“Un lavoro ben fatto” – “Non c’è altra soluzione”

( Stefano Rossi ) – Dovrebbero essere le frasi del momento.

Ma non per la cronaca, di cui  ce ne deve importate poco o nulla, ma da un punto di vista dell’integrazione, dell’inclusione, della socialità tra noi e le comunità musulmane.

Il dibattito non ci sarà.

Questo è invece il momento di far parlare i cittadini non i sapientoni che riempiono gli studi televisivi chiamati solo a moderare, ad edulcorare e spegnere le polemiche.

Qui non conta la psicologia, la politica, la religione.

Contiamo noi cittadini.

Ed infatti, una vicina di casa ha parlato ed è calato il silenzio sulle sue parole.

Conoscevo il padre. La ragazza non la vedevamo mai uscire di casa“.

Ma dove sono le femministe? E Laura Boldrini? Lei si domanda: “Che cosa è accaduto a #SamanAbbas?”. Certo, poi difende i diritti delle donne ma la domanda iniziale mi fa arrabbiare e non vi è traccia, come in altri suoi interventi, dell’aggettivo BARBARIE. 

A parte l’UCOII (Unione delle comunità islamiche italiane), che rappresenta solo una parte delle tante comunità, le altre latitano sempre dopo una tragedia di questo genere.

Categorie:Cronaca, Editoriali, Interno

Tagged as: , ,

2 replies

  1. Ma chi è questo Stefano Rossi ? Non ci ho capito nulla di quello che ha scritto. Barbarie è un aggettivo ?

    "Mi piace"

    • brava, non ci hai capito niente, ovviamente.

      Le femministare sono invece molto consapevoli: stanno zitte, i musulmani non sono gente tanto malleabile come i senzapalle cristiani.

      "Mi piace"