I miei dubbi sulla vaccinazione nei bambini dai 5 agli 11 anni

(Patrizia Gentilini – Medico oncologo ed ematologo, membro di Isde – ilfattoquotidiano.it) – Uno degli argomenti attualmente più dibattuti riguarda l’estensione della vaccinazione anti Covid 19 ai bambini di 5-11 anni, eventualità che già avevamo paventato e che ora si sta purtroppo concretizzando. Come noto, il 25 novembre l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha raccomandato di concedere un’estensione dell’uso del vaccino BioNTech-Pfizer ai bambini da 5 a 11 anni ed il 1° dicembre è arrivata puntuale l’autorizzazione anche da parte di Aifa.

Confesso di essere rimasta profondamente sconcertata nel leggere sul sito di AIFA che, a parere del CTS, “la vaccinazione comporta benefici quali la possibilità di frequentare la scuola e condurre una vita sociale connotata da elementi ricreativi ed educativi che sono particolarmente importanti per lo sviluppo psichico e della personalità in questa fascia di età”.

L’argomentazione mi sembra francamente assurda perché diritti primari dell’infanzia quali giocare e condurre vita sociale non dovrebbero certo sottostare al “ricatto” di farsi vaccinare, tanto più che lo stesso CTS riconosce che Covid-19 ha nei bambini un decorso “sicuramente più benigno”, anche se in alcuni casi può associarsi al rischio di Sindrome Infiammatoria Multisistemica (MIS-C).

Ma di che entità è questo rischio e davvero possiamo essere tranquilli facendo vaccinare anche i più piccoli? Ricordo che la Covid-19 nei più piccoli non solo ha decorso più benigno, ma spesso è addirittura asintomatica, con una letalità dello 0,003% fra i 6 e gli 11 anni. Facendo una stima, sulla base dell’ultimo report dell’ISS [documento, pag. 12], si desume che, su un totale di 20 deceduti per Covid fra 0 e gli 11 anni dall’inizio della pandemia, in un anno i decessi siano stati meno di uno al mese, in genere in presenza di da altre patologie. La Sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-C) è rara: negli Usa colpisce 3,16 su 10.000 bambini infettati con Sars-CoV-2 , in modo nettamente prevalente bambini afroamericani, ispanici e asiatici rispetto ai bianchi, mentre è molto rara in Germania: 1,7 su 10.000 casi positivi.

Inoltre l’associazione con SARS-CoV-2 è possibile ma incerta e non è chiarito in quale misura le vaccinazioni la evitino, durata e gravità dei sintomi del “Long Covid” sono poi simili a quelli di comuni patologie virali, ma c’è di più.

Penso infatti che pochi sappiano che lo studio presentato da Pfizer per ottenere l’autorizzazione in questa fascia di età, dopo una prima fase in cui il vaccino è stato testato su 48 bambini, ha coinvolto nella fase successiva in tutto 2268 bambini fra 5 e 11 anni: a 1517 è stato somministrato il vaccino e a 751 il placebo e l’intera coorte è stata mediamente seguita per poco più di 2 mesi ed al massimo per 2,5 mesi.

Lo studio clinico è di dimensioni troppo piccole e di troppo breve durata per quantificare rischi quali ad esempio quello di miocardite, come riconosciuto dalla stessa FDA nella sua lettera di approvazione a BioNTech/Pfizer il 23 agosto; per non parlare della totale assenza di studi circa l’azione cancerogena, come dichiarato dalla stessa azienda produttrice.

Come si può quindi spingere i genitori, anche da parte delle società di pediatria, a vaccinare i propri figli quando esistono così grossolane lacune? Il problema è cruciale, ma purtroppo – come era facilmente prevedibile – la richiesta di confronto col CTS da parte della commissione medico scientifica (CMS) indipendente di cui mi onoro fare parte, è caduta finora nel vuoto.

La Commissione/CMS tuttavia ha espresso ugualmente la propria posizione in 16 punti che sono qui disponibili per chiunque voglia documentarsi prima di fare scelte così importanti per la salute dei propri figli.

La nostra Commissione è grata al Coordinamento 15 ottobre che non solo si è fatto carico dell’esigenza non più rinviabile di trasparenza e verità, ma si è fatto anche interprete della richiesta di un confronto scientifico fra pari veramente degno di questo nome, ovviamente la Commissione è al servizio e apprezzerà il supporto di tutti coloro, cittadini e associazioni, che parimenti reclamano verità e trasparenza.

E per concludere un’ultima riflessione: spesso mi sento dire “io credo nella scienza”, quasi che la scienza fosse una nuova religione. Personalmente io invece credo nel “metodo e nel dibattito scientifico”, senza censure né dogmi, ed è questo ciò che come Commissione reclamiamo non solo per il bene di tutti, ma della stessa scienza.

