Gli avvisi di Conte: “Mai più con Letta e stop sulle armi”

(DI LUCA DE CAROLIS – ilfattoquotidiano.it) – Le bimbe di Conte urlano dentro il mercato coperto di Livorno, la città dove fondarono il Pci. Tra i banchi di pesce e verdura reclamano il loro idolo come 15enni a un concerto, anche se hanno un’età che va dai 60 in su, mentre la piccola folla intona pure il coro: “Presidente, presidente”. Il presidente che poi sarebbe ex, Giuseppe Conte, si presenta in polo blu e pantaloni sportivi grigi: niente giacca e pochette, per una campagna “da agenda sociale” . Confessa tanti con rapidità consumata, chiede il prezzo della merce ai bottegai, mangia un fico.

Un’ora e qualcosa dopo, al cronista Conte la mette così: “Che dice, noi 5Stelle siamo in ascesa?” e fa il segno di un aereo che sale, con tanto di sibilo simulato. Eccolo, l’avvocato che prova a sfondare nella Toscana per antonomasia (soprattutto) rossa. Vuole soffiare voti innanzitutto al Pd di cui “non voglio parlare male” giura senza crederci. E infatti morde alla gola Enrico Letta: “Ci penseremo tante volte prima di allearci con i dem, visto quanto successo con questi vertici del Pd”. Infierisce perché è corpo a corpo a sinistra. Così parla ancora, ovunque, di armi: “Il governo vuole far approvare nuove spese militari per 12,5 miliardi ma io non voglio neanche entrare nel merito dei decreti delegati, deve essere il prossimo esecutivo a occuparsene, un governo politico. Ovunque la gente mi dice non se ne parla di spendere in armi ora”. Batte, di nuovo, sulla narrazione del Movimento come alternativa “all’accozzaglia”, cioè alle grandi intese: “Che ci sia quest’aria è di evidenza pubblica, basta sentire Calenda, Renzi e gli altri. Un migliore dei migliori per Chigi si trova sempre…”. E i dem, lo vorrebbero? “Loro hanno sposato in pieno l’agenda Draghi”. Sono i codici del Conte da urne. Sempre “scortato” dalla consigliera regionale Irene Galletti, va a Coltano (Pisa), dove dovevano costruire una nuova base militare, tra un parco naturale e la stazione da dove Guglielmo Marconi mandò il primo segnale radio. “Era una scelta improvvida, l’abbiamo fermata anche con un ordine del giorno del nostro Riccardo Ricciardi” rivendica, indicando il vicepresidente grillino accanto a lui. “Il Pd con i partiti di sinistra non c’entra più” rilancia Ricciardi. Ma il Conte in maglietta soffre quando gli rammentano un passato che non è neppure il suo, quello del M5S che diceva tanti no. Per questo a Firenze, l’ultima tappa della giornata, precisa: “Martedì approveremo il dl Aiuti, non abbiamo mai posto un veto. Chiediamo che gli altri partiti sottoscrivano con noi l’emendamento per far circolare i crediti bloccati sul Superbonus, per salvare 30-40 mila aziende che stanno fallendo”. E se non lo faranno? “In quel caso non è che noi per ripicca non votiamo il decreto”.

Lo ripeterà spesso: “Non siamo quelli dei no, ma dei sì ragionevoli”. Anche di fronte alla domanda sul rigassificatore da realizzare a Piombino. L’avvocato la prende larga, ricorda che lui un’opera come il Tap l’ha voluta, eccome, ma alla fine si espone: “Sì ai rigassificatori galleggianti per l’emergenza attuale, ma Piombino è una scelta sbagliata”. Uno sbaglio, ammette di fatto, furono anche i decreti Sicurezza. Un signore sulla cinquantina a Livorno gli contesta “la foto con Salvini”, un cronista lo incalza, ancora, su quei decreti. “Ho risposto 20 volte, nella versione originaria erano molto peggio, e la Lega aveva un grande peso in quel governo” replica. Nel pomeriggio Conte è a Viareggio per ricordare le vittime della strage ferroviaria del 2009, con un incendio che uccise 32 persone. Davanti alla casina del ricordo, colma di foto delle vittime, trova due 5Stelle al secondo mandato, Laura Bottici e Alfonso Bonafede. Non ricandidati, “ma siamo qui” sorride l’ex Guardasigilli, che del processo per la strage ha fatto un simbolo della sua battaglia contro la prescrizione. Conte visita i murales davanti alla stazione, saluta parenti delle vittime. “Un megafono, non si sente”, gli urlano. Ma di applausi ne prende. Per i voti, dipenderà da lui. E dal Pd.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

57 replies

  1. Troppo difficile dire mai più con quel comitato d’affari chiamato pd?
    Pensi che cambiando il segretario ci sia una inversione di tendenza? Il pd è destra affaristico clientelare. Il pd è una delle peggiori sciagure politiche dell’Italia repubblicana.

