Salvini scuote il governo: “Da adesso voteremo solo quello che serve all’Italia, il resto lo lasciamo a Pd e M5s”

(Marco Nepi – tpi.it) – “Si vota fra 240 giorni, non cambia la legge elettorale e vince il centrodestra a guida Lega”. Lo prevede Matteo Salvini, che alla festa di partito tenuta a Adro, nel bresciano, ha promesso di “dare battaglia” in questi otto mesi su temi come la legge Fornero.

“Da domani noi voteremo solo e soltanto quello che serve all’Italia e agli italiani, il resto lo lasciamo votare a Pd e M5S”, ha detto il segretario della Lega. “Se questo coincide col governo bene, se no è un problema del governo, mica un problema mio” ha aggiunto Salvini, rilanciando la sfida agli altri partiti della maggioranza, dopo le proteste degli ultimi giorni su cannabis e ius scholae. Temi venuti allo scoperto a seguito delle tensioni tra il Movimento 5 stelle e il governo, che hanno spinto Giuseppe Conte a presentare a Mario Draghi le proprie richieste per continuare a sostenere l’esecutivo. “Nessuno ci ha detto quando siamo entrati in maggioranza che all’ordine del giorno c’erano droga, immigrazione o ddl Zan”, ha continuato, “noi mettiamo davanti autonomia, flat tax e pace fiscale”.

“Io dico che fra otto mesi si vota, perché ho sentito che a Roma qualcuno usando cavilli e burocrazia vorrebbe votare non a marzo ma ad aprile, a maggio, a giugno”, ha ribadito. “No amici miei, il popolo ha portato anche troppa pazienza. Il primo giorno utile bisogna votare. Noi saremo pronti e il paese lo prendiamo per mano”.

“Proveranno a cambiare la legge elettorale, proveranno a ritardare le elezioni, proveranno a inventarsi altri tecnici, ma io sono assolutamente fiducioso”, ha continuato Salvini, “orgoglioso, convinto che tra 240 giorni si vota e io vi dico come va a finire”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

11 replies

  1. Cioè voterà tutto quel che decide Draghi sino a settembre. Poi, a diritto di pensione acquisito, voterà a cazzo sino (se mai ci sarà) al rompete le righe del generale Mattarella.

    Piace a 1 persona

  2. ““noi mettiamo davanti autonomia, flat tax e pace fiscale”.”
    Cioè i cz loro…

    “Noi saremo pronti e il paese lo prendiamo per mano”.”

    Ma anche no grazie… E piano con le minacce!

    Piace a 1 persona

  3. In teoria dovrebbe essere sempre così: si vota quello che si pensa serva ai propri elettori. Altrimenti che si fanno le elezioni a fare?

    "Mi piace"

    • E infatti i loro elettori sono le regioni del nord (autonomia), gli imprenditori (flat tax) e gli evasori (pace fiscale).

      "Mi piace"