71 replies

  1. Ecco qui il medico ambientalista, omeopatista (se si può dire) collegata ai no pass (chissà cosa significa per un medico)…..
    Quando dico che il Fatto Quotidiano strizza a tic l’occhio ai no vax mi riferisco a questi articoli apprezzati dai “paladini” delle notizie senza filtro(secondo loro) ma che in realtà sono balle però piacciono

    "Mi piace"

    • Nel sito ISDE Italia vi sono solu due menzioni al riguardo dell’omeopatia, mai dirette, una e’ l’annuncio di un convegno SIOMI. Le attivita’ dell’ISDE sono volte alla diffusione del concetto – mai del tutto accettato – che se si vive in un mondo inquinato hai voglia di parlare di medicine. E’ come il fatto che il piu’ grande produttore di pornografia ne accetta il pirataggio su vari youporn perche’ sono i siti che fanno soldi con i coockie, pubblicita, “data mining” etc.

      "Mi piace"

      • “mai del tutto accettato” vuol dire che, come il riscaldamento globale e gli effetti della esportazione dell’inquinamento, non mi frega niente fino a che non ci rimetto io qualcosa.

        "Mi piace"

    • Invece, se cercate l’associazione tra questa persona e la parola “omeopatia”, in genere viene citato un suo discorso che comincia per “Quando la scienza diventa un dogma, la ricerca è schiava del potere”, ovvieta’ che viene ripresa da persone che fanno soldi con prodotti omeopatici per raffigurare l’inaffidabilita’ dela Scienza quando fa a pezzettini qualunque supposto “studio” che dimostra qualcosa a favore dell’omeopatia.
      Metodo di pensiero non ignoto a questi pixel.

      "Mi piace"

      • @ Davide: questo cosa vorrebbe dire? E’ da svariati decenni che nelle farmacie non si vendono più soltanto farmaci. Piuttosto, dalla dicitura obbligatoria “senza indicazioni terapeutiche approvate”, cosa si può dedurre?

        Piace a 1 persona

    • Quindi per te i medici vanno bene solo se li approvi tu. Secondo me tu sei uno di quei medici vaccinatori che prendono 70 euro all’ora per vaccinare, perché altrimenti non si capisce questo tuo odio per qualsiasi opinione differente. Mi spiace per te ma esistono anche persone che la pensano diversamente, prima te ne fai una ragione meglio è.

      "Mi piace"

      • 70 svanziche per incontrare centinaia di persone col rischio di infettarsi, infettare, combinare una guaio, etc.*

        Che succede se son pochini?

        * Sempre megli che fare la cameriera o la commessa.

        "Mi piace"

  2. l’azione cancerogena? e di quale dei tanti vaccini parla? solo di quelli a mRNA?

    ma se dopo 5 o 6 giorni il vaccino scompare cosa dovrebbe portare alla formazione di cancro
    a distanza di mesi o anni?
    il nostro sistema immunitario che è impazzito?

    mah!

    "Mi piace"

    • Esatto Marco, solo per scrivere “cancerogeno” andrebbero già denunciati, invece li lasciano parlare, e dopo si lamentano se le campagne vaccinali sono un flop

      "Mi piace"

    • Non sono e non voglio essere l’avvocato del diavolo, ma le proteine prodotte con le istruzioni dell’RNA potrebbero in qualche modo nascondere dei rischi residui. Io sono molto più propenso a correre questi rischi residui che i rischi delle conseguenze del COVID, del long-COVID e dei rischi a lungo termine di una malattia di origine virale, visto che altre si sono dimostrate pericolose anche nel lungo termine, a differenza dei vaccini finora utilizzati.

      Giustamente non si possono escludere, anche se la ragione ci dice quanto siano improbabili, effetti a lungo termine. Quello che sappiamo sulle sostanze cancerogene, come per esempio l’alcol e i salumi, è che espletano il loro nefasto effetto in tempi lunghi di abituale consumo e non perché due volte all’anno si mangia una fetta di salame e si beve mezzo bicchiere di vino.

      Se poi la dott.sa Patrizia Gentilini si occupa di omeopatia… la sua affidabilità professionale scende a livelli bassissimi.

      Piace a 1 persona

  3. Riassumendo:
    I no vax a 5g parlano del FQ come del giornale che si è istituzionalizzato prendendo il posto di Repubblica, strizzando l’occhio a non so che, i sì vax che si sentono medici ricercatori honoris causa (dove la causa l’hanno decisa loro) vorrebbero scrivere loro sul FQ perché ne sanno più di chiunque, l’altro giorno più di Crisanti, oggi più dell’oncologo ed ematologo.