    Piace a 5 people

  2. “Uno sbaglio, ammette di fatto, furono anche i decreti Sicurezza. Un signore sulla cinquantina a Livorno gli contesta “la foto con Salvini”, un cronista lo incalza, ancora, su quei decreti. “Ho risposto 20 volte, nella versione originaria erano molto peggio, e la Lega aveva un grande peso in quel governo” replica”

    ecco, qui si vede tutta la pochezza di Conte, il suo trasformismo, il suo essere bandiera al vento.
    oggi è il leader del M5S e fa il Melenchon de noantri, con una strategia che pare pure funzionare.
    Ma Conte è stato anche il leader del governo più a destra della storia, e ha fatto cose di destra.
    in quella qazzo di foto, faceva da uomo sandwich a Salvini, reggendo sorridente il cartello #decretisalvini. nemmeno #decretisicurezza, c’era scritto proprio #decretisalvini. e Conte stava lì a reggere il cartello. lui, il Presidente del Consiglio, che fa il propagandista per il Ministro degli Interni. e Salvini non gli puntava una pistola alla testa.
    se una cosa è sbagliata, non la fai. se ti fanno fare della roba schifosa, tipo le leggi razziali, ti rifiuti, non le fai dicendo “eh, ma come ce le avevano proposte erano molto peggio”.
    sento già le bambocce di Conte che ribattono “ma così cadeva il governo!”, “se non hai il 50%+1 devi allearti e scendere a compromessi”, “era un governo di coalizione”, e bla bla bla, solito ritornello.
    1) il PdC non è obbligato a fare da uomo sandwich a nessuno, se non crede in una cosa la foto non la fa, al massimo manda uno scagnozzo
    2) quando si crede in una cosa, si dice anche no. al termovalorizzatore di Roma Conte ha detto no, e ha fatto cadere un governo. forse i decreti sicurezza gli stavano meno a cuore.

    Piace a 1 persona

    • Che palle con queste polemiche su cose vecchie! Discuti piuttosto dello sbriciolamento da parte del Migliore killer Gattopardo Draghetto delle sacrosante riforme per far diventare l’Italia un paese più giusto e moderno fatte dai governi Conte. E poi, i decreti sicurezza contenevano anche elementi positivi

      "Mi piace"

      • vecchie???
        stiamo parlando del 2018-2019, mica trent’anni fa.
        sarebbe ora di finirla in Italia con questo doppiopesismo da strapazzo: quando si tratta di avversari politici, si va a cercare tutte le sue magagne del passato, anche le note sul registro di classe delle elementari (guarda Repubblica che, per infamare la Meloni, è andata a ripescare una canzone che altri avevano scritto su di lei più di 20 anni fa), quando si tratta dei leader che piacciono ci si dimentica volentieri di tutto, anche della roba dell’altro ieri.

        "Mi piace"

    • “ecco, qui si vede tutta la pochezza di Conte, il suo trasformismo, il suo essere bandiera al vento.”

      Ma che dovrebbe dire perché tu sia soddisfatto? più che scusarsi e ammettere i suoi errori e la sua inesperienza.
      Quella scena non si può cancellare ormai.
      ALlora siccome non si può cancellare per te dovrebbe scomparire dalle scene.

      Piace a 1 persona

  3. Siamo in fremente attesa del governo più a sinistra della storia guidato dalla Meloni, con La Russa e Santadeche’ che cantano El pueblo unido. ……

    Piace a 2 people

  4. E una cosa siamo certi, quella poltrona gli sta proprio a cuore, dopo averla provata non può più farne a meno,
    Livorno, Firenze, Viareggio, manco una trottola gira quanto gira lui promettendo meraviglie che sa bene irrealizzabili ma mai un accenno sulla situazione che verrà a crearsi anche grazie a lui.
    Ma è il meno peggio nella lista dei peggiori.

    "Mi piace"

    • mi dici una cosa di sinistra fatta negli ultimi 50 anni dopo lo statuto dei lavoratori?mi dici perché il PD non si è alleato con i 5Stelle? perché ha voluto che i 5 stelle di alleassero con la Lega??Chi caxxo ha voluto questa legge elettorale??che caxxo dice il programma della P2?? Chi lo sta portando avanti questo programma????il PD o i 5Stelle? fare vincere la destra con una maggioranza assoluta non è favorire la realizzazione del programma della P2??
      i 5 stelle hanno fatto rimarcare il PD,adesso è ora che lo sepelliscano.

