La regola dei 2 errori

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – L’informazione all’italiana è talmente prevedibile da risultare commovente. Funziona così: si decide in partenza chi sono i buoni e i cattivi (o meglio lo si fa decidere ai padroni), a prescindere da ciò che fanno e dicono; poi si leccano i primi e si lapidano i secondi, qualunque cosa facciano; i buoni possono diventare cattivi […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

38 replies

  1. La regola dei 2 errori

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – L’informazione all’italiana è talmente prevedibile da risultare commovente. Funziona così: si decide in partenza chi sono i buoni e i cattivi (o meglio lo si fa decidere ai padroni), a prescindere da ciò che fanno e dicono; poi si leccano i primi e si lapidano i secondi, qualunque cosa facciano; i buoni possono diventare cattivi e viceversa, secondo la convenienza del momento. Ma non i 5Stelle, che sono sempre cattivi. Anzi, sono la stella polare dei media, che adottano per loro l’apposita tecnica dell’“errore perpetuo”. A ogni scelta fra A e B, si tengono sempre pronti due articoli: A è una cazzata; B è una cazzata. Fanno riforme (dalla blocca-prescrizione al Reddito) che tutti invocavano da trent’anni? Siccome le fanno loro, chi le invocava scopre che sono schifezze. Minacciano la crisi se Draghi non risponde ai 9 punti sociali di Conte? Tutti dicono che è l’ennesimo penultimatum del Sor Tentenna che mai metterà a rischio le poltrone dei suoi, tutti venduti al sistema, altro che entrare in Parlamento e aprirlo come una scatoletta di tonno, ah ah le risate! Poi Draghi non risponde sui 9 punti, anzi li sputacchia (e prende a calci pure la Lega per esser proprio sicuro di farsi sfiduciare), e il M5S non dà la fiducia. Allora vai con l’altro articolo: per non elogiare la coerenza di chi non baratta le idee per le poltrone, lo si incolpa di averci orbati di un governo così fico da mettere in fuga persino il premier, ovviamente su ordine di Putin.

    Stessa solfa per i 2 mandati. Pochi sanno (perché i media non lo dicono) che lo statuto Pd ha il limite di 3: solo che le deroghe sono così tante che nessuno se n’è mai accorto e chi dovrebbe dirlo – l’informazione – e chieder conto a Letta, fischietta e parla dei due mandati del M5S, con la solita tecnica del doppio articolo. Per anni si scrive che la regola è finta, figuratevi se quegli scappati di casa (sono il gruppo con più laureati, ma fa niente) e voltagabbana che urlavano contro le poltrone andranno a casa, altro che aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno, ah ah le risate! Poi Grillo nega il 3% di deroghe e Conte si adegua (secondo noi sbagliando entrambi, in un’emergenza come questa). Pur di non lodarne la coerenza, tocca tirar fuori il secondo articolo: “I 5 Stelle azzerano gli eletti” (Corriere), “Grillo licenzia le stelle” (Rep), “Grillo riduce i 5 Stelle” (Messaggero), “Conte l’ammazza M5S” (Libero), “Grillo, schiaffo a Conte e Travaglio” (Giornale). Intanto, giusto in tempo per le urne, la Meloni, che non era più fascista perché atlantista, torna fascista e Salvini, che non era più putiniano perché draghiano, torna putiniano. Invece la berluschina Gelmini non è più l’Attila della scuola perché va con Calenda. Ah, dimenticavo: sapete perché Conte è uno stronzo? Perché è uno stronzo.

    Piace a 9 people

    • Molte promesse fatte nella campagna elettorale sono state realizzate (la spazza corrotti, il rdc, il taglio dei parlamentari). Se le sembrano poche cose, possiamo sempre paragonarle al milione di posti di lavoro, allo stretto di Messina, ai mille euro di pensione minimo. Grazie a questi imbonitore, e a molti creduloni, siamo messi così come siamo. Sui due mandati, sono assolutamente certo che è una vendetta verso Conte e i contiani di colui il quale in tempi non sospetti definì il Movimento “biodegradabile”. Il sig. Tafazzi, a confronto con il presunto “elevato”, era un dilettante. Prendere schiaffi in faccia prima dal banchiere e poi dall’ elevato, da parte di Conte, per me resta un mistero. Ma io non sono “elevato”.

