La realtà è putiniana

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Se la nostra campagna elettorale non fosse falsata dalle ingerenze americane, i partiti discuterebbero soltanto della questione fondamentale: le sanzioni dell’Europa contro la Russia, che si sono rivelate sanzioni contro l’Europa, mentre alla Russia non fanno un baffo. Tant’è che Putin brucia il metano che non ci vende più (guadagnando più di prima dal boom […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

114 replies

  1. La realtà è putiniana

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Se la nostra campagna elettorale non fosse falsata dalle ingerenze americane, i partiti discuterebbero soltanto della questione fondamentale: le sanzioni dell’Europa contro la Russia, che si sono rivelate sanzioni contro l’Europa, mentre alla Russia non fanno un baffo. Tant’è che Putin brucia il metano che non ci vende più (guadagnando più di prima dal boom dei prezzi) e la Von der Leyen ci invita con nonchalance a “prepararci a una potenziale interruzione totale del gas russo“: cioè a una sanzione della Russia contro l’Ue che, diversamente da quelle dell’Ue contro la Russia, farebbe malissimo ai destinatari, cioè a noi che saremo autosufficienti forse fra 3-4 anni. Un disastro di queste proporzioni, causato dall’insipienza delle classi dirigenti europee, inclusi i nostri Migliori, dovrebbe monopolizzare il dibattito elettorale: i partiti dovrebbero chiedersi se non sia il caso di rivedere sanzioni che danneggiano chi le impone, mentre la presunta vittima se la ride. Invece ne parla solo Salvini, che appena pronuncia la parola Russia fa pensare a Savoini al Metropol e agli accordi fra Lega e Russia Unita. Ma il tema è troppo serio – visti i danni incalcolabili che le auto-sanzioni stanno per provocare a migliaia d’imprese che falliranno e a milioni di famiglie che sprofonderanno nella miseria più nera – per lasciarlo al Cazzaro Verde.

    Le sanzioni dovevano accelerare il default russo e dissanguare il regime putiniano per levargli i mezzi per la guerra ucraina, scatenargli contro il malcontento popolare e accelerarne la caduta. Invece i russi mantengono il controllo del Sud-Est ucraino, la controffensiva di Kiev esiste solo sui giornali della propaganda atlantista, l’economia russa tiene botta e Putin appare ben saldo. A dissanguarsi è l’Ue, per la gioia degli unici beneficiari di questa follia collettiva: gli Usa. Lo dice il Fmi, smentendo il Consiglio Ue: in Russia il calo del Pil nel 2022 non sarà dell’11%, ma del 6. E siccome l’export di energia supererà di 100 miliardi di dollari quello del 2021, il totale delle esportazioni crescerà, con un’inflazione vicina al 10% dell’Eurozona. Anche l’Economist conferma che l’Ue ha confuso i sogni con la realtà: “L’economia russa continua a battere le attese e la guerra delle sanzioni non va come previsto”; dopo lo choc iniziale “il sistema finanziario s’è stabilizzato e il Paese sta trovando nuovi fornitori, inclusa la Cina. Intanto in Europa la crisi energetica potrebbe innescare una recessione”. Che renderà sempre più impopolare il sostegno militare all’Ucraina, vista la sua conclamata inutilità in assenza di risultati sul campo. Fino a quando i governi europei continueranno a sanzionare i loro popoli, a credere alla loro propaganda e a scambiare la realtà per putinismo?

    Piace a 11 people

    • Faccio notare al direttore che anche Conte ha evitato di mettere al centro della propria campagna elettorale il tema della guerra in Ucraina e le sue gravissime conseguenze sull’economia delle famiglie e l’economia del nostro paese . Per quando riguarda le risposte “insulse” dell’EU ossia delle posizioni tafaziane dell’intera classe politica europea, io credo che non stia solo nella loro incapacità o necligenza il loro posizionamento autolesivo ma in qualcosaltro. Gli Usa utilizzano i loro mezzi (Cia) per catalogare tutti i politici mondiali e schedarne oltre alle caratteristiche psicologiche le loro debolezze e i loro scheletri nell’armadio . Li ricattano minacciandoli come fanno con i giornalisti.

      Piace a 3 people

      • Ti giuro che in un commento scritto tempo ho avanzato la convinzione che la CIA sia in possesso di dossier personalizzati con tutti i tanti vizi privati e le poche pubbliche virtù dei politici europei.

        Piace a 1 persona

    • sarà un cazzaro verde, ma solo Salvini ha il coraggio di parlarne. E io lo voto alla faccia della grosse coalition burina+letta+FI+gemelli egomani.

      "Mi piace"

  2. l’Europa, il continente più ricco in assoluto, si sta afflosciando su sé stesso, vittima di una distruttiva servitù volontaria.
    Si è notato che prima delle elezioni bisogna rassicurare l’amministrazione americana (la meloni ha già timbrato il cartellino)?
    Pazzesco. Un paese di codardi. Un continente di codardi.

    Piace a 6 people

    • @Giansenio
      Ieri qualcuno ha parlato della scelta tra sistemare i calzini e guardare ” in onda” ( non ricordo se tu o Sparviero).
      Va be….ieri sera è capitato a me senza fare apposta.
      Scanalando mi sono imbattuto nella versione restaurata di Apocalipse Now.
      Non ho nemmeno fatto caso che fosse su la7, ho deciso di guardarlo e mi sono addormentato in una decina di minuti ( non che fosse brutto ma ero molto stanco).
      Mi sono svegliato a un orario improbabile e la7 trasmetteva la replica di “in onda”.
      Appurato che non era un incubo ma la triste realtà, sono rimasto basito dall’oscena faziosità dei conduttori.
      Telese e quella con il neo ( bellissima donna ma brutta dentro) giocavano al poliziotto buono e quello cattivo con gli ospiti avversari.
      Non solo battute scontate ma anche pubblicità ( di materassi) che arrivavano sempre al momento giusto per dare modo al loro beniamino di prepararsi la risposta ( in genere difficilissima da affrontare in tempo reale).
      Non ho parole…..
      Sono tornato con la mente ai tg di emilio fede degli anni 90/2000, quando anche il berlusca lo pregava di non esagerare con la faziosità ( e giuro che non intendo quella di fabio) per evitare un’eccessiva perdita di credibilità.
      Come avrebbe detto il Luttazzi di mai dire gol……
      DISGUSTORAMA!!!!!!!!

      Piace a 2 people

      • @secondosilvio

        Condivido tutto il tuo commento.
        Spero che Conte e lo staff addetto alla comunicazione prendano le giuste contromisure nei confronti del sistema mediatico. A tal proposito va detto che, stando ai nuovi sondaggi (il M5* è cresciuto più di tutti), risulta evidente che la presenza negli studi TV o nei giornali può essere ininfluente o cmq non determinante perché l’elettorato da smuovere ha una fondamentale caratteristica: è giovane (dentro e fuori). I social e la rete sono gli strumenti da privilegiare. Se gli esponenti 5* decidono di partecipare alla melassa mediatica lo facciano cercando di disinnescare le trappole che verranno senz’altro tese: interruzioni, confronti impari, l’essere primi ospiti e, una volta congedati, a seguire, le contumelie anti 5*di tutti gli altri ecc.
        Spero che si diano un sveglia e rispondano per le rime, senza sconti.
        Poi possiamo fare qualcosa anche noi, qui, evidenziando le porcherie cui assistiamo.

