La parabola dell’ex enfant prodige: così Di Maio saluta la politica

Giovanissimo ministro e vicepremier, esce di scena dopo il flop. Da anti-euro a uomo di fiducia di Draghi: è stato tutto e il suo contrario

(FEDERICO CAPURSO – lastampa.it) – I ghigni che hanno accompagnato la sua uscita di scena sono destinati a spegnersi e a scivolare via. Perché non riusciranno, congiuntivi fantozziani e soprannomi dileggianti, a descrivere davvero fino in fondo chi è stato Luigi Di Maio per questo Paese. Capace di cavalcare in giacca e cravatta l’antipolitica alla conquista dei Palazzi di Roma, da mosca bianca del Movimento del vaffa, e di finire sconfitto nel momento in cui aveva ogni cosa nelle sue mani.

«Il più giovane della storia repubblicana», si è sentito dire spesso, da vicepresidente della Camera, da vicepremier, da ministro degli Esteri. Eppure, è un ragazzo che non è stato ragazzo mai. Entrato nel Movimento 5 stelle a 21 anni e a Montecitorio cinque anni più tardi, nel 2013. Altri cinque anni ed è ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico. L’unico vero miracolo grillino, in cui si è realizzato il sogno e consumato il contrappasso: l’uomo del popolo che diventa élite finché il suo popolo non lo riconosce più. Con lo 0,6 per cento incassato alle ultime elezioni, il passaggio di consegne alla Farnesina e le dimissioni dalla guida di Impegno civico, a 36 anni Di Maio chiude il primo capitolo della sua storia politica. E ora che tutto finalmente si posa, guardando indietro a questi dieci anni bruciati in fretta, tra mille acrobazie, come un fuoco d’artificio impazzito, si fa ancora una tremenda fatica a capire chi sia davvero Luigi Di Maio.

Il sacrificio per il potere, si dirà. Eppure, non può essere solo questo. Il senso di rivalsa, forse, che arriva da una provincia dimenticata del Sud, come è Pomigliano d’Arco, e che lo porta a esultare dal balcone di palazzo Chigi per aver sconfitto la povertà. E insieme l’abilità, persino il talento, di essere tutto e il contrario di tutto. L’uomo che voleva uscire dall’Euro e che chiese l’impeachment di Sergio Mattarella, che si lasciò cullare dalle fascinazioni prima russe e poi cinesi, che vedeva nel Pd un nemico e che incontrò in Francia i gilet gialli, oggi è alfiere della stabilità, uomo di fiducia di Mario Draghi e amico del Pd, atlantista ed europeista convinto. Il giustizialista che per primo, senza imbarazzi, ha chiesto scusa per il suo giustizialismo: «Scurdammoce ‘o passat’».

Gira voce che ora voglia dedicarsi al lobbismo. Entrare alla Bains, società di consulenza americana tra le più importanti al mondo, o magari fondarne una sua, mettendo a frutto la rete di conoscenze costruita nel tempo, fin dal primo giorno in cui ha imparato ad annodare la cravatta. Mentre i grillini sbraitavano contro i poteri forti, lui ci andava a cena insieme. E se poteva, piazzava i suoi amici, compagni di scuola e di avventura politica, su poltrone e poltroncine, come ha fatto chiunque abbia amministrato il potere in Italia prima di lui. «Giggino core d’oro», lo chiamavano i suoi detrattori. Ma è la capacità di ascolto e di dialogo, di costruire un rapporto plasmando la propria identità su quella del suo interlocutore, senza mai scontentare nessuno, ad avergli permesso di superare scivoloni ed errori politici. Da ultimo, la scissione dal Movimento, progettata e orchestrata per dare maggiore stabilità politica al governo Draghi e per assestare un colpo mortale a Giuseppe Conte, finita invece per terremotare palazzo Chigi e ridare forza all’identità dei Cinque stelle in campagna elettorale. Nessuno si ricorderà di Impegno civico. «Un cartello elettorale», così l’ha infilzato a morte Bruno Tabacci, unico eletto sotto quell’insegna. Ma Di Maio, a 36 anni, ha ancora cinque o sei vite di fronte a sé. L’unica vera domanda da porgli, oggi, è se abbia voglia di rallentare, prendere fiato, e decidere una volta per tutte, magari, chi è davvero Luigi Di Maio.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

