La grande fuga dagli ospedali

Martedi scorso alle 12:20 in una chat privata sul canale Telegram fa ingresso la richiesta di Venice Medical Assistance: “Cerca URGENTEMENTE un medico per coprire i turni di stanotte e domani per codici bianchi presso l’ospedale di Santorso […]

(DI ANTONELLO CAPORALE – Il Fatto Quotidiano) – Martedi scorso alle 12:20 in una chat privata sul canale Telegram fa ingresso la richiesta di Venice Medical Assistance: “Cerca URGENTEMENTE un medico per coprire i turni di stanotte e domani per codici bianchi presso l’ospedale di Santorso. Retribuzione 90 euro/ora”. La frontiera della disperazione, il dissanguamento del servizio sanitario nazionale fino al punto di bussare alle porte dei social per trovare qualcuno disposto, aumentandogli straordinariamente anche la paga (in genere la retribuzione al lordo varia dai 40 ai 6o euro/ora) è codificata in questo messaggio. È la resa della sanità pubblica che giunge dal fronte della guerra perduta della sanità italiana dopo il Covid. Guerra senza cannoni ma con morti e feriti, quelli di ieri per colpa del virus e quelli di oggi e di domani per il default figlio di responsabilità politiche e della triste parabola di una organizzazione delle cure di una società sempre più anziana, più ammalata, più bisognosa di essere assistita.

Le lunghe stagioni del deficit, che hanno fatto dalla sanità il luogo eletto per clientele e sprechi di ogni misura e foggia, oggi rendono il loro rendiconto crudele e senza via di uscita. Quel che resta tra le nostre mani è, nel paradosso di un piano di rilancio che dovrebbe far rifiorire le case di cura, il disastro di ospedali che ormai collassano, e la voragine che ogni giorno di più – allargandosi – rende il buco nero in cui stiamo precipitando sempre più enorme, e l’ineluttabile destino di una crisi sanitaria prossima ventura diviene quasi certezza.

Anzi, a dirla tutta questa realtà disperante fa capolino dopo i mille giorni di dirette televisive, di approfondimenti sulla necessità di curare la nostra salute, di tutorial quotidiana lungo la via dritta del benessere fisico. Eravamo sistematicamente connessi a virologi e medici di qualunque specialità, tutti a sconfiggere il virus mentre – a nostra insaputa – un altro agente patogeno stava insidiando il palazzo italiano della salute. Il bollettino di queste settimane è allarmante. Centottanta barelle messe in fila e 25 medici dell’emergenza del Cardarelli che rassegnano le dimissioni per disperazione. Questo è il Sud, è Napoli. E al Nord? Nel Veneto gli organici di 18 pronto soccorso su 26 sono affidati a servizi esterni, sono appaltati a coop. Servizi esternalizzati, si dice. E a gruppi di medici privati si vorrebbe, nel prossimo futuro, affidare gli ammalati non di codice rosso, non gravi o gravissimi, per alleggerire il peso delle cure.

E a Milano cosa succede? 9.500 infermieri in meno rispetto all’organico, metà dei quali, all’incirca, necessari per garantire l’assistenza nelle Rsa. A Trento, dove il regime di autonomia consente spese che altrove non sono possibili, la Provincia paga le segreterie ai medici di famiglia, anche raggruppa, per riuscire a far restare indenne il servizio di medicina territoriale.

L’analisi del disastro l’ha commentata sul Corriere Veneto Carlo Brafezza, direttore dell’Usl Pedemontana: “Ormai abbiamo svuotato Bulgaria, Romania e Albania. Ora non ci rimane che puntare su medici extra Ue”. Non è solo la medicina d’urgenza ad essere decapitata. In Veneto mancano pneumologi, anestesisti, pediatri. Crisi di vocazioni simili in tante altre città.

Nel buco nero del disastro culturale e civile, l’errore di calcolo clamoroso: dalle università non escono medici a sufficienza e neanche infermieri. “Abbiamo raddoppiato le disponibilità nelle scuole di specializzazioni, aumentati i posti disponibili per i corsi di laurea, tra un po’ saremo perfettamente in linea con le esigenze e gli obiettivi della sanità italiana”. Così qualche giorno fa la nota rassicurante del ministro della Salute Roberto Speranza. Il problema è che da oggi a quel po’ (tre anni? cinque?) cosa ne facciamo dei malati?