        Piace a 4 people

  3. Un paese e un gruppo di idioti ! Che aspettiamo a farli fuori ? Perché solo degli idioti totali in Europa e in Italia poteva nuovamente asservirsi agli ammericcani e alla Nato , come non fossero bastati i precedenti esempi ! Sveglia che è tardi !l ho detto 6 mesi fa e mi hanno dato della putiniana !nessuno in questo paese sapeva dove fosse l Ucraina e chi fossero in realtà, tranne per le badanti che rubavano di tutto nelle case degli assistiti .ma erano tanto brave !!

    Piace a 5 people

    • Non ho mai avuto badanti ucraine per casa, ma conosco la loro furbizia avendo avuto la sfortuna di avere a che fare con loro:grazie al fatto che avevo un reddito e una casa garantita, una pretendeva che mi accollassi sua madre e sua figlia x farle arrivare in Italia x farle curare causa Chernobyl! Lei non poteva perché non aveva un marito e un vero lavoro

      Piace a 2 people

    • Devi avere pazienza fino al 15 ottobre quando con l’avvio degli impianti di riscaldamento la crisi si manifesterà in tutto il suo splendore.
      Ma perché farli fuori? Dopo un po’ ci si dimentica dei morti. Secondo me è molto meglio prenderli a calcioni nel sedere con gli scarponi chiodati in maniera tale che le ferite procurategli rimangano a imperitura memoria per quelli che verranno dopo di loro.

      "Mi piace"

  4. Il caso ha dell’incredibile e del grottesco. Tutti i maggiorenti competenti dentro e fuori il governo, in Italia e non solo, si affannano freneticamente a cercare una soluzione alla crisi di carenza di gas che in autunno-inverno farà chiudere numerose aziende. Addirittura quel tal Calenda vuole deporre le armi della campagna elettorale per concordare una soluzione. Si vede che il governo, peraltro presieduto dal suo idolo, non è in grado (ne avevamo già il sospetto) di trovare una soluzione. A me la vicenda fa pensare al noto racconto di Edgard Allan Poe “La lettera rubata”. La polizia era impegnatissima nel cercare una importante lettera che era stata rubata, riuscendo solo a scoprire la casa, anzi la stanza dove sicuramente veniva custodita. Cominciarono quindi a rompere le mattonelle del pavimento, a scrostare le pareti e il soffitto, a perlustrare ogni centimetro dell’impianto elettrico e a far passare, lenti di ingrandimento in mano, tutt gli angoli o posticini più reconditi della stanza e altre ancor più minuziose ricerche ma… inutilmente. La lettera non si trovava. Dov’era andata a finire?? Semplicemente era appoggiata bene in vista sul tavolo tra altri comuni oggetti, ma nessuno se n’era accorto. Data l’importanza del documento cercavano nei punti più difficili da scoprire ma nessuno aveva osservato il piano del tavolo.
    Fuor di metafora: e se qualcuno dei potenti di qua e al di là dell’oceano proponesse di intavolare una veloce trattativa per mettere fine nel giro di pochi giorni la guerra cedendo il Donbass russofono e russofilo alla Russia e così risolvere tuuutti i problemi, di vita, di morte, di spese incalcolabili e, guarda caso… anche di approvvigionamento energetico??? Non sia mai trovare la soluzione più semplice, peraltro ben in vista come la lettera rubata di Poe! Nooo – diranno col muso a cul di gallina e il sopracciglio alzato – questo maaai e poi maaaai, battendo i piedi per terra!!!
    Ma che vadano tutti a ciapa’ i ratt!!! Per non ricorrere a più pittoreschi francesismi.

    Piace a 7 people

    • Ottimo ! Battiamo i vermi con mano d ‘ercole, sai quanti se ne salveranno fra le dita?
      Il sogno recondito delle fosse, è l’ultima spiaggia della piramide sociale che parte dal politico, quindi bisognerebbe setacciare il vermaio per discriminare il verme buono da quello cattivo.

      Piace a 2 people

    • Il problema è già risolto:
      Compreremo il gas da
      – Israele
      – Algeria e Mozambico. Questi ultimi due Paesi ( essendo legatissimi alla Russia) ci venderanno il gas di quest’ultima maggiorato e con l’intermediazione.
      Ecco fatto: semplicissimo. La situazione non è tragica per la finanza; il prezzo dell’oro puro dà la misura della sua gravità. Infatti, il metallo giallo andava a 53 euro al grammo nel febbraio ’22 quando con un € si compravano 1,16 $. Ora con un euro si comprano 0,99 $ ( siamo sotto la parità) e l’oro costa meno di 56 euro al grammo. Quindi, l’oro è, nei fatti, ribassato ( dovrebbe, infatti, costare 60/61 euro al grammo). Pertanto, non c’è la corsa al bene rifugio per eccellenza.

      Piace a 2 people

  5. E pure Travaglio è andato in acido.
    Durante la passata settimana ho postato diversi articoli sui danni provocati ala Russia dalle sanzioni, dalla mancanza di rifornimenti, con le scorte oramai azzeratisi, dalla disoccupazione crescente legata alla fortissima contrazione di alcuni settori produttivi come l’automotive e la logistica, per mancanza di commerci.
    Danni causati dal rublo forte che, in mancanza di produzioni in loco concentreranno ancor di più l’attenzione sulla dipendenza dell’economia da gas e petrolio. Quando questi prezzi folli verranno mollati dalla speculazione, come farà questa immensa e povera (Perchè abitata da straccioni) nazione a sopravvivere? Siamo solo all’inizio.

    https://www.milanofinanza.it/news/russia-e-corsa-agli-sportelli-bancari-ritirati-22-miliardi-di-dollari-che-cosa-accadra-ora-202208101208267330
    https://www.limesonline.com/cartaceo/il-suicidio-economico-della-russia
    https://www.startmag.it/mondo/crisi-economia-russia-gazprom/
    https://lindro.it/l-economia-della-russia-ai-tempi-della-guerra-in-ucraina/

    "Mi piace"

    • Jolly qualcosa continua a vivere anche tu nel mondo dei sogni. Ti riscalderai bruciando la Repubblica o il Corriere della Sera: “campa cavallo che l’erba cresce”! Siamo noi che siamo solo all’inizio!

      Piace a 1 persona

    • Ma smettila di postare fonti faziose, ma cosa vuoi che ti raccontino. In russia è in atto una riprogrammazione di tutta la struttura industriale, per produrre all’interno ciò che prima importavano, lasciamo stare le mozzarelle i caciocavalli che già si producono loro col knowhow degli italiani, prendiamo l’esempio della Coca cola, l’hanno rilevata e se la producono con la loro etichetta, mentre per l’industria a più alto investimento tecnologico ci vorrà più tempo ma ci metterenno sicuramente meno di quanto noi possiamo diventare autonomi con l’autoproduzione di energia. Ma chi vuoi convincere che la russia fallirà, guarda a casa tua

      Piace a 1 persona

      • Uahahahah
        In russoduzione di elettrodomestici nelle fabbriche pure.ia è in atto una riprogrammazione di tutta la struttura industriale, per produrre all’interno ciò che prima importavano….
        Uahahahahah….
        Quanta ignoranza orgogliosamente esibita.
        La produzione automobilistica SI E’ AZZERATA. Oggi stanno importando auto cinesi marchiate con un logo di un’azienda russa che abbandonò il mercato 30 anni fa. Quelle che in Italia vengono vendute e almeno assemblate col marchio DR.
        Nel settore dei semiconduttori sono allo sbando più totale, essendo costretti a cannibalizzare la componentistica dagli elettrodomestici, per esempio, per far volare gli aerei, ma solo di produzione sovietica. Boeing e Airbus restano oramai a terra.
        I treni tedeschi e francesi ad alta velocità si sono fermati.
        La produzione di elettrodomestici si è fermata.
        Il problema della Russia è che ha un’economia sovrana basata esclusivamente sull’esportazione di materie prime.
        Le industrie che hanno lavorato finchè le scorte non si sono esaurite, e col just in time è accaduto subito, sono totalmente in mano straniere, OCCIDENTALI per essere precisi.
        A chiacchiere ricostruisci in poco tempo tutta una struttura industriale di componentistica e prodotti finiti. Ma solo a chiacchiere.
        Nel settore agroalimentare si producono in casa le proprie ciofeche e se le fanno piacere. Oramai sono impostati per tornare all’epoca sovietica fatta di frugalismo e razionamenti.
        Però hanno il gas lasciato bruciare liberamente, per non chiudere i giacimenti, e le foreste dove andare a raccogliere bacche e radici.
        Gli abitnti delle metropoli saranno contentissimi. E guai a protestare, perchè vengno a prenderti e ti sbattono in galera per direttissima.
        CHE MONDO MERDAVIGLIOSO è la Rossija di Putin.

