I Pandora Papers svelano i tesori nascosti di politici, capi di Stato, industriali e vip nei paradisi fiscali di tutto il mondo

ra gli italiani menzionati nei documenti sono presenti il boss della camorra Raffaele Amato, l’ex nazifascista Delfo Zorzi, e l’allenatore del Real Madrid, Carlo Ancelotti

(Maria Pia Mazza – open.online) – A cinque anni dai Panama Papers, una nuova inchiesta giornalistica globale svela le ricchezze nascoste nei paradisi fiscali da migliaia di potenti di tutto il mondo. Coinvolti nei traffici di denaro ci sono 35 capi di Stato o di governo, oltre 300 politici di oltre 90 nazioni, tra ministri, leader di partito, parlamentari, membri delle forze armate, capi dei servizi segreti, banchieri, industriali, ma anche sportivi, celebrità, terroristi, trafficanti di droga, per un totale di 29 mila beneficiari dei servizi di 14 società offshore, che hanno occultato nei paradisi fiscali (come Panama, Dubai, Monaco, Svizzera, Isole Cayman) le proprie ricchezze dal 1996 al 2020. È necessario però ricordare che possedere società in paradisi fiscali non rappresenta sempre un illecito. Tuttavia, così come sottolineato dai giornalisti che hanno preso parte all’inchiesta, è probabile che dietro alle società offshore possano comunque camuffarsi flussi finanziari illeciti, che facilitano il riciclaggio di denaro, l’evasione fiscale, il finanziamento del terrorismo o di partiti, nonché altre forme di reato.
https://www.youtube.com/embed/dHAtIFyDB8k

I nomi presenti nei Pandora Papers

Tra i nomi presenti nel leak, tra gli altri, spiccano il premier della Repubblica Ceca, Andrej Babiš, il ministro delle Finanze olandese, Wopke Hoekstra, l’ex capo del governo britannico Tony Blair, il Re di Giordania, Hussein Abd Allah, e presidenti di Ucraina (Volodymyr Zelens’kyj), del Kenya (Uhuru Kenyatta), del Cile (Sebastián Piñera), dell’Ecuador (Guillermo Lasso), Cipro (Nicos Anastasiades) e vengono citati anche alcuni parenti del presidente russo Vladimir Putin e 46 oligarchi russi. Non solo. I file sono stati divulgati dall’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ) di Washington. L’accesso ai documenti è stato concesso ad alcuni media partner selezionati, tra cui GuardianBBCLe Monde e Washington Post e, per l’Italia, L’Espresso. Più di 600 giornalisti di 150 testate hanno analizzato per due anni i file nell’ambito di una delle più massicce inchieste globali sulle fughe di dati finanziari dal 2016 a oggi. Tra gli italiani menzionati nei documenti sono presenti, tra gli altri, il boss della camorra Raffaele Amato, l’ex nazifascista Delfo Zorzi, e l’allenatore del Real Madrid, Carlo Ancelotti.

Foto in copertina: Pandora Papers / ©L’Espresso

10 replies

  1. il famosi giornali investigativi
    “e vengono citati anche alcuni parenti del presidente russo Vladimir Putin”

    veramente ci sarebbe solo il figlio di un cugino, PUTIN ROMANO,
    “I documenti del noto studio legale – fornitore di servizi alle imprese Alpha Consulting –
    mostrano che Roman Putin era il beneficiario di Infinite Capital Corp, registrata nel 2012 alle Seychelles,
    e la possedeva fino al 2013.”
    non si menziona quanto sia transitato nel fondo, quindi da 0 all’infinito è possibile.

    gli altri che sono messi in relazione a Putin sono
    NIKOLAY EGOROV, Avvocato, studente amico di Vladimir Putin, fondo in liquidazione dal 2018
    TEDESCO GREF, Presidente del consiglio di amministrazione di Sberbank dal 2007, il fondo è liquidato e trasferito al nipote
    VICTOR KHMARIN, Studente amico del presidente russo, ma il suo fondo è stato contestato da Putin
    SVETLANA KRIVONOGIKH, Amica del presidente Vladimir Putin, tanto amica da essere stata accusata d’essere la madre di
    una sua figlia, il fondo che ha è attivo e gestisce beni sulla Costa Azzurra, il fono l’ha ereditato, la collegano
    alla camorra di Raffaele Amato, uno dei principali fornitori di cocaina all’Italia, che poi i principali fornitori siano i calabresi…
    è da comprendere l’errore in fondo non è semplice per noi figurarsi per degli stranieri – ma è da notare
    che non si accusa la Svetlana di essere associata ma solo che quelle persone avrebbero usato
    gli stessi servizi della Radnor Investments della Moores Rowland e nulla dimostra che i vari clienti si conoscano.

    – fine – fonte istories.media (in russo) che è uno dei diffusori dei papers accreditati al pari dell’Espresso
    (che evidentemente ha letto carte differenti)

    "Mi piace"

  2. Faranno la fine dei Panama Papers. Qualche politico di qualche paese, un pochino più serio, ci rimetterà il posto; ma della maggior parte se ne dimenticheranno.

    Piace a 1 persona

  3. Tutto sto baraccone di giornalisti d’inchiesta finanziati dal solito soros
    che sparano notizie ricevute da non si sa chi e ne si sa come hanno il sapore di bufale mal confezionate e credibilità pari a zero.

    "Mi piace"

  4. alla signora Maria Pia chiedo se non è illecito portare soldi in questi così detti paradisi fiscali, quale ragione ha una persona di spicco a nascondere ricchezze in paesi così opachi?
    Un politico, un industriale hanno tutto l’interesse di mettere i loro soldi in banche d’investimento o in aziende che creano valore. Ben diverso per soldi di provenienza da vendita di droga o armi .

    "Mi piace"