    "Mi piace"

      • Non ho mai letto il FQ online.
        Non ho mai sentito Gomez ospite in una trasmissione (forse una volta l’anno scorso).
        So solo che era favorevole a entrare nel governo.
        Indi per cui, confesso la mia ignoranza sul gomezpensiero, eccetto l’articolo a settimana che viene stampato sul cartaceo.

        "Mi piace"

  4. Vaccinisti lo avete preso nel colon.Come fanno degli “uomini” ad accettare simili ricatti prima su loro stessi e adesso sui loro figli infanti. Rimarrà un “mistero”. U.D.M? https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/4/45/Michelangelo_Caravaggio_022.jpg/1024px-Michelangelo_Caravaggio_022.jpg DIO Pfizer VE LO “ORDINA?”PER CASO?CHE C…O DI DONNE E UOMINI SIETE?.VI PIGLIANO PER I FONDELLI?MAI PASSATA PER LA MENTE, L’IPOTESI?Per porsi domande”SERIE”:https://www.youtube.com/watch?v=uwyU5P5AuMk

    "Mi piace"

  5. Se non lo sapete il Giappone ha dichiarato fine alla pantopandemia ( pantomima della pandemia) Dopo aver verificato insieme a pfizer l inutilità e la dannosità del siero benedetto a Rna nei topi!!

    Ma voi non siete topi! Vero??

    "Mi piace"

    • Topo di Dio…. sapete solo insultare pezzi di merda
      Occhio al cervello…i topi di Dio pfizer ve l hanno divorato

      "Mi piace"

      • La verità brucia? Se non fossi il mentecatto che sei, vedresti che non ti ho “solo” insultato, ho anche aggiunto la dimostrazione delle tue boiate. Dimenticavo che non sei in grado di comprenderla, errore mio. Ad maiora.

        Piace a 1 persona

  6. L’articolista dimentica che la vaccinazione pediatrica serve anche ad aumentare la protezione per gli adulti che con quei bambini sono a contatto (analogamente a quanto avviene per l’influenza, spesso sono i figli che la portano a casa da scuola, contagiando così la famiglia).

    Piace a 1 persona

    • Uno dei commenti più idi0ti e infami mai letti in vita mia: in una parola, Jonny Satana sacrifica il futuro per salvare il passato. Da che mondo è mondo è sempre stato il contrario, ma oggi che viviamo un epoca di progresso in tutti i campi, in particolare quello etico, le cose si sono INVERTITE: il principio di precauzione, gli evoluti come JS se lo sono messi nel diddietro, ovviamente per il Bbene collettivo…

      "Mi piace"

      • Felino, “satana SACRIFICA il futuro” quindi dai per certo che i bambini correranno dei grossi rischi? Mi raccomando, correggi sempre “didietro” ma continua a sragionare webete

        "Mi piace"

      • “quindi dai per certo che i bambini correranno dei grossi rischi?”:

        IMB3CILL3, sai cos’è il principio di precauzione, INFAM3?

        E tu RINCOGLI0NIT4 quindi dai per certo che i bambini non correranno dei grossi rischi, DEFICI3NT3?

        "Mi piace"

    • Io spero solo che persone come voi non si riproducono mai perché se lo faranno poverini i vostri figli che li colpevolizzate di farvi ammalare. Comunque per problemi di ipocondria esistono terapie.

      "Mi piace"

  7. Jhonny Dio però leggiamo per bene i dati, perché il Giappone ha giusto il 3% di vaccinati in più rispetto all’italia con ciclo completo, ORA. Hanno annunciato 0 morti e pochissimi contagi circa 2 mesi fa se non sbaglio, quando la cpagna vaccinale era a metà. Mortalità di 15 volte in meno da inizio pandemia rispetto all’italia, e avranno fatto sì e no un mesetto di lockdown da inizio pandemia( non nel 2020) senza mai chiudere le scuole. Differenze rilevanti. E lì mai nessuno si è sognato né si sogna ora di dire cazzate del tipo “pandemia dei non vaccinati”. Lì,vaccinati o meno, rispettano e hanno sempre rispettato le regole, o mi vuoi far credere che tutti quelli che ora sono sfegatati si vax abbiano rispettato le regole nel 2020? Per coerenza ce l’ho con loro alla stessa maniera di chi ora non si vuole vaccinare.
    Ps:essendo una persona mooooolto tranquilla e tollerante quasi zero a dire la verità, i parametri su cui giudicare una persona pere sono ben altri

    "Mi piace"

    • Due settimane fa al supermercato la cassiera chiede ad un signore perché è senza mascherina (non l’aveva nemmeno appesa tipo addobbo natalizio), risposta : “puzzava talmente tanto che l’ho lasciata in macchina”. Ecco, tanti italiani mancano di filosofia giapponese

      Piace a 1 persona

    • Certamente, caro Martello, ma la mia intenzione non era quella di mettermi a discettare della strategia giapponese di contenimento pandemico, né tantomento di mettermi a paragonarla alla nostra.
      Più banalmente, il mio intento era quello di sbattere in faccia agli ottusi esterofili del Covid le loro cazzate. Tanto, per questa gentaglia (chi derubrica il tutto a “pantomima”), tra breve il Giappone farà la stessa fine di Israele, Svezia, Inghilterra, Romania e del resto del mondo che viene citato, sempre a sproposito, fintantoché e nella misura in cui è utile alla narrazione no-vax, per poi passare nel dimenticatoio non appena smette di essere funzionale alla causa.

