da anni ( a vantaggio della Sanità privata, che poi però ha difficoltà a gestire tali emergenze, in quanto la Sanità privata è puro business) e più di una volta un’influenza particolarmente aggressiva e insidiosa ha saturato il Sistema. Quindi la provocazione 0 vaccinazioni = disastro ospedaliero è talmente banale che pure un’integralista come te ci arriva di certo. Poi se vuoi giocare, fallo con la pallina. Come il mio gatto.

        Piace a 3 people

      • Ah, fai l’informatore medico: allora capisco. Ti saluto. Gioca pure a fare il grande che io gioco con le palline.

        "Mi piace"

    • NESSUNA PIETÀ, né comprensione, né vicinanza, né altro sentimento affine, verso chi si ostina a scrivere “il branco di pecore che ci si è accomodato…”. Nessuna.
      Nel mio personale vocabolario, DISUBBIDIRE è un verbo nobile e bellissimo. Niente a che vedere quindi con la ristrettissima accozzaglia di italiani definiti genericamente novax.

      "Mi piace"

      • ..hai ragione … chiedo scusa alle pecore in quanto animali dotati di senso critico …. più di quanto lo sono i sapiens che si fanno inoculare perchè credono alla scienza ( e poi vanno al supermercato e comprano bio perchè diserbanti ed erbicidi sono velenosi e la carne ha l’antibiotico….)

        mavva…….

        "Mi piace"

  13. “Basterà un braccialettino colorato, la cuffia di un altro colore. Un qualsiasi segno di riconoscimento che mi permetta di scegliere di evitarli,”

    Ottimo.

    E se invece uno volesse evitare proprio i medici sì vax?

    Non so, perché li ritiene senza spina dorsale e manipolabili dal potere politico e dalle case farmaceutiche, e quindi non degni della sua fiducia?

    Gli mettiamo un ciondolino colorato al collo con la faccetta emaciata di Speranza?

    "Mi piace"

  14. @carlgen

    Ahahahaa

    Te l’avevo detto Carlgen. Tu non mi hai voluto ascoltare!!!!😂😂
    Il
    Io, il mio lavoro lo so fare bene.Appena ho letto 3 righe l’ho inquadrato subito!!!😂
    Mai vista una cosa del genere.
    Questo è un caso disperato,al limite del ridicolo.uno squilibrato che vive in un mondo tutto suo,costruito con le sue astruserie e fregnacce!ribalta la storia,la scienza,e tutto il resto!
    Vive di paure che si autocostruisce e reagisce male se gli tocchi le sue certezze di cartapesta(chiedo scusa alla cartapesta).
    È il regresso dell’umanità!
    Ascolta solo le scemenze utili al suo tornaconto personale e ne fa pilastri su cui fondare la sua vita.
    Questo crede anche allo stregone voodoo se gli dice che la danza della pioggia è meglio della scienza.
    Sta aspettando che qualcuno lo renda un vero “iniziato”!!!😂😂😂
    Poi si scriverebbe in testa INIZIATO per farlo vedere a tutti e per dimostrare che lui è unico.
    Ha un risentimento personale contro il mondo gigantesco;un complesso di inferiorità assurdo,enorme… per questo critica e insolentisce la gente.

    Ne ha bisogno veramente tanto degli auguri che gli hai fatto.

    Carlgen sei tu che hai torto!!!🤣🤣🤣

    L’unico che ha ragione e ci ha visto bene è
    Jonny Dio!!!
    “Gli abissi della miseria umana” cit.

    Ps
    Ho scritto qui sotto per non invadere la bacheca di Anail

    Piace a 1 persona

    • Poveraccio, ti eri preoccupato di non riuscire più a intercettare Carlgen: credevi di averlo perso, eh? Aspettavi il momento propizio, nascosto dietro il tuo mignolino con l’unghietta lunga per il cerume, per dare conferma delle tue patetiche previsioni da Eurpippes sul sottoscritto, credendo che prima o poi mi sarei tradito, dando la risposta SBAGLIATA a Carlgen, convinto come sei che me lo ruffianassi per cercare un complice.

