Tutti lavorano alle elezioni anticipate ma nessuno lo dice: le danze avranno inizio col nuovo Capo dello Stato

(Marco Antonellis – tpi.it) – Ufficialmente fanno una cosa (giurano che non si stia parlando del Quirinale né che qualcuno stia pensando alle elezioni anticipate) ma ufficiosamente ne fanno un’altra. Sapete che novità c’è? L’anno prossimo si vota. È quello a cui puntano Enrico LettaMatteo Salvini e Giuseppe Conte che ne stanno già parlando, o meglio, stanno mandando avanti i rispettivi sherpa attraverso incontri riservatissimi per preparare il terreno: le trattative sono già iniziate per andare al voto subito dopo l’elezione del nuovo capo dello stato, meglio se sarà Mario Draghi. La cosa faciliterà il compito.

Gli emissari dei rispettivi partiti sono già al lavoro e stanno preparando il terreno. Meglio però, almeno per il momento, tenere la cosa riservata altrimenti i parlamentari si ribellerebbero (la linea prescelta è di parlarne solo a partire da gennaio in concomitanza con l’elezione per il Colle; le due partite si intrecceranno). I contatti sono già ben avviati. Si eviterebbe di votare ad aprile. Meglio aspettare l’ottenimento della pensione da parte dei parlamentari, cioè dopo l’estate. Così non farebbero storie.

Le elezioni anticipate convengono a tutti: al centrodestra per bloccare l’emorragia di consensi e provare a riprendere in mano lo scettro del paese, ad Enrico Letta perché è convintissimo di poter prendere in contropiede Salvini e Meloni e quindi batterli, addirittura presentandosi come candidato premier (è questa l’idea che gli frulla per la testa dalle 15 di lunedì scorso). Anche Giuseppe Conte è d’accordo, sempre più convinto che soltanto compilando le liste elettorali potrà ripulire il movimento e farlo rinascere a sua immagine e somiglianza. Per non parlare poi del presidente del Consiglio: Mario Draghi sarebbe il più felice di tutti perché coronerebbe il suo sogno di salire al Quirinale imitando il suo grande maestro Carlo Azeglio Ciampi. E Giorgia Meloni? Ufficialmente è fuori dalla trattativa ma non avrà problemi ad accordarsi perché così potrà finalmente dimostrare di essere a capo del primo partito d’Italia. Tenetevi forte: la giostra sta per cominciare.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

2 replies

  1. Un rapido sguardo a come è messo il paese..

    Il PdR giusto è pierferdinando casini, il genio assoluto del galleggiamento. Come vedere una incudine che fluttua.

    Un democristiano riceve una spinta dal basso verso l’alto pari a 1.0000 volte il peso ecc. ecc.

    Chi è in parlamento da 40 anni merita di finire al colle, senza alcun dubbio.
    Sono troppi i meriti da assegnare, sarebbe uno sfregio alla dedizione dell’uomo. Da buon democristiano ha messo una specie di tonaca e si è dato al monachesimo politico.

    "Mi piace"

  2. E intorno i fuochi delle guardie rosse
    Accesi per scacciare i lupi e vecchie coi rosari
    Seduti sui gradini di una chiesa
    Aspettavamo che finisse messa e uscissero le donne
    Poi guardavamo con le facce assenti
    La grazia innaturale di Nijinski
    E poi di lui s’innamorò perdutamente il suo impresario
    E dei balletti russi
    E poi di lui s’innamorò perdutamente il suo impresario
    E dei balletti russi.

    liason conteletta.

    "Mi piace"