      Piace a 1 persona

  8. “Quest’anno il Bambin Gesù del mio ambulatorio oltre la mascherina ha sul braccio una siringa simbolo del vaccino anti Covid che porta in dono ai bambini dai 5 anni in su”, la frase corredata da opportuna iconografia di bambinello collocato sulla greppia con occhi ragionevolmente spauriti, è stata pubblicata su Facebook da una donna e medico, combinazione perfetta per l’advertising della cosca criminale di autorità politiche imprenditoriali e sanitarie che hanno deciso di compiere l’estremo sacrificio in nome della fede nella scienza incarnata nell’industria farmaceutica.

    Possiamo dire che si tratta di una particolare forma di pedofilia, l’aberrazione dell’amore per i bambini che si traduce nel loro possesso, nel loro uso e abuso come di una proprietà indiscussa, del martirio consumato su carni tenere e innocenti come estremizzazione della sindrome di Münchausen per procura che fa meritare l’ammissione nella società civile e responsabile.

    E non è un crimine la somministrazione di un prodotto del quale si cominciano a conoscere i danni collaterali immediati e a immaginare quelli sul lungo periodo, sui minori? quando l’aumento verificato delle infezioni tra i bambini non ha causato un aumento di mortalità, se è l’Iss a comunicare che nella fascia da 0 a 19 anni si sono verificati finora 35 morti senza vaccino, pari a 1 decesso ogni 522.000 bambini/anno, 125 volte meno dei 2.505 minori morti in media ogni anno nel quinquennio 2015-2019, e sui quali sarebbe bene invece condurre una indagine per approfondire le cause e la combinazione di patologie gravi con le condizioni ambientali e quelle del sistema sanitario nazionale.

    E non è un crimine assecondare un disegno preverso di medicalizzazione della società, immaginando le generazioni future come un pubblico di potenziali pazienti la cui qualità di capitale umano va promossa e conservata con l’assunzione di farmaci, con vaccini e integratori in sostituzione di sostanze indispensabili e comportamenti virtuosi e sani?

    Annunci
    Segnala questo annuncio

    E non è un criminale cedere all’uso, alla commercializzazione e al consumo dei corpi per adeguarsi alle necessità del mercato che impone ormai attitudini, inclinazioni e aspirazioni, sicché è doveroso equipaggiare i figli con gli indumenti, i balocchi e le scuole che ne garantiscono l’ammissione a un ceto superiore e senza i quali, proprio come il green pass, si è condannati alla marginalizzazione e all’esclusione?

    E non è criminale sottoporre a questo abuso in nome della responsabilità personale e collettiva dei minori sui quali si esercita un potere assoluto che replica quello e immotivato e usurpato cui i decisori sottomettono gli adulti, avocando a sé l’autorità morale di discernere tra Bene e Male, come se fosse “etico” vaccinare i bambini per proteggere gli “altri”, quando viene rivendicato di aver tutelato anziani e soggetti fragili con l’immunizzazione e quando i rischi di trasmissione derivanti dalla mancata somministrazione sui minori sono irrilevanti?

    Ma non è criminale che genitori, che pretendono dal fronte di chi ha fatto la scelta libera e consapevole di non prestarsi alla iniezione surrettiziamente obbligatoria per via dei ricatti del Green Pass, di prodigarsi con dati “ufficiali”, prodotti dalle fonti selezionate dai decisori come le uniche attendibili, sottovalutino proprio quelli concernenti della vaccinazione pediatrica? Se perfino la “sorveglianza passiva” condotta dall’Aifa segnala 128 reazioni avverse ogni 100.000 dosi somministrate” – sempre troppe – e sottostimando centinaia di volte quelle rilevate dai CDC degli Usa.

    Ma non è criminale che l’appello a consegnarsi fiduciosi alla medicina impersonata da addetti ai lavori che hanno subito per anni la pratica di demansionamento, convertendo gli operatori di base in impiegati amministrativi, che ha tollerato che la ricerca fosse concessa in regime di esclusiva all’industria, che hanno approfittato delle misure governative per sottrarsi all’obbligo deontologico di “curare” venga ascoltato anche quando non sono ancora disponibili cure per i bambini che hanno subito danni da questi vaccini, anche fosse uno solo, mentre esistono protocolli profilattici e terapie precoci per contenere il rischio da Covid?