47 replies

      • Infatti, dei politici questo individuo è il sublimato : tortuoso, infido, untuoso, furbetto. Gli elettori per fortuna avevano ancora troppo vivida l’immagine , che sembrava pulita, del giovane capo politico che con Grillo aveva squarciato il pascolo dei dinosauri predatori della politica italiana. E nulla è costato loro capire quanto di bluff c’è nel personaggio di Giggino a’pultrona (mancata). Che l’anonimato lo ingoi, è meglio anche per lui, altrimenti la tentazione di un ulteriore sonoro Vaffa accompagnato da partenopea pernacchia finisce per essere troppo forte

        Piace a 3 people

  1. Non è certo il primo e non sarà certo l’ultimo a nascere incendiario e morire da pompiere.
    Non è mai stato quel talento che anche questo articolo gli riconosce…il sistema sapeva dell’irrilevanza dei 5S a questo giro di elezioni, lo hanno semplicemente aspettato al varco mentre lui pensava a chissà quale mossa strategica con la sua scissione.

    "Mi piace"

    • “il sistema sapeva dell’irrilevanza dei 5S a questo giro di elezioni”
      E dagli… Ogni occasione è buona per denigrare i 5s, vedo.
      Si parlava del traditore, non dei traditi, e del TROMBATO,
      non del 3o partito, ora 2o, forse a pari merito.
      Irrilevanza de che?

      "Mi piace"

      • Quello che chiami denigrare Anail, è molto più semplicemente un bagno di realtà: era chiarissimo ai più – di sicuro a quelli che dietro le quinte apparecchiano la tavola – che i 5S non avrebbero replicato i consensi delle precedenti elezioni politiche.
        Mi pare di ricordare che molti hanno gridato alla vittoria per essere arrivati al 15, dopo aver temuto di non riuscire a superare la soglia del 10, dimentichi del 33 di 4 anni fa.

        Non riesco a pensare a qualcosa di rilevante, politicamente parlando, che sia venuto dai 5s nelle ultime 4 settimane ed è giusto così: altri hanno vinto, la palla ce l’hanno loro. Vedremo in futuro come il movimento si organizzerà e come riuscirà a fare opposizione e creare alternative ritenute valide da una base più ampia di quella attuale.

        Suvvia, saranno possibili anche analisi/opinioni – giuste o sbagliate che appaiano – che provano a guardare ai fatti e i numeri piuttosto che solamente difese fideistiche a spada tratta no-matter-what?
        Può non piacere e la tua passione/devozione/senso di protezione sono “commendable” ma non spostano di una virgola la realtà delle cose.

        Questa cosa di traditi e traditori fa sorridere, e meno male che siamo la terra che ha dato i natali a Machiavelli…

        "Mi piace"

      • Raffa
        Devi inquadrare bene il soggetto in questione.
        Storica elettrice di PCI/RC/PDCI/Leu, proveniente dal pugnochiusismo guevarista senza se e senza ma, folgorata sulla via di Damasco dai controlloridaldidentro e quindi strenua difensrice del Dimma proDraghi, infine innamorata persa del bel tenebroso e quindi, in piena sindrome Trava, contro tutti i traditori della santa pochette..
        Chiaro ora?!?