      Il resto che scrivi fa veramente ridere, tipico della (s)forma mentis degli accademici, per cui non vale nemmeno la pena ribattere: non avete i mezzi per capire cosa sta realmente succedendo.

      Ecco, se Empio LoGuasto fosse quello che non è (e che mai sarà), potrebbe rivolgere a te e a quelli come te la sua pietà che nega ai novax, i quali se ne strasbattomo bellamente della commiserazione degli stupidi…

      "Mi piace"

  15. Tu sei uno dei tanti sfigati,che ringrazia tutte le sere il cielo che ha mandato la pandemia:
    Senza il covid che ha giustificato le tue giornate,tu passeresti la vita a guardare film porno.
    Ed è ovvio che hai una paura immensa della punturina,ma ti credi forte e furboe passi le giornate a scovare fregnacce qua e là senza senso,solo per nascondere la tua atroce paura cercando giustificazioni senza senso.
    Se ti dicessero di scegliere tra un bomba atomica sopra la tua testa e la punturina tu sceglieresti la bomba atomica.
    Lo sai che ho preso nel segno,non ti innervosire…io sono un laureato tu un bifolco.😂
    Per quanto riguardo Carlgen,non mi sta per niente simpatico,ma è una persona intelligente e fin troppo gentile con te;e non penso proprio che tu possa minimamente arrufianarlo.Tu sei un c@glione,lui no.

    "Mi piace"

    • Sei uno degli sfigati più audacemente pieni di sé, cioè di niente, che abbia mai conosciuto. Non capisci nulla di quello che scrivo, nemmeno le cose più banali (vedi ad esempio la tua chiosa finale).

      Pensi di sapere tutto di me da dietro una tastiera, invece sai stocaxxo. Avrai pure il modo di metterlo nero su bianco senza preservativo, con un’ejaculatio praecox che Don Lurio scànzate, dando così la misura di che razza di fogn4 maleodorante sia diventata la ricerca universitaria, e a quale livello pornografico – a proposito – sia giunta: altro che farsi le s3gh3 sul divano guardando la Moana!

      Dici che avrei paura della punturina: e chi se l’è fatta, non aveva forse paura del Covid? Quindi, dove vorresti arrivare con questi ragionamenti da sociologo imbolsito? In realtà, non ho paura né della punturina, né del Covid, né della bomba atomica, né di nient’altro che non sia la stupidità umana di cui tu, inconsapevolmente, ne rappresenti il parossismo.

      Per cui, come ho sempre fatto prima, come non ho mai interrotto durante e come farò sempre dopo il Covid, preferisco starmene sul divano a guardarmi un bel porno, piuttosto che far parte di questa pornografia dell’intelletto in cui è precipitata senza neanche sospettarlo, l’intera umanità, consulenti dei medici compresi.
      Almeno quattro baldracch3 con le patonze al vento, sanno perfettamente, senza causare troppi danni, chi sono e cosa fanno, non accampando pretese a ruoli di guide intellettuali, come le nullità cosmiche tue pari che danni gravissimi, invece, ne fanno parecchi.

      Che Eurpippes ti sia lieve…

      "Mi piace"

  16. Resta per me un mistero il perché “personaggi” come Gatto amano provocare, offendere, intervenendo su tutti i temi dello scibile umano. Sempre con lo stesso atteggiamento. Devo sposare la tesi di Serpe? Mah!

    Piace a 1 persona

    • Anche per me resta un mistero il perché per personaggi come Paolo, solo quando si tratta di GATTO, il mistero resta tale.

      Quando invece trattasi delle offese di personaggi come Jolly Boy, alias Jerome B., Serpe, per citarne due a caso, o dell’educatissima Brezza/Anail che seriamente sosteneva avessi i tratti del serial killer, allora il mistero, come d’incanto, svanisce, per lasciar posto alla luce.

      Quando si tratta di GATTO, gli insulti sono insulti e basta, prodotti esclusivamente per il gusto dell’osceno, non certo perché a sua volta è pesantemente insultato; quando invece si tratta di voi compagnucci di merende, allora il turpiloquio diventa magicamente CATARSI, come sostenuto sempre dalla signora che fa finta di tombare dal pero.