Gli accessi ai pronto soccorso sono tornati al ruolino di marcia pre-Covid. Chi ha dolore si allarma e va. Si scongela la malattia, si riduce la paura di infettarsi, e si affolla l’astanteria. Dalla quale, causa pandemia, chi aveva potuto era fuggito. “So di colleghi – ha detto il presidente dell’Ordine dei medici di Trento – richiamati in servizio durante la luna di miele. Perché con l’organico ridotto all’osso, basta un incidente, uno che si ammala all’improvviso, e la turnazione va a farsi friggere”.

Negli ultimi cinque anni a Napoli sono stati chiusi cinque pronto soccorso. Si aggiungano camorristiche, i tentativi di sabotaggio, il lungo cursus honorum dei delinquenti che nella sanità pubblica purtroppo proliferano e si arriva al caso del San Giovanni Bosco, presidio ospedaliero nel centro della città, sconvolto da invasioni quotidiane di insetti, scarafaggi, topi. Rimessa a nuovo la struttura, riattivato il pronto soccorso.

L’Asl Napoli 1 pubblica un bando urgente per sei contratti a tempo determinato a medici delle funzioni dell’urgenza-emergenza. Il bando è andato deserto.

6 replies

  1. Andrà tutto bene..
    Il macellaio dello stato sociale Draghi, il ragioniere ha fatto i conti, meno soldi alla sanità pubblica, meno soldi all’istruzione più soldi all’esercito. Per lui tutti gli italiani sono solo dei fannulloni e disonesti che cercano di fregare lo stato, vogliono tutti la pensione, il reddito di cittadinanza. Ha iniziato la cura greca tanto voluta dalle multinazionali che con l’acquolina alla bocca pregustano una pantagruelica mangiata

    "Mi piace"

  2. Cacchio, stare in riva al fiume si vedono tonnellate di cadaveri trasportati dalla corrente,
    Tra non molto vedremo la Grecia come un paradiso economico e sociale.

    "Mi piace"

  3. E ricordatevi che l’altro giorno hanno assolto FONTANA per i camici, e ancora mai fatto accuse per la gestione della pandemia in Lombardia (38.000 morti ad oggi).

    "Mi piace"

  4. Un medico specialista esternalizzato, cioè in libera professione, con cooperativa, costa circa 150 euro lordi all’ ora, per turno ordinario! Un medico ospedaliero dipendente specializzato è retribuito circa 30 euro lordi all’ ora per turno ordinario, 60 euro per quello straordinario/aggiuntivo, cioè oltre le 38 ore settimanali. ….Il SSN preferisce spendere di più, piuttosto che assumere e pagare adeguatamente i propri medici ed infermieri! Se professionisti con specializzazione ed anzianità di servizio vengono retribuiti con emolumenti che sono i più bassi d’ Europa, scappano o all’ estero o nel privato, cliniche, cooperative, ecc. ……eppure c’è un modo semplice per risolvere il problema aumentare gli stipendi o diminuire le ore di lavoro a parità di retribuzione! Quindi il guaio è la carenza di personale e stipendi non adeguati con ricadute sulla qualità del servizio, cioè sull’ assistenza ai pazienti, conseguenze prevedibili se le risorse economiche dello Stato vengono dirottate su altro, tipo armamenti, e non su assistenza sanitaria, università, ricerca e servizi essenziali! Pagare un professionista 30 euro lordi significa un netto di 18 euro all’ ora, senza contare che la reperibilità viene pagata 20 euro per 12 ore. …non all’ ora, ma per tutte e 12! Con queste cifre sorprende che non si trovino medici? Per fare il medico occorrono 6 anni di medicina e 4 anni di specializzazione. …..un parlamentare con il diploma di scuola superiore, quando addirittura solo media inferiore, prende 13.000 euro lordi al mese per ridurre il SSN in questa deprimente condizione. ….applausi!

    Piace a 1 persona

  5. Stiamo arrivando lento pede alla privatizzazione…..cari amici, il progetto è chiaro!
    Addio servizio sanitario nazionale!
    Già adesso, se hai seri problemi di salute, quindi urgenza, paghi, altrimenti ti programmano a 6-12 mesi. Semplicemente, per farci digerire il rospo, ci accompagnano per manina a provare con mano.
    E intanto, miliardi alla guerra…..

    "Mi piace"

  6. Non solo la privatizzazione, anche la soppressione degli anziani. Ci vogliono giovani e…poco choosy.
    La nazionalità non è importante: siamo in un Occidente globalizzato: gli schiavi si “fanno,” e poi si esportano dove serve. Come le merci.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...