Nuovo decreto Covid, quando scattano obblighi e divieti?

(di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini – corriere.it) – L’entrata in vigore del decreto festività cambia il calendario dei nuovi obblighi e divieti. Ecco tutte le scadenze dal 24 dicembre fino al 31 marzo 2022 quando finirà lo stato di emergenza. Il green pass rafforzato è rilasciato a guariti e vaccinati. Il green pass base si ottiene con tampone molecolare che ha validità 72 ore oppure antigenico che ha validità 48 ore.

24 dicembre

È stata emanata la circolare che consente il richiamo o terza dose a quattro mesi di distanza dall’ultima somministrazione di vaccino. Le regioni dovranno aggiornare il sistema di prenotazione in accordo con il commissario Francesco Paolo Figliuolo a partire dal 10 gennaio 2022. Chi ha già effettuato la prenotazione potrà cancellarla e riprogrammare un nuovo appuntamento.
Ilgreen pass rafforzato è obbligatorio per:
– bar e ristoranti al chiuso
– cinema e teatri
– stadi
– eventi sportivi
– cerimonie pubbliche
Il green pass base è obbligatorio per:
– palestre e piscine
– centri sportivi
– spogliatoi per l’attività sportiva
– alberghi
– aerei, treni, navi
– autobus, tram, metropolitane

25 dicembre

Obbligo di mascherina all’aperto anche in zona bianca fino al 31 gennaio 2022.
Obbligo di indossare le mascherine di tipo FFP2 fino al 31 marzo per:
– spettacoli aperti al pubblico che si svolgono all’aperto e al chiuso in teatri, sale da concerto, cinema, locali di intrattenimento e musica dal vivo (e altri locali assimilati);
– eventi e competizioni sportive che si svolgono al chiuso o all’aperto;
– tutti i mezzi di trasporto a lunga percorrenza: aerei, navi, treni
– tutti i mezzi di trasporto pubblico: autobus, tram, metropolitane.
Divieto di consumare cibi e bevande in tutti questi luoghi.
Obbligo di green pass rafforzato per la consumazione al bancone del bar fino al 31 marzo 2022.
Chiusura delle discoteche fino al 31 gennaio 2022.
Divieto di feste nei locali pubblici fino al 31 gennaio 2022

27 dicembre

Avvio della campagna vaccinale per il richiamo per la fascia d’età 12-17 anni.

30 dicembre

Obbligo di green pass rafforzato per entrare nelle strutture residenziali socio sanitarie. Chi ha effettuato la seconda dose è obbligato ad esibire l’esito negativo di un tampone antigenico o molecolare.

10 gennaio

Il green pass rafforzato sarà obbligatorio anche per:
– al chiuso per piscine, palestre e sport di squadra;
– musei e mostre;
– al chiuso per i centri benessere;
– centri termali (salvo che per livelli essenziali di assistenza e attività riabilitative o terapeutiche);
– parchi tematici e di divertimento;
– al chiuso per centri culturali, centri sociali e ricreativi (esclusi i centri educativi per l’infanzia);
– sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò.
– corsi di formazione in presenza.
Il commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo valuterà con le Regioni la data di avvio della campagna vaccinale per la terza dose a distanza di quattro mesi dall’ultima somministrazione.

1 febbraio

Il green pass rafforzato avrà validità sei mesi a partire dall’ultima somministrazione vaccinale.

31 marzo

Scade lo stato di emergenza per la pandemia da Covid 19.

Tutte le Faq del governo sul nuovo decreto

Il governo ha approvato il decreto Festività che sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella giornata di 24 dicembre.

Ecco tutti i chiarimenti su regole e date relative al nuovo provvedimento.

Quanto dura il green pass rafforzato?
Il green pass rafforzato, concesso solo a vaccinati e guariti, adesso dura 9 mesi. Dall’1° febbraio 2022 durerà sei mesi dall’ultima somministrazione di vaccino.

Quando si può fare la terza dose?
Con una circolare attesa per oggi 24 dicembre, il periodo minimo per la somministrazione della terza dose sarà ridotto dal 1° febbraio. Non dovranno più passare cinque mesi dalla seconda somministrazione, ma si potrà fare il booster anche a partire dal quarto mese.