      Detto questo, finché Pengue, e non Paolo, vorrà, io interverrò su tutto quel caxxo che mi andrà.

      Sposati pure chi e quel caxxo che ti pare, per me non fa differenza alcuna.

      "Mi piace"

  17. ” la Puglia per esempio ha fatto sapere che, secondo la legge regionale, il personale non vaccinato (non solo contro il Covid) non può stare a contatto con i pazienti e così continuerà a essere.”’

    Diciamolo più chiaramente: MICHELE EMILIANO (=PD = KASTA) ha deciso questo. Tanto l’art.32 serve solo a vaccinare, no?

    "Mi piace"

  18. ”’Elena Stancanelli che ieri chiedeva una sorta di lettera scarlatta per il personale sanitario non vaccinato: “Basterà un braccialettino colorato, la cuffia di un altro colore. Un qualsiasi segno di riconoscimento che mi permetta di scegliere di evitarli, così come loro hanno evitato di contribuire al disperato e affannoso tentativo che abbiamo fatto tutti noi per limitare la strage del Covid”. Una misura un tantino discriminante e assai poco rispettosa della Costituzione.”’

    Questa Stancarelli (ma chi è?) lo sa, che queste discriminanti le facevano già i NAZ.ISTI con le categorie inferiori, o la lezione di storia se l’é scordata?

    Cosa vuole, una STELLA rosa? O un triangolo verde?

    E poi, sopratutto, lo sa che su Repvbblica delle banane, 10 anni fa, facevano interi SPECIALI sui danni da vaccino (ai militari in questo caso)?

    No, vero?

    Allora rinferschiamole la memoria.

    https://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/10/06/news/i_vaccini_non_sono_di_per_s_nocivi_fanno_male_se_dati_senza_controlli-43969674/

    “I vaccini non sono di per sé nocivi
    Fanno male se dati senza controlli”
    “I vaccini non sono di per sé nocivi Fanno male se dati senza controlli”
    Franco Nobile
    Parla il prof. Franco Nobile, oncologo e docente di semeiotica a Siena. “Il protocollo delle vaccinazioni, di per sé, non fa una grinza. Ma c’è noncuranza e superficialità. Prima di somministrarli si dovrebbero fare test immunologici accurati. Se usati impropriamente possono abbassare le difese immunitarie e aprire le porte a tumori e altre malattie”. E racconta di somministrazioni ripetute, di intervalli e procedure non rispettati, di scarsa trasparenza del sistema sanitario militareROMA – Quello della sanità militare e dei protocolli vaccinali che coinvolgono tutti, è un sistema impeccabile sulla carta ma fortemente deficitario nella pratica. Mancanza di controlli, medici poco attenti, vaccini fatti in modo indiscriminato a tutti, mettono a rischio la vita di chi vi si sottopone senza poter realmente opporre resistenza. A posteriori, dopo essersi ammalati, dimostrare di aver contratto la malattia sul lavoro è difficilissimo.

    Il Prof Franco Nobile è specialista in oncologia, docente di semeiotica chirurgica all’Università di Siena, Presidente della sezione di Siena della lega italiana lotta contro i tumori, centro di eccellenza nazionale. Da anni segue le indagini legate ai tumori sviluppati dai militari, ha percorso quella dell’uranio impoverito per dedicarsi ora ai danni causati dai vaccini.

    Professor Nobile, i vaccini provocano davvero tanti danni?
    “I vaccini non sono nocivi in sé, anzi, sono una conquista importante per la nostra società. Fanno molto male se usati in modo inadeguato, se fatti tutti insieme, se contengono conservanti tossici come mercurio e alluminio, se fatti su persone che non sono state controllate. A quel punto è dimostrato che le difese si abbassano e si aprono le porte a malattie gravissime come cancro, leucemie ma ancora più frequentemente malattie autoimmuni: tiroiditi, artriti, coliti. Le faccio un esempio: un militare appena assunto viene sottoposto ai vaccini ma non gli viene chiesto se ha già l’antitetanica. Magari prima faceva il meccanico, aveva già l’antitetanica e quel nuovo vaccino gli fa male. Sarebbe corretto fare dei test anticorporali e immunologici che analizzino gli anticorpi che ciascuna persona ha già, si eviterebbero tante conseguenze tragiche. Inoltre le procedure sono giuste, ma la loro applicazione non lo è”.