        "Mi piace"

      • L’unica cosa che il tipo ha azzeccato è che, a suo tempo, ho votato a sinistra, Leu, ma, ad esempio, non ho mai votato PCI e non sono mai stata guevarista, né folgorata dal m5s, che voto per la prima volta, dopo anni di OSSERVAZIONE, né dimaiana, tantomeno pro Draghi o “innamorata” di chicchessia.
        Ma, in fondo, può mai fregarmene di essere “inquadrata” da un simile elemento? Io neanche mi ci metto a tentare di inquadrare qualcuno che, tra l’altro, non m’interessa di striscio.
        Semplicemente, non sopporto chi infila sottili accuse e frasi colme di serpeggiante disprezzo verso Conte e 5s, QUALSIASI sia l’argomento di cui si discute, e, soprattutto, senza aver, EVIDENTEMENTE, seguito nulla della campagna elettorale del Movimento e delle loro lotte e proposte.
        Il genere: troll che si infila nella pagina fb degli avversari a denigrare gratuitamente, ma facendo taaaanto il moderato è sentendosi colui che “ragiona”.
        Quanta gente convinta che se si ha passione non si ha razionalità…e in genere non hanno né l’una né l’altra.
        Tanti ghirigori e arabeschi per non dire nulla.

        Piace a 2 people

      • Non ti interessa di striscio inquadrare chicchessia, ma intanto ci provi, anche tu non azzeccandone una: anch’io ho votato Conte, anche se pur per manifesta inferiorità degli avversari, per fiducia verso gli esponenti locali, e nella speranza in un futuro ritorno alle origini… e poi, io non ho e non ho mai avuto un profilo facebook, quel posto ameno lo lascio a voi che ve lo meritate.
        Su una cosa in effetti sono stato io a non azzeccarci: l’ironia e l’autoironia è insieme un limite ed una virtù, ormai sempre più rara ed inversamente proporzionale alla permalosità.
        Vero, GSI?!?

        "Mi piace"

      • E come avrei provato ad inquadrarti?
        E dove avrei supposto che non hai votato Conte?
        Io parlavo con Raffa e tu ti sei infilato a sparare caxxate su di me, non sapendone che mezza. (Leu)
        Infatti parli di profilo Facebook che TU non hai, come se invece IO l’avessi!!! E lo dichiaro da sempre, di non avere social!
        Anche qui, la fai fuori dal vaso… ma non demordi.
        In effetti, con quell’altro avete tanto in comune: pretendete di insegnare “materie” che non maneggiate e SPARLARE di persone di cui non sapete un emerito.
        Complimentoni vivissimi. 👏🏻👏🏻👏🏻

        "Mi piace"

      • “Infatti parli di profilo Facebook che TU non hai, come se invece IO l’avessi!!! E lo dichiaro da sempre, di non avere social!”.

        Mah, che dire, non me ne intendo molto di queste carabattole, però domando: si può avere notizie di questo genere se non si è iscritti?

        paolapci
        15 dicembre 2020 alle 15:54
        No, dopo aver visto il profilo facebook no.

        Anail
        15 dicembre 2020 alle 17:40
        Mi sono sacrificata:
        Oltre 60anni, segno zodiacale leone, ex impiegata Enel distribuzione, mobbizzata e licenziata, invalida civile, Casalpalocco, ama la Raggi, Giletti, Berlusca, il primo governo Conte, ha partecipato alla Leopolda, ma non vuole che si sappia(!), ha creduto in mani pulite e i 5s, ha abbracciato la Fede, ha miti più vecchi dei miei che sono più anziana di lei, tipo Franca Valeri, Gianrico Tedeschi, elementi che mi riportano all’infanzia e giustificano il suo mantra “Fido Coniglio”.
        Odia: Conte, Casalino, il PD, il comunismo e tutto l’universo mondo.
        Non si capisce un piffero di quello che pensa e scrive, sia per le contraddizioni continue, (ma ritiene che “la persona più coerente che abbia mai conosciuto sono me stessa”, sic), che per i continui errori grammaticali e la punteggiatura assente.
        Ora avrei bisogno di pace e oblio per buoni 2/3 gg.
        Vi lovvo.

        https://infosannio.com/2020/12/15/verificami-questo/

        Oppure:

        Ennio
        15 febbraio 2021 alle 8:14
        Bruna Nome Fantastico é diventata la pietra di Paragone delle teste di coccio?

