La bestia social di Renzi costava 330mila euro al mese: ecco come funzionava

(Clemente Pistilli – tpi.it) – «Noi non abbiamo costruito una macchina del fango ma l’abbiamo subita». In un’ora e mezza di accuse pesantissime alla Procura della Repubblica di Firenze, di attacchi frontali che hanno ben pochi precedenti, alla luce delle novantamila pagine di atti appena depositate alla chiusura delle indagini preliminari sulla Fondazione Open, il mese scorso dal palco della Leopolda l’ex premier Matteo Renzi è tornato a indossare i panni della vittima della Bestia di Matteo Salvini e del sistema social del Movimento 5 Stelle, puntando il dito sull’ex guru del leader della Lega, Luca Morisi, e sullo spin doctor pentastellato Rocco Casalino.

Da quell’ex stazione ferroviaria fiorentina che, senza troppe fermate intermedie, nel 2014 lo ha portato dritto dritto a Palazzo Chigi, è tornato ad arringare la folla, cercando per l’ennesima volta di ritagliarsi uno spazio di potere nell’agone politico nazionale, dopo essere passato da oltre il 40% alle europee di sette anni fa con il Pd all’attuale 2% della sua Italia Viva, facendo attenzione a glissare proprio su quella politica a colpi di post che anche per lui sembra invece, soprattutto dal referendum costituzionale del 2016 alle politiche del 2018, fosse diventata un’ossessione.

Ma proprio dalle carte di Open emerge invece che anche l’ex rottamatore e i cosiddetti renziani avrebbero messo su quella che l’amico imprenditore Marco Carrai definì in una chat una dark-room, con gli obiettivi di imporsi tra i dem, convincere gli italiani ad abbracciare il progetto del Giglio Magico e combattere i grillini. Tutto a colpi di troll, boot, profili fake e anche in questo caso in larghissima parte a spese di Open, arrivando a costare 330mila euro al mese. Abbastanza da far analizzare al procuratore aggiunto Luca Turco e al sostituto Antonino Nastasi le strategie web renziane al fine di confermare l’ipotesi che, come sostengono i due magistrati, la Fondazione fosse un’articolazione di partito e abbia dunque ricevuto finanziamenti in maniera illecita…

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

6 replies

  1. Domanda: ma secondo voi, uno che è dato al 2% perchè dovrebbe essere strapagato da arabi e russi per cianciare?
    Son fessi che pagano uno che nel suo paese lo votano/apprezzano in 4 gatti?

    Il mio sospetto è che il toscano e i suoi italovivi siano ancora nel PD e che abbiano fatto una sorta di “bad company” per ripulire la faccia del PD, farlo risalire nei sondaggi, e non dare la colpa di tradimento al PD per la caduta del Governo.

    Quel tipo avrà tanti difetti ma non è fesso. Ha fatto cadere il Governo Conte col pretesto dello spread (era bassissimo quando è caduto il Governo) e il MES. Evidentemente lui e i suoi avevano avuto garanzie che non ci sarebbero state elezioni e quindi la loro scomparsa politica. Se ho ragione io, significa che è tenuto in considerazione da chi ha potere. Una poltrona e/o ricco stipendio ce l’avrà sempre.

    Piace a 3 people

  2. Con i tuoi /vostri, 11 milioni per una villa a cranio, hai venduto la Toscana!
    Immagina in un paese di 10 Mila abitanti, quanto reddito procapite potevi restituire e per quante generazioni.
    Già, gli investimenti fermi per decenni, il bel vuoto a perdere!
    Come si fa a rinunciarci!

    "Mi piace"

  3. Non sono politici, sono manager della politica, che grazia finalmente a loro è bisness a tutto fuoco; poveri di idee, ma soprattutto di ideali e di grandi vedute animate dai sogni buoni e dalla fantasia. Il nulla mangerà il mondo della fantasia e costoro , i business man o grandi manager della politica, ne sono appunto i carburanti.

    "Mi piace"