Ma mi faccia il piacere

(Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Johnny Lecchino. “’Travaglio e il Fatto ormai in campagna aperta per Putin e la sua guerra’. Un semplice tweet … innesca oggi l’intero editoriale Fatto a firma Travaglio. Guerra, governo, crisi gas, inflazione? No, conta di più un tweet che brucia. #soddisfazioni :)” (Gianni Riotta, Twitter, 9.10). L’intero editoriale dedicava a questo poveraccio appena tre […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

26 replies

  1. Ma mi faccia il piacere

    (Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Johnny Lecchino. “’Travaglio e il Fatto ormai in campagna aperta per Putin e la sua guerra’. Un semplice tweet … innesca oggi l’intero editoriale Fatto a firma Travaglio. Guerra, governo, crisi gas, inflazione? No, conta di più un tweet che brucia. #soddisfazioni :)” (Gianni Riotta, Twitter, 9.10). L’intero editoriale dedicava a questo poveraccio appena tre righe. Ma a lui, per riconoscervisi, è bastato il titolo: “Scemi di guerra: il sequel”.

    Libero docente. “Formigoni lascia i domiciliari: insegnerà alle suore straniere” (Corriere della sera, 12.10). Sorella, si lavicchia!

    Un pesce di nome Zanda. “L’identità del Pd si è annacquata con il Conte 2” (Luigi Zanda, ex senatore Pd, Riformista, 11.10). Erano costretti a fare persino cose di sinistra.

    Senti chi parla. “Giuliano Amato: ‘Astensionismo figlio del vuoto sotto i leader. La politica era partecipazione, ora c’è sfiducia nel sistema’” (Stampa, 13.10). E lui non c’entra nulla.

    Senti chi pirla. “Forza Italia… l’unico partito liberale riconosciuto dal Parlamento europeo… rappresenta i valori dei partiti che ricostruirono l’Italia” (Paolo Guzzanti, Giornale, 15.10). I valori da lui stesso mirabilmente sintetizzati nel libro Mignottocrazia. La sera andavamo a ministre .

    L’oracolo di Crema. “Quando la sinistra stringe al centro… vince. Quando diventa radicale, perde… Se Conte sfondasse, per il centrosinistra si annunciano tempi duri” (Beppe Severgnini, Corriere della sera, 16.10). Diversamente da Renzi e Letta che hanno stretto al centro e perso, rischierebbe persino di vincere.

    Squadra che perde. “Cambiare segretario Pd è autoflagellazione, per me Letta dovrebbe andare avanti” (Luciano Violante, Stampa, 15.10). Non solo per te: anche per la Meloni.

    Chi può e chi non può. “’Sì al maxi-piano di Confindustria’. Ora lo scostamento non è più tabù. Lega e sinistra: bene la proposta di Bonomi sul nuovo deficit contro i rincari”, “La settimana corta. Intesa San Paolo propone quattro giorni di lavoro, ma rimanendo in ufficio un’ora in più” (Stampa, 11.10). Se lo dice Conte è un populista, se lo dicono Bonomi e i banchieri sono dei geni.

    Tanti auguri. “Oggi è il compleanno di Marco Travaglio. Come regalo, dato che so che ci teneva, il 13 ottobre ci sono in Parlamento sia Berlusconi che Renzi” (Matteo Renzi, senatore Iv, 13.10). Fortuna che almeno uno dei due s’è ritirato dalla politica nel 2016.

    Il razzista buono. “La Russia è uno stato terrorista. I russi sono un popolo terrorista. Quelli che da noi ogni giorno chiedono agli ucraini (agli ucraini) di fermarsi sono volenterosi complici di Putin” (Christian Rocca, direttore Linkiesta, Twitter, 11.10). E poi c’è quella terrorista kamikaze di Darya Dugina che si fa esplodere nella sua auto.

    Motore immobile. “Per il Pd la strategia migliore sarebbe stare fermo” (Giacomo Papi, Repubblica, 10.10). In effetti questo Letta si muove un po’ troppo, roba da capogiro.