        Anail
        15 febbraio 2021 alle 14:16
        Macché nome fantastico… è una tipa vera e fa pure compassione, se hai la pazienza di leggere la sua pagina fb

        https://infosannio.com/2021/02/15/ma-mi-faccia-il-piacere-38/

        Comunque, rovistando nel torbido, guardate cosa scriveva su Di Maior minor cesso, prendendosela con Cagliostro e Tonino b:

        “Vedere il bene nelle cose e nel mondo aiuta a vivere meglio e a far andare meglio le cose. Sai come si fa? Si cerca di mettersi nei panni degli altri, coi problemi degli altri. Tu, al posto di Giggino, che cosa avresti potuto fare? Io lo ammiro per come sta studiando, preparandosi, cercando di migliorare per fare al meglio il suo lavoro. Immagina che sia tuo figlio…messo lì a fare un lavoro che ci avrebbe fatto tremare di paura tutti quanti. Invece sta facendo un figurone: è serio, onesto, calmo, umile.
        Molto facile per chi è restato fuori, sembrare duro e puro. Chi non fa non può sbagliare, tutto qui.”.

        https://infosannio.com/2021/01/17/gli-irresponsabili-2/

        Quando si dice la lungimiranza!

        Ah ah ah!

        Piace a 1 persona

      • Ho dichiarato più di una volta che il mio smartphone, SOLO
        quando sono a casa, quindi collegata al WiFi (se qualche esperto me lo potesse spiegare gliene sarei grata), mi consente di entrare nelle pagine Facebook, anche se NON SONO ISCRITTA.
        Inoltre, la maggior parte degli articoli e commenti che posto mi vengono inviati e io li rigiro.
        Com’è che nell’archivio da serial killer non sono presenti queste ESSENZIALI NOZIONI, ma solo i cz che ti fanno comodo?
        Mah, un’idea ce l’avrei…
        Stessa considerazione per quanto riguarda Di Maio.
        Sai benissimo che il mio era “istinto materno mal riposto e tradito”.
        Che cz ti arrampichi in modo DISONESTO, visto che i fatti TU LI SAI, per dimostrare cose che non esistono?
        Tra l’altro non ho mai rimpianti per aver creduto alla buona fede di qualcuno.
        È chi tradisce la fiducia che si deve vergognare, non chi è stato smentito.
        Non partirò MAI dal presupposto che il mondo sia tutto marcio, tranne me, neanche per fare la bella figura di averci visto lungo.

        "Mi piace"

      • “Infatti parli di profilo Facebook che TU non hai, come se invece IO l’avessi!!! E lo dichiaro da sempre, di non avere social!”.

        Mah, che dire, non me ne intendo molto di queste carabattole, però domando: si può avere notizie di questo genere se non si è iscritti?

        paolapci
        15 dicembre 2020 alle 15:54
        No, dopo aver visto il profilo facebook no.

        Anail
        15 dicembre 2020 alle 17:40
        Mi sono sacrificata:
        Oltre 60anni, segno zodiacale leone, ex impiegata Enel distribuzione, mobbizzata e licenziata, invalida civile, Casalpalocco, ama la Raggi, Giletti, Berlusca, il primo governo Conte, ha partecipato alla Leopolda, ma non vuole che si sappia(!), ha creduto in mani pulite e i 5s, ha abbracciato la Fede, ha miti più vecchi dei miei che sono più anziana di lei, tipo Franca Valeri, Gianrico Tedeschi, elementi che mi riportano all’infanzia e giustificano il suo mantra “Fido Coniglio”.
        Odia: Conte, Casalino, il PD, il comunismo e tutto l’universo mondo.
        Non si capisce un piffero di quello che pensa e scrive, sia per le contraddizioni continue, (ma ritiene che “la persona più coerente che abbia mai conosciuto sono me stessa”, sic), che per i continui errori grammaticali e la punteggiatura assente.
        Ora avrei bisogno di pace e oblio per buoni 2/3 gg.
        Vi lovvo.

        https://infosannio.com/2020/12/15/verificami-questo/

        Oppure:

        Ennio
        15 febbraio 2021 alle 8:14
        Bruna Nome Fantastico é diventata la pietra di Paragone delle teste di coccio?