La mascherina all’aperto è obbligatoria?
Sì, fino al 31 gennaio la mascherina all’aperto va indossata sempre in tutta Italia, anche in zona bianca.

Quando è obbligatoria la Ffp2?
Su autobus, metropolitane e treni regionali, al cinema, a teatro, negli stadi e nei palazzetti sportivi è obbligatorio usare la mascherina Ffp2 perché protegge meglio della chirurgica.

Per prendere il caffé al bar quale green pass è richiesto? E al ristorante?
Fino al 31 gennaio 2022, al bar e al ristorante si entra solo con il green pass rafforzato. La norma riguarda sia le consumazioni al bancone del bar, sia la possibilità di sedersi al tavolo.

È permesso mangiare o bere al cinema e allo stadio?
No, è vietato il consumo di cibi e bevande, al chiuso, in cinema, teatri, stadi e in occasione di altri eventi sportivi.

Si può andare in discoteca?
No, le discoteche e i locali da ballo di ogni tipo sono stati chiusi, perché il rischio di contagio è ritenuto troppo alto.

Le feste all’aperto sono permesse?
No, dall’entrata in vigore del nuovo decreto sono vietati eventi e feste all’aperto.

Le feste nei locali pubblici sono permesse?
No, non si potranno più organizzare feste nei locali pubblici. È consentito festeggiare soltanto seduti al tavolo.

Basta il green pass per andare a visitare gli anziani nelle Rsa?
Se si ha la terza dose basta il green pass rafforzato. Altrimenti bisogna portare anche un tampone negativo effettuato nelle 24 ore precedenti, se antigenico, o nelle 48 ore precedenti, se molecolare.

Dove è obbligatorio il green pass rafforzato?
Serve per andare al ristorante e nei bar al chiuso. Serve anche per cinema e teatri.

Dal 10 gennaio dove è obbligatorio il green pass rafforzato?
Dal 10 gennaio servirà il «super» green pass per accedere a piscine, palestre, sport di squadra al chiuso e spogliatoi, musei e mostre, centri benessere e centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali, centri sociali e ricreativi al chiuso (esclusi i centri educativi per l’infanzia. E ancora: sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò).

Quando si torna in Italia dall’estero si può essere sottoposti al tampone?
Sì, saranno effettuati controlli a campione al momento dell’ingresso in Italia dall’estero.

Che succede in caso di positività?
In caso di positività, si applica la misura dell’isolamento fiduciario per 10 giorni. Chi non ha la possibilità di rimanere in isolamento potrà essere trasferito in un Covid Hotel.

Quali altre regole sono previste per chi torna da un Paese dell’Unione Europea?
Chi arriva da «Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco» e non è vaccinato deve rimanere cinque giorni in isolamento fiduciario.
Chi invece ha ricevuto il vaccino deve aver effettuato il test prima di entrare in Italia. La regola vale anche per gli italiani che vanno all’estero al momento di tornare in patria.

Quali altre regole sono previste per chi torna da un Paese che non fa parte dell’Unione Europea?
Per chi arriva da tutti gli altri Stati, italiani compresi, se non si è vaccinati la durata della quarantena è di dieci giorni. Chi invece è vaccinato deve effettuare «un test molecolare nelle 72 ore antecedenti all’ingresso» oppure «un test antigenico nelle ventiquattro ore antecedenti all’ingresso». Per chi arriva «dalla Gran Bretagna e dall’Irlanda del nord il test molecolare deve essere effettuato nelle 48 precedenti all’ingresso».

È vero che le vacanze scolastiche saranno prorogate di due settimane?
Al momento la data del rientro a scuola resta fissata a dopo l’Epifania, ma la riflessione è aperta. Se i contagi continuano a crescere troppo rapidamente, il governo potrebbe decidere di prolungare le vacanze per far «raffreddare» la curva epidemiologica.

Posso festeggiare il veglione nei ristoranti?
Si seguendo le regole e i protocolli della ristorazione.

2 replies