    È grave. Come mai accade? È mai possibile che consapevolmente si voglia mettere a rischio la vita di queste persone?
    “Ormai tutti i medici conoscono rischi ed effetti. Ma no, non credo ci sia una concreta volontà criminale… Piuttosto parlerei di noncuranza, scarsa attenzione, superficialità. Molti medici militari hanno il doppio o triplo lavoro, spesso questi vaccini vengono fatti dagli infermieri. Iniettati e basta, senza troppe storie. Poi tante volte c’è fretta, se devono partire 500 persone per l’estero, magari si fanno le analisi accurate su tutti, viene fuori che 100 non possono essere vaccinati e non possono partire. La procedura diventa lunga, costosa, difficile. Si taglia corto, si fanno gli stessi vaccini a tutti e così tra questi qualcuno si ammala. Ho trovato gruppi di militari che ogni volta che partivano per una missione venivano di nuovo vaccinati”.

    Così è anche uno spreco economico, oltre che un rischio alla salute?
    “Sì, io tante volte in tutti questi anni mi sono chiesto perché sia stata creata la sanità militare. Forse all’inizio si voleva far avere a chi indossa la divisa un canale privilegiato, di eccellenza. Oggi la verità è che queste persone starebbero meglio se passassero dalle Asl come tutti i normali cittadini e sarebbe anche più economico e trasparente. Io faccio parte della Lega tumori e della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito, non riusciamo a fare ricerche perché la Sanità militare non ce lo permette”.

    Quale dovrebbe essere il prossimo passo?
    “Oltre a rispettare i protocolli, mettere a punto dei test di esami immunologici gratuiti per tutti i militari che indichino quali vaccini fare e se farli. Già questi risparmierebbero molte vite”.

    Sarebbe molto costoso?
    “No, affatto, ragionando su grandi numeri e facendo convenzioni con istituti di immunologia sarebbe una spesa irrisoria rispetto al vantaggio ottenuto”.

    "Mi piace"

  19. X Anail:

    ”I tempi sono stati ridotti, è vero, ma NON i metodi, non le fasi, che sono state seguite in contemporanea, beneficiando di capitali e donazioni di privati mai visti prima.”’

    Eh no cara Anail. Le reazioni a MEDIO E LUNGO TERMINE, per ammissione della stessa Pfizer, NON sono note.

    E infatti, ogni mese aggiornano con altri effetti collaterali registrati.

    Mentre il VAERS ha CENTUPLICATO le segnalazioni di eventi avversi, cosa MAI successa nella storia delle segnalazioni da danni da farmaco.

    ”Inoltre mai nessun vaccino o farmaco è stato ORMAI tanto sperimentato, visto che si parla di miliardi di dosi, ma già da prima sono stati testati, in genere, più dei più comuni farmaci, quelli che molti buttano giù senza pensarci 2volte, al minimo sopportabile disturbo.”’

    Altra cosa che è INACCETTABILE, se mi permetti, visto che ‘sperimentato’ significa NON la fase sperimentale che DOVREBBE essere fatta per ogni farmaco, PRIMA di essere immesso sul mercato e addirittura OBBLIGATO per legge ad essere messo ‘in circolo’.

    Questa non è SCIENZA, e tanto meno PRINCIPIO DI PRECAUZIONE. Possibile che una persona come te non lo capisca? A quanto pare SI’.

    Pensa se immettessero sul mercato un’auto prodotta a milioni di esemplari senza avere testato se il suo motore va oltre i 10.000 km o si rompe prima. E poi, dopo che ci sono state migliaia di rotture, si continui a commercializzarla come se nulla fosse perché ‘ne abbiamo vendute a milioni, chi ha bisogno di vedere come dura, come frena, se non sbanda?’