    Il laureato. “I pm di Firenze hanno mandato in carcere il fratello di un importante parlamentare di FdI. La misura sembra sproporzionata” (Renzi, 13.10). Purtroppo sono i gip che arrestano, non i pm: ma questo la laurea in Legge l’ha presa per corrispondenza o coi punti della Mira Lanza?

    Aspesi e spera. “… l’avido Conte nei miei incubi lo vedo, quale lupo mannaro, spintonare la signora (Meloni) per affiancarla nel governo” (Natalia Aspesi, Venerdì di Repubblica, 14.10). Al prossimo incubo guarda meglio: quello è il tuo idolo Renzi.

    Com’è umano lui. “Berlusconi ha fatto qualcosa di buono, e molto più di quanto gli venga riconosciuto, per esempio ha costituzionalizzato una forza secessionista e una postfascista inducendole al federalismo e a una destra repubblicana, e la sinistra non gliel’ha riconosciuto” (Mattia Feltri, Stampa, 14.10). Ci ha solo governato tre volte in dieci anni.

    La benzinaia. “Che il terrorismo di stato russo in atto in Ucraina sia di monito a chi si riempie la bocca di ‘pace’, storpiando la parola più grande che c’è in una misera foglia di fico per malcelare bieca ideologia, cinismo e paura” (Nathalie Tocci, Cda Eni, Twitter, 10.10). C’è addirittura qualche panciafichista che vuole cinicamente la pace per paura di perdere il lavoro, chiudere l’azienda, finire brasato da una bomba atomica, anziché immolarsi per difendere dai russi il popolo del Donbass che è russo e vuole stare coi russi: donnicciole!

    Il titolo della settimana/1. “Torna Berlusconi, fine della sopraffazione” (Piero Sansonetti, Riformista, 13.10). Interdizione, si chiama: in-ter-di-zio-ne.

    Il titolo della settimana/2. “’La piazza della pace non è di Giuseppe Conte’. Parla Furfaro” (Foglio, 12.10). Beh, ubi Furfaro minor cessat.

    Il titolo della settimana/3. “Philip Breedlove: ‘Se Putin usa l’atomica è perché ha perso’” (Stampa, 11.10). Ah beh allora: sono soddisfazioni.

    Il titolo della settimana/4. “Ian Bremmer: ‘Ora nuova escalation. Mosca vuole coinvolgere la Nato nel conflitto’” (Stampa, 9.10). Con tutti gli sforzi che fa la Nato per tenersene fuori.

    Piace a 10 people

  2. Ne aggiungo una io.
    Per porre fine alla guerra. Zelensky: “Sono per iniziare il negoziato di pace ma a patto che Putin ritiri prima l’esercito di invasione”. Manca solo che dica di volere anche il suo suicidio per cominciare a trattare. Dopo il decreto che gli vieta di incontrare Putin, ha infatti cominciato ad allenarsi a dialogare con una sedia vuota.

    Piace a 5 people

  3. “Ecco, Cavaliere, metta giu’ prima il piede sinistro. Sollevi il destro.Mi dia la mano,poi la gamba, ora provi a puntellarsi . Si dia una spinta in avanti, cosi’ . Ronzulli ? Ronzulli ? Ministra ‘in pectore’ , dove sei ? Ma proprio adesso dovevi sparire ?”

    Piace a 1 persona

  4. Così a indovinare, sono parecchi i giornalisti e giornaliste stipendiati direttamente da un paese straniero. Salvo seria daltonia logica.
    Dicono che otto giudizi opposti al tuo sono in grado di modificare il tuo pensiero. Per me aspesi, tocci, riotta ecc hanno l’effetto opposto.