      Piace a 1 persona

    • Ma gli altri che fanno? E poi, Conte non promette nulla, eccetto che farà il possibile e l’impossibile per migliorare questo fottuto paese. L’unica cosa su cui siam d’accordo è che Conte è un visionario con il giglio in mano rispetto ai corrotti dinosauri della politica (Bomba è Calenda ovviamente inclusi) che cercano il potere per i loro clan e le loro lobbies, naturalmente, disinteressatamente

      Piace a 1 persona

  5. la legge elettorale del PD”rosatellum”minuscolo intenzionalmente, aveva come obiettivo la realizzazione del programma P2 da parte di Renzi e quindi del PD.Quello che non di era riuscito a fare con la riforma costituzionale, causa la sua bocciatura referendaria, lo di voleva raggiungere con una maggioranza assoluta .Questa maggioranza doveva scaturire da un accordo governativo tra PD e FI che avrebbe avuto come obbiettivo la realizzazione del programma P2.Ilpopolo italiano sconfisse questo disegno dando il 33% di voti si 5stelle e rendendo impossibile il piano di PD e FI.Adesso ci riprovano,p con il consenso del PD, la destra potrà avere i numeri per poter cambiare la Costituzione e obiettivo fondamentale togliere ai giudici la possibilità di esercitare la giustizia anche contro i lor signori capitalisti e padroni.

    Piace a 2 people

  6. Non so… “le bimbe di Conte” mi sa tanto da Gianni Boncompagni. Per non dire di peggio.
    (Un po’ più di attenzione nello sponsorizzare personaggi sarebbe utile: si rischia, nella foga, di ottenere l’ esartto opposto. Anche nella propaganda c’ è modus in rebus. Essere come tutti gli altri “leccatori” non aiuta…)

    Piace a 1 persona

    • Carolina, dove l’hai letta la “sponsorizzazione” in quest’articolo?
      Tu pensa che a un certo punto ho riguardato chi scriveva, perché mi sembrava roba del “Giornale” o di “Libero”.
      De Carolis ha il dente così avvelenato e usa toni così sottilmente, ma assolutamente dispregiativi verso Conte, che è palese la sua incancrenita convinzione che la sinistra sia ancora il Pd!
      Ma Travaglio lo sa?

      Piace a 3 people

  7. L’ incipit è veramente vergognoso, e molti lettori si fermano all’ incipit. Questo lo sanno anche i muri.
    Dopo un inizio così la voglia di leggere ti va sottoterra… E pure di votare… Ne hai avuto abbastanza con le “bimbe” di Berlusconi, che ti vengono subito in mente. Come una madeleine prustiana…
    Attenzione, propagandisti, attenzione: certi messaggia sono troppo poco … subliminali… Occorre darsi una regolata…

    "Mi piace"

    • Carol, le “bimbe di Conte” prende il nome da una pagina Facebook piuttosto ironica (autoironica), non confondiamole con le escort di B., che di “bimbe” e di autoironia avevano ben poco.

      Piace a 1 persona

      • Diciamo che per chi non frequenta Facebook l’associazione è inevitabile.
        Occorre più prudenza o almeno virgolettare.
        Purtroppo ci hanno spaccato i cabbasisi talmente tanto col Berlusca che che siamo ormai condizionati.
        Comunque ” bimbe di Conte” non è bello, con le virgolette o senza, anche perché subito dopo si indica l’età; minorenni.
        E il pensiero corre alle Nipotine di Mubarak…
        Inevitabilmente.
        Gli attivisti e i simpatizzanti sono già conquistati, con gli indecisi meglio non strafare.

        "Mi piace"

    • Carolina, “le bimbe di Conte” è un incipit ironico ( come ti spiega Anail nasce da una pagina fb di fan dell’ex Premier) di Giarelli. Non è il suo contributo agiografico da sostenitore del leader 5stelle. Forse mancano solo le virgolette. L’articolo comunque racconta sinteticamente il tour contiano. Non mi sembra né pro né contro.

      "Mi piace"

      • @Anail
        Perqlante verso le bimbe di Conte, non verso Conte.
        Settimana scorsa,un amico ha incrociato Conte in un mercato di Milano.
        Grande entusiasmo,ma mi ha raccontato che vi erano per l’appunto un bel gruppo di signore piuttosto mature
        Che sgomitavano e litigavano per aver un selfie con lui, come se fossero 15enni in cerca di una foto con Vasco Rossi da pubblicare sui social.Uno spettacolo piuttosto degradante,non per Conte ma per le signore.Conte si vedeva che era abbastanza imbarazzato,anche se lo nascondeva con classe.Ha passato più tempo a fare selfie,piuttosto che a parlare al picchetto 5 stelle.Nonostante questo,la presenza di Conte è stata un successo per le sensazioni nell’aria che il mio amico ha potuto percepire.