    Ed infine non è criminale crescere i proprio figli coltivando l’indifferenza per tutti i diritti che sono stati conquistati in anni lotta della volontà popolare, da quello al lavoro, allo studio, all’assistenza e alla cura in tutte le età della vita, ridotti ormai ad uno, unico, sovrastante e sostituivo, quello a una mediocre e meschina sopravvivenza grazie alla consegna a uno stato di potenziale malattia da contrastare con vaccini e obbedienza?

    "Mi piace"

      • Soprattutto l’eccitante passaggio “Annunci Segnala questo annuncio”: mai letto nulla di simile, ho ancora le lacrime (e non scherzo).
        Per il resto, la risposta alle domande (retoriche?) va da “no” a “che cazzata”.

        Per chi, eventualmente, al bersi ogni cazzata propinata dai siti acchiappaclic che tirano tanto ultimamente, preferisse informarsi seriamente, ripropongo il rapporto ufficiale di Aifa sulle reazioni avverse (avvertenza: è riservato a chi possieda una capacità di comprensione del testo pari almeno a quella di uno scimpanzè):

        Fai clic per accedere a Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_9.pdf

        Piace a 1 persona

      • “Soprattutto l’eccitante passaggio “Annunci Segnala questo annuncio”: mai letto nulla di simile, ho ancora le lacrime (e non scherzo)…”.

        Fai clic per accedere al cervello (avercelo e non scherzo!): pensavi di fare una battuta o hai veramente creduto fosse parte del testo della Lombroso (ormai da certi soggetti c’è da aspettarsi di tutto… avvertenza: è riservato a chi possieda una capacità di comprensione del testo pari almeno a quella di un’ameba)?

        "Mi piace"

    • Ah, era la Lombroso? Avrei dovuto capirlo (non me ne voglia la cara Paola). Non si usa più citare la fonte, quando non è farina del proprio sacco? Comunque sì, stavo perculando gli “applausi a scena aperta” del povero Untu, che tu stavi incassando (indebitamente, a questo punto), e le lacrime erano per le risate.

      Delle segnalazioni non verificate, che chiunque può fare, è stato ormai detto e ripetuto tutto, fino alla nausea e oltre.
      Sul report di Aifa che, tra le altre cose, quantifica in maniera estremamente dettagliata gli eventi avversi, niente da dire? Possibilmente con parole tue, ma se la cosa ti crea difficoltà o imbarazzo vanno bene anche quelle altrui.

      Comincio io: pare proprio che la tanto sbandierata pericolosità dei vaccini sia in realtà estremamente bassa, del tutto in linea con quella dei più comuni farmaci.
      Forse sarebbe ora che chi (come te) continua a seminare allarmismo (a questo punto, totalmente ingiustificato) sui vaccini, spesso dopo aver provato a minimizzare e/o negare gli effetti del Covid, facesse un po’ di autocritica, ma capisco che per farlo sia necessaria una buona dose di onestà intellettuale, dote di cui molti sono totalmente sprovvisti.

      Piace a 1 persona

      • Infatti ti dirò che
        A) non ho capito gli applausi di untu, ma a differenza del sociopat non sono solita interessarmi di cose che non mi riguardano, stava a lui chiarire l’equivoco
        B) non ho capito nemmeno il tuo di commento dato che era evidentissimamente prosa lombrosiana, non voleva/poteva auto attribuirsela.

        "Mi piace"

      • O al massacro poteva essere la prosa di quel punto interrogativo che si riteneva musa ispiratrice di Anna.
        Come una meteora è sparito. E non è stato nemmeno insultato,,,

        "Mi piace"

      • “A) non ho capito gli applausi di untu…”:

        qual è il mistero? Uno applaude uno scritto perché gli piace, a prescindere che l’abbia scritto Hitler, Travaglio o GATTO: lo trovi incomprensibile? Boh…

        “…ma a differenza del sociopat non sono solita interessarmi di cose che non mi riguardano”:

        ogni tanto, come in questo caso, fai uno strappo…E vabbè…

        Se tu ritieni che su un blog ci siano cose su cui tu non devi dare un parere perché non ti riguarderebbero, liberissima, ma questo non deve valere per tutti, almeno non per me: il blog è uno spazio pubblico sul quale gli utenti si esprimono su cose che li riguardano, solo per il fatto stesso che, tramite l’iscrizione, la Redazione dà loro la possibilità di commentarle. I fatti che non li riguardano affatto sono esclusivamente quelli che un iscritto ritiene di non dover spiattellare pubblicamente sul blog, o quelli derivanti dalla decisione da parte della Redazione di bannare colui che non si vuole più tra i coglioni.