    "Mi piace"

  5. Che barba, che noia! questa settimanale lista di proscrizione di colleghi e politici invisi a Travaglio, attaccandosi a una frase , a un tweet, a un titolo. Ma ci facesse il piacere di fare anche un po’ di autocritica segnalando anche i suoi di frasi e titoli “lecchini” (per qualcun altro ovviamente…)

    "Mi piace"

  6. “C’è addirittura qualche panciafichista che vuole cinicamente la pace per paura di perdere il lavoro, chiudere l’azienda, finire brasato da una bomba atomica, anziché immolarsi per difendere dai russi il popolo del Donbass che è russo e vuole stare coi russi”.
    Un grande giornalista non dovrebbe mai “sbracare” in questo modo.

    "Mi piace"

  7. Penso che l’obbiettivo finale di zelensky, e quindi degli USA, sia lo sterminio totale degli uomini ucraini maggiorenni.
    Non manca molto.
    Senza uomini, con l’economia sul lastrico, il paese distrutto, l’inverno senza il gas russo e l’energia della centrale nucleare più grande, i territori fuori controllo persi insieme a territori che erano invece sotto controllo, potranno però consolarsi di aver indebolito un po’ la Russia: ottima strategia politica!

    E a quelli che parlano di paese aggredito e paese aggressore faccio presente che anche la Corte di cassazione fa risalire l’inizio del conflitto al 2015, quindi ribalta le responsabilità, ed è l’Ucraina il paese aggressore. Certo in tv non l’hanno detto, quindi non sarà vero … https://www.iltempo.it/attualita/2022/10/16/news/russia-ucraina-guerra-dal-2015-pronunce-cassazione-richieste-asilo-enrico-michetti-33479957/

    Mi raccomando, non trattate la resa, non sarebbe eroico, avanti fino alla vittoria!

    Piace a 2 people

    • Buongiorno,
      purtroppo dipende in parte dal link inserito nel suo avatar.
      Ho inserito per prova in like al suo commento.
      verifichi.
      In più, non può vederlo con la pagina web “normale” ad ogni commento di chi possiede un sito su worpress.com viene inserito un banner con 3 dei principali link esistenti nel sito.
      I link vengono intercettati dal sistema di protezione di infosanno.com che in base ad una propria policy li oscura del tutto, oscura solo alcune funzionalità, rimuove il commento.
      Per ovviare a questo si deve utilizzare o la risposta via client di posta o la risposta tramite web client di WordPress.
      O tenersi il pacco e scrivere ad ogni problema “mi hanno ritardato il commento, mi impediscono il like, non posso fare Reply” e compagnia cantante.
      Wordpress.com ha cambiato policy nei giorni scorsim fatto che ha modificato il modo di funzionare di TUTT i siti che fanno indirettamente riferimento ad essa
      Sono esclusi quelli che usano TOTALMENTE la versione WordPress ricompilata, installata
      e gestita in proprio.
      In più da diversi giorni, non ci vuole molto ad immaginarlo, i sistemi di governance telematica globale sono interessati dalla guerra telematica “di prova” che a differenza di quella plateale per soddisfare giornali, tv, social network, NON SI VEDE ma c’è e probabilmente durerà almeno sino alla conclusione della esercitazione NATO ora in esecuzione ma potrebbe proseguire se la Russia lancia la propria esercitazione per ora solo annunciata.
      Senior systems Engineer
      stefano tufillaro

      "Mi piace"

      • @Stefano Tufillaro grazie ancora delle sue dotte spiegazioni, ma dubito molto che certe censure ad alcuni miei commenti dipendano da wordpress o dalle esercitazioni Nato….

        "Mi piace"

