Una destra che urla i suoi silenzi

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Sapete come si dice: se hai ragione grida, ma se hai torto urla più forte. E da come ieri strillava la Meloni chissà che scheletri ci sono nell’armadio di una destra a dir poco surreale, che di fronte alle violenze di fascisti e No Green Pass a cui alliscia il pelo gira la frittata accusando la ministra dell’Interno per aver costruito ad arte una precisa strategia della tensione.

Così, con parole e modi da squadrista, la leader di Fratelli d’Italia si è fatta l’ultimo spot prima dei ballottaggi stroncando la Lamorgese, senza dirci come si poteva fermare quel delinquente di Castellino in mezzo a una piazza esasperata, dove poteva scapparci il morto. Un mancato intervento di cui è responsabile il prefetto – quello di Roma è stato spinto dalla Lega – mentre la delega per l’ordine pubblico è del sottosegretario Molteni, pure questo del partito di Salvini. Proprio quest’ultimo, per fuggire da tali dettagli, ha ricominciato col giochino del piede in due staffe, un po’ all’opposizione e un po’ al governo, infilandosi nell’ufficio di Draghi per dirgli che di certi ministri non si fida, guardandosi bene però dal lasciare l’Esecutivo.

Un confronto al quale si è presentato proponendosi come il gran pacificatore, chiedendo di gettare acqua sul fuoco che lui stesso appicca dall’inizio della pandemia con ogni appiglio: le mascherine, i ristori, i banchi a rotelle, le chiusure, i vaccini che prima non arrivavano e ora si possono non fare, fino ai tamponi e il Green Pass. Il re dei piromani, insomma, che si candida a fare il capo dei pompieri. Se non ci fosse da piangere, ci si potrebbe scompisciare dal ridere.

5 replies

  1. Si evince che non ha MAI partecipato a una manifestazione, tanto meno ne ha organizzata una e men che meno ha mai fornito il suo documento e ha CONCORDO con la questura e la prefettura piazze e percorsi, MAI si è speso per farsi concedere un palco e MAI ha comunicato programmi e interventi. Sembra di leggere il pensiero di un ET che guarda estraniato cosa succede sulla terra. Raramente ciò che succede a una manifestazione è frutto di atti spontanei e estemporanei.
    Quindi la Meloni ha ragione: andavano fermati i distruttori della “macchina” sindacale, in un’ora di tragitto da Villa borghese alla sede nessuno è intervenuto. Non possiamo però dimenticarci che lo stesso stile è stato usato al G8 di Genova da Fini e la Meloni era parte attiva di quel governo e di uno dei partiti di maggioranza…..e la Meloni conosce bene i meccanismi.

    Piace a 1 persona

  2. Infatti la Meloni ha ragione. Per quale motivo lo dica e lo faccia e se abbia secondi o terzi fini non mi è dato sapere, ma nel merito ha ragione. E la risposta della Lamorgese è stata un insulto al Paese.

    "Mi piace"

  3. Spero che cominci la violenza contro la destra. Se non sparano i poliziotti allora voglio farlo io.

    Senno’ e’ noia…

    "Mi piace"