        Anail
        15 febbraio 2021 alle 14:16
        Macché nome fantastico… è una tipa vera e fa pure compassione, se hai la pazienza di leggere la sua pagina fb

        https://infosannio.com/2021/02/15/ma-mi-faccia-il-piacere-38/

        Comunque, rovistando nel torbido, guardate cosa scriveva su Di Maior minor c3sso, prendendosela con Cagliostro e Tonino b:

        “Vedere il bene nelle cose e nel mondo aiuta a vivere meglio e a far andare meglio le cose. Sai come si fa? Si cerca di mettersi nei panni degli altri, coi problemi degli altri. Tu, al posto di Giggino, che cosa avresti potuto fare? Io lo ammiro per come sta studiando, preparandosi, cercando di migliorare per fare al meglio il suo lavoro. Immagina che sia tuo figlio…messo lì a fare un lavoro che ci avrebbe fatto tremare di paura tutti quanti. Invece sta facendo un figurone: è serio, onesto, calmo, umile.
        Molto facile per chi è restato fuori, sembrare duro e puro. Chi non fa non può sbagliare, tutto qui.”.

        https://infosannio.com/2021/01/17/gli-irresponsabili-2/

        Quando si dice la lungimiranza!

        Ah ah ah!

        "Mi piace"

      • Ti assicuro Frankie,
        che sono l’esatto contrario del permaloso.
        Come potrei NON essere un giovialone dopo aver subíto col sorriso i proverbiali insulti plurimi e reiterati del Gatto ossesionato dai medici con la siringa in mano?

        Però, se permetti, su una cosa non riesco a ridere: sulla guerra della Nato in Ucraina.
        Lì le barzellette del comico sanguinario le lascio a te che riesci a farle tue.

        Hai centrato, per me, tre su quattro di quei partiti ha hai appioppato ad Anail.
        Ora abbiamo votato lo stesso partito. Evidentemente, pur partendo da curriculum politici diversi, ci accomunano molti temi sui quali vuol dare battaglia Conte.

        Purtroppo, su questa guerra, rimaniamo agli antipodi ed io mi auguro (sulla visione di questa guerra) di non essere agli antipodi anche di coloro che andranno rappresentare il M5S in Parlamento.
        Altrimenti ognuno ancora per la propria strada.

        Piace a 1 persona

      • “Com’è che nell’archivio da serial killer non sono presenti queste ESSENZIALI NOZIONI, ma solo i cz che ti fanno comodo?…”

        Perché semplicemente non ci sono, quindi nessun cz che mi fa comodo, ma solo quello che hai scritto tu. Infatti ho premesso con una domanda, quindi non una certezza, quanto segue:

        “Mah, che dire, non me ne intendo molto di queste carabattole, però domando: si può avere notizie di questo genere se non si è iscritti?”

        Su Di Mario: “Sai benissimo che il mio era ‘istinto materno mal riposto e tradito’.”.

        Ah ah ah!

        Non ce l’avevi molto nei confronti di Tonino b e Cagliostro che avevano ben capito, assieme al sottoscritto, che razza di figlio di mammà fosse il pargolo: tale la “madre”, tale il figlio!

        "Mi piace"

      • “Gatto ossesionato dai medici con la siringa in mano…”.

        Reitero al Giovialone (cit.), tanto ride no?

        STR0NZ0 MONDIALE!