      Piace a 5 people

      • La spazzacorrotti? Non ricordi che quella specie di ex ministro della giustizia, che quelli del fatto ritengono un big, tenne alla Camera un intervento a favore della riforma Cartabia? Hai capito che quella riforma aboliva la spazzacorrotti, anzi andava oltre abolendo i processi ai corrotti?
        Non v’è dovete prendere solo con Grillo. Conte e Grillo facevano solo sceneggiate.

        Piace a 2 people

      • Finché non si risolverà una volta per tutte la questione su chi sia il reale capo politico del M5S – oggi vedo solo una diarchia che paralizza – avremo sempre un’ambiguità imperante. Vedi il voto favorevole nel governo dei ministri 5s sull’invio di armi senza fine a Zelensky e la non ferma e totale opposizione alla Cartabia, ambedue cose frutto dell’accordo a quattr’occhi e/o telefonico tra il “grillino” Draghi e il Garante (delle caxxate), per dirne solo due.
        Insomma, le comiche ai comici, e la Politica maiuscola ai POLITICI, se ci sono. Punto

        Piace a 2 people

    • La destra insieme alla Meloni ha vinto le elezioni in modo eclatante per 2 volte. Mi sai dire, dei loro programmi di allora, cosa è stato davvero realizzato?

      Piace a 1 persona

  2. Fu così che dal classico gioco truffaldino delle tre carte si è passati al gioco delle DUE carte. Per renderlo più sfacciatamente evidente e pertanto ancor più imbroglione.
    Beati i beoti che ci cascano perché sarà loro il regno di Beozia!

    Piace a 2 people

  3. Dopo più di un anno e mezzo, finalmente Grillo ne ha azzeccata una facendo rispettare la regola del doppio mandato. Sarà la solita campagna elettorale senza idee della Pseudo Destra che urlerà solo contro il pericolo del ritorno dei fascisti, dall’altra i loro amici di destra
    con le solite supercazzole su immigranti, posti di lavoro, sicurezza, condoni, ponti sullo stretto, ecc. ma con l’unico intento di spartirsi la torta. La speranza è che più i media a TV ed edicole unificate abbaieranno sul movimento e più il suo elettorato si ricompatterà intorno a Conte PdC (con altro capopolitico) che dovrà ridistanziarsi dalla feccia politica italiota, recuperando idee e vecchi valori, con facce nuove e con il lavoro sul territorio (per chi ne avrà voglia) dei vecchi parlamentari. Dopo 10 anni, si riparte da zero, ma con più esperienza e recuperando la coerenza persa.

    Piace a 2 people

  4. La cosa paradossale è che questo atteggiamento di perenne denigrazione, qui così ben descritto e documentato da Travaglio, non riguarda solo i detrattori del M5S (prezzolati e non), da parte dei quali era fin troppo scontato, ma anche e soprattutto una bella fetta dei sedicenti sostenitori, che dopo aver ingurgitato tonnellate di merda per interi decenni (come tutti), ora improvvisamente si sono scoperti talmente esigenti da essere capaci di scandalizzarsi alla minima puzzetta.

