Letta sfida Salvini e non esclude alleanze con Berlusconi…

(Franco Stefanoni – il Corriere della Sera) – Il tema migranti divide nuovamente Matteo Salvini ed Enrico Letta, questa volta a causa di Open Arms, Ong attiva nel Mediterraneo per soccorrere con le proprie navi chi fugge verso l’ Europa. Ieri l’ occasione dello scontro è stato un incontro a Roma. Il segretario del Pd ha reso noto via Twitter: «È venuto a trovarmi Oscar Camps, il fondatore di Open Arms. Bello scambio di idee. Tante preoccupazioni, e anche qualche elemento di speranza». A corredo, una foto che ritrae Letta insieme al dirigente della Ong con tanto di felpa.

Il leader della Lega ha reagito sdegnato: «Sabato vado a processo proprio per uno (degli innumerevoli) sbarchi organizzati dagli spagnoli di Open Arms – ha scritto sui social – e oggi il Pd riceve questi “signori” con tutti gli onori. Non ho parole». Lo scontro è scoppiato nel giorno in cui Salvini ha depositato una memoria di 100 pagine agli atti dell’ udienza preliminare che lo vede imputato a Palermo di sequestro di persona e rifiuto di atti d’ ufficio per la vicenda della nave Open Arms bloccata a largo di Lampedusa nell’ agosto 2019 con 117 persone a bordo.

Il tema migranti è il principale nodo della discordia tra Carroccio e Pd, ora insieme in maggioranza. A metà marzo, l’ ex premier aveva messo proprio lo ius soli nell’ agenda del Pd, parlando di «norma di civiltà». Per Salvini una scelta da respingere: «Solo uno che arriva da Parigi o da Marte si occupa ora di regalare cittadinanza agli immigrati». Nonostante il faccia a faccia tra i due della scorsa settimana, su diritti e migranti i leader hanno continuato a duellare.

«Con Salvini andremo divisi alle elezioni», ha confermato ieri Letta a Piazza Pulita su La7. Poi, rispondendo alla domanda «esclude alleanze con Berlusconi?», il segretario ha detto: «No, in Europa siamo alleati e in Consiglio dei ministri Brunetta, Carfagna e Gelmini vanno d’ accordo con i nostri ministri». Letta ha anche annunciato che per la corsa a sindaco di Roma «faremo le primarie, credo a giugno, spero in presenza. Avremo un candidato o una candidata in grado di vincere».

Intanto, tra i dem, in vista di un «nuovo centrosinistra», una spinta arriva dai circoli. Il 42% è favorevole al sostegno all’ esecutivo «ma difendendo la nostra identità», mentre il 25% suggerisce di «prepararsi alle prossime elezioni». La base indica poi come riferimento il «modello Ulivo» nel 21% dei casi e nel 20% il dialogo con M5S.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

5 replies

  1. Letta il nipote di suo zio è ancora peggio di Zingaretti,spero che il m5s vada per la sua strada perchè “l’alleanza progressista”sarà la morte definitiva del movimento 5 stelle

    Piace a 1 persona

  2. E che problema c’è ? Con i parlamentari cinquestelle candidabili al terzo mandato ci si può mettere d’accordo su tutto ,anche su Ruby nipote di Mubarak e l’agnello che mangia il lupo…è solo questione maturità politica e senso di responsabilità.

    "Mi piace"

  3. Benissimo. Tutto ciò che può allontanare il M5S dal PD è buono.
    La cosa incredibile è l’elettorato sotdo

    "Mi piace"

  4. quei babbei del PD non capiscono che l’elettorato non supporta l’immigrazionismo selvaggio, e che il supporto incondizionato alle ONG che vogliono scaricare tutti i migranti in Italia, a prescindere dal fatto che abbiano diritto o no di entrarvi e di rimanervi, fa perdere voti.
    babbei, non si possono definire altrimenti.
    verrebbe da urlarglielo in faccia:

    BABBEI!!!!

    Piace a 1 persona