        "Mi piace"

  2. Il giornalaio di Elkan in questo scritto demenziale sottintende che dopotutto le qualità di Giggino a’pultrona erano di livello troppo elevato , si erano sviluppate in tal grado che non poteva più condividere il suo destino con gli scappati da casa dei 5*, per di più capitanati dall’estremista pacifista Conte. E va beh, prendiamo nota, un altro degli scudieri di Giannini 90 (gradi con Elkan) da buttare legittimamente nel cestino

    Piace a 1 persona

  3. “sconfitto nel momento in cui aveva ogni cosa nelle sue mani”
    così gli è stato fatto credere
    bastava leggere quello che scivevano la coppia del giornalismo farsa GEDI-CAIROCOM, che lo incensavano ogni giorno contrapponendolo a Conte,
    chi gli ha dato i falsi sondaggi?

    Piace a 3 people

  4. Di Maio se si ferma ora è perduto: la gente dimentica velocemente e gli conoscenze di oggi diventano presto inutilizzabili. Si trovi un bel posto dirigenziale in qualche società (preferibilmente non italiana, che sono già piene di trombati dalla politica) e munga la mucca finché può. Gli è rimasto solo questo.

    Piace a 1 persona

    • Non è poco quello che gli è rimasto…società di consulenza pagano bene…cascherebbe in piedi…potrebbe contare sul tipo di salario che avrebbe solo potuto sognare senza l’esperienza politica che gli è stata permessa…

      "Mi piace"

    • Manca l’illustre parere del nostalgico acca espropriato: secondo te arriverà a difendere il suo pupillo dall’accusa di aver fatto il PALO (cit.) in tutto questo tempo?

      Attendiamo ansiosi…

      "Mi piace"

      • ‘Mmmazza oh! Giusto perché il governo è già formato, ma se Gioggia lo avesse visto prima, Crosetto non avrebbe avuto storia al Ministero della Difesa.

        "Mi piace"

      • @ Gatto: ma come, fino all’altro giorno miagolavi reprimende al disadattato del blog, reo (a tuo dire) di aver svegliato il can che dorme e ora, neanche 48 ore dopo, proprio tu fai la stessa cosa? Fai pace col cervello, e cazziati da solo.

        Su Di Maio ho già espresso più volte e in maniera esaustiva il mio pensiero: non essendo accaduto nulla di nuovo, non vedo perché dovrei ripetermi, specialmente con chi non è interessato all’argomento ma preferisce parlare (a vanvera) di me.

        Suggerimento a tutti gli ossessionati: se proprio non potete fare a meno di pensarmi, mettetevi una mia foto sul comodino, così potrete masturbarvi ogni volta che lo vorrete.
        Sogni d’oro.

        Piace a 1 persona

  5. Si era già palesata la sua sudditanza al sistema dall’abbandono del impeachment a mortadella, da lì è cominciato il suo cambio di rotta di 180°
    Non per niente è diventato il famoso gigino o bibitaro e oggi ha coronato la sua parabola a mai più risentire le sue caxxate.

    "Mi piace"

  6. Comunque tutta questa storia insegna sicuramente una cosa: il movimento 5stelle, con tutti i limiti che gli si possono trovare, di sicuro non è un trampolino di lancio per gli ambiziosi della politica. Puoi avere anche il mondo nelle tue mani, per usare una metafora simile a quella del giornalaio di cui sopra, ma dopo due mandati ti trovi un lavoro vero e se esci lasci tutto dentro, compresi gli elettori o almeno quelli che non hai fatto scappare con il tuo agire ambiguo.

    Piace a 3 people

  7. Fate tutti i fenomeni a giochi fatti. Ero stto uno dei pochissimi, a partire dal 2019, a inquadrare lui e il compare cazzeggione, aspirante influencer, come due ignorantissimi parolai, superficiali, supponenti e presuntuosi.
    Alla comparsa di quelle critiche per i danni fatti e che continuavano, mi ricordo tanti utili idioti a fargli da scudo umano, come lui si prestava per proteggere le boiate dei leghisti. Oggi costoro gli sputano addosso. Non funziona così, troppo facile. Dimostrate insipienza e incapacità di leggere la realtà nel momento in cui si costruisce.