        "Mi piace"

      • Quando parli di razionamenti e frugalismo pensa al tuo paese, invece di pensare alla Russia che ha autonomia energetica, alimentare e di materie prime, e partnership con la Cina e i Brics, per tutto ciò che le occorre per mettere su le industrie che ritiene; se ti viene da ridere, ridi sulle parole della von der Leyen, se avessi raziocinio ci penseresti bene prima di parlare del razionamento degli altri mentre ti stanno apparecchiando il tuo. Se non fosse un tragico delirio potrei riderci pure io

        "Mi piace"

  6. Ma rendiamoci conto. La VON DER LURID che cosa sta dicendo, Dragula che vaneggia al meeting dei ladroni di CL.

    Incredibile.

    E in TV passano solo due cose: 1- ATTACCHI AL REDDITO DI CITTADINANZA.

    2- i SUCCESSI DELLO SPORT, ancora una volta l’oppio dei popoli, giusto come accadde anche l’anno scorso. Per fortuna che ai mondiali di calcio NON CI SAREMO, e la Ferrari continua a battere la fiacca. Poi se ci sono nuotatori come Poltronieri e negretti importati per l’atletica pazienza, sono notizie come acqua fresca. Però riempiono comunque le notizie dei nostri TG, ora che il grande caldo se ne è andato dall’Italia.

    Piace a 3 people

    • Sparviero ti quoto al 99%, però non me lo chiamare Poltronieri dai, non ci azzecca proprio!!!!
      😂😂😂

      "Mi piace"

      • Lo ripeto ma avete proprio lo stomaco forte per leggere e ascoltare certa roba. Vi giuro io non ascolto o leggo nemmeno CONTE tanto lo voto a prescindere. Vi ricordate la pubblicità di gatto Silvestro e i pelati Arrigoni?
        Ecco io a scatola chiusa compro solo CONTE e ARRIGONI. Adesso che ci penso ARRIGONI no.

        Piace a 1 persona

    • Questo è proprio andato, dev’essere colpa delle onde magnetiche solari,
      Speriamo che in Irpinia abbiano una struttura per curare casi così complessi

      "Mi piace"

  7. Alla buon’ora,
    Finalmente Travaglio ha sbottato,
    Meglio tardi che mai.
    Alla faccia di m…a degli atlantisti, andrebbero inviati tutti in ucraina come volontari e carne da cannone, dal primo all’ultimo,

    Piace a 1 persona

    • No comment

      L’unico modo rimasto ai diplomatici statunitensi per bloccare gli acquisti europei è spingere la Russia a una risposta militare e poi affermare che vendicare questa risposta supera qualsiasi interesse economico puramente nazionale. Come ha spiegato il sottosegretario di Stato per gli affari politici, Victoria Nuland, in una conferenza stampa del Dipartimento di Stato il 27 gennaio: “Se la Russia invaderà l’Ucraina in un modo o nell’altro, il Nord Stream 2 non andrà avanti”. Il problema è creare un incidente adeguatamente offensivo e rappresentare la Russia come l’aggressore.

      E i nostri grandi politici nonché avvocati del popolo si sono resi complici o allora sono degli emeriti idioti.

      Piace a 1 persona

      • Clarmit
        Solo una rinfrescatina per le vittime del mainstream convinte che il criminale sia Putin invece biden e i suoi compari.

        "Mi piace"

  8. Segue
    “15 febbraio il professor John Mearsheimer ha tenuto un discorso in cui ha documentato come gli Stati Uniti abbiano causato e siano responsabili dell’intera crisi ucraina.

    Dall’anno scorso circa la metà dell’esercito ucraino era posizionato nel sud-est della contea sulla linea del cessate il fuoco con le repubbliche del Donbas. Il 17 febbraio aprì il fuoco preparatorio dell’artiglieria contro le postazioni di resistenza. Nei giorni successivi lo sbarramento aumentò costantemente.

    Gli osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione (OSCE), posizionati in prima linea, hanno contato e documentato ogni attacco di artiglieria e pubblicato sintesi quotidiane sul proprio sito web. Da 80 colpi di artiglieria il 16 febbraio, gli attacchi sono aumentati ogni giorno a oltre 2.000 al giorno il 22 febbraio.

    Gli osservatori dell’OSCE hanno anche fornito mappe di dove sono esplose le granate”

    Piace a 3 people

  9. Avrei una domanda per Marco Travaglio (che non capisce nulla d’economia, come ha dichiarato lui stesso la settimana scorsa a Carta Canta – il Quiz, una trasmissione per la quale ancora mi mancano le parole) e per eventuali geni da tastiera, così abbondanti da queste parti (e poi dicono che c’è la fuga dei cervelli), che hanno sempre in tasca una soluzione facile per tutto.

    La domanda è la seguente: se è vero che Putin sta guadagnando di più così, per quale motivo dovrebbe fregargliene qualcosa se noialtri decidessimo di cancellare le sanzioni e (bontà nostra) tornare a volergli comprare il gas? La risposta più logica, da parte sua, dovrebbe essere: grazie ma non mi interessa, non sono mica scemo (o, in alternativa: che cosa mi date in cambio?).
    O davvero c’è chi pensa che basti fare marcia indietro e chiedere scusa, per far tornare tutto come prima?

    P.S.: ovviamente, “noialtri” sarebbe riferito non alla sola Italia, ma a tutta l’UE che, per la fifa di rimanere un po’ al freddo, dovrebbe prima rinnegare all’istante e come un sol uomo settant’anni di alleanza atlantica (che ci hanno innegabilmente reso succubi degli Usa) per poi passare in blocco a rendersi succube del democraticissimo Vlad l’avvelenatore: una situazione più lisergica di Hofmann stesso.

    Piace a 3 people

    • “La risposta piu logica” di Putin dovrebbe essere……. ragionamento semplice riguardante una questione complessa, proprio di un sempliciotto che pensa di essere sempre più intelligente degli altri, quindi doppiamente co.ione.

      Piace a 1 persona

    • Jonny tu non capire. Se togli sanzioni loro no chiudere rubinetti gas e industria italiana sopravvivere! Se no arrivi fin qui, tua testa bacata ma, tranquillo, è in buona compagnia!

      Piace a 2 people

      • Tu spiegare me: se noi togliere sanzioni e lui rispondere “chissenefrega, ormai ci guadagno di più così”, poi noi che cazzo fare?
        E ancora: se noi togliere sanzioni e (ad es.) Germania non essere d’accordo, da dove cazzo passare gas? Dalla tua testa sicuramente no, nel vuoto infinito c’è troppa dispersione.