        "Mi piace"

      • 1)”Se tu ritieni che su un blog ci siano cose su cui tu non devi dare un parere perché non ti riguarderebbero, liberissima,”
        “non sono solita interessarmi”
        2)” ma questo non deve valere per tutti, almeno non per me”
        “a differenza del sociopat ”
        3) Se tu ritieni di dover intervenire in una gara di insulti andando contro di me quando non sei minimamente contemplato, a me non sta bene. Te ne deve fregare qualcosa? Decidi tu. Di certo non mi tengo gli insulti di quell’analfabeta e il tuo supporto lo trovo molto unfair. Ma diciamo che fino a questo momento ho fatto finta di non vedere e sentire.
        4) Se tu ritieni di dover difendere ogni no vax che passa sul sito fallo pure, io non difenderò ogni sì vax che passa sul sito. non mi riconosco in questa ridicola comunità. Di certo non mi fermo dal dire la mia perché a te dà fastidio.
        5) applausi a Untu: era evidente che pensava fosse tuo.

        "Mi piace"

      • 3) “…Di certo non mi tengo gli insulti di quell’analfabeta e il tuo supporto lo trovo molto unfair.”:

        nessuno ha mai detto che tu ti debba tenere gli insulti in silenzio; il mio supporto a LUI non è perché ti insulta, ma per quello che dice, al netto dei congiuntivi e dei passato remoto (cit.)

        4) “Se tu ritieni di dover difendere ogni no vax che passa sul sito fallo pure, io non difenderò ogni sì vax che passa sul sito. non mi riconosco in questa ridicola comunità. Di certo non mi fermo dal dire la mia perché a te dà fastidio.”:

        io non ritengo affatto di dover difendere ogni no vax che passa sul sito, per la semplice ragione che non ne ho mai visto uno: quelli li vedete solo voi, in realtà ce ne sono anche di quelli che hanno in corpo tutti i vaccini su piazza (cit.).
        A me dà fastidio proprio il contrario, cioè che tu non dica la tua perché ritieni, come hai esplicitamente sostenuto, che non siano affari che ti riguardano, con ciò implicando anche che pure gli altri dovrebbero attenersi scrupolosamente al metodo da te proposto.

        “5) applausi a Untu: era evidente che pensava fosse tuo.”:

        idem come sopra: per me era evidente proprio il contrario, soprattutto perché anche un BONOBO ANALFABETA (cit.) capirebbe che la frase “Annunci Segnala questo annuncio” non poteva essere parte di un commento, ma invece di un articolo “copiaincollato”.

        "Mi piace"

      • Io non dico la mia?
        ma sei serio? Cosa devo dire: Untu guarda che il testo è della Lombroso forse hai equivocato?
        Questo è dire la mia? e se non la dico che succede si pensa che io sono come? Priva di personalità? Perché non ho detto a UNTU che ha equivocato un messaggio.
        “con ciò implicando anche che pure gli altri dovrebbero attenersi scrupolosamente al metodo da te proposto.” io non implico proprio niente, io dico tutto a stampatelo: ti ho detto come la penso su quel tuo atteggiamento rispetto a quella determinata situazione. Io non do lezioni di vita a nessuno. Se Jonny facesse battute con te sul mio pelo direi a Jonny che lo considero molto scorretto. A quel punto starebbe a lui continuare a fare (lecitamente) battute con te o astenersi. Io non posso che segnalare. Ovvio che non segnalo all’analfabeta non funzionale di cui mi frega meno di zero. Infatti il problema non è lui.

        Quanto al rsto: “nessuno ha mai detto che tu ti debba tenere gli insulti in silenzio; il mio supporto a LUI non è perché ti insulta, ma per quello che dice, al netto dei congiuntivi e dei passato remoto (cit.)”

        Ma per quello che dice cosa?
        Quando mi chiama zozzona nei messaggi rivolti al signor Ennio o quando ti parla dei peli e tu gli dai il supporto sperato. Su quello d’accordo? Perché non c’è altro io non ho mai parlato di niente con quello perché l’ho sempre ritenuto uno scemo, al massimo ho parlato con lui di un film. STOP.
        Quindi attendo di sapere cosa condividi di quello che dice nel momento in cui si confronta con me tanto da non poter gestire il bisogno di intervenire.(confronto intendo quando lui scrive a me perché io proprio non ricordo di avergli mai rivolto la parola a seguito della lettura di un suo commento, dovresti saperlo che i papiri non mi interessano se sono colti, figurai se li scrive un analfabeta!),
        Grazie.

        P.s. quando dico novax sìvax mi riferisco a questo vaccin OVVIAMENTE, quindi se vuoi fare come al solito questione di lana caprina falla, il senso è chiaro. E non mi frega comunque niente di chi si vaccina e chi no, ancora a parlarmi di sta roba?