    @Raffa
    Stai scrivendo boiate sull’attuale M5S. Hanno di nuovo tutti contro ma c’è una differenza rispetto al 32% conquistato nel 2018.
    Oggi l’ultimo sondaggio dà l’astensione al 41%. Quelli che hanno vinto prendono il 27% tra gli aventi diritto al voto.
    Ci sono preaterie immense di consenso da conquistare e i cavernicoli ancora non hanno cominciato a far danni.
    Fate sempre l’errore di sproloquiare per massimi sistemi, ma la realtà che ignorate è molto più complessa, difficile, pericolosa, con un impoverimento galoppante e con risposte paventate dalla destra bestia che vanno a premiare chi ha sempre avuto tanto in modo disonesto, cominciando a tagliare sui diritti.

    Con parole di verità e di onestà al prossimo giro il M5S potrebbe riconquistare la maggioranza relativa. Con questa legge elettorale basterebbe superare il 40$

    Piace a 1 persona

    • “Vedremo in futuro come il movimento si organizzerà e come riuscirà a fare opposizione e creare alternative ritenute valide da una base più ampia di quella attuale”

      Questo ho scritto Jolly Boy, non sono io qui quello che non sa leggere (tutti) i numeri.

      "Mi piace"

  8. Per un Di Maio che va, mille Casini, Santanchè, La Russa, Salvini, Calderoli, Fassino, Zingaretti, Renzi….che restano ed un Berlusconi che rientra. ……gli elettori 5 stelle, almeno lo zoccolo duro, è in grado di punire, e non perché il proprio ex capo politico, non un qualunque parlamentare, ex vicepremier e ministro sia stato beccato con le mani nella marmellata, rinviato a giudizio o magari condannato, ma perché ha dimostrato di usare la politica per il proprio interesse personale e di carriera, e non come servizio ai cittadini. …..se questa intransigenza critica verso i propri esponenti, fosse applicata e diffusa anche fra gli altri elettori, ci saremmo risparmiati le cariatidi che puntualmente ritornano a perpetrare danni. ….perché criticare gli esponenti altrui è facile, mentre punire i propri pare impossibile, anche di fronte a condanna penale definitiva. ……Agli elettori 5 stelle bastano gli elogi dei soliti media asserviti per prendere le distanze…..Di Maio è scivolato, come al solito, sulla sua ignoranza, non conoscenza dei propri elettori, e l’ unico aspetto positivo, della sua miserabile esperienza , è che sia di lezione per i futuri aspiranti…..Conte prenda nota!

    "Mi piace"

  9. Devo concordare con Jolly Boy/Boy George visto che i pochi iscritti al M5S che non hanno mai votato Di Maio come capo politico e che al tempo dei balconi lo criticavano per l’ evidente grullaggine, senza considerare lo scempio della lingua italiana, una frustrata di imbarazzo, cui chiedere di soprassedere perché il ragazzo è onesto, sono stati regolarmente zittiti……..il ragazzo è ancora onesto, fino a prova contraria, ma ha dimostrato tutta la sua pochezza, quella rilevata al tempo da chi avrebbe preferito un capo politico all’ altezza del compito……Fatto tesoro dell’ esperienza, forse conviene giudicare nel merito senza tanti innamoramenti, perché la funzione degli iscritti al M5S è questa. ……vediamo cosa farà Conte, e valutiamo obiettivamente, perché come va un Di Maio, vanno anche tutti gli altri. …..senza elettori , come appena dimostrato con lo 0,6% di Impegno stitico, si va a casa e le praterie di consenso si conquistano con scelte chiare. ……e dall’ opposizione è possibile, quindi ogni alibi di responsabilità, prudenza, bla, bla stanno a zero! Il M5S faccia opposizione e soprattutto si attivi per comunicazione/informazione, visto che tutti i media saranno impegnati nel rendere presentabile/apprezzabile il governo Meloni o nella eventuale fittizia critica da parte della finta opposizione piddina!

    Piace a 1 persona