    Tu accetteresti una cosa del genere? No? E se ti OBBLIGASSERO a comprarla e a viaggiarci, che diresti?

    Eccola qua, la logica che ti muove.

    ”’E già che ci siamo chiariamo che, comunque, aveva già completato la sperimentazione, quando è stato sottoposto ai controlli dei vari enti e rilasciato in modo NON sperimentale, ma CONDIZIONALE, nel senso che, per maggior sicurezza, si sono continuati a raccogliere dati anche oltre la sperimentazione.””

    Altra cosa falsa. Infatti, il principio di base era che semplicemente, non ci fossero altre cure approvate, quindi anche l’ECCEZIONALITA’ della commercializzazione del farmaco ‘nuovo di pacca’ fosse accettabile.

    Adesso dimmi, Anail: cosa dici dell’esimio Bassetti che dice adesso, ma solo ADESSO, che cura i pazienti con l’ASPIRINA? E perché questa non è stata inclusa al posto della TACHIPIRINA?

    L’ho chiesto a dei medici e non hanno saputo rispondermi. La ragione è che l’aspirina causa emorragie, la tachipirina no. Ma sono 2 anni che sappiamo che il COVID causa trombi e il vaccino PURE.

    E niente, si fa finta di nulla, come il tuo eroico Speranza: i vaccini sono ‘sicuri ed efficaci’ e questo è quanto.

    ”’Quali sono i vaccini che immunizzano completamente?
    Quali sono i vaccini tanto efficaci quanto questi, rispetto alla malattia grave e alla morte?
    Questo è uno dei vaccini maggiormente efficaci che siano mai stati prodotti, con ben oltre il 90% di efficacia.”’

    Peccato che queste siano parole al vento, cara Anail. Chiacchiere.

    Infatti: come lo stabilisci che il vaccino è efficace al ‘90%’ se guarda caso, nell’ultimo anno, i casi di COVID sono QUADRUPLICATI rispetto al 2020-2021?

    Non c’é prova di sorta che il vaccino sia davvero efficace nel fermare il contagio. E l’80% dei morti attuali ha 1 o più vaccini in corpo. Come lo spieghi?

    Una malattia come il COVID non ha un vaccino efficace, altrimenti semplicemente non avresti bisogno di 4 DOSI in un anno.

    E tra l’altro, ricordo che proprio tu sei una delle più feroci negazioniste degli effetti avversi dei vaccini.

    Strano che i no/free-vax siano negazionisti sugli effetti del COVID o la sua stessa esistenza mentre i provax siano negazionisti dell’esistenza degli effetti avversi.

    Muro contro muro. E la Pfizer fa i soldi ridendosela ‘alla velocità della scienza’.

    ”’Al suo funerale, io e mio marito abbiamo preso il Covid.
    Sensazione di influenza, niente febbre, mal di testa… ma, mentre per lui la cosa si è fermata al naso, con fastidiosa rinite, da me è sceso ai bronchi, con tosse e catarro che persistono ancora.”’

    Condolianze, ma chiediti: sei SICURA che senza vaccino avresti avuto una sorte peggiore?

    TU pensi di sì, ma allora come mai io non l’ho fatto e non ho MAI preso il COVID, e così nemmeno la mia famiglia?

    Perché pare, eh, che questi vaccini tendano a dare un colpetto anche al sistema immunitario.

    ”’La mia, ti assicuro, non è fede, è fiducia.”’

    La stessa radice etomologica ‘fideis’. Strano fare distinzioni.

    ”’E se un medico non ha fiducia in ciò che studia e non sa fare una scelta informata e valutare la validità dei mezzi che ha a disposizione per curare se stesso e il prossimo, è innanzitutto uno che non si aggiorna, quindi non affidabile, e forse avrebbe dovuto fare un altro mestiere, perché SOLO di MESTIERE si tratta, nel suo caso… non di PROFESSIONE, che, a ben pensarci, è un termine non casuale.”’

    Ma senti cosa mi tocca leggere. Un medico che non si aggiorna chi sarebbe, Anail?