        "Mi piace"

  8. Qui abbiamo dei seri problemi di memoria, molto grave anche per l’estensore dell’articolo.
    Conte nel primo governo doveva fare da mediatore tra MS5 e Lega, gli accordi li prendeva DiMario.
    Non vi ricordate chi erano i due vice e la guerra mediatica che venina fatta a governo?
    Riguardo ai famosi cartelli “Decreti Salvini”, ha dovuto far buon viso a cattiva sorte, può darsi che possa passare per ingenuità mediatica.
    Ma questo cos’è?
    “Martedì approveremo il dl Aiuti, non abbiamo mai posto un veto. Chiediamo che gli altri partiti sottoscrivano con noi l’emendamento per far circolare i crediti bloccati sul Superbonus, per salvare 30-40 mila aziende che stanno fallendo”. E se non lo faranno? “In quel caso non è che noi per ripicca non votiamo il decreto”.
    Ecco non vi suona male l’ultima frase?
    Cioè, prima lo contesti, non voti la fiducia, Draghi lo prende a pretesto per lasciare e finire anzitempo la legislatura e poi lo voti lo stesso, e ti giustifichi dicendo che non agite per ripicca????
    Spero che il gionalista abbia riportato male!!

    Piace a 1 persona

    • Volevo rispondere a Cagliostro, Adriano e Paolapci, senza essere l’avvocato difensore dell’avvocato Conte leader 5stelle. Io non nego che nel suo percorso politico di questi 4 anni Conte non abbia dimostrato qualche debolezza, anche qualche contraddizione. Ma ritengo che mediare in 2 Governi “improvvisati” perché non strutturati da un accordo politico pregresso, con Lega e PD, abbia costituito un problemino non da poco. La natura politica di Conte emerge ora. Può piacere o non piacere ma ha dei connotati precisi. Che non riassumo perché le rivendica continuamente e tutti le conosciamo. Qualche tentennamento, qualche debolezza è nella sua natura ma a volte rimarchiamo come tali anche cose che non lo sono. Ad esempio il Decreto Aiuti 2 è già pubblicato in Gazzetta dal 9 agosto, vale 60 giorni e decade se entro tale tempo il Parlamento non lo converte in legge. L’informazione mainstream e molti avversari politici stanno accusando lui e i 5stelle di bloccare la conversione in legge di questo DL Aiuti 2. Che contiene tante cose necessarie ma non la rivendicazione 5stelle sui crediti alle imprese che hanno lavorato per il Superbonus. Quindi l’emendamento presentato. Che però è uno di circa 300 presentati da tutte le forze politiche. Allora la discussione parlamentare è più articolata e riguarda tutti. Il tema è quindi nei meccanismi della democrazia parlamentare. Si fa una battaglia per una rivendicazione, da aggiungere, ma questo non significa che tutto l’impianto del Decreto viene osteggiato. Quindi non vedo perché debba suonare contraddittorio il fatto che Conte dica che lo vota lo stesso. Non ha mai detto che non lo avrebbe votato. Come il DL Aiuti 1. Conte e i 5stelle scoprirono la voce inceneritore di Roma inserito nel Decreto solo dopo il 15 maggio. Per la ratifica parlamentare fecero battaglia per lo scorporo di quella voce, inaccettabile per loro da votare. Ma non volevano bloccare nemmeno il DL Aiuti 1. Che come tutti i decreti ratificati dal CdM poteva essere corretto e migliorato in Parlamento per diventare Legge. Ma in quanto “Aiuti” conteneva molte voci condivise. Insomma se ci beviamo la vulgata mainstream leggiamo i fatti in maniera errata.

      Piace a 2 people

      • Hai ragione, in fin dei conti hanno anche posto la fiducia alla riforma cartabria, sempre perché giuseppi è per trovare un accordo sia come sia,
        Cazz…quanto dev’esser comoda quella poltrona.

        "Mi piace"

  9. Un paio di settimane fa ho visto Luca de carolis in una trasmissione: diceva un sacco di banalità perbeniste, potrebbe tranquillamene scrivere per Repubblica.