        "Mi piace"

    • che travajo NON capisca NULLA di economia lo si vede più banalmente nel suo tentativo disperato di difendere il SuperPORCObonus 110, che è a DEBITO, anche se lui dice che farà diminuire il nostro debito che sale e continuerà a salire…

      Su putin è ovvio che è troppo tardi. Quando tratti con la MAFIA o con un dittatore MAFIOSO, alzerà sempre il tiro, e più scenderai tu nelle richieste a tuo svantaggio e più pretenderà lui che tu scenda ancora più in basso. NON gli basterà MAI. Sono quei cicli irreversibili che semplicemente NON andavano innescati, perchè POI è troppo tardi.

      Infine sui geni da tastiera, tu sei uno di quelli, con certe tue visioni allucinogene (non in questo caso), ma senza essersi fatto di canna, quindi il senso dell’allucinazione è ancora più evidente.

      "Mi piace"

    • Non riesco a capire perché dovremmo per forza essere succubi di qualcuno.
      In cosa siamo (Europa) inferiori rispetto alle superpotenze?
      Io penso in nulla. E credo che la umiliante e distruttiva servitù volontaria verso gli Usa sia causata anche da motivazioni che il giornalista tedesco Udo Ulfkotte spiegò abbondantemente: i sistemi mediatici europei sono pesantemente infiltrati dalla CIA.

      Piace a 2 people

      • Nulla? A me sembra che, rispetto alle superpotenze, intanto non disponiamo di sufficienti risorse naturali, che non sono solo quelle indispensabili alla produzione energetica (problema a cui le suddette superpotenze possono ovviare, razziandole al terzo mondo con la forza o grazie alla loro superinfluenza), inoltre non mi risulta che l’Europa disponga di una potenza militare in grado di tenere minimamente testa a quella americana (o russa, o men che meno cinese).
        Purtroppo, la sola legge davvero in vigore al mondo è quella del più forte.

        "Mi piace"

  10. Sicuri sicuri che il prezzo attuale del gas dipenda solo dalla guerra in Ucraina e da Putin e che non ci siano i cari speculatori occidentali che si ingrassano con la scusa?

    Piace a 3 people

    • per chi volesse saperne di più
      di Francesco Cappello
      Eni compra a poco dai russi e rivende a prezzi da 10 a 15 volte più alti agli italiani con la protezione e l’avallo del governo. La colpa degli aumenti viene addebitata a Putin. Gli extra profitti in forma di dividendi vengono distribuiti agli azionisti tra cui i grandi fondi di investimento

      Piace a 1 persona

  11. Che brutta cosa l’analfabetismo funzionale. Abbinato poi all’ideologia si perde ogni riferimento alla realtà e si sparano castronerie a iosa pensando di essere dei grandi analisti di geopolitica o di qualunque altra materia.

    "Mi piace"

  12. “rivedere sanzioni”. Non ho la verità in tasca, ma questo vuol dire nella sostanza “togliere le sanzioni”, il che può senz’altro essere un toccasana per l’economia Europea, ma significa anche che Putin ha vinto, può prendersi il Donbass, la Crimea e magari tutta l’Ucraina, se gli va. Se è così chiederei a Travaglio un po di coraggio in più e dirla tutta, non raccontare solo la parte che conviene.

    "Mi piace"

    • Patrick, tu stai semplificando la situazione. Puoi modificare le sanzioni ponendo condizioni realistiche alla Russia e prospettare un accordo che porti alla fine della guerra. Ovviamente, si dovrebbe tenere conto della situazione sul campo… e ovviamente non si farà perché non è l’Europa che decide!

      Piace a 2 people

      • Ciao Davide, il problema è che tutti usate vaghe formule del tipo “rivedere le sanzioni”, “condizioni realistiche”, “rimodulare”, “superare” e via aggettivando. A me piacerebbe sapere concretamente cosa si propone, e poi si discute.

        "Mi piace"

  13. …”Ma il tema è troppo serio per lasciarlo al Cazzaro Verde”… messaggio vano rivolto al suo beniamino cerchiobottista che a tutta risposta ieri sul Corriere proclamava “linea ferma sulle sanzioni… anche se non stanno funzionando” e ancora, l’autotutela di Zelensky (con le armi che gli inviamo) anche se sarebbe meglio un negoziato di pace .
    Sempre valida la metafora di don Abbondio, il coraggio se non ce l’hai non te lo puoi inventare.

    Piace a 1 persona

  14. Certo che leggere certi commenti è Imbarazzante. Ma d’altronde pur di fortificare il proprio “tifo” per la parte “buona” ( USA, Ucraina, UE, Democrazia etc.) contri quella “cattiva” (Putin, Russia, Autocrazie o Dittature etc.) si scrivono sciocchezze o si postano articoli della propaganda mainstream, di cui si è schiavi, a sua volta schiava prezzolata del Potere. Ma veramente non è chiaro l’effetto delle sanzioni e delle successive controsanzioni? E soprattutto non siete capaci di ricordare a quali obiettivi ( teorici) mirassero ( da sempre) le sanzioni medesime? È ovvio che le sanzioni danneggiano la Russia, ed è ovvio che la Russia preferirebbe non ci fossero. Ma è altrettanto ovvio che le sanzioni non scardineranno il Potere di Putin, né impoveriranno la Russia al punto da impedirle di continuare a fare la guerra in Ucraina. E non era questo l’obiettivo dei sanzionatori? Mica volevano “far male” ai russi perché brutti e cattivi, da punire, volevano raggiungere quegli obiettivi. E il fallimento di questa strategia è nei fatti. Bisognerebbe aggiungere che forse la vera strategia dei Padroni del Mondo ( gli USA) era veramente questa. Prolungare la guerra, allontanare definitivamente l’Europa dalla Russia, impoverirle entrambe. Ma aprirei un altro aspetto delle vere e costanti guerre del pianeta, quelle geopolitiche. Tornando allo scenario precedente, per contro, le sanzioni e le controsanzioni stanno dissanguato l’Europa, Germania e Italia in testa. E i popoli europei, da anni, sono meno forgiati dei russi ( che pure sarebbero europei…) a vivere in ristrettezze o ad accettare che i loro governanti abbiano costruito un suicidio socioeconomico così grave e stupido. Insomma lo smottamento politico ci sarà più facilmente in Europa che in Russia. Con gravi ripercussioni per l’ordine pubblico. Perché il tema energia non lo risolvi con propaganda di accordi o soluzioni che funzioneranno a regime tra 3-4 anni. Il problema è Ora. Quindi l’imbecillità suicida dell’Europa è il vero tema. Altro che quanto è pericoloso Putin. Che poi quello pericoloso è Zelensky e quei criminali ucraini al Governo. Ma anche questo è un altro discorso.

    Piace a 6 people

    • Giusto. Noi dopo l’8 settembre del 43 ci siamo sciolti come neve al sole mentre loro a Leningrado hanno resistito ad un assedio di 900 giorni. Ma aspettiamo il 15 ottobre impianti di riscaldamento accesi e ci sarà da ridere o da piangere.

      "Mi piace"

    • al tuo post, che condivido, aggiungerei, che i leaders europei sono stato oltremodo ottimisti sull’esito delle loro sanzioni, o sono stati volutamente ingannati, o incapaci, o ricattati (c’è ancora l’occupazione militare IUESEI). In ogni modo, i veri politici, cercano di prevenire le crisi, non cercano di provocarle, se le sanzioni alla russia era “impossibile” evitarle, forse sarebbe stato meglio nazionalizzare la produzione e distribuzione dell’energia, visto che si tratta di sicurezza e sopravvivenza nazionale.