    C’è gente a cui non basta vedere qualcuno che finalmente è stato capace di rimboccarsi le maniche (e non solo la lingua), e abbia almeno tentato di far qualcosa di utile anche al popolo (e non solo all’élite, dopo lunghi decenni di costante allargamento della forbice sociale), non basta che questo qualcuno ci sia almeno in parte riuscito, pur avendo tutti contro (ma proprio tutti, sia fuori che dentro), ma quando mai: devono anche realizzare tutti i punti del programma (e non uno di meno, cazzo), e farlo pure con una mano legata dietro la schiena (perché così avevano detto), altrimenti non va bene ugualmente e sono dei poltronari traditori. Ma, anche qualora lo facessero, dovrebbero anche farlo nei modi e nei tempi giusti, altrimenti sono più che sicuro che non andrebbe bene comunque.
    E ovviamente, mai un grazie, ma solo pretese (dieci milioni di voti, e non hanno nemmeno saputo portare la pace nel mondo? Che razza d’incapaci; la prossima volta, astensione di massa, che favorisce le destre, o magari direttamente il voto alla pesciarola, almeno andrà sempre peggio, ma di sicuro non si rischierà più di rimanere delusi: o no?).
    Praticamente, per certa gente non è mai abbastanza (e probabilmente non lo sarà mai), qualunque cosa succeda.
    Però un adulto che si comporta come un bimbo viziato è la migliore garanzia di infelicità, qualunque cosa succeda.

    Questo è un blog dove ci sono molti sedicenti sostenitori della prima e dell’ultima ora: nemmeno qui mi sembra di aver letto tutte queste lodi alla coerenza per la decisione adottata, eppure il limite dei due mandati è stato a lungo (e fino praticamente all’altroieri) difeso da molti, su queste pagine, sebbene molti di quei molti abbiano finalmente capito che è una gran cazzata, seppur solamente dopo la recente scissione dimaiana: quando serviva a non far ricandidare Giggino, era una sacrosanta norma anti-poltronari, e chi proponeva di abolirla era come minimo uno sporco traditore; quando invece (una volta toltosi di mezzo il mai troppo odiato Giggino) ci si è resi conto che rispettarla comporta anche il non far ricandidare Bonafede e altri meritevoli, ecco che è diventata un handicap (come in realtà è sempre stato, almeno finché questa cosa riguarderà i soli pentastellati).

    Presumendone la buonafede (quindi postulando che non si tratti di infiltrati con la missione di instillare disfattismo, come un certo tipo di atteggiamento parrebbe a prima vista suggerire), a tutti costoro vada il mio messaggio: se è così che siete capaci di sostenere le cose in cui credete, poi non stupitevi se viviamo in un mondo capovolto.

    Piace a 4 people

    • Sono d’accordo su tutto Jonny e riguardo ai due mandati, io ho sempre detto che a decidere chi merita il terzo o anche quarto, dovevano essere gli iscritti sulla base della loro fedeltà e operato.

      "Mi piace"

      • Indubbiamente, la via maestra sarebbe rappresentata da una scelta determinata dalla base, ad ogni mandato (e magari anche durante), ma la politica è fatta prevalentemente di compromessi.

        Personalmente, ritengo che sia meglio così che un rattoppo che sa di gabola, tipo cavilli su eventuali mandati “completi” o altre amenità (tra parentesi, tutte cose che, se le avesse nominate Di Maio, sarebbe stato lapidato seduta stante sulla pubblica piazza).

        Ancora meglio sarebbe stato prima ammettere che era una cazzata, per l’evidente motivo che già è difficile trovare qualcuno di onesto, capace e volenteroso, se poi quelle rare volte che hai la fortuna di selezionarne qualcuno (di questi tempi, è merce rara) ti permetti anche di fare lo schizzinoso, alla lunga diventa quasi impossibile. Dopodiché, procedere ad eliminare questa assurda regola autoimposta una volta per tutte (non c’è mica niente di male, non stiamo certo parlando di illeciti), motivandone pubblicamente le ragioni (che non mancano), magari coronando il tutto col solito voto “spintaneo” online (tanto sarebbe stato quasi certamente approvato).

        Per me conta solo il risultato, che deve essere la selezione di una classe dirigente sempre migliore.
        Se il risultato è che gente onesta e capace come Bonafede (a puro titolo di esempio, senza fare tutto l’elenco) viene messa ai margini o accantonata, ebbene questo è esattamente lo stesso obiettivo della casta, pertanto c’è qualcosa che non va (io ritengo che sia Grillo, cionondimeno trovo surreale ai limiti del lisergico che si possa anche solo pensare di poter allontanare un genovese dalla sua roba).
        Se per sovvertire il sistema finisci col semplificargli il lavoro, adesso che è la prima volta ci sta, dopodiché o rinsavisci il prima possibile, oppure due domande dovremmo iniziare a porcele tutti: protagonisti e spettatori.