    Vuoi che ti dia uno spunto?

    Io conosco il dottor Massimo Rinaldi. Lui ha curato CON SUCCESSO molti pazienti malati di COVID con l’OZONOTERAPIA. I suoi colleghi per la quasi totalità nemmeno sapevano cosa fosse, mentre lui faceva ‘magicamente’ sparire la malattia ai pazienti.

    E tu parli di ‘aggiornamento’ e di ‘fiducia’?

    Ma su cosa?

    Su di un vaccino iniettato a viva forza dopo 1 anno di sviluppo, senza sapere niente degli effetti collaterali oltre i 15 giorni, imposto dalle leggi, comprato dalla Von Der Lien, quella col marito che lavora nell’industria farmaceutica, con contratti secretati?

    Beh, tientela la fiducia in questo mondo.

    Poi non lamentarti se c’é qualcuno che stranamente, in un mondo dominato solo dai SOLDI non può credere.

    "Mi piace"

    • Ti ricordi quando ti dicevo che questa gentaglia va solo INSULTATA PESANTEMENTE che tanto portare ogni volta documenti e pareri inconfutabili a nulla serve, se non a farsi il sangue amaro? Ecco, se si prendono a parolacce, almeno ci si cava qualche soddisfazione: questo sì è veramente CATARTICO!

      "Mi piace"

      • Beh, mica ti davo torto, eh…

        Comunque, se parliamo di CATARTICO, allora ecco rispuntare un mio vecchio amore:

        "Mi piace"

  20. Al di là della validità o meno dei vaccini (le criticità erano note fin da subito: il tempo biologico non si compra, quindi impossibile prevedere cosa sarebbe successo nei mesi, negli anni…) su cui non voglio discutere perchè è diventata l’ ennesima occasione di posizionamento politico, quello che mi ha preoccupato è stato l’ obblico e soprattutto il metodo vergognoso con cui è stato attuato: obbligo nei fatti, e dei più duri, ma nessuna presa in carico di responsabilità (“Lassù” erano ben chiare le criticità di cui sopra).

    E’ stato un precedente molto pericoloso, che noi soli, unici al mondo, abbiamo accettato. Un precedente fascista che certamente, col benaltrismo al quale ci hanno abituati, si riproporrà.
    La propaganda ed il clima di terrore ( anche giustificato data la condizione del nostro SSN “migliore del Mondo” ) che si erano instaurati, sarebbe stato più che sufficiente ad indurre a vaccinarsi la stragrande maggioranza degli Italiani. Ma dopo essersi accaparrati ogni nostro dato più sensibile, persino il DNA (mai sentito parlare di “Sistema Sole” della “sinistra” Emilia Romagna?), mancava la violazione diretta del corpo, il TSO obbligatorio per legge, senza alcun discrimine, dove colgo, colgo…

    A mio parere un precedente gravissimo, che anche altrove hanno in parte tentato (solo per i sanitari) ma che i Parlamenti hanno subito stoppato (vedi Germania).
    Ci riproveranno, visto che da noi il Parlamento non ha mosso un dito ( non a caso il meccanismo elettorale premia i “nominati”) e che è stato facilissimo usare violenza ed idranti contro chiunque protestasse e senza bisogno di “leggi fasciste”.
    A “sinistra” le cose fasciste si fanno ma non si dicono. Per il “bene del paese”, ovvio… E cantando Bella Ciao…

    "Mi piace"