      Piace a 1 persona

  15. Le sanzioni fatte fino adesso hanno devastato l”economia russa (leggere tra l’altro articolo del FQ di qualche giorno fa. Altro che gita fuori porta di Di Battista!).
    Certo, non sono ancora stati sanzionati gas e petrolio.
    Succederà.
    Esiste il breve termine (quello su cui batte Travaglio) e il lungo termine.
    L’Europa deve restare UNITA, aiutare famiglie e imprese, e avere molta pazienza.

    "Mi piace"

    • Caro Santo tu avrai anche ragione ma nel lungo termine la Russia potrebbe essersi mangiata tutta l’Ucraina o peggio ancora potremmo essere tutti morti.

      Piace a 1 persona

    • Ma come fanno persone di indubbia intelligenza come te (detto senza ironia) a pensare certe cose e quel che è più grave, a crederci? Qualcuno qui pensa che il QI sia determinante per aver voce in capitolo: empiricamente verrebbe da dire il contrario…

      "Mi piace"

  16. Er Tronco dice: Articolo perfetto. Domanda: perche i 5S, non battono su questo argomento? Non solo sulla crisi del gas, ma piu’ in generale sulla follia dell’atteggiamento Europeo/Italiano sulla guerra, che ha causato anche le quotazioni insostenibili dei combustibili? Che Conte speri ancora di essere considerato il Giuseppi presso i repubblicani di Trump?

    "Mi piace"

  17. Poveri russi con le sanzioni che gli abbiamo imposto non potranno più comprare le scarpe di Prada le borse di Gucci i foulard di cavalli ne il parmigiano reggiano ne il Brunello di Montalcino ne le Ferrari Maserati e Lamborghini, e neppure la frutta itaggliana, dovranno fare a meno dei telefoni e i computer Apple e gli airbag per le loro macchine, hanno difficoltà a reperire i semiconduttori, ma grazie alle sanzioni imposte si trovano obbligati a prodursi tutto quello che abbisognano in casa loro, si proprio vero, le sanzioni contro i russi ce lo hanno messo nel c#lo a noi europei occidentali,
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso

    "Mi piace"

  18. Si vero l’ecomia russa è alla canna del, del cosa?
    Rublo 61 euro 1
    Avanzo commerciale 2022 oltre 100 miliardi
    debito pubblico molto basso, meno di 300 miliardi di dollari rispetto ad un Prodotto interno lordo di quasi 1.700 miliardi di dollari.
    Solo l. 85% della popolazione mondiale è neutrale e fa affari con i russi e comprano i loro prodotti e gli vendono i loro prodotti, questo li rende isolati,
    Si sì sì hanno ragione il picchiatello dell’Irpinia e il tutto guasto,
    La Russia è alla canna del caviale.

    Piace a 2 people

      • A! E quelle sarebbero materie prime introvabili?
        Non sapevo che India e Cina non producessero più tessuti, e non sapevo che in Russia non avessero mandrie di ovini e bovini oltre a non importare carne dal Brasile e dall’ argentina,
        Per i medicinali qualche problema lo hanno ma lo hanno già risolto, visto che i brevetti non valgono più per i russi

        "Mi piace"

      • Tuttoguasto
        Se il solito soggetto imbevuto di propaganda e spazzatura
        Spero tu abbia seguito il consiglio di accumulare legna da ardere

        "Mi piace"

      • Vedi poco Santo e molto guasto, la Russia produce circa 130/150 milioni di tonnellate di grano oltre al mais e girasoli, gli ortaggi che non produce li importa dalla Siria e dalla turchia, per cui l’articolo fa parte delle balle mainstream

        "Mi piace"

      • Io leggo che, tra l’altro, non produce manco i chiodi. Ma sicuramente ne saprete più tu e Di Battista.

        "Mi piace"

      • Pocosanto e molto guasto
        Perché in Italia si producono pure i chiodi?
        E io che credevo li importassimo dal Pakistan e dalla Cina come i russi,

        "Mi piace"

      • Perché in Italia si producono chiodi?
        Forse quelli quando non viene pagata una fornitura,
        Io sapevo che si importano dal Pakistan

        "Mi piace"

      • Elsa metallurgica, Trafilerie Vavassori, Mar Chioderia Italiana, Coinalde, Fasten, Euro Reti… I primi che ho trovato sul web.
        Ma hai comunque sempre ragione tu.

        "Mi piace"

      • Che poi, Cagliostro, che caxxo si produce in Russia?? A parte la vodka, dimmi cosa ti capita di comprare Made in Russia: un auto? Uno spazzolino da denti? Un cacciavite? Un vestito? Qualcosa da mangiare? Si, il caviale si. Una bicicletta? Che caxxo si produce? Quand’ero ragazzino c’erano in giro delle macchine fotografiche russe (e pessime) che volendo si possono ancora trovare a Porta Portese.

        "Mi piace"

      • Pocosanto e molto guasto,
        In Russia si producono missili che vanno in orbita, stazioni spaziali, vettori per gli americani, aerei per il trasporto civile aerei gargo, caccia e bombardieri, missili ipersonico, radar civili ed industriali, camion macchine, carriarmati, auto, pulman, elettronica militare, se poi fanno gli spazzolini al posto dei vietnamiti quello non lo so, come d’altronde anche in Italia oltre ai chiodi importiamo anche gli spazzolini da denti
        E le trafilerie non sono altro che commerciali,
        In fin dei conti i chiodi si fanno con del filo di ferro che importiamo dalla Russia, ma te invece di perder tempo a scrivere min.hiate cerca di passare più tempo a raccattare legna.

        "Mi piace"

  19. Altra chicca
    Gazprom ha notificato alla società energetica francese Engie che taglierà le forniture di gas a partire dal 30 agosto a causa di disaccordi su alcuni contratti, ha riferito martedì Le Figaro ,

    Piace a 1 persona

  20. Forse non c’entra ma: ascolto spesso prima pagina di radio tre e devo dire che nelle ultime settimane i giornalisti invitati stanno raggiungendo vette inarrivabili di faziosità “melliflua’( a differenza di Sechi,ad esempio, che espone le sue idee in modo diretto e anche,a mio avviso, culturalmente interessante e pure divertente).Stamattina uno di Repubblica ha affermato decine di volte che”SIAMO IN GUERRA” senza specificare quando e da chi (in Italia),è stata dichiarata in barba alla costituzione.Ora non so se rallegrarmi per lo svelamento dell’ipocrisia o incazzarmi per la continua presa per il…

    Piace a 1 persona

  21. “Un disastro di queste proporzioni, causato dall’insipienza delle classi dirigenti europee, inclusi i nostri Migliori, dovrebbe monopolizzare il dibattito elettorale: i partiti dovrebbero chiedersi se non sia il caso di rivedere sanzioni che danneggiano chi le impone, mentre la presunta vittima se la ride.”.

    Sì, ecco, chieda al suo assistito Gonde, cosa significa questa frase, completa di supercazzola, inserita a pag.13 del programma 5s: “…SOLIDA COLLOCAZIONE DELL’ITALIA NELL’ALLEANZA ATLANTICA E NELL’UNIONE EUROPEA, ma con un atteggiamento PROATTIVO E NON FIDEISTICO, che renda l’Italia protagonista nell’ambito dei vari consessi…”

    Oppure, sempre il suo assistito quando afferma, con un bipensiero che Orwell scànzate: “La comunità internazionale deve dare e continuare a dare un segnale di fermezza: le sanzioni alla Russia vanno mantenute”, MA ANCHE (cit.), che ‘non stanno piegando l’economia russa’”.

    Un capolavoro, non le pare Travaglio? Ci faccia sapere, non ci tenga sulle spine.

    PS: EVIDENTEMENTE (cit.), ne parla solo Salvini, perché gli altri non lo considerano affatto un problema serio, quindi solo degno di essere lasciato al Cazzaro Verde, e non il contrario come lei, egregio direttore, afferma.

    Piace a 1 persona

  22. Forse non tutti sanno che la normale e regolare evacuazione intestinale di ciascun individuo produce, se lasciata decantare, una certa quantità di metano purissimo (di cui è segno il tipico cattivo odore che si avverte quando ci si siede sul water). Ora, se non si vogliono deporre le armi per porre fine alla guerra d’Ucraina perché ne risulterebbe sminuito e offeso (non sia mai!) l’onore guerriero (ovviamente di merda) di tutti i guerrafondai italioti… almeno si coprano con tende da circo tutte le enormi vasche dove confluiscono le fogne cittadine del Belpaese. E – senza sottoporre a trattamento chimico il prezioso materiale raccolto per renderlo innocuo ai fiumi e al mare nostrum – si procedesse a collegare quelle tende ai tubi del metano ad uso domestico e industriale… si risolverebbe il problema energetico. Insomma, in un paese di merda, con un primo ministro notoriamente di merda e relativi ministri e sottosegretari altrettanti di merda, risolveremmo il problema con una vasta, drastica e capillare SOLUZIONE DI MERDA!!! Geniale, no?
    Sarebbe l’esito della, famosa in tutto il mondo, creatività italiana altrimenti detta volgarmente “arte di arrangiarsi”.
    Della serie: meditazioni di merda!

    Piace a 3 people

      • Altra possibile soluzione di un sistema indeterminate come l’erogazione del caro acqua dalla rete idrica a partire dai dislocati serbatoi o pozzi , a purezza variabile e in modalità incontrovertibili confluenti verso il letto maggiore di un fiume , sarebbe la raccolta dell’acqua piovana a partire dal sistema delle docce, che creerebbe serbatoi di riserva, ottimi anche se un tantinello soppesati da pulviscolo radioattivo, polveri chimiche, polveri cosmiche e semenze varie con note allergie al seguito.

        "Mi piace"

  23. ” Se la nostra campagna elettorale non fosse falsata dalle ingerenze americane…” Forse voleva dire “dalle ingerenze russe. Si può capire “lapsus travagliano”.
    Grande giornalista Travaglio. Conosce la situazione internazionale meglio di chiunque altro.
    Poi sul conflitto Russia Ucraina e sulle conseguenze dannose per la salute degli italiani
    che passeranno un inverno al freddo e al gelo senza il gas russo è un vero esperto.
    A tal proposito io sto riciclando tutti i miei maglioni di lana seguendo le sue avvertenze. Chissà che non riesca a salvarmi da qualche brutto raffreddore.
    Sull’aspetto militare della guerra in Ucraina? bah! come ognuno dice la sua; di sicuro la guerra dei tre giorni
    sta durando un tantino di più.
    E la fine non credo sia così scontata come la immagina o come spera che sia.
    Vedremo e vedrà anche lui.

    "Mi piace"

    • Scusa Rosario io non parteggio per nessuno puntualizzo solo che al momento dell’invasione i Russi avevano ammassato al confine 180.000 uomini e con questo contingente la vedo dura mettere sotto un paese che è 2 volte l’Italia in 3 giorni. Io spero che finisca presto con un onesto trattato di pace.

      "Mi piace"

  24. Oggi voglio postare una della tante veline che mi passano alcuni simpaticoni.
    Chissà può essere che a qualcuno piacerà leggerla.

    “Ci stiamo suicidando in Ucraina“:
    la sentenza dell’analista militare russo dopo sei mesi di guerra
    “Il fattore più critico sono le perdite delle forze di terra, impossibili da rimpiazzare”. L’esercito russo “non avrà più l’iniziativa”. E tenderà a “criminalizzarsi”. Il rimedio? “La fine dell’invasione e del regime di Putin secondo l’esperto di strategie militari russo.

    L’esercito di Vladimir Putin “non potrà ricostituire i ranghi dopo le perdite subite”, e presto “non avrà più capacità offensiva”. Mentre le scorte dei suoi missili cruise potrebbero esaurirsi entro la fine dell’anno. Secondo l’esperto delle forze armate di Mosca Pavel Luzin, la Russia in Ucraina sta uccidendo soprattutto sé stessa. Come potenza militare e come Stato. Per salvare il Paese, “sono necessari il ritiro dai territori occupati e un terremoto politico al Cremlino”. Fanpage.it ha raggiunto al telefono Luzin nella località fuori dalla Russia dove al momento si trova per ragioni di sicurezza.

    Come stanno le vostre forze armate a sei mesi dall’invasione dell’Ucraina?

    Il fattore più critico e con le maggiori implicazioni è l’entità massiccia delle perdite subite dalle forze di terra, abbinata all’incapacità della Russia di rimpiazzare morti e feriti. Si tratta di perdite terribili, mai subite né dall’Urss né poi dalla Federazione russa dopo la Seconda guerra mondiale.

    Gli Usa hanno fanno una stima di 70-80mila tra militari caduti e messi fuori combattimento. Sono cifre realistiche?

    Solo se si intende il totale, comprendendo anche i mercenari e il personale proveniente dalle aree occupate del Donbass. La mia stima, che rendo pubblica adesso, è che le perdite strettamente pertinenti all’esercito russo siano intorno ai 40mila effettivi, probabilmente un po’ di più.

    Ma l’esercito, secondo dati di un paio d’anni fa, può contare su oltre 750mila soldati. Ne restano ancora tanti.

    Di quei 750mila, molti appartengono a reparti non direttamente impiegabili in battaglia. I battaglioni addetti alle armi nucleari strategiche, per esempio, non vanno certo al fronte. E ci sono i vari reparti ausiliari con mansioni di logistica, comunicazioni o altro. Il personale effettivamente utilizzabile in battaglia non supera quota 168mila. Ed è incluso nei Btg, i gruppi tattici. Che all’inizio della guerra erano 168 e contavano ognuno tra gli 800 e i 1000 uomini.

    Però all’inizio della guerra la Russia aveva in campo 190mila effettivi. Più di quel che lei dice.

    Perché c’erano anche la Guardia nazionale, i volontari ceceni e i militi del Donbass. Gente che tecnicamente non fa parte dell’esercito russo.

    Insomma, secondo lei non sarà possibile rimpiazzare le perdite tra i combattenti. Ma c’è appena stata una campagna di arruolamento, prima dell’estate.

    Ed è fallita miseramente. Il fatto è che, a parte nelle regioni più povere del Paese dove la paga del soldato può ancora far gola, nessun giovane vuole andare sotto le armi oggi in Russia. A maggior ragione con una guerra in corso. Siamo nella situazione già vista negli anni ’90, prima e durante la prima guerra cecena. Allora era difficile reclutare personale militare, adesso ancor di più.

    In autunno ci sarà un’altra chiamata alle armi, sempre su basi volontarie.

    Con tutta probabilità anche la campagna di arruolamento del prossimo autunno sarà un fallimento.

    Con quali conseguenze? 

    Il numero totale degli effettivi scenderà intorno ai 600mila. Forse anche meno, visto che è difficile calcolare quanti decideranno di congedarsi, nel contempo.

    Che significa, sul campo di battaglia?

    Se la guerra continuerà, e credo proprio che continuerà, la Russia perderà la capacità di condurre ogni tipo di offensiva. Dovrà abbandonare l’iniziativa nei combattimenti.

    Ma si possono arruolare mercenari, soldati di Paesi amici. Si sono addirittura presi i carcerati, promettendo loro una buono paga e uno sconto della pena.

    E questo è deleterio. Se mancano gli arruolamenti di normali cittadini e la situazione continua a peggiorare, le forze armate russe in Ucraina diventeranno una sorta di esercito irregolare. Non potranno più agire come un sistema organizzato di combattimento.

    In che senso?

    È una situazione tipica degli Stati autoritari. Il potere militare tende a frammentarsi. Una situazione molto pericolosa, in guerra. Nel caso dell’esercito russo, i suoi tipici gruppi tattici non potrebbero più funzionare come un sistema bellico efficace. A causa della la riduzione degli effettivi regolari. Che non può essere colmata da mercenari o forze più o meno esterne cooptate nel conflitto. Ogni Btg verrebbe a mancare della necessaria difesa aerea, o di mezzi corazzati, o di unità di artiglieria e di ricognizione, Diventerebbe un’inutile accozzaglia.

    Un esercito così, può combattere?

    Certo, può sparare. Ma non sarebbe più un vero esercito. Non si deve sottostimare, poi, il fatto che quando le forze armate sono dispiegate in territori occupati senza una rotazione regolare, tendono a ”criminalizzarsi”.

    Un problema degli eserciti di occupazione fin dalla notte dei tempi. 

    Esattamente. E quando le le tue forze armate diventano gruppi criminali, significa che le stai perdendo. E che stai perdendo la guerra. Avrai singoli e gruppi di persone che hanno a disposizione armi, non forze armate vere e proprie.

    Quindi?

    Quindi lo stato autoritario russo perderebbe l’esercito come mezzo per la sua politica estera.

    Ma la Russia avrebbe ancora il suo grande arsenale nucleare.

    Anche questo però andrà a ridimensionarsi, nei prossimi dieci anni. Perché non avremo più la capacità di mantenerlo, a causa delle sanzioni e dell’embargo tecnologico che stiamo subendo.

    Anche le forze nucleari potrebbero entrare in crisi?

    Si possono sempre costruire nuovi missili, ma il propellente liquido o solido per farli volare non è prodotto direttamente in Russia. Per produrlo servono apparecchiature che da noi non esistono proprio. Sono per lo più in Occidente. E poi c’è la manutenzione. Impossible senza materiale tecnologico importato dall’Occidente. Non è più come ai tempi dell’Urss quando la tecnologia era meno avanzata e più replicabile. L’embargo totale in corso è come una condanna. Non succederà niente per qualche anno, poi però tutti i nodi verrano al pettine.

    E com’è la situazione riguardo al munizionamento convenzionale? È comunque maggiore di quello ucraino.

    I missili cruise stanno finendo. Ormai la Russia lancia i suoi Kalibr una volta ogni tanto, non più quotidianamente. E ne lancia pochi. Entro la fine del 2022 avremo esaurito gran parte del munizionamento. E anche l’assistenza alle batterie non potrà più essere garantita. Perché dopo circa tremila tiri i pezzi d’artiglieria vanno revisionati e riparati. Anche qui pesa l’embargo sulla tecnologia occidentale.

    Perché non siete capaci di distruggere gli Himars, i missili di precisione a lungo raggio che stanno provocando gravi danni ai depositi di munizioni del vostro esercito?

    Come puoi distruggerli se non sai dove sono? la Russia, al contrario dell’Ucraina che  può contare sull’assistenza occidentale, non ha un sistema di ricognizione satellitare efficiente. I satelliti utilizzati dagli ucraini individuano le forze d’invasione anche nel fitto di una foresta, e percorrono l’intero teatro bellico due volte al giorno. I nostri satelliti, ne abbiamo solo un paio in funzione, possono coprire lo stesso territorio solo una volta ogni due settimane.

    Se la situazione è davvero così brutta come lei la presenta, un grande paese come la Russia potrà comunque far qualcosa per migliorarla.

    Bisogna capire che abbiamo a che fare con il suicidio non solo dell’esercito ma anche della élite politica e dello stesso Stato russo. Perché per la Russia questa guerra è una sfida che va ben oltre la sfida militare. È una sfida politica, una sfida economica, una sfida sociale. Ed anche morale e culturale. L’attuale regime autoritario non può risolvere il problema.  Prima di tutto è necessario eliminare Putin e il cerchio magico che lo circonda. Fisicamente o tecnicamente, non importa. Secondo, la guerra deve finire e ci si deve ritirare da tutti territori dell’Ucraina occupati. Solo dopo questi primi due passi, la Russia potrà avere la capacità di “riparare” se stessa, dall’interno. Di ricostruire le sue istituzioni politiche, riformare l’economia e anche la difesa.

    Diceva di “suicidio” dell’esercito e dello Stato russo. Abbiamo detto anche che la Russia ha un grande arsenale nucleare efficiente, almeno per adesso. Putin potrebbe esser tentato di usarlo? Suicidio e apocalisse a volte vanno d’accordo. “Muoia Sansone con tutti i Filistei”? 

    Nei primi mesi di guerra pensavo che l’opzione fosse sul tavolo, nel caso in cui il Cremlino si trovasse messo all’angolo. Neanche adesso l’ipotesi è da escludere. Ma certamente si è fatta più remota. La risposta dell’Occidente all’invasione dell’ Ucraina si è rilevata solida, e Washington a messo bene in chiaro che l’utilizzo di  armi nucleari da parte di Mosca comporterebbe una risposta che costerebbe la pelle a Vladimir Putin. Questo vale anche per la situazione alla centrale atomica di Zaporizhzhia. Una mossa russa che provocasse fughe radioattive farebbe scattare l’articolo 5 del trattato Nato. Sarebbe la guerra mondiale. Putin ci penserà due volte, prima di usare direttamente o indirettamente il nucleare. ”

    Da Fanpage esteri del 24/08/2022

    "Mi piace"

    • BRAVO ROSARIO, ma questo articolo andrebbe spostato in alto, come commento iniziale.
      Su questo bog operano h24 propagandisti in servizio permanente effettivo e reduci sessantottardi anti-occcidentali per partito preso.
      Lo sto ripetendo in più occasioni che con l’arrivo delle piogge le colonne meccanizzate russe resteranno impantanate, diventando facili target su cui si divertiranno gli ucraini lanciando missili americani.
      Ma solo io sto notando un minor numero di interventi bellicisti vomitati da Putin?
      Chiedo per un amico pacifista di Travaglio, quello che esalta l’infnzia sotto dittatura.
      VI CONSIGLIO DI RIVEDERVI LA TRASMISSIONE TRASMESSA IERI SERA SU RAITRE IN SECONDA SERATA, BAMBINI PROVENIENTI DALL’UCRAINI, FERITI DA BOMBE E MISSILI LANCIATE DEI RUSSI, ARRIVATI IN ITALIA COL SOLO PADRE DOPO AVER PERSO LA MADRE O ALTRI FRATELLINI E SORELLINE. CURATI E OPERATI PER TOGLIERE SCHEGGE DALLA TESTA E AVVIAREUNA RICOSTRUZIONE DELLA SCATOLA CRANICA.
      E ringraziamo sempre gli esportatori sani di dittatura.

      "Mi piace"

      • Vabbè, questa straziante ed ipocrita chiosa finale, non supportata da nessuna fonte che non siano le solite patetiche chiacchiere di un infoiato filo-atlantista démodé, è in realtà il solito giochetto dello SCOLAPASTA a chi ce l’ha più lungo, tra lui e… lui (a volte gli succede persino di avercelo più corto di quello che ha in dotazione).

        SM Sparviero (ultimamente anche Giansenio) avrebbe già provveduto, questa volta con fonti, a documentare cose simili descritte dal poveraccio, causate degli esportatori malati di democrazia.

        EVIDENTEMENTE (cit.) però, al SOMARO CRIMINALE AFFERMAZIONISTA E ATLANTISTA devono essere sfuggite.

        Chiacchiere: 0
        Fonti: 3

        PS: volevo provvedere a inserire il link corrispondente, ma non essendo un masochista, spero che lo squilibrato mi creda sulla parola!

        PPS: purtroppo il sacrificio di vittime innocenti è la cosa più orrenda che una guerra possa causare, ma mai paragonabile all’uso fazioso e stumentale che alcuni idi0ti ne fanno, per dare un senso alle loro patologiche paranoie e per far quadrare i loro miserabili conti.

        BUFF0N3!

        "Mi piace"

      • mi risulta, anche da quello che dice Oksana (badante di mio suocero) che i maschi non possono assolutamente lasciare l’Ukra

        "Mi piace"

    • https://www.fpri.org/contributor/pavel-luzin/

      uno dei tanti “esperti” a contratto ed in cerca di notorietà, dall’una e dall’altra parte
      intanto sono passati 6 mesi e la Krimea è ancora russa, il Dombass viene bombardato dagli Ukra così come la centrale di Zaporizhzhia incolpando gli altri, i russi sono ancora in Ukra e la Russia e Putin sono ancora là.
      Vedremo…se noi assisteremo alla fine, visto che l’espero non ha escluso, che Putin se messo alle strette non butti la BOMBA.
      Una cosa: cosa c’entra l’art. 5 del trattato Nato con l’Ucraina? ne fa parte per caso?

      "Mi piace"

  25. E pensare che un 10/15% crede che mr tentenna sancho panza il bradipo alias penultimatum
    Sia uno statista e un politico di prim’ordine e se la gioca con gigino o bibitaro,

    Presidente Conte, qual è il suo giudizio sull’aggressione di Putin all’Ucraina?
    «Condanno senza se e senza ma la gravissima aggressione contro l’Ucraina, un attacco ai nostri valori di pace e democrazia e una palese violazione del diritto internazionale. L’Italia è unita in questa condanna e continuerà ad agire affinché, in sede europea e internazionale, la risposta sia forte e incisiva. La priorità è il ritiro delle forze militari russe scongiurando ulteriori sofferenze alla popolazione civile».

    Mr tentenna quale popolazione civile? Gli ucronazi?

    "Mi piace"

    • Cagliostro abbi pietà di me. Lo sai che ti voglio bene🤗
      Gatto , il 9barra 10 di settembre a Marostica c’è la partita a scacchi, perché non lanciamo l’idea di risolvere la guerra in Ucraina con una partita a scacchi al confine tra ucraina e Russia?

      "Mi piace"

  26. Se quanto afferma la propaganda russa corrisponde al vero, zelenski dovrà cominciare seriamente a guardarsi le spalle. Dai suoi.

    Secondo Ria Novosti

    MOSCA, 30 agosto – RIA Novosti. Le truppe russe hanno distrutto più di 1.200 militanti in un giorno a seguito della sconfitta dell’esercito ucraino nel Nikolaev-Krivoy Rog e in altre direzioni, ha riferito il ministero della Difesa russo.

    Articolo completo qui 👇

    https://ria.ru/20220830/vsu-1813114417.html

    "Mi piace"

  27. Purtroppo nemmeno Conte parla della gierra e delle sanzioni, se non per confermare che vadano sostenute.
    Eppure effettivamente già ora sono il nostro primo problema, e in futuro rischiano di esserlo ancora di più, e molto.
    Non parlarne significa essere matti o incapaci o venduti.

    Piace a 1 persona

  28. Lo scritto tante di quelle volte che oramai lo hanno letto anche i sassi,
    Mr tentenna sancho panza il bradipo è un venditore di pentole e padelle, ne più ne meno delle centinaia di scalda poltrone che sono transitati in parlamento. Il meno peggio?
    Il meno peggio è anche un vino che sà d’aceto in confronto a quelli già trasformati in aceto, ma il processo è irreversibile.

    "Mi piace"

    • Adriano
      Io non difendo la banda bassotti e Gambadilegno,
      Solo gli orbi non vedono e non sentono, definirli un associazione a delinquere è offendere i ladri di galline, quello che mi infastidisce è che molti non ammettono che pure mr tentenna sancho panza il bradipo è della stessa pasta,
      In un commento hai ammesso quello che vado dicendo da molto, il demonizzare il nemico permette al nemico di farsi una reputazione e attirare voti degli indecisi,
      Al PD serve che il mv5s raccolga più voti possibili, che porterà in dote per il proseguo della legislatura,

      "Mi piace"

      • questo lo asserisci tu, in tutte le lingue, lo abbiamo capito.
        Abbiamo inteso anche che il tuo insistere abbia un fine personale, se non di una parte.
        Sei livoroso, assillante, offensivo, rancoroso oltre ogni paragone.
        Per te è una questione personale.
        Io vedo invece che un gruppo oramai di sbandati, ha ritrovato una persona che gli da dignità e fiducia. Ricordo che fino al 16 Giugno doveva ancora dibattersi tra sentenze, imboscate politiche, delazioni e sabotaggi.
        Tutto questo senza avere nessun tornaconto personale, non penso affatto sia un portatore d’acqua per altri. Molti lo vorrebbero immune da errori (quali? per molti come ti muovi sbagli) oppure col coltello tra i denti, corsaro, pirata, carabiniere, fine giurista, in difesa e all’attacco tutto allo stesso tempo.
        E’ solo un uomo, che da lontano ispira fiducia ed ha ispirato fiducia a molti finchè è rimasto PDC. Ed è (oltre a vari pulviscoli) l’unica alternativa a questa accozzaglia di politicanti in cerca di uno sgabello.

        Piace a 1 persona

      • Mr tentenna sancho panza il bradipo
        mr tentenna sancho panza il bradipo
        mr tentenna sancho panza il bradipo
        mr tentenna sancho panza il bradipo

        Giorno dopo giorno,
        settimana dopo settimana,
        anno dopo anno
        Sempre le stesse puttanate, a macchinetta

        A me fa ridere tantissimo

        "Mi piace"

  29. Adriano
    Ma dai, cosa vuoi che mi freghi se mr tentenna sancho panza il bradipo occuperà uno strapuntino in parlamento, ci sono tanti venditori di pentole e tanti venditori di fumo che tra 3mesi non si distingueranno gli uni dagli altri,

    Mi diverte vedere la gente fare il tifo da stadio per dei ciarlatani che appena ottenuto il l’auto stipendio vanno in c#lo a chi li ha aiutati ad ottenere il posto,

    E il mio sfottere lo scudiero del mulattiere grillo è dovuto soprattutto dal suo comportamento da bimbo minchia, e dalle vane speranze di chi crede di aver trovato in esso il novello messia.

    Purtroppo l’itagglia è in una fase terminale grazie a questo genere di tifo, si prediligono immagini invece di sostanze, solo oleogrammi, solo oleogrammi.

    "Mi piace"

    • un ologramma, concordo
      invece tutti quelli che quotidianamente vengono presentati in tutte le salse e le posizioni, tu li conosci in carne ed ossa, vero?
      compresa la Melona, che appena parla perde consensi, per cui per lei parlano i lacchè

      "Mi piace"