        "Mi piace"

      • Sì lo vedo che non ci capiamo.
        Ci eravamo capiti su questioni molto più significative usando il buon senso (o era senso comune, cit.).
        Peccato!

        "Mi piace"

    • Nella fretta non ho messo le virgolette, ma anche uno della tua intelligenza poteva capire che l’articolo non era un commento del sottoscritto. Come è mio uso, quando cito non metto mai la fonte, ché quello che dovrebbe interessare non è CHI, ma COSA si dice. La fonte con una semplice ricerca la si ottiene facilmente.

      E ti pare che UNTU non avesse capito questo proprio dal quel “Annunci Segnala questo annuncio” (meno male a questo punto che è rimasto…) sul quale hai fatto la battutona e che non ho cancellato sempre per la fretta del copia incolla? Inoltre, credi seriamente che io sia qui con lo scopo di prendere applausi? Cioè, mi avete dato del sociopatico masochista che prova piacere a farsi dei nemici, per un motivo, oppure vi siete confusi?

      Ma poi ti sembra che in un blog dove gli articoli della Lombroso vengono pubblicati sistematicamente, sarebbe stata una mossa astuta quella di accaparrarsi indebitamente lo scritto e relativi applausi a scena aperta? Dai, su Jonny Satana, ritenta…

      Pensa l’ha capito persino la poveraccia delle Tofane che sotto l’articolo della Lombroso commenta:

      “Anvedi dove era andato a pescare il felino del web…”.

      Pensa come stai messo: sei addirittura un gradino sotto alla bellunese in quanto a perspicacia…

      Infine, sull’inutile resto del tuo commento… Finisco io: “PARE proprio che la tanto sbandierata pericolosità dei vaccini sia in realtà estremamente bassa…”.

      Ah: PARE? A noi invece non PARE! Fate pure il cazzo che vi PARE, quello che vorremmo (e prima o poi lo otterremo) è di poterlo fare anche noi senza essere privati della possibilità di sopravvivere. Solo questo vogliamo, nient’altro: non certo che voi non vi vacciniate, anzi, se è vero quello che PARE, vi invitiamo a non smettere più, forse potrebbe essere la volta buona che vi eliminate da soli.

      "Mi piace"

      • Cioè, mi avete dato del sociopatico masochista che prova piacere a farsi dei nemici, per un motivo, oppure vi siete confusi?

        Io non ho mai fatto nulla del genere, e sfido chiunque a dimostrare il contrario. Mi sa tanto che sei tu, quello confuso.
        PARE proprio che la tanto sbandierata pericolosità dei vaccini sia in realtà estremamente bassa… PARE? A noi invece non PARE!
        Questo è quanto, dati alla mano, afferma Aifa. Se tu (o per interposta Lombroso) preferisci seguitare a citarla solo quando ti fa comodo (le relativamente tante segnalazioni non accertate) e ad ignorarla quando non ti fa più comodo (i pochissimi casi accertati), liberissimo di continuare (mica siamo sotto dittatura), ma poi non prendertela se ti danno del negazionista.
        E’ inutile farsi tante domande, se poi non si vogliono ascoltare le risposte.
        Cordialmente, as usual.

        "Mi piace"

      • “Io non ho mai fatto nulla del genere, e sfido chiunque a dimostrare il contrario. Mi sa tanto che sei tu, quello confuso.”.

        Non occorre FARLO esplicitamente: non mi risulta da te mai pervenuta una vibrante protesta in merito.

        Mi sa tanto che sei anche tu uno di quelli che approvano in silenzio.

        Sul resto come ho già detto, non vale la pena controbattere con dati che dicono il contrario, né di iniziare discorsi inerenti l’attendibilità dei dati AIFA, tanto non gioverebbe a nessuno. Anche fossero veri, il problema non verrebbe spostato di un millimetro, in quanto non è una questione quantitativa, ma qualitativa: ci fosse un solo decesso o un solo effetto avverso correlato al vaccino sarebbe più che sufficiente per smontare tutto il palinsesto dittatoriale sull’obbligo surrettizio. Nessuno può obbligare il singolo, tanto più nel modo infame cui stiamo assistendo, a sacrificarsi per una non ben definita collettività, se si è accertato senza ombra di dubbio che tale terapia può causare danni gravi o addirittura la morte.

        Il problema sta in questi termini; repetita iuvAnt:

        "Mi piace"

      • Non ti risulta perché io, a differenza tua e checché tu ne dica, non faccio l’avvocato per nessuno, tantomeno gratis e per te. La sola cosa che difendo (quando mi garba farlo) è la verità.