        Voglio almeno sperare che, nel probabile caso che Di Maio (o altri) andrà a fare delle proposte (di candidatura) a questi esclusi, si abbia la decenza di non scandalizzarsene (oltretutto, farebbe benissimo), ma non ci faccio troppo conto.

        "Mi piace"

    • Jonny Dio superlativo i miei più sinceri complimenti, hai scritto benissimo nel tuo post tutta la rabbia che mi passa dentro, non capendo come i sondaggi diano FDI e PD al 23% circa, e i 5s meno della metà, quando si è assistito alla nascita di un fenomeno politico di nome Conte, in questi anni, capace di farsi imitare nella pandemia da quasi tuyta europa, che ha sottomesso Francia e Germania portando a casa 209 miliardi, che ha voluto il superbonus( genialata assoluta in un momento buio se non nero dell’economia), che si presenta di persona davanti agli operai dell’Ilva( mai visto, i politici sono bravi a salire e stare sul carro del vincitore senza mai metterci la faccia)
      Tu sei di altra classe rispetto al sottoscritto
      , jonny dio e meriti e miei inchini
      Saluti

      Piace a 3 people

      • Jonny dio e la rabbia sale sopra i capelli perché se io parlassi di bonucci e di fronte avessi messi e ronaldo, allora il silenzio è d’obbligo
        Qui di fronte si ha FI e la Lega berlusconi e salvini con il disastro lombardia ( la regione eccellenza sanitaria con il record di morti e gallera finito nel dimenticatoio) Il pd di cui ho finito il vomito per giudicarlo( mi sforzo, ma il giorno dopo, coniati maggiori) quindi evito
        La Meloni, FDI, la più vecchia politicamente, con La Russa e la Santanche’ con gli zingari Casamonica al loro fianco
        E devo leggere di Conte: mr. Tentenna….
        Tutti nati imparati……
        Saluti

        Piace a 4 people

      • Saluti anche a te, buon Fabio, ma non vale (quasi) mai la pena di incazzarsi, è molto meglio provare ad incanalare le energie in maniera positiva (anche se comprendo perfettamente lo sfogo).

        "Mi piace"

    • Gentile Jonny, io concordo in pieno sulla coerenza. Ho votato il movimento anche per via dei due mandati inderogabili. Riconfermando la regola, Grillo ha fatto l’unica cosa giusta nell’ultimo anno e mezzo. Dieci anni di sacrificio politico basta e avanzano. Se poi uno ci ha preso gusto, vada a caricare altrove. Cordialità.

      Piace a 3 people

      • Io l’ho sempre considerato un handicap, analogamente alla faccenda della restituzione di una parte della diaria da parlamentari (chiarisco: sarebbero due cose sacrosante se un giorno si riuscissero a trasformare in una regola valida per tutti; a mio avviso si tratta di battaglie giuste portate avanti nella maniera sbagliata, che hanno finito col diventare controproducenti sia per chi le ha portate avanti, che per lo scopo ultimo delle battaglie stesse; col senno di poi, erano proposte da portare avanti in maniera diversa dal mero esempio, magari sotto forma di riforma costituzionale), ad ogni modo, anche se è una cosa che personalmente non condivido, ti do volentieri atto di essere uno dei pochi ad essersi espresso in tal senso.

        "Mi piace"

    • Io credo nell’impegno e nella buona fede di molti che hanno aderito al M5S, ma essendo ormai dell’opinione che sia in realtà controllato da poteri esterni incarnati da Grillo ho l’enorme dubbio che comunque vada tutto quello che potrà costruire verrà poi soffocato già dall’interno, come già abbiamo potuto vedere. Questo pensiero mi dilania!

