La Meloni ora telefona ai poveri

Dopo tre anni di bugie sul Reddito di cittadinanza, Forza Italia e Lega non ce la fanno a mentire al punto da negare la sua necessità

ANNI 20 NOTTE

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Dopo tre anni di bugie sul Reddito di cittadinanza, impiegando senza risparmio le tv e i giornali amici, Forza Italia e Lega non ce la fanno a mentire a tal punto da negare la necessità di questo strumento, e difatti nei loro programmi promettono genericamente di riformarlo (anche se c’è da scommettere che in caso di vittoria alle elezioni lo seppelliranno). Chi non si nasconde, e propone espressamente di cancellarlo, è invece la Meloni, incurante (o ignorante) dei dati economici e sociali che ne certificano il bisogno.

D’altra parte, dopo aver montato la storia degli abusi – che in realtà sono una minima parte rispetto ai tanti raggiri ai danni dello Stato – ora è facile cavalcare l’indignazione generale. Aggiungendoci lo sdegno per le aziende che non trovano mano d’opera, quando chiunque sia stato di recente nei pochi Paesi occidentali privi del Reddito di cittadinanza ha visto che pure lì non si trovano bagnini, lavapiatti, camerieri e collaboratori agricoli.

Improvvisati contastorie di economia, i Fratelli d’Italia non hanno capito quanto è cambiato e cambierà ancora il mercato del lavoro per effetto della pandemia e della digitalizzazione. In compenso, gli stessi “economisti” hanno appena dato una lezione di alta finanza facendo girare informalmente un piano di ristrutturazione della Tim a spese della Cassa Depositi e Prestiti, cioè sempre dello Stato. Un conto salato per cui servono fiumi di denaro. Ma di togliere l’unico piatto di pasta che hanno milioni di poveri chi se ne importa se prima c’è da far mangiare i padroni della Tim.

15 replies

  1. La Meloni è semplicemente totalmente dalla parte delle aziende coglione è l’operaio che gli dà il voto

    "Mi piace"

    • Lo stesso operaio che votava Berlusconi, il cui legame era ancora piu’ evidente. Se solo riuscissimo a togliere le televisioni dalla casa di queste persone… un sacco di problemi si risolverebbero automaticamente.

      "Mi piace"

    • Esatto. Sono proprio i lavoratori a basso reddito, senza “santi in paradiso”, che dovrebbero difendere il “salvagente” (RdC) che un giorno potrebbe servire anche a loro, o ai loro figli/nipoti, se si ritrovassero disoccupati.
      Ma invece si fanno abbindolare dai soliti politicanti di professione.

      "Mi piace"

  2. …Pronto? C’è sta er povero in casa? Buongiorno. La chiamo per dirte àlzate dal divano (se ce ll’hai) e Vai – A – Lavorá!!! …Chi sono? Soy ‘na muherreeeh! …Come, “chi”? Soy itaglianaaah! Non basta? Soy grristiaanaaah! Aaarrgh! E come da record, soy pure poltronianaah!….

    …Che? Ennó! Qui stamo a ‘pparlá de divani! Le poltrone só esentii! Specie la mia! A ‘bbellooh!

    …Pronto?

    Piace a 1 persona

  3. La questione del reddito mi sta davvero facendo davvero Inc.. conosco molte persone,anche di sinistra (mah) con reddito e pensioni sicure che si interstardiscono a parlarne contro, e non tanto per gli sfaccendati poltronisti ormai colpevoli di tutto, ma per il lavoro nero che,a loro dire,il reddito incentiverebbe: a parte che,nel caso,il datore di (pseudo) lavoro è più colpevole di tutti,possibile non si capisca che il lavoratore avrebbe molto più interesse ad avere un reddito decente con relativi contributi che,ad esempio,e parlo per conoscenze personali,sommare 500 euro di rdc a 400 euro per 12 ore di lavoro in nero, sfruttato e vessato?