  21. Per due anni ci hanno terrorizzati e messi uno contro l’altro con i vaccini, che sono stati usati dal potere sia per scopi finanziari che per scopi di controllo delle masse mentre i veri problemi erano tutt’altro. E milioni di persone ci sono cascate in pieno. La cosa assurda è che al momento tutti i va-cini che ci siamo fatti sono scaduti, perché duravano pochi mesi o nessuno, tant’è che anche chi di va-cini ne ha fatti 4 si è contagiato (Pfyzer ha confessato in modo molto chiaro che non sono mai stato sperimentati per cui ci hanno usati come cavie, senza preoccuparsi di quello che succedeva al nostro sistema immunitario che si abbassava sempre più, come avviene con troppi antibiotici, mentre lo Stato ha nascosto le reazioni negative che sono state enormi e per alcuni molto pesanti), per cui ora, scaduti tutti vaccini, è come se nessuno fosse va-cinato e siamo tutti uguali, siamo tutti contagiabili e possiamo contagiare tutti alla stessa maniera, per cui, se uno proprio ha paura, può tenere la mascherina in permanenza e lavarsi spesso le mani con l’amuchina. Ma lo Stato è rimasto con moltissime dosi magari già scadute o non adatte alla nuova variante o prossime alla scadenza per cui continua questa ossessiva e martellante campagna di persuasione di stampo terrorista a cui contribuiscono i media.
    Io ho un vicino che ha il terrore delle malattie, che è stato chiuso in casa con la moglie per due anni. Il figlio in un’altra casa ha fatto lo stesso con la moglie. Ebbene, l’altro giorno sono uscita e l’ho incontrato fuori. Dunque, se perfino lui si è convinto ad uscire, c’è speranza.
    Dall’altra parte ci sono gli 80 miliardi di extraprofitti delle multinazionali del Farmaco, come la Pfizer, perché questo fatto dei va-cini è stato il più grande affare delle multinazionali del mondo, dopo le armi. E c’è la truffa di Draghi che, invece di tassare questi profitti illeciti con una tassazione del 25% da cui avrebbe tratto 20 miliardi da rendere ai cittadini invece di buttarli in miseria, o invece di imporre un tetto al prezzo così da evitare questi extraprofitti che hanno fatto salire le nostre bollette, ha fatto una legge, guarda caso, ‘sbagliata’ (lui che è considerato tanto bravo!) per cui invece di 20 miliardi di soldi rubati ci riprenderemo solo un miliardo. Dunque, scrivendo apposta male la legge, ha fatto un grosso favore alle multinazionali, regalando loro 19 miliardi di soldi rubati illecitamente, mentre i media embedded distraggono i cittadini, martellando sugli 8,8 miliardi del reddito minimo, che ora sarà eliminato aumentando il livello già gigantesco della povertà. Ma così va il mondo. I politici proteggono i ricchi a spese dei poveri. E i poveri, invece di prendersela con i ricchi, attaccano quelli ancora più poveri con falsi problemi.
    Siamo come topi chiusi in una vasca che invece di prendersela con chi li ha resi prigionieri, si sbranano tra loro.
    Un tempo spingevano la gente a odiarsi per la religione, poi per la politica. Oggi siamo caduti talmente in basso che ci scanniamo per lo sport o i vaccini o gli aiuti ai più poveri. Le nuove divinità o i nuovi totem sono prodotti agitati dai media ad uso e consumo del potere e la capacità critica della gente diventa sempre più bassa. Sembra di essere tornati al tempo degli untori di cui parlava il Manzoni nei Promessi Sposi. Io sono allibita!

    Piace a 1 persona

  22. C’è un nuovo capitolo nell’infinita saga dei problemi cardiovascolari legati all’infezione da Sars-CoV-2. La scrivono i ricercatori britannici (tra gli altri Zahra Raisi-Estabragh e Steffen Peterson) dell’Università Queen Mary di Londra sulle pagine della rivista Heart. Stando alla loro indagine, per chi ha avuto Covid-19 il rischio di infarti, aritmie e simili (si arriva fino al decesso) appare elevato soprattutto nel primo mese dopo l’infezione acuta, ma si mantiene anche nei mesi successivi.

    L’infezione sarebbe un elemento di pericolo a prescindere dall’impatto dei classici fattori di rischio cardiovascolare, dall’ipertensione al colesterolo elevato fino al diabete. E l’impatto del virus sarebbe particolarmente significativo per chi è stato ricoverato, quindi con forme più serie. Ma anche chi ha “fatto” l’infezione a casa tende comunque a manifestare più frequentemente acciacchi più o meni seri al cuore. il tutto, va detto, indipendentemente dallo stato di vaccinazione

    "Mi piace"