    Piace a 1 persona

  10. Oggi sono triste.
    Ho visto per caso un video yt sul canale di Amodeo ( italexit).
    È preso da una tv che non conoscevo  ( antenna sud), in parole povere il solito confronto pd/fdi con italexit in collegamento che fa ad entrambi le stesse domande ottenendo risposte assolutamente identiche.
    Tutti i miei dubbi sono diventati realtà in un istante.
    Voglio dire….questi non sono politici sgamati come i loro capi,non sono “lupi da interviste” abituati a tamponare con salti mortali linguistici le domande più dirette e imbarazzanti.
    Questi sono due trentenni che non oserebbero  mai prendere qualche iniziativa, sono costretti a dire solo e soltanto ciò che gli è stato detto di dire senza addentrarsi in insidiosi dettagli.
    Altro che rischio fascismo…..qui c’è la certezza del draghismo assoluto anche senza draghi.

    Vabbè….tutto questo preambolo solo per dire che ho cambiato idea.

    Spero tanto che il Movimento abbia imparato la lezione e che non sia/venga coinvolto in questi sporchi giochetti pd/fdi/renzi/calenda/draghi/bonino etc.
    Voglio dargli fiducia ancora una volta augurandomi con tutto il cuore che Conte ( nel tempo) si avvicini il più possibile alle posizioni del Dibba.

    Mi sono reso conto che il mio antieuropeismo da battaglia per ora è solo un’utopia.
    Mi spiace per Rizzo perchè incarna le mie idee alla perfezione, ma è troppo piccolo per sperare di poter cambiare qualcosa qui ed ora.
    Conte non vincerà perchè per vincere dovrebbe davvero superare da solo il 51% altrimenti i giochi sono già fatti, però può fare una dignitosa opposizione evitando di prostituirsi nei giochetti di cui sopra, quindi si merita il mio ” voto di fiducia ” che oltretutto mi lascia anche la coscienza pulita.
    💪💥💥💥💥💥

    Ps.
    Mi auguro che tutte le zavorre come il luigino abbiano lasciato il Movimento e quando riusciremo a liberarci del grillo che ci ha venduto a draghi sarà sempre un bel giorno.
    Gianroberto era un’altra cosa 😓

    Piace a 2 people

    • Piano, piano, “docili, docili” (cit.), le pecorelle ormai senza lana, non utili nemmeno più alla tosatura, si lasciano trasportare dalla corrente e ritornano all’ovile gestito dal Lupo Alberto.

      "Mi piace"

  11. Hanno creato appositamente il Terzo polo per questa certezza di draghismo ,anche senza Draghi, e con un accordo trasversale, eccetto il M5S. …..lo stesso schema a 4 poli delle amministrative di Roma. …..la lista più votata quella di Calenda. …

    "Mi piace"

  12. Qualcuno ha visto ieri sera” inonda ” e può confermare le parole di Di Magistris , Conte avrebbe detto a De Magistris :”chiuso i porti” “lasciamoli morire in mare”?

    "Mi piace"

    • Tracia, non l’ho visto, ma quando mai…
      Non esiste.
      Non era neanche d’accordo con Salvini per la chiusura… Figuriamoci!
      Non è che la seconda frase era di De Magistris come commento “ironico” a “chiusi i porti”?
      Indaghiamo…

      "Mi piace"

  13. Ancora è da capire il ruolo di De Magistris in questa tornata elettorale. ……abbiamo la destra al 45%, il Terzo polo in eventuale soccorso se dovessero mancare voti, ma De Magistris attacca Conte. …..e guarda caso proprio su porti chiusi, migranti, ecc. …..non ho visto in Onda, e non so se la frase sia vera, ma se la notizia passa, si diffonde, diventa virale a pochi giorni dal voto, chi se ne avvantaggia? La risposta è facile. …..quello che si presenta, a parole, come la vera forza politica di sinistra con tanto di specchietti per allodole Fratoianni e Bonelli. …..per fermare la destra! !! È semplicemente partito l’ attacco a Conte da chi teme possa fare un buon risultato a scapito del PD e del Terzo polo. …..nei prossimi giorni arriva il resto. ….

    "Mi piace"

  14. Vedo che non ricordate il DL aiuti prevedeva l’inceneritore.
    Ora i DDLL vengono approvati se al loro interno vi è medesima materia.
    Mi dite cosa c’entra l’inceneritore con gli aiuti?
    Si certo fu una forzatura ….diamo un aiuto a Gualtieri perchè costruisca l’inceneritore… un aiuto immediato per il 2030 !
    hahahha… fece bene Conte a non votarlo!

    "Mi piace"

  15. Dimenticavo : decreti salvini …l’unico errore lasciare liberi senza controllo i rifugiati dai centri di raccolta.
    E Conte lo ammette di aver dovuto ingoiare il “rospo”.

    "Mi piace"