    Piace a 3 people

  4. Ci siamo. Le condizioni che scatenarono la Rivoluzione Francese, le ricordate? Bene giorno dopo giorno si stanno allineando pari pari da noi e all’arrivo dell’autunno la situazione politica, sociale ed economica sarà identica a quella della Francia del 1789.
    Debito pubblico enorme; casse dello stato vuote, da cui tassazione insostenibile; aumento esponenziale del numero dei poveri; privilegi infami dei politici, gli odierni nobili oziosi; borghesia, ossia i prenditori, parassitaria, corrotta e insaziabile. Le elezioni politiche di Settembre saranno l’ennesimo fallimento dei partiti che nono saranno in grado di dare risposte al popolo A far scoccare la scintilla che darà il via alla caccia, basterà attendere l’immancabile repressione dei movimenti di protesta.

    Pronti?

    Piace a 1 persona

  5. Dopo il 26 settembre l’Italia raggiungerà la piena autonomia, non importerà più fertilizzanti, la Piccola Italiana provvederà ad alimentare i pozzi Neri con somministrazione gratuita di Olio di Ricino, la flora verdeggiante e rigogliosa ripagherà le sedute sul W.

    "Mi piace"

  6. Anche il Papa telefonava: evidentemente mediaticamente paga. Fa tanto “uno di noi”…
    In compenso il PD a telefonare ai “poveri” non ci pensa proprio. Neppure per propaganda…
    Trovo sia controproducente accanirsi nei confronti dell’ avversario politico in questo modo.
    Oltre a dimostrare una “paura” di fondo, spinge il cittadino a pensare: “Ma voi cosa (non ) avete fatto in tutti questi anni di governo? Visto i vostri risultati, le reiterate promesse mai mantenute, il commissariamento del Paese da voi procurato, e persino la guerra da voi appoggiata… proviamo qualcun altro…”. Non sono certamente tutti “fascisti” quelli che votano a Destra, come non erano tutti “Comunisti” coloro che non votavano il Berlusca ai tempi.
    E’ un modo di fare politica ormai obsoleto e stupido, che fomenta solo odio e divide, facendo proprio gli interessi di quelli lassù in alto, al di là ed al di sopra dei loro “servitori politici”.

    Insomma, anzichè trattare tutti da scemi, quando non da delinquenti, occorrerebbe cercare di capire come mai una grossa fetta della platea un tempo terra di conquista PD ora si orienti – turandosi ogni orifizio, per lo più – verso Destra. O si astenga.
    Ma giammai: si continua con le medesime promesse che in decenni di governo mai sono state mantenute. E con gli insulti.
    Generalmente se si picchia un uomo già affamato e molto arrabbiato non finisce bene… Soprattutto se ha il coltello delle elezioni dalla parte del manico. E il fatto che FdI cresca nonostante i “giornaloni” e i media più gettonati siano tutti Dem, la dice lunga, e le riflessioni dovrebbero essere profonde…
    Ma non se ne vede l’ ombra, e si va di “olio di ricino”. Vedremo nuovamente anche le sardine in piazza a cantare Bella Ciao, sponsorizzate Benetton?
    Nel caso aspettiamoci la debacle…

    "Mi piace"

  7. E quindi? Campi di concentramento se vince la Meloni e gulag se vince il PD?
    Allora il Berlusca aveva ragione a temere i “comunisti”…

    "Mi piace"

  8. Quello che volevo dire – e mi pare di essere stata chiara – è che mi pare inutile, anzi deleterio, continuare a sparare a zero (eufemismo) sulla “destra” senza chiedersi come mai tanti elettori un tempo a “sinistra” ( o quanto meno dello stato sociale di riferimento della “sinistra” ) ora votano Meloni e Salvini.
    Non è che si sia sbagliato qualcosa? Non è che la “colpa” non sia solo degli elettori “populisti, fascisti, fogna, olio di ricino.. ecc…”? Non è che erano stufi delle brioches di cartone…che gli “intelligenti, buoni ed altruisti” hanno loro ammannito per decenni e ripropongono senza sosta?
    Tutto qui.
    Ma, ovviamente, si parla di “olio di ricino…”. E ogni discorso si chiude.

    "Mi piace"