Draghi d’agosto

(Marcello Veneziani) – Ma secondo voi Mario Draghi si abbronza?  La sua pelle di filigrana, come le banconote, è sensibile ai raggi del sole? E in generale i draghi, come i dinosauri e i tirannosauri, si abbronzano? Ammesso che poi uno come lui voglia farsi umiliare dal sole e sottoporsi al rito barbaro e plebeo della tintarella.

Ma dove ha passato il ferragosto Draghi? Direi in un luogo fresco e asciutto, lontano da sguardi indiscreti: presumo nel caveau di una banca. Il tecnico, infatti, teme l’umidità, il sole e la gente, che potrebbero nuocere alla sua salute e alterare il suo status. Il caveau di una banca è un magnifico recovery, adatto al Presidente, offre un paesaggio suggestivo all’ombra lussureggiante dei titoli di stato, tra sentieri ancora vergini di bancomat e carte di credito incontaminate, lingotti luccicanti. Immagino che faccia colazione a sacco con deliziosi buoni fruttiferi. Poi magari nuoterà nel mare verde di banconote da cento euro; e se fa immersione, anche da cinquecento. Si ristorerà a leggere i bilanci e per distrarsi farà zapping tra le telecamere a circuito chiuso. Temendo all’uscita d’incrociare gli italiani, Draghi uscirà dalla banca di corsa, con il viso coperto dalla calze di nylon, come lo n una rapina inversa.

Ma ve lo immaginate viceversa Draghi in bermuda, addirittura con le infradito, una paglietta sul capo o un cappellino da testa spensierata, una canottiera traforata per la trasparenza e per tracolla una borsa affari per le azioni marittime? E una maschera non sanitaria ma col tubo e il boccaglio?

Non è da lui, il mare è incompatibile con la governance e con l’authority, così come è impensabile immaginarlo vestito da tirolese o da montanaro che scala le cime e si dà a lunghe escursioni tra i boschi: le sole montagne che può scalare sono il Monte dei Paschi e il Monte dei Pegni. Se è in vena di pellegrinaggi, il Monte di Pietà o il cammino verso il Santuario della BCE.

In realtà qualche foto rubata col teleobiettivo tradisce qualche scorcio di vita marina e persino di jogging, ma saranno montaggi, fotoshop. Draghi è incompatibile con l’estate, col sole e con le ferie, è programmato per gli interni e non conosce stagioni e mezze stagioni;  indossa la collezione autunno-inverno in permanenza e il tempo è scandito dall’aria condizionata. Decide lui il tasso.

5 replies

  1. Marcello,abbiamo appena perso l’ultima delle tante guerre di aggressione a cui abbiamo partecipato….,e di cosa o dove il “premier” faccia in vacanza non interessa a nessuno.
    Tutti si aspettano delle spiegazioni ragionevolmente plausibili sul da farsi (ora), e su quello che faremo in futuro…

    "Mi piace"

    • Ma anche no! Non siamo la la discarica dei rifugiati! O forse qualcuno ci ha venduto tempo fa , per una bella villetta a Piazzale Michelangelo? Quizas? Il problema è che dovrebbe persino mantenerla a spese nostre e il lauto stipendio di parlamentare non gli basterebbe nemmeno per pulire la nuova piscina , chi pagherà?

      "Mi piace"

  2. Marcellino tu sei stato un sostenitore indefesso della guerra in afghanistan o mi sbaglio.Vatti a nascondere

    "Mi piace"

  3. Draghi = Dragula. Dove passano ferragosto i vampiri? Al mare?

    No, lì ci trovi i CALIMERI che fanno il ministro degli esteri, per esempio.

    "Mi piace"

  4. Ps. La piscina gliela paghiamo gia nella bolletta della Luce!! Che prima che sia abolita , come dovrebbe! Passeranno anni e lui si terrà la ” mezza” t è capii!

    "Mi piace"