Ecco chi non vota più Pd

Prendete questo sondaggio e fatelo leggere a Enrico Letta. Perché spiega molto dell’effetto che fa il Partito Democratico sugli elettori. Soprattutto su quelli che ogni mattina si svegliano e vanno a lavorare. Dalla rilevazione realizzata da Cluster17 per Il Fatto Quotidiano emerge infatti che il Pd va bene tra i dirigenti o quelli che hanno una professione intellettuale (34%) così come tra i pensionati (29%) e i quadri intermedi (22%). Ma praticamente non esiste più […]

(DI TOMMASO RODANO – ilfattoquotidiano.it) – Fratelli d’Italia cresce, il Pd è in ritardo, Azione e Italia Viva restano lontane dal 10% e il Movimento 5 Stelle si colloca al terzo posto tra i partiti, con ampio margine sulla Lega di Matteo Salvini. I numeri del sondaggio realizzato da Cluster17 per Il Fatto Quotidiano disegnano una cartina politica che ha confini sempre più chiari e definiti, in vista del voto del 25 settembre: il dominio del centrodestra non è in discussione, la distanza tra i due poli (44,8% contro 27,4%) non sembra colmabile. Mentre le sorprese, o almeno i maggiori spunti di riflessione, sono nella composizione sociale e anagrafica del voto ai partiti.

La classifica. Quello di Giorgia Meloni è sempre più nettamente il primo partito (24,4%): la forbice con il Pd si allarga e arriva a lambire i 4 punti (20,8% per i dem). Segue il M5S (14,1%), ancora in ripresa e sempre più distante dalla Lega (11,3%). Forza Italia (8,4%) resta avanti alla lista Calenda-Renzi (6,8%). Sopra alla soglia di sbarramento anche l’alleanza Verdi-Sinistra (3,6%) e Italexit di Gianluigi Paragone (3,3%). Sotto, invece, tutti gli altri: compresi Unione Popolare (1,2%), +Europa (2,4%) e Luigi Di Maio con Impegno civico (0,6%).

I flussi tra partiti. Rispetto alle ultime Politiche, Meloni “ruba” elettori in tutti i campi. Principalmente tra i suoi alleati – FdI prende quasi la metà del voto leghista del 2018 (il 44%) e oltre un terzo di quello berlusconiano (38%) – ma anche tra gli avversari: il 17% degli ex elettori grillini stavolta metterà una croce sul simbolo con la fiamma tricolore. Il Movimento in questi quattro anni e mezzo ha lasciato per strada oltre la metà dei suoi voti: secondo i dati di Cluster17 ne confermerà solo il 46%. Peggio fa la Lega, che mantiene appena il 39% del suo patrimonio elettorale. Il Pd cede il 15% a Calenda e Renzi, mentre solo il 46% degli elettori di LeU seguiranno i propri dirigenti nella lista col Pd: il 20% di loro preferisce il M5S.

Il voto per età. Il voto dei giovani è notoriamente orientato verso i partiti più progressisti, ma la distanza tra sinistra e destra in queste fasce d’età è clamorosa, nel confronto con il resto della popolazione. Tra i neo elettori (18-24 anni), il primo partito è il Pd (20%), seguito dal M5S (15%), dai rosso-verdi (14%) e dagli “azionisti” (13%). Meloni e gli altri (compresi tra il 4 e il 6%) finiscono sotto anche alla sinistra radicale di Unione Popolare (9%). Nella fascia tra i 25 e i 34 anni invece svettano i Cinque Stelle (22%), ma Fratelli d’Italia si avvicina (19%) e supera il Partito democratico (16%). Quello di Giorgia Meloni è il partito dominante nelle fasce d’età centrali (35-64), soprattutto dopo i 50 anni, dove raccoglie il 31%, quasi il doppio del secondo partito (il Pd con il 17%). Più in generale, il centrosinistra mostra una debolezza chiarissima tra gli elettori in età lavorativa: “È all’interno di queste fasce d’età – sottolinea il report di Cluster17 – che oggi si fa la differenza tra il centrodestra e il centrosinistra”. Va molto meglio con i pensionati: il Pd torna primo partito tra chi ha più di 65 anni (31% contro il 26 di FdI).

Il voto per occupazione. Decenni di desertificazione nel rapporto tra i partiti di sinistra e i settori popolari troveranno la definitiva consacrazione nel voto del 25 settembre. Il Pd è quasi irrilevante nel voto operaio, dove non raggiunge il 10%. Ancora peggio, in termini comparativi, il risultato dell’alleanza tra Verdi e Sinistra (1%). Il Movimento 5 Stelle, che sta tentando di convincere questo elettorato con un programma “di sinistra”, si issa fino al 20%. Un buon risultato, ma comunque inferiore a quello di Fratelli d’Italia (28%) e Lega (21%). I Cinque Stelle sono il secondo partito tra lavoratori autonomi, commercianti e artigiani (21%) e anche tra gli “economicamente inattivi”, giovani e disoccupati: Conte e i suoi arrivano al 18%. Invece il Pd, come prevedibile, ha il suo bastione elettorale, oltre che nei pensionati, nella borghesia benestante e acculturata: tra i dirigenti e nelle professioni intellettuali il partito di Letta ottiene il 34% (lo stesso segmento in cui Azione e Italia Viva raggiungono la percentuale più alta, l’11%). La forza di Fratelli d’Italia è anche nella sua consistenza trasversale a tutte queste categorie lavorative: in nessun caso va sotto al 20%, tranne tra gli inattivi.

Il voto per reddito. Il Movimento attrae i redditi bassi ed è primo partito (28%) tra chi guadagna meno di 1.000 euro al mese. Le preferenze per i Cinque Stelle sono inversamente proporzionali al reddito di chi vota. Esattamente il contrario del Pd, le cui percentuali crescono insieme alle tasche degli elettori: tra i 1.000 e i 1.500 euro al mese raccoglie l’11%, fino ai 2.000 euro sale al 17%, tra i 2.000 e i 3.000 raggiunge il 24%, tra i 3.000 e i 5.000 vola al 28%. Oltre i 5.000 euro di reddito, per Enrico Letta è un trionfo: il suo è nettamente il primo partito tra i ricchi, ne convince più di uno su tre (35%). Meloni invece è competitiva in tutte le fasce reddituali, Forza Italia (a sorpresa) va particolarmente forte tra chi guadagna tra i mille e i 1.500 euro al mese (16%), oltre che tra i ricchi da 5.000 euro in su (12%). Uno spunto di riflessione per Unione Popolare: la lista guidata da Luigi de Magistris non buca nelle fasce più povere, mentre raggiunge il 2% solo nel gruppo benestante tra i 2 e i 3.000 euro al mese.

*Aggiornato da redazione web alle 12 e 30 dell’8 settembre 2022

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

2 replies

  1. “…Tra i neo elettori (18-24 anni), il primo partito è il Pd (20%)…”
    Belin.. son gia’ vecchi a 18 anni!!!
    Ma votate Forza Nuova, Unione Sovietica, Cicciolina e il partito dell’Amore, il partito dei Pensionati, i venusiani o quel belin che volete… ma non potete votare il PD… cristtooodiddiooo ma cosa vi danno da mangiare…???
    Per me son quei belin di OGM che gli mettono nei corn flakes….

    Piace a 1 persona

  2. Tranquilli, alla fine i sopracitati finiscono sempre dove sono i soldi ed il potere: ne conosco millanta degli ex contestatori ad oltranza.
    Cioè finiscono nel PD. Per ora almeno.
    Tanto vale arrivarci subito.

    "Mi piace"