      • Buongiorno,
        non ho scritto che l’esercitazione NATO influisce direttamente sulla rete telematica per bloccare i di Lei commenti.
        Non c’è bisogno di essere “esperti” per comprenderlo.
        L’esercitazione NATO testa anche la guerra telematica cioè quei meccanismi con cui in prossimità della guerra militare impediscono del tutto, e/o limitano le comunicazioni delle forze avversarie che oggi transitano tramite la Rete delle Reti (Internet) nella parte “nascosta”.
        Nascosta perchè il Ministero della marina da Guerra degli Stati Uniti è ancora il principale detentore del funzionamento e ne determina la parte accessibile pubblicamente e quella MAI accessibile se non ad enti riservati in special modo militari non necessariamente in esclusivo Statunitensi.
        A lei, come a tutti noi, “appare” solo la parte visibile pubblicamente in termini di computer che espongono siti web, siti di posta, siti di collaborazione, reti di network sociali.
        Questo è paragonandalo ad un iceberg neanche l’uno per cento di Internet (1%), ma Ella come tutti noi ci illudiamo che sia il 100%.
        Mentre sto scrivendo sono in aggiornamento costante gli apparati telematici mondiali, una delle parti nascoste di Internet, per liberare banda fruibile e instradare le comunicazioni secondo quanto deciso dall’autorità su descritta.
        Ella NON lo vede e quindi pensa che non esista.
        Ma così non è, purtroppo.
        Il traffico non interessato come questo sito non è interessato direttamente.
        Sarebbe idiota pensare che la NATO colpisce i commenti di magdabarbieri.
        La limitazione di banda limita il traffico TUTTO, il cambio delle regole di protocolli fisici e software interessa INDIRETTAMENTE TUTTE le fruizioni.
        Attualmente ci sono almeno una decina di migliaia di siti di varie utilizzazioni che non rispondono in tempo utile alla fruizione.
        Una situazione simile avviene normalmente, ma paese per paese, in prossimità delle elezioni perchè vengono privilegiati i canali che raccolgono, elaborano, collezionano i dati.
        In più particolari organi di comunicazione che vivono tramite Internet a loro volta vengono messi in cima alla filiera.
        Una situazione simile, accadde nelle ore precedenti l’inizio dei bombardamenti nella seconda guerra contro l’Iraq e, successivamente, in parte prima dell’attacco alla Libia.
        I sistemi di riconoscimento Irakeni che usavano una tecnologia arretrata vennero “bombardati” con diffusione mirata di trasmissioni “killer” trasportate tramite tempeste elettromagnetiche.
        La NATO sta esibendo a chi è in grado di valutare, e NON siamo certo noi, cosa potrebbe accadere senza arrivare al bombardamento fisico.
        Un bombardamento telematico che metta in crisi le ad esempio le transazioni bancarie, il trasferimento di fondi, la gestione delle attività commerciali fa migliaia di volte più danno di bombardamenti fisici perchè in casi particolari paralizza le attività di una nazione.
        La Russia NON possiede una rete telematica propria in grado di consentirle di sopperire a questa situazione.
        Si sta organizzando da tempo ma probabilmente gli ci vorranno diversi anni per crearla sempre che gli altri glielo consentano.
        Come può intuire si tratta di una situazione estremamente complessa che non vedrà mai una fine esaustiva tramite un equilibrio stabile e soprattutto pacifico.
        Ma a noi cosa importa: basta avere un Forum personale o pubblico Twitter e altri luoghi di distrazione per manifestare il proprio pensiero.
        Tanto non cambia le cose.
        Magari c’è bisogno di altro.
        Cosa ?

        Senior systems Engineer
        stefano tufillaro

        "Mi piace"

    • Gentile Magda, se ne ha voglia e tempo, risponda educatamente a ciò che considera insulti. Ma non smetta mai di esprimere il suo pensiero, qualunque esso sia. Cordialità.

      "Mi piace"

      • Senti Mr Cordialità, la sig.ra Magda viene sistematicamente insultata dai poveracci che frequentano Infosannio. Il tuo chiederle di essere educata è quasi peggio.
        Ossequi.

        "Mi piace"

      • Gentile Loquasto, evidentemente lei ha completamente frainteso il senso del mio pensiero. Me ne scuso. Cordialità

        "Mi piace"

  8. ‘Se Putin usa l’atomica è perché ha perso’. Ah beh allora: sono soddisfazioni.

    ‘Ora nuova escalation. Mosca vuole coinvolgere la Nato nel conflitto’. Con tutti gli sforzi che fa la Nato per tenersene fuori.

    Troppo forte.

    Piace a 1 persona