        Già che sei in vena di risultanze, vedi un po’ se per caso ti risultasse che io abbia mai anche solo dato un like a commenti che contenevano insulti espliciti e gratuiti nei tuoi confronti (ma anche in quelli di chiunque altro). Magari qualche volta potrà essermi scappato, a memoria non ne posso avere la certezza (per questo ti invito a controllare, eventualmente a smentirmi e a linkarne almeno un paio, visto che sei ferrato nella ricerca: se lo fai, avrai le mie scuse), ma sappi che, in linea di massima, in quel caso evito sempre, anche se ora me ne fai quasi pentire.

        Penso sia inutile rimarcare, per l’ennesima volta, la fallacia logica che vorrebbe qualcuno d’accordo con qualcosa solo perché non dichiaratamente (e vibrantemente) contrario.

        Sull’obbligo, hai torto marcio: far parte di una società implica diritti e doveri.

        "Mi piace"

  9. Esempio calzante Paola, vedi, ora se quella cassiera fosse anche vaccinata in terza dose e col supergreenpass, la giudicherei comunque una poco di buono

    "Mi piace"

      • Ringiovanimento vaginale laser a Cuneo

        Elenco dei migliori specialisti in ringiovanimento vaginale laser a Cuneo con foto dei pre e post trattamenti, recensioni e opinioni dei pazienti e possibilità di contattare i Centri e i Medici presenti per avere maggiori informazioni su prezzi e costi o per prenotare una visita o un appuntamento.

        Dott. Giulio Maria Maggi
        Il Dott Giulio Maria Maggi riceve ed opera a Torino nella sua Clinica personale AESTHETIC CLINIC, inoltre visita presso le città di Milano, Alessandria ed Asti. E´ un Chirurgo iscritto all´AICPE
        Prof. Vito Contreas
        Il Prof. Vito Contreas, laureato in Medicina e Chirurgia a Firenze nel 1975 è specializzato a Roma in Chirurgia Generale nel 1981 e poi a Padova in Chirurgia Plastica nel 1986. Primario Chirurgo

        "Mi piace"

    • Lanciatori di Michetti.
      Su radioradieducational Channel.
      Sapevatelo

      Che demenza.

      Ma perché non scrivete nel post i NUMERI relativi si malati di Covid?
      Suddivisi fra vaccinati e No-Vax ricoverati, in Terapia intensiva e deceduti.
      Di solito la massa di somari criminali e Negazionisti sarebbe OBBLIGATA a postare altri dati che smentiscano.
      Ma non riuscendovi la buttano in caciara, fanno fumo per nascondersi i vigliacchetti.

      "Mi piace"

      • Ma a te ancora non ti hanno portato dentro dopo tutto l’odio che spargi. Che peccato, speravo ti avvessero affibiato qualche annetto per incitazione alla violenza. Questa giustizia non funziona mica, in un paese serio saresti dietro alle sbarre a pentirti dei tuoi scritti putribondi e colmi di odio.

        "Mi piace"

  10. Tanto per dire:

    lo sapevate che tra i 15 e i 44 anni, dati EUROMOMO, ci sono 5.000 morti in più del valore atteso, e circa il doppio dell’eccesso registrato l’anno scorso?

    Beh, sapevatelo.

    E cosa è cambiato quest’anno rispetto all’anno scorso?

    Il COVID? Noooooo.

    Sarà mica che tutte quelle segnalazioni di eventi avversi gravi NON sono così sporadiche e ‘in linea con gli altri medicinali’?

    Anche perché, il delta si amplia proprio quando si arriva a primavera, quando il COVID ha cominciato a sparire.

    "Mi piace"

      • X Ennio,

        cosa hai fatto tu, eh?

        I dati sono quelli che ho elencato. Altro che BUTAC.

        Ti ho già risposto ma non passa la risposta, chissà come mai.

        "Mi piace"

      • Sai quante cose non mi passa ‘sto catafalco… Se hai degli argomenti, e non quattro numeri messi in croce, puoi fare esattamente lo stesso: vai sul sito Euromoma, prendi i grafici, li posti, ARTICOLI GLI ARGOMRENTI CHE TI SEI SCELTO, e cosi’ smentisci quanto la fonte da me scelta ti contesta. Perche’ tu e io non siamo professionisti della materia, no? Sempre di qualcun altro abbiamo bisogno per credere a qualcosa. E ricorda:
        SCHIAFFA IL LINK IN PRIMA PAGINA!

        "Mi piace"

      • X Ennio,

        al solito: non devo niente ai salami come te.

        Le risposte non passano.

        Ma i dati euromomo sono quelli.

        Spiegalo tu come mai siamo a 5.600 morti 15-44 contro 2.400 nel 2020.

        Tra l’altro, è spiegato anche nei commenti del tuo articolo del ButaC.

        Ma niente, non leggi o non capisci, tanto è uguale con te.

        "Mi piace"