      "Mi piace"

  5. Questa volta devo dare ragione a Travaglio. Io però che nn sono fazioso dico che, a guardare i fatti, i due mandati se nn fosse stato per Grillo a quest’ora erano belli che sepolti. A prescindere se siano una cosa buona o meno. Perciò la tanto sbandierata diversità o coerenza dei grillini è pura invenzione. C’è Grillo che decide tutto e fa il bello e cattivo tempo. Il M5S è lui. Il resto sono quasi tutti dei poltronari pari pari agli altri partiti. Caro il mio Travaglio

    "Mi piace"

  6. Ma Conte con il permesso di Grillo ha trasformato il Movimento in un partito verticistico cancellando completamente la democrazia partecipata. Conte non è mai stato un grillino e non lo sarà mai.

    Piace a 1 persona

  7. La prima parte travajo l’ha scritta per i Cagliostro e le Caroline…anche lui si deve essere rotto il ca a leggere certe scemenze.

    Sulla seconda, ha corretto il tiro, come spesso fa già da molti mesi, i due mandati gli fan molto meno schifo degli scanzie…sai che SCOPERTA!

    "Mi piace"

    • Andrea
      Che sostanze usi? Oltre a dosi elevate di grappa appare evidente che fai un uso disinvolto di droghe pesanti, attento a non finire nello scolmatore,

      "Mi piace"

  8. Mi viene in mente il Chianese, che prima scrive che Conte deve andare fino in fondo se ha le p4ll3, poi quando lo fa gli dà dell’irresponsabile.

    "Mi piace"

  9. La regola dei due mandati ha aspetti positivi e negativi.
    Quello negativo è che se hai persone capaci e benintenzionate le perdi (anche se non è detto, vedi Di Battista, che pur non essendo eletto …), quello positivo è che siccome il potere logora limitare l’esposizione è salutare, come per le radiazioni.

    Ora la discussione non è più solo teorica, come poteva essere all’inizio. e allora guardiamo i fatti.
    nel M5S ora c’è la prima ondata di eletti che non possono ricandidarsi….
    Come li valutate?
    Vi sembra che continuino con freschezza a combattere per gli ideali del movimento, o che invece si stiano concentrando solo sui cazzi propri?

    Secondo me la situazione attuale dimostra (dopo 55 fiduce a draghi) che il limite dei due mandati è indispensabile, anzi sarebbe da abbassare visti i risultati.

    In cantiere devi mettere il casco, le scarpe antinfortunistica ecc, in auto la cintura di sicurezza … sono scomodi e limitano le possibilità di movimento, ma ti proteggono das un pericolo maggiore.

    "Mi piace"

  10. “Minacciano la crisi se Draghi non risponde ai 9 punti sociali di Conte? Tutti dicono che è l’ennesimo penultimatum del Sor Tentenna… Poi Draghi non risponde sui 9 punti, anzi li sputacchia, e il M5S non dà la fiducia”.
    Conte non ha minacciato nessuna crisi. Magari. Bertinotti, è uno che a suo tempo l’ha minacciata SU UN PUNTO preciso, e poi l’ha fatta. Non Conte con i suoi “9 punti sociali” (lasciamo perdere).
    La crisi l’hanno creata Salvini e soprattutto Berlusconi, approfittando degli infiniti tentennamenti di Conte.
    C’è da dire poi che nessuno dei tre, Lega, FI e M5S, ha votato la sfiducia a Draghi. Si sono bellamente astenuti, per paura di dover dire agli italiani: “siamo stati noi!”.
    Una scena pietosa.
    Questa è la realtà dei FATTI.

    "Mi piace"

  11. A leggere certi commenti c’è da non crederci.

    Me se ti dichiari contro l’OMS, contro la NATO, contro la UE, contro l’euro, a favore del dialogo con la Cina, contro il PD per tutto quello che rappresenta, contro Berlusconi per tutto quello che rappresenta, contro Draghi per tutto quello che rappresenta, in una parola contro il Sistema, e ti rimangi tutto e diventi esattamente l’opposto, cioè un soldatino del Sistema, un povero elettore che dovrebbe fare?

    Piace a 1 persona