Napoli: scale antiche abbandonate nel degrado

Dal quartiere Vomero le ultime segnalazioni al riguardo

         ” Al Vomero, quartiere collinare partenopeo dove, anche a ragione dell’orografia che caratterizza la città di Napoli,  esistono numerosi antichi percorsi con la presenza di scale, a partire da quelle che collegano la parte bassa con la collina, come le scale delle rampe del Petraio o della salita della Pedamentina o della calata San Francesco, per citarne alcune, mentre altre servono solo come collegamenti all’interno dello stesso quartiere, come le scale in via Cimarosa, in via Scarlatti o in via Luca Giordano, si registrano sempre più numerose segnalazioni sullo stato di degrado e d’abbandono nel quale vengono lasciati i suddetti percorsi, a ragione della mancanza di un’idonea quanto costante manutenzione “. A intervenire sulla questione è ancora una volta Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione Vomero.

            ”  Le ultime segnalazioni, pervenute in questi giorni – afferma Capodanno -, riguardano le scale di via Luca Giordano, che collegano detta strada con via Aniello Falcone, molto frequentate anche dai turisti dal momento che non solo consentono di ammirare uno dei panorami più belli della Città e del suo golfo ma anche perché, attraverso esse, si può arrivare a uno dei due ingressi della villa Floridiana, quello appunto posto in via Aniello Falcone, a pochi passi dal museo delle arti figurative Duca di Martina, che di recente è stato riaperto al pubblico “.

            ” I problemi segnalati – puntualizza Capodanno – riguardano entrambe le rampe, sia quella a monte che quella a valle, che hanno bisogno di urgenti quanto indifferibili lavori di manutenzione e di riqualificazione. Tanto più alla luce del dato che è stato proposto all’amministrazione comunale d’intitolarle alla pittrice Artemisia Gentileschi, cosa che, completato l’iter burocratico, potrebbe avvenire a breve “.

            ” Allo stato attuale – sottolinea Capodanno – è la prima rampa, quella a monte che si diparte proprio da via Luca Giordano, che continua a manifestare maggiori problemi, dopo la caduta di grossi tratti dell’intonaco, lungo entrambi i muri laterali. Addirittura dalle murature, oramai a vista, sono spuntate delle erbacce che continuano a crescere anche a ragione dell’assenza delle necessarie opere manutentive.  “.

            ” Tempo addietro – ricorda Capodanno – lungo tali rampe fu necessario effettuare dei transennamenti provvisori, a ragione del pericolo determinato proprio dalla caduta degli intonaci. Si penso allora che tali transennamenti fossero propedeutici al risanamento delle murature di entrambe le rampe, attraverso la spicconatura del restante intonaco ammalorato, il suo rifacimento e tutte le opere atte a restituire piena agibilità e decoro alle antiche scale in piperno. Invece il transennamento è poi scomparso, senza che le opere manutentive per ripristinare i muri fossero realizzate “.

            Capodanno al riguardo sollecita l’immediato intervento degli uffici comunali competenti, affinché vengano eseguiti, in tempi rapidi, tutti i lavori necessari lungo le antiche scale panoramiche di via Luca Giordano, valutando anche la possibilità d’installare delle scale mobili, come quelle realizzate per le scale di collegamento tra via Scarlatti e via Morghen o, in subordine, di montare apparecchiature mobili,  allo stato assenti, atte a favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche.